Clima, l'inondazione delle coste americane è già iniziata

La denuncia arriva dal New York Times a poche ore dalla ratifica dell’accordo di Parigi da parte di Washington

Gli Stati Uniti e la Cina hanno ratificato l’accordo di Parigi sul clima dando un esempio a tutti gli altri paesi che ancora devono compiere questo passo. Lo hanno fatto perché, come ha dichiarato il presidente americano Barack Obama, "alla resa dei conti, (l'accordo) segnerà un punto di svolta per il nostro pianeta".

Eppure una svolta per quanto riguarda il cambiamento climatico c’è già stata e molto prima di quanto ci si aspettasse. A distanza di poche ore dalla ratifica dei due paesi, che sono anche i due maggiori inquinanti del nostro pianeta, il New York Times ha pubblicato un articolo con il quale sostiene che l’inondazione delle coste americane è già iniziata. Si tratta di una denuncia molto grave rispetto a un problema che non è più soltanto teoria.

Come si legge nell’articolo, "gli scienziati hanno per decenni messo in guardia sulla crescita dei mari e dei pericoli che ciò presenta per le coste americane", fenomeno dovuto al "cambiamento climatico creato dall’uomo che è stato causa dello scioglimento dei ghiacci" e, conseguentemente dell’innalzamento del livello del mare.

Dopo gli avvisi e gli appelli perché venissero costruite delle barriere che prevenissero queste inondazioni (puntualmente ignorate dal Congresso secondo il Nyt), "l’inondazione delle coste è già iniziata". Gli esempi che mette in evidenza il quotidiano americano sono diversi. Tra queste c’è Tybee Island, una piccola isola della Georgia collegata allo stato da un sottile lembo di terra che sta via via scomparendo proprio a causa della marea che ogni anno sale di livello.

Circa 500 miglia più a sud, a Fort Lauderdale, in Florida, la città spende annualmente milioni di dollari per il mantenimento delle strade o delle fognature che risentono delle inondazioni, per non parlare dei soldi spesi in giganti autospurghi che servono proprio ad aspirare l’acqua marina che molto spesso inonda le strade in prossimità della costa.

Questo avviene, come specifica il Nyt, perché manca a livello nazionale una politica precisa e definita per affrontare l’innalzamento del livello del mare. Eppure i soldi vengono spesi ugualmente ma nel modo sbagliato, con Washington che sta addirittura finanziando con miliardi di dollari "sussidi ai governi locali e ai proprietari di case che costruiscono abitazioni nelle aree a rischio lungo la costa".

Gli scienziati federali hanno documentato un deciso ed evidente peggioramento di queste lievi ma comunque preoccupanti inondazioni negli ultimi anni. Per identificarle è stato coniato il termine "sunny day flooding", e cioè inondazioni di giornate soleggiate che stanno colpendo la costa orientale degli Stati Uniti. Per il momento quella del Pacifico non ha registrato episodi del genere ma gli stessi specialisti temono che potrebbe essere colpita in modo molto forte.

Il Nyt specifica che per il momento si tratta di inondazioni di poco più di mezzo metro i cui danni possono però essere diversi: fermare il traffico, allagare le cantine, danneggiare le macchine, uccidere prati e foreste e avvelenare i pozzi per via dell’acqua salata. "Stiamo surriscaldando troppo gli oceani che non facciamo altro che far arrivare più acqua su di noi, non c'è dubbio", ha detto l giornale americano il dottor Philipp Stoddard, sindaco di South Miami e biologo. "Alla fine ci arrenderemo all’evidenza quando non ci sarà più nulla da fare. Ecco come finisce la storia", ha concluso Stoddard.

Altri Servizi

Il Public Hotel: la sfida del fondatore di Studio 54 ad Airbnb

Come combattere l'ospitalità fai da te a New York? Con un albergo di lusso, con cinque bar e cibo gourmet, ma priva di reception e servizio in camera per abbassare i costi (e i prezzi)

Cinque bar, una terrazza con vista a 360 gradi su Manhattan, cibo gourmet ma nemmeno un concierge o una vera e propria reception. È Public, l'hotel di lusso - dai prezzi però "relativamente" abbordabili - aperto quest'estate nel Lower East Side a New York City. Ad averlo voluto è stato Ian Schrager, fondatore dello storico Studio 54 (ex nightclub di Manhattan ora trasformato in teatro di Broadway).

Le opere d'esordio di Amedeo Modigliani per la prima volta negli Usa

Al Jewish Museum di New York, una mostra per raccontare l'artista, partendo dal tema cruciale della sua ebraicità

Amedeo Modigliani arrivò a Parigi a ventidue anni. Sarebbe morto tredici anni dopo, lasciando a metà una vita fatta d'amore, dipendenze, malattia e arte. Sulla sua figura e la sua opera il Jewish Museum di New York ha costruito una mostra, Modigliani Unmasked, inaugurata il 15 settembre e che potrà essere ammirata fino al 4 febbraio 2018. Una mostra che non è dedicata al percorso artistico di Modigliani nella sua interezza, ma solo sull'inizio, il periodo che ha generato tutto il resto.

La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise in vendita per connettere i fan alle squadre

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.

Irma si avvicina alla Florida e torna a categoria 4. Trump su Twitter: "Andate via"

L’uragano si avvicina all’arcipelago delle Keys e dovrebbe raggiungere le sue coste attorno alle 7 del mattino ora locale, le 13 in Italia

L’uragano Irma si rafforza e torna alla categoria 4 mentre prosegue la rotta verso la Florida che secondo le previsioni dovrebbe colpire intorno alle 7 del mattino ora locale, le 13 in Italia. A dare l’annuncio è stato il National Hurricane Center (Centro nazionale per gli Uragani) che ha ribadito come Irma abbia ripreso vigore nella sua rotta verso gli Stati Uniti dopo che ieri era stato declassato a categoria 3.

Apple testa la fedeltà dei consumatori con un iPhone da mille dollari

E' il costo stimato per il dispostivo con cui il gruppo dovrebbe celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. La realtà aumentata verso una svolta

La fedeltà degli appassionati di prodotti Apple sta per essere testata. Martedì 12 settembre infatti il colosso tecnologico dovrebbe presentare il suo primo iPhone con un costo di almeno mille dollari o magari anche di più per i modelli con una memoria maggiore; è quello con cui il gruppo intende celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. Si tratta di una versione di alta gamma che - stando a fughe di notizie - dovrebbe chiamarsi iPhone X; va ad aggiungersi agli aggiornamenti dei modelli iPhone 7 e iPhone 7 Plus ossia l'iPhone 8 e 8Plus.

Il 65% della Florida senza elettricità ma Irma fa meno paura, Dow sopra i 22mila punti

Si stimano costi inferiori legati all'uragano. Per Moody's spaziano dai 150 ai 200 miliardi di dollari includendo anche Harvey
AP

Per la prima volta dal 16 agosto, il Dow Jones Industrial Average ha chiuso una seduta a Wall Street sopra la soglia dei 22mila punti e l'S&P 500 ha messo a segno il suo 31esimo record del 2017. E' successo all'indomani dell'arrivo dell'uragano Irma in Florida, dove oltre 6,5 milioni di persone sono rimaste senza elettrocità; questo significa che il 65% dello Stato è al buio.

Us Open, vince Nadal in 3 set 6-3 6-3 6-4. È il 16esimo slam della carriera

Il tennista spagnolo ha vinto per la terza volta a New York chiudendo il match in 2 ore e 27 minuti

Rafael Nadal ha vinto il suo terzo Us Open, dopo quelli conquistati nel 2010 e nel 2013, battendo in tre set. 6-3 6-3 6-4, il tennista sudafricano Kevin Anderson arrivato in finale da 28esimo del ranking mondiale. Per il tennista spagnolo si tratta del secondo slam dell’anno dopo la vittoria al Rolland Garros, il sedicesimo in carriera avvicinando cos" Roger Feder che di titoli major ne ha invece conquistati 19.