Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Ci sono anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie tra le donne che accusano il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali. Le due attrici lo hanno dichiarato in un'intervista al New York Times, appena pubblicata. "Questo modo di trattare le donne finisce qui" ha detto Paltrow, importunata quando aveva 22 anni dall'uomo che ha dato inizio alla sua carriera e che l'ha aiutata a vincere l'Oscar.

Era il 1996 e Paltrow aveva appena ottenuto la parte principale in 'Emma', l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Jane Austen, scelta da Weinstein. Prima che le riprese iniziassero, lui la convocò per discutere di lavoro nella sua suite, dove le mise le mani addosso, affermando che sarebbero dovuti andare nella stanza da letto per farsi dei massaggi, secondo la ricostruzione fornita dall'attrice.

"Ero una ragazzina, avevo firmato, ero pietrificata" ha ricordato Paltrow, rendendo cos" pubbliche le molestie sessuali ricevute. Lei rifiutò le avances e si confidò con Brad Pitt, che all'epoca era il suo fidanzato. Pitt affrontò Weinstein e, poco dopo, il produttore le intimò di non parlare con nessun altro di quello che era successo. "Pensavo che mi avrebbe licenziata". Un racconto simile lo hanno fornito al New York Times anche altre attrici, da Rosanna Arquette a Judith Godrèche, fino ad Angelina Jolie, che ha raccontato, in una e-mail, che Weinstein le fece delle avances non desiderate, e respinte, in una stanza d'albergo, durante la distribuzione del film 'Scherzi del cuore', del 1998. "Ho avuto una brutta esperienza con Harvey Weinstein in gioventù e, come risultato, ho scelto di non lavorare più con lui, mettendo in guardia le altre quando lo facevano. Questo comportamento verso le donne in qualsiasi campo, in qualsiasi Paese è inaccettabile".

Il New York Times ha intervistato anche Katherine Kendall e due donne, Toni-Ann Roberts e Dawn Dunning, che all'epoca volevano intraprendere la carriera di attrice, ma furono scioccate dalle proposte di Weinstein e rinunciarono a seguire il loro sogno.

Asia Argento. Tra le vittime del produttore è emersa anche Asia Argento, che ha parlato per la prima volta con il New Yorker.  L'episodio - secondo quanto sostiene la figlia del regista Dario - è avvenuto a Parigi nel 1997, quando la donna aveva 21 anni ed era stata invitata a una festa della casa di produzione Miramax.

Secondo quanto ha dichiarato Asia Argento al New Yorker, Weinstein l'ha obbligata a subire sesso orale. L'attrice sostiene di non aver mai raccontato questo episodio per paura di ritorsioni. "Temevo che mi potesse distruggere. So che ha distrutto molte persone prima". "Questo è il motivo per cui questa storia - nel mio caso sono 20 ani, alcune sono molto più vecchie - non è mai venuta fuori", ha aggiunto Argento.

"In una serie di lunghe e spesso emozionanti interviste, Argento mi ha detto che Weinstein la ha aggredita mentre lavoravano insieme", si legge nell'articolo del New Yorker. L'attrice ha interpretato il ruolo di Beatrice nel film "B. Monkey - Una donna da salvare", distribuito nel 1999 in America proprio da Miramax. Argento sostiene che nei cinque anni successivi ha avuto rapporti consensuali con il potente produttore, anche se sono stati "onanistici" e che si è sentita in colpa per anni per non aver mai raccontato questa storia.

Argento ha anche dichiarato al New Yorker che la sera dell'abuso, il produttore le chiese di fargli un massaggio e che lei accettò. Poi, lui l'ha strappato la gonna e parto le gambe e praticato del sesso orale mentre lei continuava a dirgli di smettere. "Non si voleva fermare, è stato un incubo". L'attrice averebbe voluto parlare con la polizia, ma poi, ha pensato che c'era un film in uscita e che il produttore aveva un team di avvocati potentissimo.

Weinstein che ha lasciato Miramax nel 2005 per fondare la The Weinstein Company è stato licenziato l'8 di ottobre, dopo che lo scandalo degli stupri è iniziato ad emergere in modo consistente.

Hillary Clinton: "Sono scioccata". Hillary Clinton ha detto di essere "scioccata" dopo aver appreso del caso di stupri che coinvolge il produttore di Hollywood, Harvey Weinstein, accusato da diverse donne (tra cui le attrici Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Asia Argento) di molestie sessuali. "Sono scioccata e sconvolta da questa rivelazione su Harvey Weinstein", ha detto in una mota la candidata democratica alle presidenziali Usa del 2016.

"Il comportamento descritto dalle donne che sta emergendo non può essere tollerato - ha aggiunto Clinton -, il loro coraggio e e il loro sostegno degli altri è fondamentale nell'aiutare a fermare questo genere di comportamento", ha detto Clinton. Weinstein ha esercitato la sua influenza anche sulla politi, in particolare attraverso una serie di raccolte fondi per il partito democratico e per le campagne di Barack Obama e Hillary Clinton.

Is
Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft