Cathouse FUNeral, a Brooklyn un vecchio obitorio si è trasformato in uno spazio per l'arte

L'artista David Dixon ha aperto una nuova galleria dove fino a 30 anni fa entravano soprattutto cadaveri. E prima di farlo ha girato il film sulla sua morte

Un vecchio obitorio si è trasformato in un centro della scena artistica e culturale di Brooklyn. Come? Con la passione e la creatività di un artista americano che si è pronunciato morto. David Dixon, questo è il suo nome, ha fondato lo scorso autunno Cathouse FUNeral, uno spazio dedicato all'arte e alla cultura dove fino al 1979 entravano soprattutto cadaveri. La sua galleria, una stanza senza finestre, è tutto tranne che un tradizionale white cube. Se si vuole vederla come un cubo bianco, bisognerà ammettere che è di un bianco impuro, "sporcato" dalla storia dello spazio stesso: ogni mostra lascia una traccia evidente, uno spillo che punge e accende la memoria (un pezzo di carta da parati, una fotografia appesa, una porzione di parete dipinta).

David Dixon ha lo studio nel vecchio obitorio di Richardson Street dal 2001, insieme ad altri artisti. Qui, prima ancora di aprire la galleria, ha ospitato proiezioni e messo in scena un film sulla sua morte. Quando ha girato "David Dixon is dead." voleva vedere cosa sarebbe successo alla propria opera Museum/Mausoleum una volta morto. "L'unica maniera per me per vedere il lavoro finito era attraverso un film che fosse in parte documentario e in parte fiction", ha spiegato Dixon seduto su una sedia nel centro del suo spazio. "Il video era un modo per creare un ambiente per le mie opere d'arte. E' stato una sorta di progetto curatoriale", ha aggiunto. E così continua ad essere il suo lavoro, anche nello spazio fisico della galleria in cui le opere entrano in stretto dialogo pur mantenendo una propria autonomia.

Nella mostra appena conclusasi, "The Hunt" (la caccia) la sensazione era di essere immersi un ambiente in cui la connessione tra le opere creava una forma di tensione e sollevava il dubbio di chi fosse la preda e chi il predatore. "Le diverse sensazioni e situazioni raccontate dai singoli lavori funzionano come le scene di un film", ha spiegato Dixon. La mostra prima di "The Hunt", a cui hanno partecipato diversi artisti residenti a New York, era invece dedicata a Agnes Martin e Barnett Newman e alla loro eredità: gli "Adamo ed Eva" di un astrattismo puro e tendente alla perfezione, come li definisce Dixon. E prima ancora ci sono state altre tre mostre, tra cui una dedicata al colore rosa con le opere di 90 artisti.

foto: courtesy Cathouse FUNeral

Altri Servizi

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.

Dibattiti Dem, si cambia: l'Iowa decisivo per la partecipazione dei candidati 'minori'

Oltre ai soliti sei (Biden, Warren, Sanders, Buttigieg, Klobuchar, Steyer), potrà qualificarsi al prossimo confronto chi otterrà almeno un delegato ai caucus che apriranno la corsa alla nomination

I candidati alle primarie democratiche che otterranno un delegato ai caucus dell'Iowa del 3 febbraio potranno partecipare al dibattito in New Hampshire del 7, in previsione delle primarie nel Granite State. È questa la novità decisa dai vertici del partito democratico per dare una possibilità ai candidati meno visibili, penalizzati dalle regole più severe per la qualificazione all'ultimo dibattito che avevano permesso solo a sei candidati di salire sul palco.

Mnuchin avverte l'Italia: dazi Usa se applicherete la digital tax

Il segretario al Tesoro Usa intervistato dal Wall Street Journal: "Cercheremo una soluzione, come con la Francia"

Italia e Regno Unito saranno colpite dai dazi statunitensi, se decideranno di andare avanti con l'imposizione di un'imposta sulle società digitali, che colpirebbe aziende come Alphabet (Google) e Facebook. Lo ha detto il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal durante il World Economic Forum in corso a Davos, in Svizzera.