I colossi tech testimoniano davanti al Congresso sulle interferenze russe

Il primo novembre gli avvocati di Google, Facebook e Twitter parleranno davanti ai politici di Washington sul denaro ricevuto dal governo russo per fare pubblicità politiche e creare tensioni durante le presidenziali del 2016

Mercoledì primo novembre i legali di Google, Facebook e Twitter andranno a deporre davanti al Congresso, a Washington. Dovranno spiegare alla Camera e al Senato quali rapporti hanno avuto con i gruppi collegati al governo russo che hanno pagato centinai di migliaia di dollari per fare pubblicità sulle piattaforme.

Pubblicità con l'obiettivo di dividere ancor di più l'opinione pubblica americana, spostando i voti verso Donald Trump. I gruppi tecnologici - che di recente hanno rivelato da chi e quanto denaro hanno ricevuto dal Cremlino - sono anche una fonte primaria per l'indagine indipendente sul Russigate, svolta dal procuratore Robert Mueller.

L'incontro è previsto alle 9.30, le 14.30 in Italia, di mercoledì davanti al Senate Select Committee on Intelligence. Poi i tre legali avranno la testimonianza di fronte alla Russia Investigative Task Force dell'House intelligence committee alle 14, le 19 in Italia.

Tutti gli incontri saranno trasmessi pubblicamente, quindi per la prima volta i tre colossi daranno una versione ufficiale e dovranno rispondere alle domande dei politici. Negli ultimi mesi, Facebook ha ammesso di aver preso denaro per la pubblicazione di 3.000 inserzioni che violavano le regole della piattaforma. Twitter ne ha rivelate 200 e anche Google ha ammesso di averne pubblicate su YouTube, Gmail e sul suo motore di ricerca.

Le pubblicità erano focalizzate su temi molto dibattuti in America ed erano studiate in modo da convogliare voti verso Donald Trump: diritti gay, sicurezza dei confini, immigrazione, violenza della polizia.

Per ora sembra che il Congresso sia convinto che non esista un modo per regolare le fake news in modo infallibile e che invece siano importanti le azioni dei singoli cittadini: controllare maggiormente le fonti e essere scettici. Ci si attende che il Congresso metta sotto pressione le tech company che negli ultimi anni sono diventate sempre meno collaborative e che hano superato Wall Street in termini di lobbing a Washington.

Nel frattempo il Senato sta lavorando a una legge che chiederà anche ai gruppi internet di fornire più informazioni dettagliate su chi fa pubblicità politiche sulle piattaforme. Facebook, in vista dell'incontro di mercoledì, ha appena annunciato una serie di nuove politiche per regolare le pubblicità politiche.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.