Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, Virginia, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

"Il presidente ha detto con forza ieri che condanna tutte le forme di violenza, intolleranza e odio. Questo comprende certamente i suprematisti bianchi, il Kkk, i neonazisti e tutti i gruppi estremisti", ha indicato un portavoce di Pennsylvania Avenue il cui messaggio ha voluto smorzare i toni e rispondere a chi ha accusato il tycoon di indulgenza verso l'estrema destra.

Il 45esimo presidente degli Stati Uniti era intervenuto sabato, dal campo da golf di Bedminster, nel New Jersey, condannando il fanatismo e la violenza provenienti "da diverse parti". Un messaggio apparso troppo generico e senza espliciti riferimenti ai fatti di Charlottesville che hanno scosso il paese durante questo secondo weekend di agosto. Sia da destra che da sinistra sono state numerose le voci che hanno chiesto a Trump maggiore chiarezza, mettendo in evidenza il rapporto ambiguo, nel corso degli scorsi mesi, tra lui e le frange più estreme del suo elettorato.

Il messaggio della Casa Bianca segue quello di tre stretti consiglieri del presidente che nel corso delle scorse ore sono intervenuti pubblicamente per rispondere agli attacchi contro Trump. Il primo a esprimersi è stato il consigliere alla Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, H.R. McMaster, che ai microfoni di Abc aveva detto che il presidente era stato "molto chiaro" e che la sua condanna includeva i suprematisti bianchi e i neonazisti. Anche il direttore della Cia, Mike Pompeo, ha cercato di spegnere l’incendio esploso dopo le parole di Trump. Intervenendo a Cbs ha commentato le parole del presidente definendo il suo messaggio "chiaro", "specifico" e "francamente non ambiguo". "Quando qualcuno marcia con una bandiera nazista è inaccettabile, ma d’altronde credo fosse questo il messaggio del presidente", ha detto Pompeo.

In ultimo, ci ha pensato Tom Bossert, il consigliere per la sicurezza interna della Casa Bianca, a giustificare la mancata condanna di Trump ai suprematisti bianchi per le violenze in Michigan. Ai microfoni di Cnn, Bossert ha sostenuto che Trump "non ha voluto dare dignità ai suprematisti nominandoli". Secondo lui, Trump "non solo ha condannato la violenza" ma ha anche esortato gli americani "ad amarsi l’un l’altro". Secondo il consigliere di Trump il vero problema non è il presidente o cosa ha detto in riferimento alle violenze di Charlottesville ma "il livello di violenza e odio che non può più essere tollerato in questo paese".

Ancora prima della Casa Bianca e di questi tre consiglieri un messaggio di condanna è arrivato da una delle persone più vicine a Trump, la figlia Ivanka che in mattinata su Twitter ha scritto: ''Non c'è posto nella società per i suprematisti bianchi e per i neonazisti''.

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto