Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

Nei primi nove mesi dell'anno l'azienda di San Jose, California, ha subito oneri legati agli esuberi per 614 milioni di dollari ai quali si aggiungeranno altri 150-200 milioni negli ultimi tre mesi dell'anno. Sulla scia di queste notizie, il titolo del gruppo ha perso l'8% ieri nel dopo mercato a Wall Street. La seduta era finita in ribasso dell'1,4% a 33,82 dollari.

Nei tre mesi al 29 aprile scorso, Cisco ha registrato utili netti di 2,5 miliardi di dollari, in rialzo del 7% sullo stesso periodo dell'anno precedente; in termini di utili per azione si è passati a 50 centesimi da 46 centesimi. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono arrivati a 60 da 57 centesimi, oltre il consensus per 58 centesimi.

I ricavi sono stati pari a 11,9 miliardi di dollari, l'1% in meno sul terzo trimestre dell'esercizio fiscale 2016 ma leggermente sopra le stime del mercato per 11,89 miliardi.

Per gli ultimi tre mesi dell'anno fiscale, Cisco si aspetta utili adjusted tra i 60 e i 62 centesimi per azione contro attese per 62 centesimi ma le vendite sono viste calare del 4-6% rispetto all'anno precedente.

Da inizio anno il titolo ha guadagnato quasi il 12% e negli ultimi 12 mesi è salito del 27%.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Dopo aver iniziato la sua prima visita internazionale da presidente americano in Arabia Saudita, oggi Donald Trump ha continuato il suo viaggio in Israele, dove ha incontrato il presidente, Reuven Rivlin, il primo ministro Benjamin Netanyahu e ha visitato il muro del pianto e il memoriale dell'Olocausto. Domani invece, a Betlemme, Trump avrà un colloquio con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Il presidente ha sin dall'inizio impostato i suoi discorsi su tre punti principali: l'alleanza indissolubile con Israele, lo sforzo per riuscire a giungere alla pace in Medio Oriente e infine un nuovo approccio nei confronti dell'Iran, considerato una seria minaccia alla stabilità nella regione.

Trump: "La pace in Medio Oriente è tra gli accordi più duri, ma sento che ci arriveremo"

Il presidente Usa in Israele, seconda tappa del suo primo tour all'estero. Prosegue il suo sforzo per isolare l'Iran

"Un nuovo livello di partenariato in questa regione è possibile, per portare maggiore sicurezza e prosperità". La pace in Medio Oriente "è uno degli accordi più duri" da raggiungere, ma "sento che ci arriveremo. Lo spero". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la dichiarazione congiunta con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, a Gerusalemme.

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

E' ufficiale. Ford Motor ha scelto il suo nuovo amministratore delegato e presidente al posto di Mark Fields (56 anni), messo sotto pressione dagli investitori dopo tre anni alla guida del gruppo durante i quali ha visto il titolo perdere il 40% in borsa. Si tratta di Jim Hackett (62 anni), che risponderà al presidente esecutivo Bill Ford e con cui si concentrerà su tre priorità: "rafforzare la strategia operativa, modernizzare il business attuale e trasformare l'azienda per affrontare le sfide di domani". Lo ha spiegato Ford in una nota.

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Il viaggio di Donald Trump in Israele ha già fatto Storia, visto che il presidente degli Stati Uniti è arrivato a Tel Aviv con il primo volo diretto dall'Arabia Saudita allo Stato ebraico. Un portavoce dell'Autorità dell'aviazione civile israeliana ha precisato alla France Presse di non essere a conoscenza di nessun altro volo che abbia fatto tale rotta in passato. Israele non ha rapporti diplomatici con Riad, se non relazioni informali a livello di intelligence, soprattutto per quanto riguarda l'Iran e i gruppi che Teheran sostiene nella regione. Non ci sono voli commerciali che collegano Israele all'Arabia Saudita e i voli israeliani non possono neanche volare nello spazio aereo saudita. L'aereo con a bordo la stampa al seguito di Trump ha fatto scalo a Cipro, prima di raggiungere Tel Aviv.

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lasciato un biglietto tra le fessure del Muro del Pianto, come vuole la tradizione, a termine di una visita che resterà nella Storia, visto che è la prima volta che un presidente statunitense in carica visita il Muro Occidentale.

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Per tracciare il suo futuro all'insegna dell'innovazione, Ford Motor ha deciso di affidarsi all'uomo che ha trasformato gli uffici d'America e che ha rilanciato un team universitario di football dalle scarse performance; un uomo "a suo agio in vari campi", ha detto Bill Ford, il pronipote di colui che 114 anni fa fondò il gruppo automobilistico. Si tratta di Jim Hackett, che ha assunto l'incarico di amministratore delegato ricoperto negli ultimi tre anni da Mark Fields. Che su quest'ultimo ci fossero pressioni, non c'erano dubbi: nell'ultima assemblea i soci si erano lamentati, a cominciare dalla performance del titolo (che ha perso il 40% circa dal 2014). E mentre la Silicon Valley ha accelerato per stare al passo con le nuove frontiere della mobilità, dal car sharing alle auto autonome o elettriche, Ford è vista come un'azienda che è rimasta indietro. Per questo ha deciso di puntare su "un visionario", come lo ha definito Bill Ford, per "rienergizzare il nostro business".

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

AP

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.