Lavorare negli Stati Uniti: permessi, vincoli e burocrazia

Le leggi, i visti e i permessi, le regole e i cavilli da affrontare per chi vuole cercare lavoro negli Stati Uniti

“Mollo tutto e vado a fare il lavapiatti a New York”. Alzi la mano chi non l'ha mai pensato almeno una volta. Ma New York ha 8,244 milioni di abitanti e trovare lavoro non è così facile e le regole da rispettare sono ferree. Per lavorare legalmente occorre avere un visto lavorativo rilasciato dal Consolato o dall'Ambasciata americana, che varia in base alla tipologia di mestiere e in genere consente di lavorare solo in una specifica azienda e per un periodo di tempo preciso. Ma come si fa ad avere un visto lavorativo?

Prima di tutto occorre sfatare il mito del lavapiatti. Non è possibile venire in America per fare legalmente lavori generici per cui non sia richiesta nessuna specializzazione come, per esempio, il lavapiatti o il cameriere. Del resto, perché mai dovrebbero accettare camerieri o impiegati stranieri quando ancora l'8 per cento degli americani era senza lavoro e quasi uno su cinque è sotto occupato? Questo non significa che nessuno straniero faccia il cameriere in America. Esiste, infatti, un'alternativa illegale: soprattutto nei ristoranti, ma non solo, gli stranieri in cerca di lavoro si iscrivono a una scuola e chiedono un visto da studente. Dopodiché, senza avere un visto adeguato, lavorano in nero dividendosi le mance in contanti a fine giornata. Ma, se si viene scoperti, la pena è severa: espulsione e divieto di rientrare negli Stati Uniti per un periodo che va da cinque a 10 anni, multa e, per i più recidivi, anche il carcere.

Una via legale per trascorrere un periodo di lavoro negli Stati Uniti senza avere particolari abilità professionali è l'internship, ovvero lo stage. Non sempre è pagato, ma è riconosciuto dalle aziende americane e non mancano le società disponibili a offrire questi periodi di prova. Per i tirocinanti è previsto un visto “J”, la cui durata varia in base alla categoria in cui rientra la persona. Questo visto permette anche di svolgere periodi di ricerca in campo scientifico, tirocini presso università, corsi di addestramento in aziende oppure di specializzazione per insegnanti. Ci sono poi i visti per lavori temporanei nell'ambito di professioni specifiche. Come, per esempio, il visto “I” per i rappresentanti dei media, “E” per chi vuole avviare un'attività, “P-1” per gli atleti riconosciuti in campo internazionale e “P-3” per gli artisti o intrattenitori che si esibiscono nell’ambito di un programma culturalmente unico.

Essere assunti a tutti gli effetti, ovviamente, è più complicato. Bisogna ottenere un visto H1B attraverso la “sponsorizzazione” da parte del datore di lavoro: un procedimento che richiede mesi di tempo e una spesa, che deve sostenere l'azienda, di diverse migliaia di dollari. Di conseguenza, per essere regolarizzati da un'impresa americana, bisogna avere delle capacità o conoscenze che giustificano la scelta del datore di lavoro. Questi “sponsor” non cercano lavoratori che svolgono mansioni comuni, come potrebbe essere un normale impiegato, ma sono alla ricerca di lavoratori altamente specializzati, magari in ambito tecnologico, informatico, medico oppure scientifico.

Altri Servizi

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale