Clima, l'inondazione delle coste americane è già iniziata

La denuncia arriva dal New York Times a poche ore dalla ratifica dell’accordo di Parigi da parte di Washington

Gli Stati Uniti e la Cina hanno ratificato l’accordo di Parigi sul clima dando un esempio a tutti gli altri paesi che ancora devono compiere questo passo. Lo hanno fatto perché, come ha dichiarato il presidente americano Barack Obama, "alla resa dei conti, (l'accordo) segnerà un punto di svolta per il nostro pianeta".

Eppure una svolta per quanto riguarda il cambiamento climatico c’è già stata e molto prima di quanto ci si aspettasse. A distanza di poche ore dalla ratifica dei due paesi, che sono anche i due maggiori inquinanti del nostro pianeta, il New York Times ha pubblicato un articolo con il quale sostiene che l’inondazione delle coste americane è già iniziata. Si tratta di una denuncia molto grave rispetto a un problema che non è più soltanto teoria.

Come si legge nell’articolo, "gli scienziati hanno per decenni messo in guardia sulla crescita dei mari e dei pericoli che ciò presenta per le coste americane", fenomeno dovuto al "cambiamento climatico creato dall’uomo che è stato causa dello scioglimento dei ghiacci" e, conseguentemente dell’innalzamento del livello del mare.

Dopo gli avvisi e gli appelli perché venissero costruite delle barriere che prevenissero queste inondazioni (puntualmente ignorate dal Congresso secondo il Nyt), "l’inondazione delle coste è già iniziata". Gli esempi che mette in evidenza il quotidiano americano sono diversi. Tra queste c’è Tybee Island, una piccola isola della Georgia collegata allo stato da un sottile lembo di terra che sta via via scomparendo proprio a causa della marea che ogni anno sale di livello.

Circa 500 miglia più a sud, a Fort Lauderdale, in Florida, la città spende annualmente milioni di dollari per il mantenimento delle strade o delle fognature che risentono delle inondazioni, per non parlare dei soldi spesi in giganti autospurghi che servono proprio ad aspirare l’acqua marina che molto spesso inonda le strade in prossimità della costa.

Questo avviene, come specifica il Nyt, perché manca a livello nazionale una politica precisa e definita per affrontare l’innalzamento del livello del mare. Eppure i soldi vengono spesi ugualmente ma nel modo sbagliato, con Washington che sta addirittura finanziando con miliardi di dollari "sussidi ai governi locali e ai proprietari di case che costruiscono abitazioni nelle aree a rischio lungo la costa".

Gli scienziati federali hanno documentato un deciso ed evidente peggioramento di queste lievi ma comunque preoccupanti inondazioni negli ultimi anni. Per identificarle è stato coniato il termine "sunny day flooding", e cioè inondazioni di giornate soleggiate che stanno colpendo la costa orientale degli Stati Uniti. Per il momento quella del Pacifico non ha registrato episodi del genere ma gli stessi specialisti temono che potrebbe essere colpita in modo molto forte.

Il Nyt specifica che per il momento si tratta di inondazioni di poco più di mezzo metro i cui danni possono però essere diversi: fermare il traffico, allagare le cantine, danneggiare le macchine, uccidere prati e foreste e avvelenare i pozzi per via dell’acqua salata. "Stiamo surriscaldando troppo gli oceani che non facciamo altro che far arrivare più acqua su di noi, non c'è dubbio", ha detto l giornale americano il dottor Philipp Stoddard, sindaco di South Miami e biologo. "Alla fine ci arrenderemo all’evidenza quando non ci sarà più nulla da fare. Ecco come finisce la storia", ha concluso Stoddard.

Altri Servizi

Gli Usa potrebbero colpire la Corea del Nord. Pyongyang: "Pronti alla guerra"

Secondo la Nbc, Washington valuta la possibilità di un raid, in caso di un nuovo test nucleare del regime di Kim. La Cina avverte: "Non ci sarebbero vincitori"
AP

Gli Stati Uniti sono pronti a lanciare un raid preventivo contro la Corea del Nord con armi convenzionali, nel momento in cui dovessero essere certi di un nuovo test nucleare di Pyongyang. La notizia è riportata dalla Nbc, che cita fonti dell'intelligence, che credono che un test nucleare possa essere effettuato durante il fine settimana. Il sesto ordigno atomico nordcoreano è atteso, secondo molti analisti, il 15 aprile, giorno del 105° anniversario della nascita del nonno e fondatore della dinastia Kim al potere in Corea del Nord, Kim Il-sung, il "presidente eterno".

Afghanistan, la 'superbomba' ha ucciso 36 miliziani dell'Isis. Il generale Nicholson: "Scelta puramente tattica"

La GBU-43 è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Soddisfatto il presidente Trump: "Un'altra missione di successo"

Il comandante delle forze statunitensi in Afghanistan ha detto che la decisione di usare in Afghanistan la 'superbomba' GBU-43, conosciuta con l'acronimo MOAB, è stata "puramente tattica". "Era la giusta arma per l'obiettivo giusto" ha commentato il generale John Nicholson, parlando durante una conferenza stampa a Kabul.

Trump, un piano contro i migranti irregolari per mantenere le promesse

Molto costoso, potrebbe non essere mai realizzato. Il muro comincerà a essere costruito nella Valle del Rio Grande
Ap

L'amministrazione statunitense sta velocemente percorrendo i passi per costruire una forza nazionale che si occupi del rimpatrio degli immigrati illegali, come promesso in campagna elettorale e delineato dai due ordini esecutivi firmati dal presidente Donald Trump a gennaio. Il Washington Post ha ottenuto un documento del dipartimento della Sicurezza interna, che mostra che l'agenzia ha già trovato 33.000 posti in più per detenere gli immigrati senza documenti e ha aperto le trattative con decine di forze di polizia locali, che potrebbero essere dotate, sull'immigrazione, del potere di quelle federali; inoltre, dal documento emerge che sarebbe stato identificato il luogo dove dare inizio alla costruzione del muro con il Messico voluto dal presidente Trump. L'agenzia, inoltre, sta valutando il modo per accelerare il processo di assunzione di centinaia di nuovi agenti del Customs and Border Patrol, responsabile dei controlli alle frontiere.

Fusione tra Abbott Laboratories e Alere si farà, ma con un prezzo più basso

Abbott pagherà 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali.

La fusione tra Abbott Laboratories e Alere, che sembrava destinata a naufragare, si farà. Le due società del settore farmaceutico e sanitario americano, per sbloccare la situazione, hanno trovato un punto di incontro su una cifra più bassa di quella inizialmente prevista.

Tribunale federale ferma esecuzione sei sentenze capitali in Arkansas

Sarebbero le prime dal 2005. Erano previste nell'arco di dieci giorni. Disappunto della procura generale dello Stato: tentativi di ostacolare la giustizia.

Lo Stato dell'Arkansas non potrà portare avanti le sei esecuzioni capitali in dieci giorni, previste a partire dal 17 aprile. Un giudice federale ha infatti imposto la sospensione di quello che sarebbe stato un numero senza precedenti per un arco di tempo così breve nella storia moderna degli Stati Uniti.

Intesa San Paolo porta Caravaggio al Met di New York. Gros-Pietro: sono orgoglioso

Fino al 30 giugno esposto Il Martirio di S. Orsola nel tempio dell'arte della metropoli americana

Viene presentata questa mattina al Metropolitan Museum of Art di New York l’opera di Caravaggio 'Martirio di S. Orsola', alla presenza di Gian Maria Gros–Pietro, presidente del consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo, Michele Coppola, responsabile delle attività culturali di Intesa Sanpaolo, e Francesco Genuardi, Console Italiano a New York. Il dipinto, proveniente dalle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, è una straordinaria testimonianza della stagione estrema di Caravaggio e una delle opere più importanti della collezione della Banca.

Lamborghini: presenta a NY la super car Huracan Performante, è già sold out

Parla Alessandro Farmeschi, direttore operativo Nord America dell'azienda

Dopo averlo fatto a Ginevra, Lamborghini ha svelato anche a New York la sua nuova super car: la Huracan Performante. Ed già è sold out. "Chi la ordina oggi, non potrà averla prima del 2018. La lista d'attesa è lunga", ha detto ad America 24 Alessandro Farmeschi, direttore operativo Nord America dell'azienda di Sant’Agata Bolognese. "La domanda", ha proseguito, "è diffusa in tutto il mondo; c'è stata una recezione ottima".

Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Apple entra ufficialmente nella competizione per lo sviluppo di vetture senza conducente. Il colosso di Cupertino ha ricevuto dallo stato della California i permessi necessari per cominciare i test sui veicoli autonomi.

Tensione Usa-Corea del Nord alle stelle. Pyongyang pronta a rispondere a guerra totale

Ma dopo l'intensa attività diplomatica delle ultime ore il test nucleare nordcoreano ipotizzato per oggi, proprio in occasione dell'anniversario della nascita di Kim il-Sung, non c'è stato.

La Corea de Nord è pronta a rispondere a qualsiasi attacco nucleare statunitense con le stesse armi. "Risponderemo alla guerra totale con la guerra totale. Risponderemo a un attacco nucleare con un nostro attacco nucleare", ha detto il numero due del regime di Pyongyang, Choe Ryong-Hae, durante la parata militare svoltasi nella capitale nordcoreana.

Wells Fargo verso il faccia a faccia con gli azionisti: traballa poltrona vari membri Cda

Gli investitori alla società un deciso cambio di rotta dopo lo scandalo dei 2,1 milioni di conti fantasma creati ad arte per centrare gli obiettivi sulle vendite e costato una multa da 185 milioni di dollari.
Wells Fargo

Wells Fargo, che ha chiuso il primo trimestre con profitti piatti, seppur superiori alle previsioni, deve fare i conti con una situazione che altre grandi banche hanno già sperimentato dopo la crisi finanziaria, ovvero forti pressioni interne per un rimpasto radicale del consiglio di amministrazione.