I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Non c'è stato un solo presidente americano che abbia cercato di abolire un monumento nazionale creato da un suo predecessore. Donald Trump sta cercando di cambiare questa consuetudine. Il segretario agli Interni, Ryan Zinke, sta infatti analizzando 27 casi e presto potrebbe togliere la protezione e i fondi ad alcuni di questi luoghi, che comprendono montagne, formazioni rocciose naturali in mezzo al deserto e altre parti di territorio tutelato da Washington.

Zinke sta cercando di capire se le precedenti amministrazioni abbiano abusato della loro autorità: se cos" fosse, potrebbe raccomandare al presidente di eliminare alcuni monumenti e ridare il territorio protetto ai singoli stati, che potranno farne qualsiasi cosa, anche aprire alla ricerca di petrolio, gas naturale o carbone. Il rapporto di Zinke dovrebbe essere pubblicato entro il 24 agosto. Il New York Times ha fatto una lista dei cinque monumenti da non perdere di vista.

1. Grand Staircase-Escalante Si trova in Utah, occupa 760.000 ettari ed è stato stabilito da Bill Clinton nel 1996. Da più di vent'anni alcuni residenti - e i repubblicani - stanno lottando per far diminuire la grandezza del territorio protetto, che comprende diverse miniere di carbone. Quando Zinke a maggio ha visitato l'area non ha voluto specificare se le riserve di carbone avranno un ruolo centrale nella sua decisione. C'è da dire che in tutti questi anni i responsabili del parco hanno lamentato l'assenza di fondi e dunque la difficoltà di proteggerlo adeguatamente.

2. Bears Ears Sempre in Utah si trova il Bears Ears, un sito di 550.000 ettari protetto dal 2016 su ordine di Barack Obama. Il territorio è stato messo sotto tutela dopo anni di pressioni da parte di gruppi di ambientalisti e di nativi americani, che venerano l'area come un luogo sacro. Zinke ha già promesso importanti cambiamenti nella zona, causando le proteste di ambientalisti ma anche di aziende che producono abbigliamento sportivo come Patagonia e Rei, che hanno fatto una campagna in difesa di Bears.

3. Organ Mountains-Desert Peaks Si trova in New Mexico, misura 200.857 ettari, ed è stata designata come monumento nazionale da Barack Obama, secondo cui la tutela dell'area avrebbe portato a un guadagno di 7,4 milioni di dollari in nuove attività economiche legate al turismo. Secondo i proprietari di ranch presenti sul territorio, tuttavia, il presidente aveva dichiarato patrimonio nazionale un'area troppo grande, senza curarsi dell'Antiquities Act, che invita a mettere sotto tutela una porzione di territorio "limitata alla più piccola area compatibile con un'adeguata gestione e cura". Durante una visita in elicottero lo scorso luglio, Zinke aveva lodato la bellezza del luogo, dichiarando però "E' un po' disconnesso".

4. Katahdin Woods and Waters Situata in Maine, è un'area boschiva che si estende per 35.435 ettari. Dichiarata monumento nazionale da Barack Obama nell'agosto 2016, è stata donata allo stato da Roxanne Quimby, co-fondatrice di un'azienda cosmetica, insieme a 40 milioni di dollari per la sua tutela. La donazione era stata definita dal governatore del Maine, Paul R. LePage - repubblicano - una "questione di ego" per Quimby, e l'area liquidata come "una zona piena di zanzare" che non avrebbe attirato turisti. Pare che Zinke, che ha visitato Katahdin a giugno, si sia detto intenzionato a farla rimanere bene pubblico.

5. Papahanaumokuakea Una riserva naturale marina di milioni di ettari - grande il doppio del Texas - situata alle Hawaii e istituita nel 2006 da George W. Bush, per poi essere quadruplicata per volere di Obama. E' la più grande area protetta sulla terra. Sono vietati la pesca dei tonni e di altre specie marine (però la pesca ricreativa è consentita, per chi possiede un apposito permesso). Vietate anche le trivellazioni per trovare petrolio e gas. La decisione di Obama è arrivata in seguito ai consulti con vari esperti ambientali, secondo i quali la tutela dell'area poteva avere un ruolo cruciale nel proteggere i vari ecosistemi presenti dai cambiamenti climatici. Ma la messa sotto tutela ha avuto anche molti detrattori, come il Western Pacific Regional Fishery Management Council, che salvaguarda la pesca commerciale nelle isole del Pacifico, e che ovviamente si è opposta all'inserimento dell'area tra i monumenti nazionali. Tra chi criticò la decisione, anche i Repubblicani, secondo cui l'Antiquities Act deve proteggere "terre, non oceani".

Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana