Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Ci sono anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie tra le donne che accusano il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali. Le due attrici lo hanno dichiarato in un'intervista al New York Times, appena pubblicata. "Questo modo di trattare le donne finisce qui" ha detto Paltrow, importunata quando aveva 22 anni dall'uomo che ha dato inizio alla sua carriera e che l'ha aiutata a vincere l'Oscar.

Era il 1996 e Paltrow aveva appena ottenuto la parte principale in 'Emma', l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Jane Austen, scelta da Weinstein. Prima che le riprese iniziassero, lui la convocò per discutere di lavoro nella sua suite, dove le mise le mani addosso, affermando che sarebbero dovuti andare nella stanza da letto per farsi dei massaggi, secondo la ricostruzione fornita dall'attrice.

"Ero una ragazzina, avevo firmato, ero pietrificata" ha ricordato Paltrow, rendendo cos" pubbliche le molestie sessuali ricevute. Lei rifiutò le avances e si confidò con Brad Pitt, che all'epoca era il suo fidanzato. Pitt affrontò Weinstein e, poco dopo, il produttore le intimò di non parlare con nessun altro di quello che era successo. "Pensavo che mi avrebbe licenziata". Un racconto simile lo hanno fornito al New York Times anche altre attrici, da Rosanna Arquette a Judith Godrèche, fino ad Angelina Jolie, che ha raccontato, in una e-mail, che Weinstein le fece delle avances non desiderate, e respinte, in una stanza d'albergo, durante la distribuzione del film 'Scherzi del cuore', del 1998. "Ho avuto una brutta esperienza con Harvey Weinstein in gioventù e, come risultato, ho scelto di non lavorare più con lui, mettendo in guardia le altre quando lo facevano. Questo comportamento verso le donne in qualsiasi campo, in qualsiasi Paese è inaccettabile".

Il New York Times ha intervistato anche Katherine Kendall e due donne, Toni-Ann Roberts e Dawn Dunning, che all'epoca volevano intraprendere la carriera di attrice, ma furono scioccate dalle proposte di Weinstein e rinunciarono a seguire il loro sogno.

Asia Argento. Tra le vittime del produttore è emersa anche Asia Argento, che ha parlato per la prima volta con il New Yorker.  L'episodio - secondo quanto sostiene la figlia del regista Dario - è avvenuto a Parigi nel 1997, quando la donna aveva 21 anni ed era stata invitata a una festa della casa di produzione Miramax.

Secondo quanto ha dichiarato Asia Argento al New Yorker, Weinstein l'ha obbligata a subire sesso orale. L'attrice sostiene di non aver mai raccontato questo episodio per paura di ritorsioni. "Temevo che mi potesse distruggere. So che ha distrutto molte persone prima". "Questo è il motivo per cui questa storia - nel mio caso sono 20 ani, alcune sono molto più vecchie - non è mai venuta fuori", ha aggiunto Argento.

"In una serie di lunghe e spesso emozionanti interviste, Argento mi ha detto che Weinstein la ha aggredita mentre lavoravano insieme", si legge nell'articolo del New Yorker. L'attrice ha interpretato il ruolo di Beatrice nel film "B. Monkey - Una donna da salvare", distribuito nel 1999 in America proprio da Miramax. Argento sostiene che nei cinque anni successivi ha avuto rapporti consensuali con il potente produttore, anche se sono stati "onanistici" e che si è sentita in colpa per anni per non aver mai raccontato questa storia.

Argento ha anche dichiarato al New Yorker che la sera dell'abuso, il produttore le chiese di fargli un massaggio e che lei accettò. Poi, lui l'ha strappato la gonna e parto le gambe e praticato del sesso orale mentre lei continuava a dirgli di smettere. "Non si voleva fermare, è stato un incubo". L'attrice averebbe voluto parlare con la polizia, ma poi, ha pensato che c'era un film in uscita e che il produttore aveva un team di avvocati potentissimo.

Weinstein che ha lasciato Miramax nel 2005 per fondare la The Weinstein Company è stato licenziato l'8 di ottobre, dopo che lo scandalo degli stupri è iniziato ad emergere in modo consistente.

Hillary Clinton: "Sono scioccata". Hillary Clinton ha detto di essere "scioccata" dopo aver appreso del caso di stupri che coinvolge il produttore di Hollywood, Harvey Weinstein, accusato da diverse donne (tra cui le attrici Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Asia Argento) di molestie sessuali. "Sono scioccata e sconvolta da questa rivelazione su Harvey Weinstein", ha detto in una mota la candidata democratica alle presidenziali Usa del 2016.

"Il comportamento descritto dalle donne che sta emergendo non può essere tollerato - ha aggiunto Clinton -, il loro coraggio e e il loro sostegno degli altri è fondamentale nell'aiutare a fermare questo genere di comportamento", ha detto Clinton. Weinstein ha esercitato la sua influenza anche sulla politi, in particolare attraverso una serie di raccolte fondi per il partito democratico e per le campagne di Barack Obama e Hillary Clinton.

Is
Altri Servizi

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il dipartimento alla Difesa americano, che teme un precipitare degli eventi che sarebbe innanzi tutto un grave incidente diplomatico tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama. Il governo del 45esimo presidente americano non può attuare le regole che virtualmente avrebbero permesso a ogni datore di lavoro di rifiutarsi di fornire alle dipendenti polizze assicurative che comprendono i metodi contraccettivi, se considerati in contrasto con i loro valori etici o religiosi.

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

Michael Bloomberg, il tre volte sindaco di New York che nel 2016 accarezzò l'idea di candidarsi alle presidenziali americane, ha pesantemente criticato la riforma fiscale che Donald Trump spera di rendere legge entro Natale. Secondo lui è una "cantonata economicamente indifendibile" di cui il presidente dovrà rispondere per gli effetti che creerà. Per questo i repubblicani che ne sono consapevoli dovrebbero votare no.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

La riforma fiscale negli Stati Uniti è sempre più vicina. I legislatori repubblicani hanno finalizzato in un unico testo le bozze del provvedimento approvato alla Camera il 16 novembre scorso e al Senato il 2 dicembre successivo. E se ieri i mercati finanziari temevano nuovi ostacoli, oggi sono tornati a sperare spingendosi a livelli record.

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

La settimana negli Stati Uniti: Fed, riforma fiscale e voto in Alabama

L'ultima settimana prima delle vacanze di Natale. Il Congresso deve affrontare anche lo shutdown, mentre la Fed si prepara ad alzare i tassi sul denaro per la terza volta nel 2017
AP

Manca ormai poco alle feste di Natale e alla chiusura del 2017. La settimana in arrivo in America - dopo quella incredibile appena passata - prevede tre eventi fondamentali. Il Congresso continua a lavorare sulla riforma fiscale, la Federal reserve dovrebbe annunciare un rialzo dei tassi di interesse e poi si vota in Alabama per assegnare un posto al Senato: tutti parlano solo di Roy Moore. Vediamoli.