Colazione da Hobbit: negli Usa la Tolkien-mania diventa anche gastronomica

La catena di tavole calde Denny's sta per lanciare un nuovo menu tematizzato sul nuovo film di Peter Jackson, prequel de "Il Signore degli Anelli"

“La Terra di Mezzo sta per arrivare sulla tavola calda d'America”: questo strano slogan, scritto con la grafia “runica” familiare ai molti fans di John R. R. Tolkien, da qualche giorno campeggia sui giganteschi tabelloni pubblicitari stradali a Los Angeles e dintorni. Facile intuire che si tratta di una campagna pubblicitaria che si riferisce a “Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato”, il primo film della nuova trilogia di Peter Jackson ispirata al celebre romanzo fantasy, la cui uscita è in programma negli Stati Uniti per il 14 dicembre; la cosa curiosa è che la campagna promozionale si riferisce alla catena di diner (tavole calde) Denny's - nota per il fatto di essere “sempre aperte”, cioé di servire pasti caldi 24 ore su 24 – che a breve servirà un nuovo menu completamente tematizzato sui personaggi del libro di Tolkien e dei nuovi film che ne sono stati tratti.

Dal Signore degli Anelli agli anelli di cipolla fritti il passo può essere breve: nei mesi di novembre e dicembre, gli oltre mille locali di Danny's offriranno a colazione, pranzo e cena undici pietanze ispirate ai personaggi creati da Tolkien, dalla “Colazione degli Hobbit” (i fan dei libri di Tolkien sanno che gli Hobbit hanno l'abitudine di fare due colazioni e sette pasti al giorno) alle “Salsicce della Contea” al “Frullato di bacche di Bilbo”.

E' pronto anche uno spot, che a giorni debutterà in televisione:

A quasi dodici anni dall'esordio della fortunatissima trilogia cinematografica de “Il Signore degli Anelli” (fortunatissima anche al botteghino: il secondo episodio, “Le Due Torri”, uscito dieci anni fa, ha incassato ancora più del primo, ed il terzo, “Il Ritorno del Re” del 2003, li ha battuti entrambi divenendo il film che ha incassato di più nella storia dopo Titanic e Avatar), le aspettative su questa seconda, che ne rappresenta un prequel, sono altissime. Il mercato si attende un'ondata di Hobbit-mania che potrebbe durare anni: il secondo fil uscirà infatti nel dicembre del 2013, e il terzo nel luglio del 2014.

Altri Servizi
Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Lamborghini

Automobili Lamborghini si è presentata all'edizione 2019 della Monterey Car Week all'insegna dei record. Alla kermesse automobilistica - dove ogni anno a metà agosto da 69 anni vanno in scena lusso, glamour e tante auto esclusive - la casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese ha festeggiato quello che il suo Ceo e presidente ha definito un "anno dei record".

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

 New York, 16 ago - La Fda, l'agenzia federale statunitense che regolamenta i prodotti alimentari, farmaceutici e del tabacco, ha deciso di rilanciare la sua battaglia per l'introduzione di nuovi avvisi grafici sui pacchetti di sigarette per scoraggiare i fumatori. Lo scrive l'Associated Press.

Wall Street, segnali di recessione

Si è invertita la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa a 2 e 10 anni
AP