Cfo di Huawei arrestata in Canada su richiesta degli Usa. La Cina: liberatela

Si teme per la tenuta della tregua commerciale tra Washington e Pechino

Su richiesta degli Stati Uniti, il Canada ha arrestato la direttrice finanziaria della cinese Huawei Technologies per la potenziale violazione di sanzioni americane legate all'Iran. Attraverso la sua ambasciata in Canada, la Cina ha chiesto l'immediato rilascio di Wanzhou Meng, che è anche vicepresidente del gruppo contro cui l'America di Donald Trump ha lanciato recentemente una vasta campagna di pressione nei Paesi alleati (Italia inclusa) affinché gli operatori di reti wireless e i provider internet non utilizzino le sue componenti.

La notizia dell'arresto, confermata dal dipartimento canadese di Giustizia dopo le indiscrezioni del quotidiano canadese 'Globe and Mail', ha mandato nel panico i mercati finanziari; il timore è che il caso possa mettere a repentaglio la tregua commerciale tra Usa e Cina siglata sabato scorso a Buenos Aires (Argentina) dopo il termine del G20. Non appena la notizia è iniziata a circolare, i future dell'S&P 500 sono arrivati a scendere dell'1,9% per poi ridurre i cali allo 0,6%. Le perdite sono tornate ad ampliarsi, superando l'1%, quando la Cina ha chiesto la liberazione di Meng. E' vero: i volumi nella serata americana erano sottili visto che il mercato azionario americano era rimasto chiuso per i funerali di stato del 41esimo presidente George H. W. Bush. La reazione violenta dei future, tuttavia, dimostra come trader e gestori restino preoccupati sulla tenuta della tregua raggiunta tra Donald Trump e Xi Jinping; già martedì 4 dicembre il silenzio di Pechino - rotto ore dopo ma lasciando ancora i mercati senza dettagli - aveva provocato un sell-off a Wall Street con cali di almeno il 3%.

La donna, che è anche figlia del fondatore di Huawei, è stata arrestata l'1 dicembre e ora rischia una estradizione in Usa. Venerdì  7 dicembre è prevista un'udienza che stabilirà se la Cfo può essere rilasciata su cauzione.

Il gruppo cinese ha spiegato di avere ricevuto "poche informazioni riguardanti le accuse" e ha detto "di non essere a conoscenza di azioni sbagliate di Meng". Secondo Huawei, "i sistemi giuridici canadese e americano alla fine raggiungeranno una conclusione giusta". Dal canto suo l'azienda sostiene di avere rispettato le leggi, incluse "quelle relative a sanzioni Onu, Usa e Ue".

E' dal 2016 che le autorità Usa mostrano preoccupazione nei confronti di un gruppo fondato da Ren Zhengfei, ammirato in patria per avere trasformato un rivenditore di elettronica nel secondo produttore al mondo di smartphone che è anche tra i protagonisti principali del mercato delle attrezzature di rete. Huawei - con attività che vanno dall'Asia all'Europa passando per l'Africa - è vista su suolo americano come una minaccia perché - è la tesi di Washington - può installare nelle sue attrezzature le cosiddette 'back door' con cui spiare i consumatori. Anche se il gruppo ha respinto tali accuse, il Pentagono ha smesso di offrire ai suoi soldati i dispositivi di Huawei e la catena di elettronica Best Buy non li vende più.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento

Apple si difende dalle accuse di Spotify: vuole benefici senza costi

Il gruppo americano replica a quello svedese: la sua, "retorica fuorviante"