Lavorare negli Stati Uniti: permessi, vincoli e burocrazia

Le leggi, i visti e i permessi, le regole e i cavilli da affrontare per chi vuole cercare lavoro negli Stati Uniti

“Mollo tutto e vado a fare il lavapiatti a New York”. Alzi la mano chi non l'ha mai pensato almeno una volta. Ma New York ha 8,244 milioni di abitanti e trovare lavoro non è così facile e le regole da rispettare sono ferree. Per lavorare legalmente occorre avere un visto lavorativo rilasciato dal Consolato o dall'Ambasciata americana, che varia in base alla tipologia di mestiere e in genere consente di lavorare solo in una specifica azienda e per un periodo di tempo preciso. Ma come si fa ad avere un visto lavorativo?

Prima di tutto occorre sfatare il mito del lavapiatti. Non è possibile venire in America per fare legalmente lavori generici per cui non sia richiesta nessuna specializzazione come, per esempio, il lavapiatti o il cameriere. Del resto, perché mai dovrebbero accettare camerieri o impiegati stranieri quando ancora l'8 per cento degli americani era senza lavoro e quasi uno su cinque è sotto occupato? Questo non significa che nessuno straniero faccia il cameriere in America. Esiste, infatti, un'alternativa illegale: soprattutto nei ristoranti, ma non solo, gli stranieri in cerca di lavoro si iscrivono a una scuola e chiedono un visto da studente. Dopodiché, senza avere un visto adeguato, lavorano in nero dividendosi le mance in contanti a fine giornata. Ma, se si viene scoperti, la pena è severa: espulsione e divieto di rientrare negli Stati Uniti per un periodo che va da cinque a 10 anni, multa e, per i più recidivi, anche il carcere.

Una via legale per trascorrere un periodo di lavoro negli Stati Uniti senza avere particolari abilità professionali è l'internship, ovvero lo stage. Non sempre è pagato, ma è riconosciuto dalle aziende americane e non mancano le società disponibili a offrire questi periodi di prova. Per i tirocinanti è previsto un visto “J”, la cui durata varia in base alla categoria in cui rientra la persona. Questo visto permette anche di svolgere periodi di ricerca in campo scientifico, tirocini presso università, corsi di addestramento in aziende oppure di specializzazione per insegnanti. Ci sono poi i visti per lavori temporanei nell'ambito di professioni specifiche. Come, per esempio, il visto “I” per i rappresentanti dei media, “E” per chi vuole avviare un'attività, “P-1” per gli atleti riconosciuti in campo internazionale e “P-3” per gli artisti o intrattenitori che si esibiscono nell’ambito di un programma culturalmente unico.

Essere assunti a tutti gli effetti, ovviamente, è più complicato. Bisogna ottenere un visto H1B attraverso la “sponsorizzazione” da parte del datore di lavoro: un procedimento che richiede mesi di tempo e una spesa, che deve sostenere l'azienda, di diverse migliaia di dollari. Di conseguenza, per essere regolarizzati da un'impresa americana, bisogna avere delle capacità o conoscenze che giustificano la scelta del datore di lavoro. Questi “sponsor” non cercano lavoratori che svolgono mansioni comuni, come potrebbe essere un normale impiegato, ma sono alla ricerca di lavoratori altamente specializzati, magari in ambito tecnologico, informatico, medico oppure scientifico.

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

I dazi di Trump fanno male alla nuova moda della Silicon Valley

Gli scooter elettrici potrebbero aumentare di prezzo. E in questo momento oltre che una moda sembrano un ottima risposta al traffico della Bay Area

I dazi di Donald Trump sui prodotti cinesi potrebbero provocare i primi effetti collaterali. Faranno infatti aumentare i prezzi di uno dei prodotti più di moda in questo momento nella Silicon Valley: gli scooter elettrici. Sono tutti prodotti in Cina e negli ultimi mesi sono diventati la principale risposta al traffico della Bay Area. Allo stesso tempo sono degli interessanti mezzi di micro trasporto alternativo in una città, San Francisco, dove ci sono più macchine in circolazione rispetto ai parcheggi.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.