Cinque motivi per non temere le tensioni tra Usa e Corea del Nord

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.

1. Prima di tutto: è vero che Trump, come suo solito, si è espresso con toni molto accesi. Ma le sue non sono affatto le prime minacce fatte alla Corea del Nord da un presidente degli Stati Uniti. Prima di lui, sia Barack Obama sia George W. Bush avevano lanciato moniti al regime nordcoreano. La Corea del Nord ha sempre visto queste minacce per quello che erano: solo parole. E le parole non hanno mai portato l'America in guerra, così come non ne hanno mai diminuito la credibilità (almeno fino ad ora). Che Donald Trump adesso usi parole più forti, come mai successo nell'era moderna, non cambia le cose: le sue sono parole, non fatti. E infatti Tillerson ha spiegato che quelle dichiarazioni - secondo la Casa Bianca tutt'altro che improvvisate come invece ha insinuato il NYTimes - e i loro toni sono gli unici che Kim Jong-un può comprendere. A lui e al resto della diplomazia russa e cinese sta il compito di negoziare dietro le quinte.

2. Nelle relazioni internazionali, a contare sono appunto i fatti. Gli Stati non badano tanto alla politica interna dei Paesi rivali o a quello che questi dicono: possono cedere alle provocazioni e provocare a loro volta, certo, ma perché si scatenino azioni concrete serve un'altra azione concreta dall'altra parte. E in tutto questo, le azioni degli Usa contro la Corea del Nord rimangono invariate: "Nulla che ho visto e nulla di cui sono a conoscenza indica che la situazione sia cambiata notevolmente nelle ultime 24 ore", aveva detto Tillerson escludendo "minacce imminenti" mercoledì 9 agosto. Le truppe americane a Guam per il momento non si sono avvicinate ulteriormente alla penisola coreana. Idem la marina americana nel Pacifico, e per ora non ci sono segnali che facciano pensare a movimenti di alcun tipo. Le azioni concrete sono queste: non le parole dure di un presidente E, per quanto bizzarro possa sembrare, persino il regime nordocoreano lo sa. I segnali, in questo caso, stanno dicendo forte e chiaro che gli Usa per il momento vogliono evitare qualsiasi peggioramento delle tensioni.

3. Nessuna delle due parti ha interesse a far crescere le tensioni. La Corea del Nord, da un lato, non è certo intenzionata a dare effettivamente il via a una guerra che non potrebbe vincere; su questo Mattis non poteva essere più chiaro. Dal canto loro, gli Usa hanno tutte le intenzioni di evitare un conflitto che potrebbe portare a un qualche attacco nucleare rivolto a una qualunque città americana (soprattutto ora che Pyongyang pare possa produrre mini testate nucleare da caricare nei suoi missili).

4. A detta del NY Times, ci sono molte ricerche a sostegno della tesi secondo cui Pyongyang non sta predendo seriamente le minacce americane. Gli Stati, per gli esperti di geopolitica, sono di solito portati a credere che le altre nazioni faranno il possibile per mantenere lo status quo. I Paesi tendono anche a non prestare una vera attenzione a qualsiasi segnale che ritengano ambiguo o poco chiaro. Per far cambiare idea alla Corea del Nord sulla loro effettiva intenzione di entrare in guerra, gli Usa dovrebbero agire concretamente. E i tweet di Trump in questo senso non sono abbastanza, per fortuna. Quanto all'ambiguità, se gli americani stessi non riescono a capire che cosa Trump intenda ogni volta che twitta, di certo gli analisti di Pyongyang non hanno le idee più chiare.

5. La credibilità è una questione importante, ma fare la voce grossa, tra Stati, è più facile di quanto si pensi. Secondo il New York Times, anche in questo caso ci sono ricerche a sostegno della tesi secondo cui le minacce non danneggiano la credibilità di una nazione, né creano pressioni dall'altra parte per fare qualcosa.

Riassumendo: se Trump dovesse muovere migliaia di truppe da Guam alla penisola coreana, sarà il caso di iniziare a preoccuparsi. Fino ad allora, come direbbe Tillerson, "si può dormire sonni tranquilli".

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Fare shopping online costerà di più in Usa. La Corte Suprema, il massimo organo giudiziario degli Stati Uniti, ha deciso che gli Stati americani possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax, l'equivalente dell'italiana Imposta generale sulle entrate (quella che ha preceduto l'Imposta sul valore aggiunto). Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.