Colorado, bastano un modulo online e 152,50 dollari per un porto d'armi

Nonostante la strage di Columbine, poche le restrizioni

La sparatoria avvenuta in un cinema di Aurora, a circa mezz'ora di macchina dalla Columbine High School, luogo di un famoso e altrettanto insensato massacro - raccontato in un celebre film di Gus Van Sant e spunto per una più ampia riflessione in un documentario di Michael Moore - ha naturalmente avuto risalto in tutto il Colorado, riaprendo il dibattito sul possesso di armi da fuoco. Il Colorado - racconta il New York Times - ha una storia di ampio sostegno al diritto sancito dal secondo emendamento della Costituzione. Ma dalla tragedia alla Columbine, nel 1999, lo Stato ha imposto delle restrizioni. A quanto pare insufficienti. 

Le leggi del Colorado vietano l'acquisto di armi da fuoco a chi abbia precedenti penali o una storia di disturbi mentali: James Holmes non rientrava in nessuna di queste categorie. Per questo, ha potuto acquistare legalmente tutte le armi usate: era in possesso di due pistole Glock calibro 40, un fucile a pompa Remington 870 e un fucile semiautomatico Smith & Wesson modello AR-15. Holmes aveva inoltre migliaia di pallottole, acquistate su internet.
Nonostante i cambiamenti avvenuti negli ultimi 13 anni, le leggi del Colorado ancora proibiscono alle autorità locali di limitare il possesso di armi in molti modi. Inoltre, le influenti lobby delle armi hanno combattuto con successo contro ogni tentativo di limitarne l'uso, bloccando per esempio la norma che avrebbe vietato di portare un'arma all'interno dell'Università del Colorado. Nel 'Mountain State', le persone possono portare armi da fuoco in macchina, anche cariche; la licenza di porto d'armi è facilmente ottenibile, perché il Colorado è uno dei 38 'shall issue States', cioè uno degli Stati in cui il richiedente (se rispetta tutti i requisiti richiesti) non può vedersi rifiutata la domanda: in pratica, basta riempire un modulo online e pagare 152,50 dollari. Altri Stati, invece, hanno una legge più restrittiva ('may issue') che permette agli sceriffi o al dipartimento di pubblica sicurezza di negare il permesso.

Il problema è la facilità con cui si possono acquistare e detenere armi negli Stati Uniti, ha ricordato il Brady Campaign to Prevent Gun Violence, organizzazione non-profit che spera - come altre associazioni - di riaccendere il dibattito a livello nazionale. Ma in molti, come il professor David Kopel (Università di Denver) sono scettici: nemmeno l'attentato all'allora deputata Gabrielle Giffords, lo scorso anno, e l'omicidio pochi mesi fa dell'adolescente di colore, Trayvon Martin, sono riusciti nell'intento. 

Per Eugene Volokh, esperto di diritto costituzionale all'Università della California, l'unica soluzione possibile sarebbe quella di "vietare totalmente le armi, perché é difficile impedire a qualcuno di commettere un crimine, se davvero intenzionato a farlo. Non sarà una legge a fermarlo". La discussione rischia di andare avanti all'infinito, con l'America pronta a indignarsi e a piangere. Per poi fare finta di nulla, fino alla prossima strage.

Altri Servizi

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Dopo il flop del Note 7, Samsung torna con Galaxy S8

Presentato a New York il nuovo smartphone del gruppo sudcoreano: schermo più grande, addio al pulsante home e assistente vocale Bixby per sfidare Siri di Apple e Google Assistant