Lavorare negli Stati Uniti: permessi, vincoli e burocrazia

Le leggi, i visti e i permessi, le regole e i cavilli da affrontare per chi vuole cercare lavoro negli Stati Uniti

“Mollo tutto e vado a fare il lavapiatti a New York”. Alzi la mano chi non l'ha mai pensato almeno una volta. Ma New York ha 8,244 milioni di abitanti e trovare lavoro non è così facile e le regole da rispettare sono ferree. Per lavorare legalmente occorre avere un visto lavorativo rilasciato dal Consolato o dall'Ambasciata americana, che varia in base alla tipologia di mestiere e in genere consente di lavorare solo in una specifica azienda e per un periodo di tempo preciso. Ma come si fa ad avere un visto lavorativo?

Prima di tutto occorre sfatare il mito del lavapiatti. Non è possibile venire in America per fare legalmente lavori generici per cui non sia richiesta nessuna specializzazione come, per esempio, il lavapiatti o il cameriere. Del resto, perché mai dovrebbero accettare camerieri o impiegati stranieri quando ancora l'8 per cento degli americani era senza lavoro e quasi uno su cinque è sotto occupato? Questo non significa che nessuno straniero faccia il cameriere in America. Esiste, infatti, un'alternativa illegale: soprattutto nei ristoranti, ma non solo, gli stranieri in cerca di lavoro si iscrivono a una scuola e chiedono un visto da studente. Dopodiché, senza avere un visto adeguato, lavorano in nero dividendosi le mance in contanti a fine giornata. Ma, se si viene scoperti, la pena è severa: espulsione e divieto di rientrare negli Stati Uniti per un periodo che va da cinque a 10 anni, multa e, per i più recidivi, anche il carcere.

Una via legale per trascorrere un periodo di lavoro negli Stati Uniti senza avere particolari abilità professionali è l'internship, ovvero lo stage. Non sempre è pagato, ma è riconosciuto dalle aziende americane e non mancano le società disponibili a offrire questi periodi di prova. Per i tirocinanti è previsto un visto “J”, la cui durata varia in base alla categoria in cui rientra la persona. Questo visto permette anche di svolgere periodi di ricerca in campo scientifico, tirocini presso università, corsi di addestramento in aziende oppure di specializzazione per insegnanti. Ci sono poi i visti per lavori temporanei nell'ambito di professioni specifiche. Come, per esempio, il visto “I” per i rappresentanti dei media, “E” per chi vuole avviare un'attività, “P-1” per gli atleti riconosciuti in campo internazionale e “P-3” per gli artisti o intrattenitori che si esibiscono nell’ambito di un programma culturalmente unico.

Essere assunti a tutti gli effetti, ovviamente, è più complicato. Bisogna ottenere un visto H1B attraverso la “sponsorizzazione” da parte del datore di lavoro: un procedimento che richiede mesi di tempo e una spesa, che deve sostenere l'azienda, di diverse migliaia di dollari. Di conseguenza, per essere regolarizzati da un'impresa americana, bisogna avere delle capacità o conoscenze che giustificano la scelta del datore di lavoro. Questi “sponsor” non cercano lavoratori che svolgono mansioni comuni, come potrebbe essere un normale impiegato, ma sono alla ricerca di lavoratori altamente specializzati, magari in ambito tecnologico, informatico, medico oppure scientifico.

Altri Servizi

Ferrero si rafforza in Usa: compra azienda di caramelle Ferrara

Accordo tra il produttore della Nutella e un gruppo nato dall'iniziativa di un fornaio italiano che nel 1908 a Chicago aprì un negozio di pasticcini e confetti. Valore della transazione non comunicato
AP

Il gruppo italiano Ferrero ha raggiunto un accordo definitivo in base al quale prenderà il controllo di Ferrara Candy Company, la terza più grande azienda dolciaria degli Stati Uniti nelle cui attività non fa parte il cioccolato. A vendere è L Catterton, un gruppo di private equity specializzato nel settore dei beni al consumo. I termini della transazione - che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre del 2017, previo i via libera regolatori - non sono stati annunciati nel comunicato diffuso nella notte.

Fed: economia Usa cresciuta nonostante gli uragani

Le pressioni sui prezzi restano modeste nonostante per i datori di lavoro sia difficile trovare personale qualificato. Il "mistero" dell'inflazione al palo perseguita Yellen
AP

L'economia americana ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra settembre e l'inizio di ottobre. E questo nonostante l'effetto uragani. Le pressioni sui prezzi "sono rimaste modeste", dimostrazione che il "mistero" dell'inflazione al palo continua a perseguitare il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen. E' questo quanto emerso dal Beige Book, il rapporto pubblicato dalla banca centrale Usa ogni sei settimane e pensato per fotografare lo stato di salute dell'economia statunitense. Frutto dell'analisi condotta nei 12 distretti in cui opera la banca centrale americana, il documento verrà utilizzato nella prossima riunione della Fed in calendario il 31 ottobre e 1 novembre prossimi, quando i tassi sono visti rimenere all'1-1,25%.

Alcoa: gli utili trimestrali deludono, bene i ricavi. Ottimismo sulla Cina

Il più grande produttore di alluminio al mondo si aspetta che Pechino riduca la produzione del metallo contribuendo ad equilibrare il mercato. Alzate le stime sull'Ebitda
ap

Alcoa ha chiuso il trimestre dell'anno con utili leggermente deludenti ma ricavi superiori alle stime degli analisti. Il più grande produttore di alluminio al mondo ha inoltre alzato le stime annuali sui profitti operativi sulla scia di prezzi favorevoli delle materie prime.

Wall Street, titoli tecnologici in sofferenza

Prosegue il periodo delle trimestrali
AP

Ibm chiude il 22esimo trimestre con ricavi in calo

Bene le attività legate ai cosiddetti "imperativi strategici" tra cui il cloud. Conti sopra le stime degli analisti

E' da oltre cinque anni di fila che International Business Machines (Ibm) registra ricavi in calo su base annuale ma il gruppo - da tempo impegnato in una trasformazione con un focus sui servizi tecnologici e non più sull'hardware soltanto - è ottimista tanto da avere confermato le stime per il 2017. La conferma è arrivata con i conti del terzo trimestre del 2017, pubblicati dopo la chiusura di Wall Street e che hanno battuto le stime degli analisti: gli utili netti sono stati di 2,7 miliardi di dollari, in flessione del 4% su base annuale. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione si sono attestati a quota 3,30 dollari, meglio dei 3,29 dollari per azione previsti dal mercato.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.

Airbus si aggiudica jet Bombardier, nuova sfida per Boeing (e Trump)

Senza esborso di denaro, al colosso europeo va una quota di maggioranza nel programma C-Series del rivale canadese. Gli aerei per il mercato Usa verranno assemblati in Alabama; così si punta ad aggirare le tariffe
Bombardier

Airbus ha un nuovo alleato nella battaglia storica contro il rivale americano Boeing: il canadese Bombardier, che così spera di potere agirare le tariffe recentemente ventilate dagli Stati Uniti di Donald Trump.

Il cinema italiano torna protagonista a New York

Parte la seconda edizione di “Italy on screen Today”. Sergio Castellitto e Vittorio Storaro premiati. Omaggio a Dario Fo. Ampio spazio a corti sui migranti

New York ospita per il secondo anno di fila “Italy on screen Today”, la rassegna di cinema italiano dedicata alle proiezioni di film che hanno riscosso notevole successo al botteghino, in alcuni casi accompagnate da attori e registi che al pubblico racconteranno aneddoti legati alle pellicole.

AmEx: il Ceo se ne va dopo 16 anni, conti battono le stime

Dal primo febbraio l'attuale vicepresidente del gruppo di carte di credito salirà al vertice
Kenneth Chenault America Express

American Express si prepara a dire addio al suo amministratore delegato nonché presidente del suo consiglio di amministrazione. Lo ha comunicato il gruppo di carte di credito a mercati Usa chiusi, quando ha anche pubblicato i conti del terzo trimestre (superiori alle stime degli analisti) e ha alzato le stime per il resto dell'esercizio fiscale.

Maroney, olimpionica Usa di ginnastica: anch'io vittima di abusi sessuali

La confessione dell'ex campionessa, che ha preso coraggio dalla campagna #MeToo: "Da fuori sembra tutto fantastico. Ce l'ho fatta, ma ho pagato un prezzo". Il medico della nazionale statunitense accusato da almeno 140 ragazze e donne

L'ex campionessa olimpica di ginnastica artistica, la statunitense McKayla Maroney, ha aderito alla campagna sui social network #MeToo, rilanciata dopo lo scandalo sessuale che sta travolgendo il produttore cinematografico Harvey Weinstein, denunciando di aver subito abusi sessuali dal dottore della nazionale olimpica, Larry Nassar.