I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Non c'è stato un solo presidente americano che abbia cercato di abolire un monumento nazionale creato da un suo predecessore. Donald Trump sta cercando di cambiare questa consuetudine. Il segretario agli Interni, Ryan Zinke, sta infatti analizzando 27 casi e presto potrebbe togliere la protezione e i fondi ad alcuni di questi luoghi, che comprendono montagne, formazioni rocciose naturali in mezzo al deserto e altre parti di territorio tutelato da Washington.

Zinke sta cercando di capire se le precedenti amministrazioni abbiano abusato della loro autorità: se cos" fosse, potrebbe raccomandare al presidente di eliminare alcuni monumenti e ridare il territorio protetto ai singoli stati, che potranno farne qualsiasi cosa, anche aprire alla ricerca di petrolio, gas naturale o carbone. Il rapporto di Zinke dovrebbe essere pubblicato entro il 24 agosto. Il New York Times ha fatto una lista dei cinque monumenti da non perdere di vista.

1. Grand Staircase-Escalante Si trova in Utah, occupa 760.000 ettari ed è stato stabilito da Bill Clinton nel 1996. Da più di vent'anni alcuni residenti - e i repubblicani - stanno lottando per far diminuire la grandezza del territorio protetto, che comprende diverse miniere di carbone. Quando Zinke a maggio ha visitato l'area non ha voluto specificare se le riserve di carbone avranno un ruolo centrale nella sua decisione. C'è da dire che in tutti questi anni i responsabili del parco hanno lamentato l'assenza di fondi e dunque la difficoltà di proteggerlo adeguatamente.

2. Bears Ears Sempre in Utah si trova il Bears Ears, un sito di 550.000 ettari protetto dal 2016 su ordine di Barack Obama. Il territorio è stato messo sotto tutela dopo anni di pressioni da parte di gruppi di ambientalisti e di nativi americani, che venerano l'area come un luogo sacro. Zinke ha già promesso importanti cambiamenti nella zona, causando le proteste di ambientalisti ma anche di aziende che producono abbigliamento sportivo come Patagonia e Rei, che hanno fatto una campagna in difesa di Bears.

3. Organ Mountains-Desert Peaks Si trova in New Mexico, misura 200.857 ettari, ed è stata designata come monumento nazionale da Barack Obama, secondo cui la tutela dell'area avrebbe portato a un guadagno di 7,4 milioni di dollari in nuove attività economiche legate al turismo. Secondo i proprietari di ranch presenti sul territorio, tuttavia, il presidente aveva dichiarato patrimonio nazionale un'area troppo grande, senza curarsi dell'Antiquities Act, che invita a mettere sotto tutela una porzione di territorio "limitata alla più piccola area compatibile con un'adeguata gestione e cura". Durante una visita in elicottero lo scorso luglio, Zinke aveva lodato la bellezza del luogo, dichiarando però "E' un po' disconnesso".

4. Katahdin Woods and Waters Situata in Maine, è un'area boschiva che si estende per 35.435 ettari. Dichiarata monumento nazionale da Barack Obama nell'agosto 2016, è stata donata allo stato da Roxanne Quimby, co-fondatrice di un'azienda cosmetica, insieme a 40 milioni di dollari per la sua tutela. La donazione era stata definita dal governatore del Maine, Paul R. LePage - repubblicano - una "questione di ego" per Quimby, e l'area liquidata come "una zona piena di zanzare" che non avrebbe attirato turisti. Pare che Zinke, che ha visitato Katahdin a giugno, si sia detto intenzionato a farla rimanere bene pubblico.

5. Papahanaumokuakea Una riserva naturale marina di milioni di ettari - grande il doppio del Texas - situata alle Hawaii e istituita nel 2006 da George W. Bush, per poi essere quadruplicata per volere di Obama. E' la più grande area protetta sulla terra. Sono vietati la pesca dei tonni e di altre specie marine (però la pesca ricreativa è consentita, per chi possiede un apposito permesso). Vietate anche le trivellazioni per trovare petrolio e gas. La decisione di Obama è arrivata in seguito ai consulti con vari esperti ambientali, secondo i quali la tutela dell'area poteva avere un ruolo cruciale nel proteggere i vari ecosistemi presenti dai cambiamenti climatici. Ma la messa sotto tutela ha avuto anche molti detrattori, come il Western Pacific Regional Fishery Management Council, che salvaguarda la pesca commerciale nelle isole del Pacifico, e che ovviamente si è opposta all'inserimento dell'area tra i monumenti nazionali. Tra chi criticò la decisione, anche i Repubblicani, secondo cui l'Antiquities Act deve proteggere "terre, non oceani".

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.