Cinque motivi per non temere le tensioni tra Usa e Corea del Nord

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.

1. Prima di tutto: è vero che Trump, come suo solito, si è espresso con toni molto accesi. Ma le sue non sono affatto le prime minacce fatte alla Corea del Nord da un presidente degli Stati Uniti. Prima di lui, sia Barack Obama sia George W. Bush avevano lanciato moniti al regime nordcoreano. La Corea del Nord ha sempre visto queste minacce per quello che erano: solo parole. E le parole non hanno mai portato l'America in guerra, così come non ne hanno mai diminuito la credibilità (almeno fino ad ora). Che Donald Trump adesso usi parole più forti, come mai successo nell'era moderna, non cambia le cose: le sue sono parole, non fatti. E infatti Tillerson ha spiegato che quelle dichiarazioni - secondo la Casa Bianca tutt'altro che improvvisate come invece ha insinuato il NYTimes - e i loro toni sono gli unici che Kim Jong-un può comprendere. A lui e al resto della diplomazia russa e cinese sta il compito di negoziare dietro le quinte.

2. Nelle relazioni internazionali, a contare sono appunto i fatti. Gli Stati non badano tanto alla politica interna dei Paesi rivali o a quello che questi dicono: possono cedere alle provocazioni e provocare a loro volta, certo, ma perché si scatenino azioni concrete serve un'altra azione concreta dall'altra parte. E in tutto questo, le azioni degli Usa contro la Corea del Nord rimangono invariate: "Nulla che ho visto e nulla di cui sono a conoscenza indica che la situazione sia cambiata notevolmente nelle ultime 24 ore", aveva detto Tillerson escludendo "minacce imminenti" mercoledì 9 agosto. Le truppe americane a Guam per il momento non si sono avvicinate ulteriormente alla penisola coreana. Idem la marina americana nel Pacifico, e per ora non ci sono segnali che facciano pensare a movimenti di alcun tipo. Le azioni concrete sono queste: non le parole dure di un presidente E, per quanto bizzarro possa sembrare, persino il regime nordocoreano lo sa. I segnali, in questo caso, stanno dicendo forte e chiaro che gli Usa per il momento vogliono evitare qualsiasi peggioramento delle tensioni.

3. Nessuna delle due parti ha interesse a far crescere le tensioni. La Corea del Nord, da un lato, non è certo intenzionata a dare effettivamente il via a una guerra che non potrebbe vincere; su questo Mattis non poteva essere più chiaro. Dal canto loro, gli Usa hanno tutte le intenzioni di evitare un conflitto che potrebbe portare a un qualche attacco nucleare rivolto a una qualunque città americana (soprattutto ora che Pyongyang pare possa produrre mini testate nucleare da caricare nei suoi missili).

4. A detta del NY Times, ci sono molte ricerche a sostegno della tesi secondo cui Pyongyang non sta predendo seriamente le minacce americane. Gli Stati, per gli esperti di geopolitica, sono di solito portati a credere che le altre nazioni faranno il possibile per mantenere lo status quo. I Paesi tendono anche a non prestare una vera attenzione a qualsiasi segnale che ritengano ambiguo o poco chiaro. Per far cambiare idea alla Corea del Nord sulla loro effettiva intenzione di entrare in guerra, gli Usa dovrebbero agire concretamente. E i tweet di Trump in questo senso non sono abbastanza, per fortuna. Quanto all'ambiguità, se gli americani stessi non riescono a capire che cosa Trump intenda ogni volta che twitta, di certo gli analisti di Pyongyang non hanno le idee più chiare.

5. La credibilità è una questione importante, ma fare la voce grossa, tra Stati, è più facile di quanto si pensi. Secondo il New York Times, anche in questo caso ci sono ricerche a sostegno della tesi secondo cui le minacce non danneggiano la credibilità di una nazione, né creano pressioni dall'altra parte per fare qualcosa.

Riassumendo: se Trump dovesse muovere migliaia di truppe da Guam alla penisola coreana, sarà il caso di iniziare a preoccuparsi. Fino ad allora, come direbbe Tillerson, "si può dormire sonni tranquilli".

Altri Servizi

Wall Street attende i verbali del Fomc

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve pubblica alle 14 (le 20 in Italia) i verbali della riunione degli scorsi 31 ottobre e 1 novembre
AP

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Gli Usa verso la fine della neutralità della rete: "Troppe regole frenano la crescita di internet"

Il capo della Fcc ha presentato il proprio piano, che sarà votato (e approvato) il 14 dicembre. I repubblicani metteranno fine alle regole volute da Obama, che equiparavano internet ai servizi di pubblica utilità

Ajit Pai, a capo della Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha presentato il piano repubblicano per cancellare le regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un rete a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

Banche Use: nel terzo trimestre profitti +5,2% a 47,9 miliardi di dollari

Con tassi di interesse bassi e un aumento della competizione, alcune istituzioni vanno a caccia di rendimenti; emergono rischi potenziali
Shutterstock

Le banche americane hanno archiviato il terzo trimestre del 2017 con utili netti pari a 47,9 miliardi di dollari, in rialzo del 5,2% rispetto allo stesso periodo del 2016.