Clima, l'inondazione delle coste americane è già iniziata

La denuncia arriva dal New York Times a poche ore dalla ratifica dell’accordo di Parigi da parte di Washington

Gli Stati Uniti e la Cina hanno ratificato l’accordo di Parigi sul clima dando un esempio a tutti gli altri paesi che ancora devono compiere questo passo. Lo hanno fatto perché, come ha dichiarato il presidente americano Barack Obama, "alla resa dei conti, (l'accordo) segnerà un punto di svolta per il nostro pianeta".

Eppure una svolta per quanto riguarda il cambiamento climatico c’è già stata e molto prima di quanto ci si aspettasse. A distanza di poche ore dalla ratifica dei due paesi, che sono anche i due maggiori inquinanti del nostro pianeta, il New York Times ha pubblicato un articolo con il quale sostiene che l’inondazione delle coste americane è già iniziata. Si tratta di una denuncia molto grave rispetto a un problema che non è più soltanto teoria.

Come si legge nell’articolo, "gli scienziati hanno per decenni messo in guardia sulla crescita dei mari e dei pericoli che ciò presenta per le coste americane", fenomeno dovuto al "cambiamento climatico creato dall’uomo che è stato causa dello scioglimento dei ghiacci" e, conseguentemente dell’innalzamento del livello del mare.

Dopo gli avvisi e gli appelli perché venissero costruite delle barriere che prevenissero queste inondazioni (puntualmente ignorate dal Congresso secondo il Nyt), "l’inondazione delle coste è già iniziata". Gli esempi che mette in evidenza il quotidiano americano sono diversi. Tra queste c’è Tybee Island, una piccola isola della Georgia collegata allo stato da un sottile lembo di terra che sta via via scomparendo proprio a causa della marea che ogni anno sale di livello.

Circa 500 miglia più a sud, a Fort Lauderdale, in Florida, la città spende annualmente milioni di dollari per il mantenimento delle strade o delle fognature che risentono delle inondazioni, per non parlare dei soldi spesi in giganti autospurghi che servono proprio ad aspirare l’acqua marina che molto spesso inonda le strade in prossimità della costa.

Questo avviene, come specifica il Nyt, perché manca a livello nazionale una politica precisa e definita per affrontare l’innalzamento del livello del mare. Eppure i soldi vengono spesi ugualmente ma nel modo sbagliato, con Washington che sta addirittura finanziando con miliardi di dollari "sussidi ai governi locali e ai proprietari di case che costruiscono abitazioni nelle aree a rischio lungo la costa".

Gli scienziati federali hanno documentato un deciso ed evidente peggioramento di queste lievi ma comunque preoccupanti inondazioni negli ultimi anni. Per identificarle è stato coniato il termine "sunny day flooding", e cioè inondazioni di giornate soleggiate che stanno colpendo la costa orientale degli Stati Uniti. Per il momento quella del Pacifico non ha registrato episodi del genere ma gli stessi specialisti temono che potrebbe essere colpita in modo molto forte.

Il Nyt specifica che per il momento si tratta di inondazioni di poco più di mezzo metro i cui danni possono però essere diversi: fermare il traffico, allagare le cantine, danneggiare le macchine, uccidere prati e foreste e avvelenare i pozzi per via dell’acqua salata. "Stiamo surriscaldando troppo gli oceani che non facciamo altro che far arrivare più acqua su di noi, non c'è dubbio", ha detto l giornale americano il dottor Philipp Stoddard, sindaco di South Miami e biologo. "Alla fine ci arrenderemo all’evidenza quando non ci sarà più nulla da fare. Ecco come finisce la storia", ha concluso Stoddard.

Altri Servizi

Wall Street, nuovi timori di guerre commerciali

I dazi di Trump alla Cina pesano sui mercati
iStock

Trump: "Il report della Giustizia è un disastro totale per Comey e l'Fbi"

Il presidente all'attacco su Twitter dopo il rapporto dell'ispettore generale sulla gestione delle indagini sul 'caso e-mail' di Clinton

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha cominciato la mattinata con due pesanti tweet contro l'Fbi, in merito al rapporto del dipartimento di Giustizia sulle indagini riguardanti il 'caso e-mail' di Hillary Clinton e sul comportamento dell'ex direttore dell'agenzia, James Comey. "Il rapporto dell'ispettore generale [del dipartimento di Giustizia, ndr] è un totale disastro per Comey, i suoi servi e, purtroppo, per l'Fbi. Comey ora sarà ricordato come il peggior leader, di gran lunga, nella storia dell'Fbi. Ho fatto un grand servizio alla gente licenziandolo. Buon istinto. Christopher Wray [l'attuale direttore, ndr] vi renderà di nuovo orgogliosi!".

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Apple unisce le forze con Oprah Winfrey creando una partnership per la produzione di programmi per un nuovo servizio di video su abbonamento. L'accordo con la regina dei talk show americani è la dimostrazione di come il produttore dell'iPhone punti sempre di più sui contenuti. Winfrey - che ha dato una spinta al titolo Weight Watchers da quando ne è diventata socia e testimonial - creerà "programmi originali che abbracciano la sua capacità senza eguali di connettere varie audience in giro per il mondo", ha spiegato Apple.

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

Usa pronti a fare scattare dazi contro la Cina

Attese ritorsioni da Pechino. Guerra commerciale più vicina

Nel giro di qualche giorno gli Stati Uniti si preparano a imporre dazi del 25% - già preannunciati - su prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari. Il mese scorso l'amministrazione Trump aveva detto che il 15 giugno, domani, avrebbe diffuso un elenco di articoli importati dalla seconda economia al mondo sui cui verranno imposte tariffe doganali in risposta a quelli che Washington considera continui furti di proprietà intellettuale da parte di Pechino.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Elon Musk, l'irriverente amministratore delegato di Tesla, ha scritto un memo ai dipendenti del produttore di auto elettriche comunicando loro esuberi corrispondenti al 9% della forza lavoro. Attualmente l'azienda californiana ha circa 46.000 dipendenti, quindi il taglio di personale equivale a circa 4.100 persone.