Cinque fatti poco conosciuti sul 4 Luglio, giorno dell'Indipendenza statunitense

Dalla reale giornata che andrebbe festeggiata alle curiosità su presidenti e hot dog: ecco quello che nemmeno molti cittadini statunitensi sanno

Le celebrazioni per il 4 Luglio, cominciate 241 anni fa per il primo anniversario del giorno dell'Indipendenza, si sono evolute nel corso dei decenni: gli statunitensi, per esempio, hanno sostituito la zuppa di tartaruga e gli spari di cannone con hot dog e fuochi d'artificio. Ci sono degli elementi costanti e imprescindibili, che si ripetono ogni anno, come i barbecue e le parate, e ci sono anche cinque fatti relativi al 4 Luglio poco conosciuti agli stessi statunitensi.

Il 2 Luglio

Gli statunitensi festeggiano l'indipendenza dal Regno Unito il 4 luglio, ma una data più accurata per celebrarla potrebbe in realtà essere il 2 luglio. La dichiarazione d'Indipendenza è stata approvata e presentata dal Congresso il 4 luglio 1776, ma la call for freedom risale proprio al 2 luglio. La dichiarazione d'indipendenza divenne poi ufficiale solo il 2 agosto 1776, con la firma sul documento da parte dei 56 delegati delle 13 colonie, secondo i National Archives. Il presidente John Adams scrisse una lettera alla moglie, in cui affermava che il 2 luglio avrebbe dovuto essere celebrato dalle future generazioni.

Gli hot dog

Quattro immigrati discutevano su chi fosse il più patriottico. Per decidere chi avesse ragione, si batterono a colpi di hot dog: così, secondo Nathan's Famous, nacque la famosa gara tra mangiatori di hot dog, conosciuta in tutto il mondo. Oltre cento anni dopo, i concorrenti e circa 30.000 curiosi arrivano a Coney Island, a Brooklyn, New York, per celebrare l'Indipendenza, con un evento trasmesso anche in diretta televisiva.

I nativi

Molte tribù di nativi approfittano del 4 luglio per celebrare le proprie tradizioni, secondo il National Museum of the American Indian. Alcune tribù, come i Kiowa dell'Oklahoma e i Lakota del South Dakota, celebrano il 4 luglio perché coincide con le loro Danze del sole, le cerimonie più importanti per i nativi delle Pianure. Dal primo al 4 luglio, la nazione Navajo organizza una fiera e un rodeo per celebrare l'Indipendenza.

I presidenti

John Adams, Thomas Jefferson e James Monroe sono morti il 4 luglio. I primi due sono morti lo stesso giorno e lo stesso anno, nel 1829. Adams, il secondo presidente, avrebbe mormorato "Thomas Jefferson sopravvive" appena prima di morire, secondo la Casa Bianca. Non sapeva, però, che Jefferson (terzo presidente) era morto poche ore prima, in Virginia. L'unico presidente a nascere il 4 luglio è stato Calvin Coolidge: ogni anno, il compleanno del trentesimo presidente è celebrato a Plymouth, in Vermont, dove nacque.

La campana della libertà

La Liberty Bell, forse il simbolo più associato alla Rivoluzione americana, si trova a Philadelphia. Invece di essere suonata, riceve 13 piccoli colpi ogni 4 luglio dai discendenti dei firmatari della dichiarazione d'Indipendenza, secondo quanto riferito da Adam Duncan, portavoce del National Park Service. L'ultima volta che è stata suonata è stato il 23 febbraio 1846, per celebrare l'anniversario della nascita di George Washington. Da allora non è più stata suonata, per paura che la sua famosa crepa potesse diventare ancora più profonda.

Altri Servizi

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.