Cfo di Huawei arrestata in Canada su richiesta degli Usa. La Cina: liberatela

Si teme per la tenuta della tregua commerciale tra Washington e Pechino

Su richiesta degli Stati Uniti, il Canada ha arrestato la direttrice finanziaria della cinese Huawei Technologies per la potenziale violazione di sanzioni americane legate all'Iran. Attraverso la sua ambasciata in Canada, la Cina ha chiesto l'immediato rilascio di Wanzhou Meng, che è anche vicepresidente del gruppo contro cui l'America di Donald Trump ha lanciato recentemente una vasta campagna di pressione nei Paesi alleati (Italia inclusa) affinché gli operatori di reti wireless e i provider internet non utilizzino le sue componenti.

La notizia dell'arresto, confermata dal dipartimento canadese di Giustizia dopo le indiscrezioni del quotidiano canadese 'Globe and Mail', ha mandato nel panico i mercati finanziari; il timore è che il caso possa mettere a repentaglio la tregua commerciale tra Usa e Cina siglata sabato scorso a Buenos Aires (Argentina) dopo il termine del G20. Non appena la notizia è iniziata a circolare, i future dell'S&P 500 sono arrivati a scendere dell'1,9% per poi ridurre i cali allo 0,6%. Le perdite sono tornate ad ampliarsi, superando l'1%, quando la Cina ha chiesto la liberazione di Meng. E' vero: i volumi nella serata americana erano sottili visto che il mercato azionario americano era rimasto chiuso per i funerali di stato del 41esimo presidente George H. W. Bush. La reazione violenta dei future, tuttavia, dimostra come trader e gestori restino preoccupati sulla tenuta della tregua raggiunta tra Donald Trump e Xi Jinping; già martedì 4 dicembre il silenzio di Pechino - rotto ore dopo ma lasciando ancora i mercati senza dettagli - aveva provocato un sell-off a Wall Street con cali di almeno il 3%.

La donna, che è anche figlia del fondatore di Huawei, è stata arrestata l'1 dicembre e ora rischia una estradizione in Usa. Venerdì  7 dicembre è prevista un'udienza che stabilirà se la Cfo può essere rilasciata su cauzione.

Il gruppo cinese ha spiegato di avere ricevuto "poche informazioni riguardanti le accuse" e ha detto "di non essere a conoscenza di azioni sbagliate di Meng". Secondo Huawei, "i sistemi giuridici canadese e americano alla fine raggiungeranno una conclusione giusta". Dal canto suo l'azienda sostiene di avere rispettato le leggi, incluse "quelle relative a sanzioni Onu, Usa e Ue".

E' dal 2016 che le autorità Usa mostrano preoccupazione nei confronti di un gruppo fondato da Ren Zhengfei, ammirato in patria per avere trasformato un rivenditore di elettronica nel secondo produttore al mondo di smartphone che è anche tra i protagonisti principali del mercato delle attrezzature di rete. Huawei - con attività che vanno dall'Asia all'Europa passando per l'Africa - è vista su suolo americano come una minaccia perché - è la tesi di Washington - può installare nelle sue attrezzature le cosiddette 'back door' con cui spiare i consumatori. Anche se il gruppo ha respinto tali accuse, il Pentagono ha smesso di offrire ai suoi soldati i dispositivi di Huawei e la catena di elettronica Best Buy non li vende più.

Altri Servizi

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP
iStock

Le tensioni commerciali tra Usa e Cina, la perdita di Amazon come cliente e costi in aumento per le spedizioni su strada hanno pesato sui conti di FedEx, che ha deluso gli analisi e ha tagliato l'outlook per l'intero esercizio fiscale. Il titolo FedEx è arrivato a perdere il 13% a 160,21 dollari nell'after-hours ieri a Wall Street dopo una seduta finita in ribasso dello 0,16% a 173,3 dollari.

Scontro Boeing-Airbus, vittoria Usa (Politico). Parte un nuovo fronte della guerra dei dazi?

La Wto avrebbe dato ragione agli Stati Uniti sui sussidi illegali al colosso aerospaziale europeo. I dazi Usa colpirebbero anche l'export italiano
iStock

La decisione non è ancora pubblica, ma se le indiscrezioni si rivelassero corrette, si tratterebbe di un'importante vittoria per gli Stati Uniti, che potrebbe però aprire un duro scontro commerciale con l'Unione europea. Secondo Politico, che ha parlato con quattro funzionari dell'Unione europea, Washington ha vinto la disputa sui sussidi al gigante aerospaziale europeo Airbus e potrà colpire l'Unione europea con miliardi di dollari in dazi punitivi.

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

La Casa Bianca interviene nello scontro tra General Motors e sindacato. Secondo due fonti di Politico, l'amministrazione statunitense sta cercando di portare le due parti a un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown, in Ohio, che Gm ha chiuso a marzo e che il sindacato e il presidente Donald Trump vogliono sia riaperta.

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

Per il secondo giorno di fila la Federal Reserve intende iniettare 75 miliardi di dollari in un angolo cruciale del sistema finanziario, quello cosiddetto "money market". Lo farà oggi, dalle 14.15 alle 14.30 italiane, all'indomani del primo intervento di tale portata dal 2008.

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

I candidati democratici alla presidenza statunitense chiedono l'impeachment o indagini approfondite su Brett Kavanaugh, giudice della Corte Suprema, dopo le nuove accuse di molestie sessuali contro di lui emerse nei giorni scorsi grazie al New York Times.