Clima, l'inondazione delle coste americane è già iniziata

La denuncia arriva dal New York Times a poche ore dalla ratifica dell’accordo di Parigi da parte di Washington

Gli Stati Uniti e la Cina hanno ratificato l’accordo di Parigi sul clima dando un esempio a tutti gli altri paesi che ancora devono compiere questo passo. Lo hanno fatto perché, come ha dichiarato il presidente americano Barack Obama, "alla resa dei conti, (l'accordo) segnerà un punto di svolta per il nostro pianeta".

Eppure una svolta per quanto riguarda il cambiamento climatico c’è già stata e molto prima di quanto ci si aspettasse. A distanza di poche ore dalla ratifica dei due paesi, che sono anche i due maggiori inquinanti del nostro pianeta, il New York Times ha pubblicato un articolo con il quale sostiene che l’inondazione delle coste americane è già iniziata. Si tratta di una denuncia molto grave rispetto a un problema che non è più soltanto teoria.

Come si legge nell’articolo, "gli scienziati hanno per decenni messo in guardia sulla crescita dei mari e dei pericoli che ciò presenta per le coste americane", fenomeno dovuto al "cambiamento climatico creato dall’uomo che è stato causa dello scioglimento dei ghiacci" e, conseguentemente dell’innalzamento del livello del mare.

Dopo gli avvisi e gli appelli perché venissero costruite delle barriere che prevenissero queste inondazioni (puntualmente ignorate dal Congresso secondo il Nyt), "l’inondazione delle coste è già iniziata". Gli esempi che mette in evidenza il quotidiano americano sono diversi. Tra queste c’è Tybee Island, una piccola isola della Georgia collegata allo stato da un sottile lembo di terra che sta via via scomparendo proprio a causa della marea che ogni anno sale di livello.

Circa 500 miglia più a sud, a Fort Lauderdale, in Florida, la città spende annualmente milioni di dollari per il mantenimento delle strade o delle fognature che risentono delle inondazioni, per non parlare dei soldi spesi in giganti autospurghi che servono proprio ad aspirare l’acqua marina che molto spesso inonda le strade in prossimità della costa.

Questo avviene, come specifica il Nyt, perché manca a livello nazionale una politica precisa e definita per affrontare l’innalzamento del livello del mare. Eppure i soldi vengono spesi ugualmente ma nel modo sbagliato, con Washington che sta addirittura finanziando con miliardi di dollari "sussidi ai governi locali e ai proprietari di case che costruiscono abitazioni nelle aree a rischio lungo la costa".

Gli scienziati federali hanno documentato un deciso ed evidente peggioramento di queste lievi ma comunque preoccupanti inondazioni negli ultimi anni. Per identificarle è stato coniato il termine "sunny day flooding", e cioè inondazioni di giornate soleggiate che stanno colpendo la costa orientale degli Stati Uniti. Per il momento quella del Pacifico non ha registrato episodi del genere ma gli stessi specialisti temono che potrebbe essere colpita in modo molto forte.

Il Nyt specifica che per il momento si tratta di inondazioni di poco più di mezzo metro i cui danni possono però essere diversi: fermare il traffico, allagare le cantine, danneggiare le macchine, uccidere prati e foreste e avvelenare i pozzi per via dell’acqua salata. "Stiamo surriscaldando troppo gli oceani che non facciamo altro che far arrivare più acqua su di noi, non c'è dubbio", ha detto l giornale americano il dottor Philipp Stoddard, sindaco di South Miami e biologo. "Alla fine ci arrenderemo all’evidenza quando non ci sarà più nulla da fare. Ecco come finisce la storia", ha concluso Stoddard.

Altri Servizi

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Texas, dramma immigrazione. Trovati otto corpi in un camion

Tra i cadaveri anche quelli di due bambini. I corpi sono stati scoperti in un rimorchio fermo nel parcheggio del grande magazzino Walmart di San Antonio. Delle altre 30 persone, 20 sono in pericolo di vita

Otto persone, tra cui due bambini, sono state trovate morte all’interno del rimorchio di un camion parcheggiato nei pressi di un Walmart di San Antonio in Texas. Il bilancio, per ora provvisorio, di questo dramma dell’immigrazione clandestina conta altre 30 persone, di cui 20 in gravissime condizioni immediatamente trasportate negli ospedali della zona.

Cinema, morto John Heard, il papà di "Mamma ho perso l’aereo"

L’attore 71enne è stato trovato in una stanza d’albergo a Palo Alto, in California

John Heard, attore americano noto soprattutto per aver interpretato il ruolo di Peter McCallister nella serie di film "Mammo ho perso l’aereo", è stato trovato morto in una stanza d’albergo di Palo Alto, in California. Heard, 71 anni, si stava riprendendo da un intervento chirurgico alla schiena al quale si era sottoposto pochi giorni fa allo Stanford University Medical Center, ospedale a pochi chilometri dallo stesso albergo dove è stato trovato.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Il primato di Trump: il consenso per un presidente Usa mai così basso nei primi 6 mesi

Il tasso di approvazione per il 45esimo presidente sceso fino al 35 per cento. Obama, Clinton e Ford non hanno mai raggiunto un livello così basso durante la loro permanenza alla Casa Bianca

A sei mesi dal suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ottenuto un primato davvero poco invidiabile: nessun inquilino della Casa Bianca aveva mai ricevuto un tasso di approvazione basso come il suo, a questo punto del mandato presidenziale. Axios ha messo in risalto anche altri due aspetti che dovrebbero far preoccupare il 45esimo presidente:

Sessions e l'ambasciatore russo parlarono di campagna elettorale e dei rapporti Usa-Russia

Lo scrive il Washington Post, citando intercettazioni d'intelligence basate sul resoconto di Kislyak ai suoi superiori. Trump: "Un'altra illegale fuga di notizie", questa volta sul segretario alla Giustizia, che avrebbe quindi mentito
Ap

L'ambasciatore russo a Washington ha detto ai suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi riguardanti la campagna elettorale statunitense, compresi quelli di interesse russo, con Jeff Sessions, allora senatore repubblicano e membro dello staff di Donald Trump, oggi segretario alla Giustizia, nei loro colloqui durante la corsa presidenziale. Il nuovo scoop che fa gridare Trump, ancora una volta, contro le "fughe di notizie illegali", è del Washington Post, che cita fonti dell'ex e dell'attuale amministrazione statunitense.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

La lega calcio Serie A ha fatto tappa a New York nel suo roadshow. Si tratta di un’iniziativa pensata insieme all'advisor Infront Sports & Media (una controllata della conglomerata cinese Dalian Wanda Group), per incontrare i principali stakeholder e per spiegare le innovazioni stilistiche, editoriali e tecnologiche del massimo campionato italiano di calcio. Allo stesso modo, il roadshow rappresenta soprattutto un’occasione per gettare le basi in vista del lancio dell'asta dei diritti internazionali per il biennio 2018-2020. In questo caso, la principale novità è che non saranno più venduti in un solo pacchetto a un’unica agenzia nel mondo, ma saranno suddivisi a seconda dei paesi e delle aree di interesse.