Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Ci sono anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie tra le donne che accusano il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali. Le due attrici lo hanno dichiarato in un'intervista al New York Times, appena pubblicata. "Questo modo di trattare le donne finisce qui" ha detto Paltrow, importunata quando aveva 22 anni dall'uomo che ha dato inizio alla sua carriera e che l'ha aiutata a vincere l'Oscar.

Era il 1996 e Paltrow aveva appena ottenuto la parte principale in 'Emma', l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Jane Austen, scelta da Weinstein. Prima che le riprese iniziassero, lui la convocò per discutere di lavoro nella sua suite, dove le mise le mani addosso, affermando che sarebbero dovuti andare nella stanza da letto per farsi dei massaggi, secondo la ricostruzione fornita dall'attrice.

"Ero una ragazzina, avevo firmato, ero pietrificata" ha ricordato Paltrow, rendendo cos" pubbliche le molestie sessuali ricevute. Lei rifiutò le avances e si confidò con Brad Pitt, che all'epoca era il suo fidanzato. Pitt affrontò Weinstein e, poco dopo, il produttore le intimò di non parlare con nessun altro di quello che era successo. "Pensavo che mi avrebbe licenziata". Un racconto simile lo hanno fornito al New York Times anche altre attrici, da Rosanna Arquette a Judith Godrèche, fino ad Angelina Jolie, che ha raccontato, in una e-mail, che Weinstein le fece delle avances non desiderate, e respinte, in una stanza d'albergo, durante la distribuzione del film 'Scherzi del cuore', del 1998. "Ho avuto una brutta esperienza con Harvey Weinstein in gioventù e, come risultato, ho scelto di non lavorare più con lui, mettendo in guardia le altre quando lo facevano. Questo comportamento verso le donne in qualsiasi campo, in qualsiasi Paese è inaccettabile".

Il New York Times ha intervistato anche Katherine Kendall e due donne, Toni-Ann Roberts e Dawn Dunning, che all'epoca volevano intraprendere la carriera di attrice, ma furono scioccate dalle proposte di Weinstein e rinunciarono a seguire il loro sogno.

Asia Argento. Tra le vittime del produttore è emersa anche Asia Argento, che ha parlato per la prima volta con il New Yorker.  L'episodio - secondo quanto sostiene la figlia del regista Dario - è avvenuto a Parigi nel 1997, quando la donna aveva 21 anni ed era stata invitata a una festa della casa di produzione Miramax.

Secondo quanto ha dichiarato Asia Argento al New Yorker, Weinstein l'ha obbligata a subire sesso orale. L'attrice sostiene di non aver mai raccontato questo episodio per paura di ritorsioni. "Temevo che mi potesse distruggere. So che ha distrutto molte persone prima". "Questo è il motivo per cui questa storia - nel mio caso sono 20 ani, alcune sono molto più vecchie - non è mai venuta fuori", ha aggiunto Argento.

"In una serie di lunghe e spesso emozionanti interviste, Argento mi ha detto che Weinstein la ha aggredita mentre lavoravano insieme", si legge nell'articolo del New Yorker. L'attrice ha interpretato il ruolo di Beatrice nel film "B. Monkey - Una donna da salvare", distribuito nel 1999 in America proprio da Miramax. Argento sostiene che nei cinque anni successivi ha avuto rapporti consensuali con il potente produttore, anche se sono stati "onanistici" e che si è sentita in colpa per anni per non aver mai raccontato questa storia.

Argento ha anche dichiarato al New Yorker che la sera dell'abuso, il produttore le chiese di fargli un massaggio e che lei accettò. Poi, lui l'ha strappato la gonna e parto le gambe e praticato del sesso orale mentre lei continuava a dirgli di smettere. "Non si voleva fermare, è stato un incubo". L'attrice averebbe voluto parlare con la polizia, ma poi, ha pensato che c'era un film in uscita e che il produttore aveva un team di avvocati potentissimo.

Weinstein che ha lasciato Miramax nel 2005 per fondare la The Weinstein Company è stato licenziato l'8 di ottobre, dopo che lo scandalo degli stupri è iniziato ad emergere in modo consistente.

Hillary Clinton: "Sono scioccata". Hillary Clinton ha detto di essere "scioccata" dopo aver appreso del caso di stupri che coinvolge il produttore di Hollywood, Harvey Weinstein, accusato da diverse donne (tra cui le attrici Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Asia Argento) di molestie sessuali. "Sono scioccata e sconvolta da questa rivelazione su Harvey Weinstein", ha detto in una mota la candidata democratica alle presidenziali Usa del 2016.

"Il comportamento descritto dalle donne che sta emergendo non può essere tollerato - ha aggiunto Clinton -, il loro coraggio e e il loro sostegno degli altri è fondamentale nell'aiutare a fermare questo genere di comportamento", ha detto Clinton. Weinstein ha esercitato la sua influenza anche sulla politi, in particolare attraverso una serie di raccolte fondi per il partito democratico e per le campagne di Barack Obama e Hillary Clinton.

Is
Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP