Charlottesville, bufera su Trump. "Le sue parole sono insufficienti"

"Chiami il male col suo nome", repubblicani e democratici uniti contro il presidente

In quasi sette mesi di presidenza Donald Trump ha dimostrato di non aver alcun timore ad esprimere le proprie opinioni, per quanto a volte possano essere impopolari. Ci sono però degli argomenti su cui "The Donald" sembra essere più riflessivo, o quanto meno più attento, nel modo di esprimersi.

Secondo la stampa americana, appare infatti evidente che quando al centro del dibattito ci sono i nazionalisti, i suprematisti bianchi e gli attivisti dell’estrema destra, molti dei quali rappresentano una fetta importante del suo elettorato, il presidente americano si muove con i piedi di piombo. Un atteggiamento simile non è passato inosservato dopo i fatti che hanno sconvolto nel weekend la cittadina di Charlottesville, in Virginia, dove sono morte tre persone e ne sono rimaste ferite 35, e rispetto ai quali Donald Trump ha condannato la violenza ''di tutte le parti'' senza prendere le distanze in modo esplicito e netto da coloro che le hanno causate.

Toni troppo morbidi che giornali e tv da un lato ma anche repubblicani e democratici dall’altro, non hanno apprezzato. Il tycoon ha infatti imputato "l'odio, il fanatismo e la violenza" a "tutte le parti", un messaggio poi chiarito dalla Casa Bianca che ha specificato come il presidente intendesse "da parte di chiunque e da tutti gli schieramenti" visto che ci sono state delle "violenze tra manifestanti e contromanifestanti".

Secondo l’ex vice presidente americano, Joe Biden "c'è un’unica parte" contro cui puntare il dito. Pensiero espresso in maniera ancor più netta dal senatore repubblicano per lo stato del Colorado, Cory Gardner che su Twitter ha scritto: "Caro presidente, il male va chiamato con il suo nome: suprematisti bianchi e terrorismo domestico''. Concetto rimarcato anche da Marco Rubio secondo cui ''è importante per il paese sentire il presidente descrivere gli eventi per quello che sono, un atto di terrorismo da parte dei suprematisti bianchi".

Come riporta il New York Times, anche l’ex governatore repubblicano dell’Arkansas, Mike Huckabee, padre dell’attuale portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders, si è espresso sulla questione non criticando Trump direttamente ma definendo il comportamento dei nazionalisti bianchi a Charlottesville "il male". Ted Cruz, senatore del Texas ed ex candidato alla presidenza, conosciuto per le sue posizioni molto conservatrici, ha usato toni ancor più duri: "I nazisti, il Ku Klux Klan e i suprematisti bianchi sono disgustosi e sono il male, tutti noi abbiamo un obbligo morale di parlare contro le bugie, il fanatismo, l’antisemitismo e l’odio che diffondono".

Prima ancora era stato il turno di Paul Ryan, speaker della Camera, che ha definito il suprematismo bianco "una piaga" ed esortando gli americani a confrontarsi "con questo odio e il suo terrorismo per sconfiggerlo”. Anche John McCain, ha fatto sentire la sua voce sostenendo che "i suprematisti bianchi non sono dei patrioti, sono dei traditori" e che "gli americani devono essere uniti contro l'odio e l’intolleranza".

Eppure le critiche sono arrivate anche da chi non ce lo si aspettava. L’ex deputato del Parlamento della Louisiana nonché ex leader del Ku Klux Klan, David Duke, ha mandato un messaggio al presidente via Twitter: "Ti consiglio di guardarti allo specchio e ricordare che sono stati i bianchi americani che ti hanno fatto diventare presidente e non i radicali di sinistra". Per Duke quello che è successo a Charlottesville rappresenta un "punto di svolta" per un movimento il cui scopo è "onorare le promesse di Donald Trump". Ricordiamo che di Duke e Trump si era parlato durante la campagna presidenziale quando il tycoon lo aveva ritwittato salvo poi difendersi dalle critiche sostenendo in un primo momento di non conoscerlo per poi definirlo, successivamente, una "persona cattiva".

 

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.