Cathouse FUNeral, a Brooklyn un vecchio obitorio si è trasformato in uno spazio per l'arte

L'artista David Dixon ha aperto una nuova galleria dove fino a 30 anni fa entravano soprattutto cadaveri. E prima di farlo ha girato il film sulla sua morte

Un vecchio obitorio si è trasformato in un centro della scena artistica e culturale di Brooklyn. Come? Con la passione e la creatività di un artista americano che si è pronunciato morto. David Dixon, questo è il suo nome, ha fondato lo scorso autunno Cathouse FUNeral, uno spazio dedicato all'arte e alla cultura dove fino al 1979 entravano soprattutto cadaveri. La sua galleria, una stanza senza finestre, è tutto tranne che un tradizionale white cube. Se si vuole vederla come un cubo bianco, bisognerà ammettere che è di un bianco impuro, "sporcato" dalla storia dello spazio stesso: ogni mostra lascia una traccia evidente, uno spillo che punge e accende la memoria (un pezzo di carta da parati, una fotografia appesa, una porzione di parete dipinta).

David Dixon ha lo studio nel vecchio obitorio di Richardson Street dal 2001, insieme ad altri artisti. Qui, prima ancora di aprire la galleria, ha ospitato proiezioni e messo in scena un film sulla sua morte. Quando ha girato "David Dixon is dead." voleva vedere cosa sarebbe successo alla propria opera Museum/Mausoleum una volta morto. "L'unica maniera per me per vedere il lavoro finito era attraverso un film che fosse in parte documentario e in parte fiction", ha spiegato Dixon seduto su una sedia nel centro del suo spazio. "Il video era un modo per creare un ambiente per le mie opere d'arte. E' stato una sorta di progetto curatoriale", ha aggiunto. E così continua ad essere il suo lavoro, anche nello spazio fisico della galleria in cui le opere entrano in stretto dialogo pur mantenendo una propria autonomia.

Nella mostra appena conclusasi, "The Hunt" (la caccia) la sensazione era di essere immersi un ambiente in cui la connessione tra le opere creava una forma di tensione e sollevava il dubbio di chi fosse la preda e chi il predatore. "Le diverse sensazioni e situazioni raccontate dai singoli lavori funzionano come le scene di un film", ha spiegato Dixon. La mostra prima di "The Hunt", a cui hanno partecipato diversi artisti residenti a New York, era invece dedicata a Agnes Martin e Barnett Newman e alla loro eredità: gli "Adamo ed Eva" di un astrattismo puro e tendente alla perfezione, come li definisce Dixon. E prima ancora ci sono state altre tre mostre, tra cui una dedicata al colore rosa con le opere di 90 artisti.

foto: courtesy Cathouse FUNeral

Altri Servizi

Wall Street non può più ignorare la crisi turca, Trump raddoppia dazi

Nel mirino Usa acciaio e alluminio turchi. Erdogan ai cittadini: convertite dollaro e oro in lira. La valuta crolla. Bce preoccupata dell'esposizione delle banche Ue ad Ankara. Cali settimanali per Dj e S&P 500
AP

Anche Wall Street non può più ignorare la Turchia. Il DJIA e l'S&P 500 hanno mandato in fumo i guadagni degli ultimi giorni archiviando una settimana in calo per la prima volta dopo cinque di fila in rialzo. Il Nasdaq, protagonista di una corsa che andava avanti da otto sedute di fila, ha perso a sua volta quota ma è riuscito a mettere a segno la seconda settimana consecutiva in aumento.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Gli analisti ad Amazon: puntare su viaggi e distributori di carburanti

Sono due dei mercati ancora non testati dal gruppo e che valgono mille miliardi di dollari l'uno

Ha già rivoluzionato il settore dei supermercati comprando, nell'estate 2017, Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari. Ha messo piede nel settore della sanità acquisendo, lo scorso giugno, la farmacia online PillPack per una cifra stimata in un miliardo di dollari. Continua a potenziare i suoi contenuti video sfidando Netflix, Hulu e i media tradizionali. Le prossime avventure di Amazon dovrebbero essere nei viaggi e nei distributori di benzina. Ne sono convinti gli analisti di D.A. Davidson, che continuano a consigliare agli investitori di comprare il titolo del colosso americano del commercio elettronico: l'azione è vista arrivare tra 12-18 mesi a 2.200 dollari ossia il 19% in più sul valore registrato ieri in chiusura.

Wall Street, pesa l'instabilità in Turchia

La lira crolla rispetto al dollaro statunitense
iStock

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Rashida Tlaib sarà la prima musulmana eletta al Congresso Usa

Ha vinto le primarie democratiche in distretto del Michigan senza un rivale repubblicano. Figlia di immigrati palestinesi, è già stata parlamentare statale

Il Congresso statunitense avrà la prima parlamentare musulmana della sua storia. Rashida Tlaib, infatti, ha vinto le affollate primarie democratiche per il tredicesimo distretto del Michigan, che comprende delle zone periferiche di Detroit, e alle elezioni di novembre non troverà un rivale repubblicano a sfidarla per il seggio alla Camera. Potrà solo essere sfidata da candidati 'write-in', i cui nominativi cioè non sono presenti sulla scheda elettorale, ma devono essere scritti manualmente dagli elettori. Questo significa che Tlaib, 42 anni, è nettamente favorita per la vittoria nel distretto, roccaforte democratica. "Il vincente delle primarie vincerà le elezioni, non ci sono dubbi" aveva detto ieri il capo della campagna elettorale di Tlaib, Andy Goddeeris.

iStock

Due donne hanno fatto causa contro Nike sostenendo di essere state discriminate in termini di stipendio e avanzamento della carriera semplicemente perché femmine. Il caso alimenta la crisi nella cultura aziendale del colosso americano dell'abbigliamento sportivo, iniziata a marzo quando nel giro di meno di 24 ore due top manager diedero le dimissioni per "condotte improprie" non meglio definite. Nike avviò un'inchiesta sul sistema di funzionamento delle risorse umane e di come le lamentele vengono fatte.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

PepsiCo: il primo Ceo donna lascia dopo 12 anni, Ramon Laguarta nuovo a.d.

La 62enne Indra Nooyi di origini indiana cede il vertice al suo numero due, lo spagnolo 54anne da 22 anni nel colosso americano di bibite e snack
Indra Nooyi PepsiCo

La prima donna ad avere conquistato il vertice di PepsiCo lascia la carica di amministratore delegato. Indra Nooyi, 62 anni e Ceo dal 2006, cederà la carica dal prossimo ottobre ma resterà presidente del consiglio di amministrazione fino all'inizio del 2019. Il primo Ceo di PepsiCo nato all'estero (in India) verrà sostituito da Ramon Laguarta, nato in Spagna, 54 anni di cui 22 nel colosso del beverage e dal settembre 2017 suo presidente. Laguarta sarà solo il sesto Ceo nei 53 anni di storia del gruppo, che Nooyi ha trasformato da un gigante concentrato sulle bevande zuccherate a uno più focalizzato su drink più salutari e snack.