Christie’s vende orologio Cartier di Jackie Kennedy

Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari. C'è anche un quadro realizzato dall'ex first lady mai visto dal pubblico

La casa d’aste Christie’s di New York ha annunciato la vendita di un orologio Cartier in oro 18 carati appartenuto a Jacqueline Kennedy Onassis. L’oggetto, che verrà presentato ai potenziali acquirenti il 21 giugno prossimo, rappresenta il fiore all’occhiello dell’annuale vendita intitolata New York Rare Watches and American Icons e organizzata da Christie’s. Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari.

Un dono del cognato, il principe Stanisław "Stas" Radziwiłł, l’orologio fu indossato dall’ex first lady per decenni, come dimostrano numerose fotografie. Su di esso è riportata l’incisione: “Stas to Jackie 23 Feb. 63 2:05 am to 9:35 pm”. In pratica, si deduce che l’oggetto è un regalo di Stas per Jackie, consegnato il 23 febbraio del 1963; a seguire sono indicati due orari, le 2.05 del mattino e le 9.35 di sera, che indicano rispettivamente l’inizio e la fine di una escursione a cui il cognato stesso aveva preso parte su richiesta di Jackie (erano stati invitati anche l’amico della famiglia Kennedy, Chuck Spalding, e l’agente del Secret Service Clint Hill). Jackie non partecipò alla scampagnata ma seguì i tre controllando a intervalli che stessero bene. L’iniziativa voluta dall’ex first lady si inseriva in quelle promosse dal marito JFK per convincere gli americani a fare attività fisica. Si trattava di un tema caro all’inquilino della Casa Bianca, che dopo la sua elezione scrisse sulla rivista Sport Illustrated un articolo intitolato “The Soft American”. Alla fine del 1962 l’allora presidente scoprì un ordine esecutivo del 1908 con cui Theodore Roosevelt sfidava i Marines a percorrere 50 miglia, quasi 90 chilometri, in 20 ore. Da qui la sfida lanciata da Jackie.

L’orologio è venduto insieme a un dipinto (fino ad oggi sconosciuto al pubblico) realizzato da Jackie nel 1963 come dono allo stesso cognato e in memoria dell’escursione.

John Reardon, responsabile delle vendite internazionali di orologi per Christie’s, ha dichiarato: “L’orologio Cartier di Jacqueline Kennedy Onassis è un oggetto ricco di emozioni, amore, e storia. Insieme al dipinto realizzato da Jackie, cattura lo spirito di un’altra era, di un tempo in cui il valore dell’amicizia e l’attitudine positiva e propositiva di quella generazione facevano sembrare tutto possibile”.

In memoria di lady Kennedy, Christie’s ha affermato che parte dei ricavi saranno devoluti al National Endowment for the Arts, agenzia indipendente del governo degli Stati Uniti per il sostegno e il finanziamento di progetti di eccellenza artistica nel Paese.

Christie's
Christie's
Altri Servizi

Wall Street cauta dopo l'incontro Trump-Kim

Nella notte italiana, lo storico incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano
iStock

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano

La completa denuclerarizzazione della penisola coreana, promessa dal presidente nordcoreano, Kim Jong Un, "sarà verificata e dovrà iniziare immediatamente". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa a conclusione del vertice con il leader nordcoreano a Singapore, sottolineando che "le sanzioni saranno rimosse quando saremo sicuri che il nucleare non sarà più un fattore rilevante". Detto questo, gli Stati Uniti sono "ansiosi di poterle eliminare".

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Miss America rinuncia al costume: "Non giudicheremo l'aspetto"

La rivoluzione al via con la nuova presidente dell'organizzazione, Gretchen Carlson, ex conduttrice di Fox News e vincitrice del concorso nel 1989

Le concorrenti di Miss America non dovranno più sfilare in costume. Lo ha annunciato la presidente del concorso, affermando che "non vi giudicheremo più per il vostro aspetto esteriore". La Miss America Organization, dopo lo scandalo scoppiato mesi fa e la campagna #MeToo contro le molestie sessuali, ha annunciato che la novità sarà introdotta al prossimo concorso, in programma a settembre.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).