Che vinca Hillary o Trump pressioni su Corporate America continueranno

Hanno criticato l'influenza e le pratiche, in particolare quelle fiscali, dei colossi della Corporate America ed è probabile che il nuovo presidente si impegnerà subito per rendere più severa la regolamentazione.
AP

Indipendentemente da chi vincerà le elezioni americane, che sia la democratica Hillary Clinton o il repubblicano Donald Trump, le pressioni sulle corporation e sulle grandi aziende americane sono destinate a non allentarsi. Durante la campagna elettorale, infatti, entrambi i candidati a prendere il posto di Barack Obama alla Casa Bianca hanno criticato l'influenza e le pratiche, in particolare quelle fiscali, dei colossi della Corporate America ed è probabile che il nuovo presidente si impegnerà subito per rendere più severa la regolamentazione attuale.

Un altro dossier sul tavolo è quello del Trans-Pacific Partnership (Tpp), il trattato sul libero scambio in attesa della ratifica del Congresso: il presidente Barack Obama, che resterà comunque alla Casa Bianca fino al 20 gennaio, ovvero fino al giuramento del suo successore, proverà a ottenere la ratifica nei prossimi giorni e settimane, ma se non riuscirà a sbloccare una situazione in stallo da tempo, la palla passera a Trump o Clinton. Negli ultimi giorni il magnate repubblicano, andando contro la tradizionale posizione del suo partito a favore delle aziende grandi e piccole, ha duramente critica l'approccio "globalistico" delle corporation, accusandole di portare avanti politiche che fanno finire sempre più posti di lavoro fuori dagli Stati Uniti.

Trump ha parlato di "una struttura globale di potere" che "deruba la classe lavoratrice e toglie ricchezza al Paese, facendo finire i soldi nelle tasche delle grandi corporation". Dal canto suo Clinton ha promesso di alzare le tasse pagate dagli americani più abbienti e dalle corporation e ha proposto una serie di misure per le aziende: "Andrò a prendere il denaro laddove si trova, ovvero nelle tasche dei ricchi e delle grandi aziende. Hanno fatto molto bene negli ultimi 15 anni e dovrebbero pagare la loro giusta parte per sostenere il Paese", ha detto Clinton, che ha promesso di bloccare il Tpp (fortemente voluto da Obama), di regolamentare maggiormente Wall Street e alzare a 15 dollari all'ora il salario minimo dei lavoratori.

Se l'ex first lady vincesse, "bisognerebbe chiedersi se sarebbe un terzo mandato di Barack Obama o un terzo mandato di Bill Clinton", ha detto John Catsimatidis, imprenditore miliardario che nel 2013 si è candidato senza successo per la poltrona di sindaco di New York tra le fila repubblicane. L'incertezza su quel che sarà il futuro dell'industria americana sotto la nuova presidenza potrà pesare sugli investimenti: dopo una campagna elettorale infuocata, "le aziende ora attendono di vedere come evolveranno le cose prima di prendere decisioni su impegni pluriennali", ha detto Craig Arnold, amministratore delegato della conglomerata Eaton.

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

La Cina fa guerra alla Nba: colpa di un tweet su Hong Kong

Il general manager degli Houston Rockets ha espresso sostegno ai manifestanti per la democrazia
Ap

La televisione di Stato CCTV ha deciso di sospendere la trasmissione in Cina delle partite della preseason della Nba. La decisione è frutto di uno scontro iniziato venerd" scorso, quando Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets, squadra della Nba molto seguita in Cina, ha scritto un tweet di sostegno per le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong; il tweet è stato poi cancellato, quando ormai era tardi per evitare l'ira di Pechino.

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Gli Stati Uniti invieranno nuove truppe in Arabia Saudita nonostante i proclami del presidente americano Donald Trump che vorrebbe un minore coinvolgimento militare statunitense in Medio Oriente.

a24

Il tiramisù di Tolmezzo sarà l’ospite d’onore all’Eataly di Chicago domani 9 ottobre. Il celebre dolce sarà utilizzato per promuovere l’enogastronomia regionale del Friuli Venezia Giulia. A raccontare la ricetta del celebre dolce e la sua storia sarà Daniele Macuglia, tolmezzino e Visiting Research Fellow presso il Neubauer Collegium for Culture and Society presso l'Università di Chicago. All’evento saranno presenti anche Sergio Emidio Bini, Consigliere per gli Affari Economici della Regione Friuli Venezia Giulia, e Giovanni Da Pozzo, Presidente della Camera di Commercio di Pordenone – Udine e Promos Italia (Agenzia italiana per l'internazionalizzazione). 

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.