Cathouse FUNeral, a Brooklyn un vecchio obitorio si è trasformato in uno spazio per l'arte

L'artista David Dixon ha aperto una nuova galleria dove fino a 30 anni fa entravano soprattutto cadaveri. E prima di farlo ha girato il film sulla sua morte

Un vecchio obitorio si è trasformato in un centro della scena artistica e culturale di Brooklyn. Come? Con la passione e la creatività di un artista americano che si è pronunciato morto. David Dixon, questo è il suo nome, ha fondato lo scorso autunno Cathouse FUNeral, uno spazio dedicato all'arte e alla cultura dove fino al 1979 entravano soprattutto cadaveri. La sua galleria, una stanza senza finestre, è tutto tranne che un tradizionale white cube. Se si vuole vederla come un cubo bianco, bisognerà ammettere che è di un bianco impuro, "sporcato" dalla storia dello spazio stesso: ogni mostra lascia una traccia evidente, uno spillo che punge e accende la memoria (un pezzo di carta da parati, una fotografia appesa, una porzione di parete dipinta).

David Dixon ha lo studio nel vecchio obitorio di Richardson Street dal 2001, insieme ad altri artisti. Qui, prima ancora di aprire la galleria, ha ospitato proiezioni e messo in scena un film sulla sua morte. Quando ha girato "David Dixon is dead." voleva vedere cosa sarebbe successo alla propria opera Museum/Mausoleum una volta morto. "L'unica maniera per me per vedere il lavoro finito era attraverso un film che fosse in parte documentario e in parte fiction", ha spiegato Dixon seduto su una sedia nel centro del suo spazio. "Il video era un modo per creare un ambiente per le mie opere d'arte. E' stato una sorta di progetto curatoriale", ha aggiunto. E così continua ad essere il suo lavoro, anche nello spazio fisico della galleria in cui le opere entrano in stretto dialogo pur mantenendo una propria autonomia.

Nella mostra appena conclusasi, "The Hunt" (la caccia) la sensazione era di essere immersi un ambiente in cui la connessione tra le opere creava una forma di tensione e sollevava il dubbio di chi fosse la preda e chi il predatore. "Le diverse sensazioni e situazioni raccontate dai singoli lavori funzionano come le scene di un film", ha spiegato Dixon. La mostra prima di "The Hunt", a cui hanno partecipato diversi artisti residenti a New York, era invece dedicata a Agnes Martin e Barnett Newman e alla loro eredità: gli "Adamo ed Eva" di un astrattismo puro e tendente alla perfezione, come li definisce Dixon. E prima ancora ci sono state altre tre mostre, tra cui una dedicata al colore rosa con le opere di 90 artisti.

foto: courtesy Cathouse FUNeral

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.