Cattelan torna al Guggenheim con un wc d'oro: usatelo

La scultura in uno dei bagni del quarto piano del museo di New York è funzionante. Critica al mercato dell'arte e agli eccessi dell'1% della società, inclusi quelli immobiliari di Trump

C'è solo un posto al mondo dove tutti sono uguali. Dove il colore della pelle non conta. Dove avere un conto a sei o più zeri non significa niente. Perché qualunque sia la vita che stiamo vivendo, una cosa la facciamo tutti nello stesso modo: andare in bagno. Un momento della giornata in cui ogni uomo rimane da solo con sé stesso. E' questo uno dei concetti alla base di “America”, la nuova irriverente opera di Maurizio Cattelan. Si tratta di un wc ricoperto d'oro, con tanto di tavoletta e tubi di scarico. L'artista padovano nato nel 1960 ha deciso di rompere così il silenzio artistico autoimpostosi iniziato dopo la retrospettiva interamente dedicata a lui (Maurizio Cattelan: All) al Solomon R. Guggenheim a New York, il museo dove torna a provocare con questo lavoro.

Se allora aveva deciso di dire addio all'arte appendendo le scarpe al chiodo - o meglio, 128 suoi lavori montati all'interno della spirale del museo e non lungo le sue pareti come succede di solito - questa volta l'artista ha deciso di piazzare la sua opera in uno dei bagni del museo al quarto piano a tempo indeterminato (o fino a quando arriverà un acquirente). L'intento è che sia usato dai visitatori proprio come farebbero normalmente per fare pipì o altro.

Il prezzo per concedersi una seduta “da re”? Basterà mostrare il biglietto. Del resto è proprio questo l'obiettivo: in un luogo dove non si può toccare niente, dove tutto è custodito sotto una teca di vetro o sorvegliato dalle guardie, ecco l'opera che entrerà nella vita di tutti. Tenuti a debita distanza da quadri e dipinti, gli appassionati d'arte potranno avvicinarsi a un lavoro senza che venga detto loro “non toccare”. Così facendo Cattelan offre un prodotto di lusso, ironicamente pensato per l'1% della società più abbiente, permettendo un modo diretto di vivere un'opera d'arte in totale solitudine. Come spiega una nota del museo, sarà possibile vivere una "esperienza intima senza precedenti con un'opera" che da un lato gioca sul concetto degli eccessi del mercato dell'arte e dall'altra evoca il sogno americano dato da opportunità per tutti.

Ma in “America” c'è anche un po' di Donal Trump. Come si legge in un'intervista pubblicata sul blog del museo, l'estetica del 'trono' richiama gli eccessi immobiliari del candidato repubblicano alle elezioni presidenziali. Cattelan ammette: quando concepì l'idea dell'opera non immaginava l'ascesa di Trump ma "probabilmente era nell'aria". L'elemento Trump "è un'altro ma non dovrebbe essere l'unico" legato al water d'orato. Vedere come il pubblico reagirà all'opera, garantisce Cattelan, "fa parte del gioco".

Un addetto alla sicurezza vigilerà costantemente per assicurarsi che nessun visitatore porti via un pezzo di “America”, opera che si ispira agli artisti come Marcel Duchamp e Piero Manzoni. Se il primo realizzò “Fountain” (un comune orinatoio) nel 1917, il secondo si spinse oltre e nel 1961 stupì il mondo con “Merda d'artista”, una scatola in cui l'artista italiano ha messo presumibilmente i propri escrementi, venduta al prezzo equivalente a 30 grammi di oro.

Solomon R. Guggenheim Museum
Altri Servizi

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

La Cina minaccia ritorsioni se gli Usa imporranno dazi sui metalli

Pechino dichiara che proteggerà i propri interessi se l’amministrazione Trump metterà sanzioni commerciali

La Cina ha minacciato ritorsioni dopo che l'amministrazione Trump ha ricevuto il via libera per imporre pesanti dazi e quote per limitare le importazioni di acciaio e alluminio, che secondo Washington minacciano l'industria domestica e la sicurezza nazionale. Si tratta dell’ultima escalation nelle tensioni commerciali tra le due principali potenze economiche del mondo.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Accordo nucleare con l'Iran, Trump di nuovo contro Obama

Il presidente americano accusa ancora il suo predecessore via Twitter e ritorna a parlare del Russiagate
AP

Nuovo weekend di cinguettii al vetriolo da parte del presidente americano Donald Trump. Dopo aver attaccato l’Fbi per la strage in Florida e aver corretto il generale McMaster, reo di non essersi espresso bene sul Russiagate il sabato sera, il tycoon ha deciso di tornare a puntare il dito contro l’accordo sul nucleare iraniano firmato da Barack Obama prima e di parlare ancora dell[interferenza russa nelle elezioni americane poi.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.