Colorado, bastano un modulo online e 152,50 dollari per un porto d'armi

Nonostante la strage di Columbine, poche le restrizioni

La sparatoria avvenuta in un cinema di Aurora, a circa mezz'ora di macchina dalla Columbine High School, luogo di un famoso e altrettanto insensato massacro - raccontato in un celebre film di Gus Van Sant e spunto per una più ampia riflessione in un documentario di Michael Moore - ha naturalmente avuto risalto in tutto il Colorado, riaprendo il dibattito sul possesso di armi da fuoco. Il Colorado - racconta il New York Times - ha una storia di ampio sostegno al diritto sancito dal secondo emendamento della Costituzione. Ma dalla tragedia alla Columbine, nel 1999, lo Stato ha imposto delle restrizioni. A quanto pare insufficienti. 

Le leggi del Colorado vietano l'acquisto di armi da fuoco a chi abbia precedenti penali o una storia di disturbi mentali: James Holmes non rientrava in nessuna di queste categorie. Per questo, ha potuto acquistare legalmente tutte le armi usate: era in possesso di due pistole Glock calibro 40, un fucile a pompa Remington 870 e un fucile semiautomatico Smith & Wesson modello AR-15. Holmes aveva inoltre migliaia di pallottole, acquistate su internet.
Nonostante i cambiamenti avvenuti negli ultimi 13 anni, le leggi del Colorado ancora proibiscono alle autorità locali di limitare il possesso di armi in molti modi. Inoltre, le influenti lobby delle armi hanno combattuto con successo contro ogni tentativo di limitarne l'uso, bloccando per esempio la norma che avrebbe vietato di portare un'arma all'interno dell'Università del Colorado. Nel 'Mountain State', le persone possono portare armi da fuoco in macchina, anche cariche; la licenza di porto d'armi è facilmente ottenibile, perché il Colorado è uno dei 38 'shall issue States', cioè uno degli Stati in cui il richiedente (se rispetta tutti i requisiti richiesti) non può vedersi rifiutata la domanda: in pratica, basta riempire un modulo online e pagare 152,50 dollari. Altri Stati, invece, hanno una legge più restrittiva ('may issue') che permette agli sceriffi o al dipartimento di pubblica sicurezza di negare il permesso.

Il problema è la facilità con cui si possono acquistare e detenere armi negli Stati Uniti, ha ricordato il Brady Campaign to Prevent Gun Violence, organizzazione non-profit che spera - come altre associazioni - di riaccendere il dibattito a livello nazionale. Ma in molti, come il professor David Kopel (Università di Denver) sono scettici: nemmeno l'attentato all'allora deputata Gabrielle Giffords, lo scorso anno, e l'omicidio pochi mesi fa dell'adolescente di colore, Trayvon Martin, sono riusciti nell'intento. 

Per Eugene Volokh, esperto di diritto costituzionale all'Università della California, l'unica soluzione possibile sarebbe quella di "vietare totalmente le armi, perché é difficile impedire a qualcuno di commettere un crimine, se davvero intenzionato a farlo. Non sarà una legge a fermarlo". La discussione rischia di andare avanti all'infinito, con l'America pronta a indignarsi e a piangere. Per poi fare finta di nulla, fino alla prossima strage.

Altri Servizi

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump, avrebbe mentito durante un interrogatorio con gli agenti dell'Fbi.

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

Sul NyTimes la storia del giudice italiano che separa i figli dai padri mafiosi

Per Roberto Di Bella tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i parenti possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

La storia di Roberto Di Bella, magistrato italiano di 53 anni, impegnato nella lotta alla mafia e dal settembre 2012 presidente del tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, è finita sul New York Times. Il quotidiano, che lo ha intervistato, racconta la convinzione del giudice che tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i genitori possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

A Wall Street torna la cautela

Solo il Dj è riuscito a mettere a segno il sesto record di fila
AP

Tarullo lascia la Fed mentre Trump smantella la riforma finanziaria

E' l'uomo che ha creato un nuovo framework volto a garantire la sicurezza e la tenuta del sistema finanziario Usa. La sua uscita spiana la strada alla nomina di un amico delle banche

Mentre il governo repubblicano di Donald Trump si prepara ad allentare la riforma finanziaria adottata negli Stati Uniti dopo la crisi del 2008, uno dei suoi creatori ha deciso di lasciare il Board della Federal Reserve guidata da Janet Yellen. Si tratta di Daniel K. Tarullo. Dal 5 aprile prossimo non farà più parte dell'organo che governa la banca centrale americana e in cui era entrato nel 28 gennaio 2009, quando fu nominato dal 44esimo presidente americano Barack Obama (un democratico). Il suo incarico doveva terminare il 31 gennaio 2022.

Donald Trump spiegato dai suoi detrattori. Intervista con Federico Rampini

Confermato il blocco al decreto immigrazione, ma Donald Trump promette battaglia. Dopo l’intervista con Maria Giovanna Maglie, America24 da' spazio - par condicio - anche ai critici del presidente. La parola al corrispondente di Repubblica

Donald Trump incassa la sconfitta. La Corte d’Appello del nono distretto di San Francisco ha infatti confermato la decisione del giudice James Robart di Seattle: il decreto sull’immigrazione resta sospeso. Il verdetto è stato emesso da tre giudici, due democratici e un repubblicano, ed è stato preso all’unanimità; respinto dunque il ricorso dell’Amministrazione, che aveva puntato sulla ragione della sicurezza nazionale la sua linea di difesa. Donald Trump ha immediatamente commentato la decisione con i 140 caratteri: “Ci vediamo in tribunale”, ha twittato in maiuscolo. Si tratta ora di capire quale Corte diventerà il prossimo terreno di scontro, la stessa Corte d’Appello, con la presenza questa volta di 11 giudici, o addirittura la Corte Suprema.

Flynn si dimette. Trump a caccia di nuovo consigliere sicurezza nazionale. Spunta nome Petraeus

E' finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti
AP

Alla fine Michael Flynn ha mollato il colpo e si è dimesso da consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump. Si è fatto da parte dopo quattro giorni di fuoco, in cui è finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, mentre Barack Obama era ancora in carica.

Harward, Kellogg, Petraeus: chi prenderà il posto di Flynn?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, deve scegliere il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale, dopo le dimissioni del generale a tre stelle
Defense Intelligence Agency

Dopo le dimissioni di Michael Flynn, Donald Trump è alla ricerca di un nuovo consigliere per la sicurezza nazionale. Secondo Fox News, la tv certamente più vicina al presidente degli Stati Uniti, la rosa dei candidati è ridotta a tre nomi: l'ammiraglio in pensione Robert Harward, il generale a tre stelle Joseph Kellogg e l'ex direttore della Cia, nonché generale a quattro stelle, David Petraeus.

Montano le pressioni per un'inchiesta sui legami Russia-Trump

Dopo le dimissioni del consigliere per la Sicurezza nazionale Flynn, i senatori chiedono nuove indagini. Alla Casa Bianca domina la confusione

Un fantasma russo continua ad aggirasi per i corridoi della Casa Bianca. E questa volta la colpa è di Michael Flynn,  il consigliere per la sicurezza nazionale che dopo 24 giorni dal suo giuramento è stato costretto a dimettersi il 13 febbraio. Il motivo? Telefonate con l'ambasciatore russo in Usa nelle quali - ha ammesso dopo avere sempre sostenuto il contrario -  aveva discusso di sanzioni imposte al Cremlino dall'amministrazione Obama. Le sue dimissioni - chieste da Trump - probabilmente non basteranno ad archiviare l’ennesimo scandalo legato alla Russia: Mosca era già stata al centro delle polemiche per le sue presunte interferenze nella campagna elettorale Usa. Non solo. A Washington è circolato un dossier (dai contenuti tutti da dimostrare) secondo cui il Cremlino sarebbe in possesso di informazioni esplosive su Trump.

Trump accoglie Netanyahu: focus su una soluzione dei due Stati

Ha promesso di essere il presidente americano più vicino a Tel Aviv ma punta a ottenere la pace tra Israele e Palestina. Il forte legame tra i due alleati verrà ribadito così come gli attacchi all'Iran
AP

E' arrivato il giorno di Benjamin Netanyahu, in visita alla Casa Bianca di Donald Trump. Il premier israeliano è il quarto leader straniero ad essere accolto dal nuovo presidente americano dopo Theresa May, Shinzo Abe e Justin Trudeau, premier rispettivamente britannico, giapponese e canadese.