Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

In questo articolo mi propongo di offrire un quadro generale del metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi.

La tassazione

Relativamente al metodo di tassazione, è importante sapere che gli Stati Uniti stabiliscono il regime di tassazione del reddito su due principi fondamentali: la residenza del contribuente ed il reddito prodotto.

Per quanto riguarda la residenza del contribuente, le persone fisiche che sono residenti fiscalmente negli Stati Uniti sono soggette a tassazione sul loro reddito qualunque ne sia la fonte e in qualunque parte del mondo.

Le persone fisiche non residenti sono invece tassate soltanto sul reddito di fonte statunitense come, per esempio, la remunerazione per servizi prestati negli Stati Uniti, interessi su conti bancari aperti in Usa, affitti e altri.

La nozione di reddito prodotto si riferisce al fatto che i contribuenti stranieri (sia persone fisiche che giuridiche) pagano le imposte statunitensi sul reddito prodotto negli Stati Uniti sia che esso derivi da cosiddette fonti “passive” sia che esso risulti da un’attività imprenditoriale o di lavoro negli Stati Uniti.

In questo scenario, vanno menzionati i Trattati internazionali bilaterali, il cui scopo è evitare il rischio della doppia imposizione che deriva dalla concorrenza di più giurisdizioni (ad esempio reddito prodotto in un Paese da una persona residente in un altro). A oggi l’Italia e gli Stati Uniti hanno in essere la Convenzione Italia-Stati Uniti per evitare le doppie imposizioni fiscali, ratificata e resa eseguibile con la legge numero 20 del 3 Maggio 2009.

La tipologia di società Usa: la Corporation

In merito alle forme societarie statunitensi, vorrei mettervi al corrente delle principali opzioni a disposizione di una società straniera per fare business negli Stati Uniti: tra queste ci sono il Representative Office, la Branch e la Subsidiary. In particolare, una Subsidiary può essere costituita mediante varie forme, tra cui la Sole Proprietorship, la Limited Liability Company, la Partnership e la Corporation. E' la Corporation che vorrei trattare più approfonditamente in questo articolo, essendo la forma societaria più diffusa per via di certe caratteristiche legali e fiscali utili per una società italiana che vuole espandersi negli Stati Uniti.

A livello fiscale, vi sono due tipologie di Corporation: la C-Corporation e la S-Corporation, ciascuna avente regole differenti relativamente al metodo di tassazione, numero consentito di azionisti e requisiti di residenza negli Usa.

La S-Corporation non può essere detenuta da un soggetto straniero, pertanto una società italiana di solito opta solo per la forma della C-Corporation.

Le Corporation sono entità separate dalla casa madre italiana e, perciò, responsabili dei propri debiti. Generalmente, gli azionisti, gli amministratori e i dirigenti non sono responsabili dei debiti della Corporation stessa. Il rischio finanziario di un azionista è limitato al proprio capitale, ad eccezione del cosiddetto “Piercing of the Corporate Veil”, dovuto a mancanze nell’osservare alcuni requisiti societari tra cui la sotto-capitalizzazione, la violazione dello statuto e quella di requisiti contrattuali.

Il consiglio di amministrazione è eletto dagli azionisti e ha autorità in merito alla gestione e controllo della Corporation. Se non per negligenza professionale, un amministratore non è responsabile per gli obblighi della Corporation a patto che agisca in buona fede nell’interesse della Corporation e dei suoi azionisti.

I dirigenti sono agenti della Corporation e vengono indicati dal consiglio di amministrazione. Il ruolo dei dirigenti consiste nel portare avanti la gestione quotidiana degli affari.

Lo statuto prevede un minimo di tre dirigenti: il “Presidente”, il “Segretario” e il “Direttore finanziario”. Questi tre incarichi, tuttavia, possono essere rivestiti da un’unica persona.

Gli azionisti eleggono gli amministratori con cadenza annuale e non partecipano alle attività di gestione quotidiana. Il loro ruolo si limita all’elezione dei membri del consiglio di amministrazione e all’esercizio del diritto di voto relativamente a decisioni di particolare importanza. Il consiglio di amministrazione controlla e supervisiona la Corporation, determina la politica aziendale e autorizza azioni di straordinaria amministrazione.

La costituzione di una Corporation è rapida e semplice: essa avviene depositando gli atti costitutivi con il segretario di Stato, contenenti lo scopo di detta costituzione e le informazioni necessarie sulla Corporation. Dopo aver depositato l’atto costitutivo, è necessario ratificare la prima riunione del consiglio di amministrazione volta alla costituzione della C-Corporation, durante la quale il Board accetta di adottare lo Statuto, emettere azioni, designare i dirigenti e intraprendere altri atti costitutivi.

Le imposte sul reddito delle società

Veniamo ora a qualche utile nota di carattere tecnico circa le imposte sul reddito delle società. Tale imposta viene applicata sull’utile netto delle C-Corporation, che esso venga distribuito o meno. Di tutte le tipologie di forme societarie, la C-Corporation è quella soggetta alla tassazione più elevata, dal momento che i guadagni sono tassati due volte. In primis, l’imposta sul reddito delle società viene applicata sull’utile (Corporate Income Tax), e successivamente, dopo che gli utili vengono distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi, ciascun azionista è tenuto a pagare le tasse separatamente sulle proprie quote di dividendi (Individual Income Tax).

Il reddito di impresa include ricavi da un’ampia serie di attività: vendita di prodotti, interessi di proprietà su imprese, canoni d’affitto, reddito da diritti d’autore, reddito da servizi, interessi e dividendi.

Il reddito tassabile di un business si calcola sottraendo le deduzioni ammissibili dall’utile lordo. L’utile lordo corrisponde ai ricavi lordi al netto dei costi dei beni venduti. I costi sostenuti per la produzione o acquisizione di beni non venduti durante l’anno, potrebbero non essere sottratti e dovrebbero quindi essere inclusi nelle giacenze di magazzino.

Le spese ordinarie e necessarie per il normale svolgimento delle operazioni possono essere dedotte dall’utile lordo, inclusi i salari dei dirigenti, il costo del personale e i compensi che non è necessario conteggiare nel costo dei beni.

I dividendi pagati da una Corporation su azioni ordinarie e privilegiate non sono deducibili.

Il reddito di impresa è generalmente tassato sia a livello federale che statale. Per quanto riguarda la tassazione federale, l’aliquota applicabile è compresa tra una soglia minima del 15% e una massima del 39%. Ovviamente ci sono delle eccezioni alla regola. Infatti, ci sono degli Stati dove la tassazione dei redditi d’impresa non è presente oppure la base imponibile è data da altri parametri di calcolo. Le Corporation riportano il proprio reddito tassabile e le proprie responsabilità fiscali sul modulo denominato "Form 1120, U.S. Corporation Income Tax Return". Tale modulo deve essere depositato presso l’Irs (l'equivalente americano dell'Agenzia delle entrate italiana) entro il 15 di aprile.

Le Corporation hanno a disposizione, su richiesta, un’estensione automatica di sei mesi per l’invio della dichiarazione, purché il pagamento delle imposte avvenga entro la data prevista.

Una Corporation è tenuta a pagare gli anticipi di imposta se la sua responsabilità fiscale è uguale o maggiore di 500 dollari. Essi devono essere pagati in quattro rate trimestrali e ciascuna rata deve corrispondere ad almeno il 25% dell’importo annuale dovuto.

Dopo esserci concentrati sull’approfondimento di metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi, nel prossimo articolo tratteremo di contabilità e reportistica di una società in start-up e vi offriremo degli spunti riguardo a come presentare un bilancio e i livelli di certificazione richiesti negli Stati Uniti. Se avete domande, scrivete a afantozzi@pragermetis.com o a redazione@ilsole24ore.us

Unsplash
Unsplash
Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

Una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra. Otto arresti. Il tweet di Trump: "Voglio elogiare le persone che si battono contro l'odio e l'intolleranza. Presto saremo un paese unito".

Migliaia di persone hanno manifestato pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America. Secondo la polizia di Boston sono state oltre 40.000, un numero ernome che ha eclissato la prima manifestazione organizzata nella città, quella per la libertà di espressione, voluta da un gruppo di destra.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Uber, il prossimo Ceo potrebbe essere Immelt (General Electric)

Il nuovo amministratore delegato dovrà risollevare la società, dopo gli scandali degli ultimi mesi e la fuga di diversi top manager

Il presidente ed ex amministratore delegato di General Electric, Jeff Immelt, sarebbe diventato il principale candidato alla carica di amministratore delegato di Uber, secondo numerose fonti a conoscenza della questione. A scriverlo è il sito Recode.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.

Wall Street teme conseguenze dell'addio di Bannon

Reduci dalla peggiore seduta da tre mesi, gli indici si erano risollevati sulla scia dell'uscita dalla Casa Bianca dello stratega di ultradestra del presidente Trump. Poi hanno perso quota

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Gab, il social network dell'estrema destra, ha raccolto un milione di dollari

Una spinta alla raccolta fondi l'hanno data gli ultimi eventi, a partire da Charlottesville: 500.000 dollari ottenuti questa settimana

Molte grandi società hi-tech, a partire dai social network, hanno deciso di bloccare i contenuti e gli account riconducibili ai suprematisti bianchi e agli altri gruppi di estrema destra negli Stati Uniti, soprattutto dopo le violenze di Charlottesville, in Virginia, dove una ragazza antirazzista è stata uccisa. Nel frattempo, il movimento 'alt-right' ha raccolto un milione di dollari per Gab, definito "un network per chi crede nella libertà di parola, nella libertà individuale e nel libero flusso di informazione online", che in realtà è un network di estrema destra, rifiutato dagli 'app stores'. Gab ha annunciato il risultato ottenuto su Twitter, dove ha attaccato "l'immondizia elitaria della Silicon Valley". L'avatar di Gab è la rana 'Pepe', simbolo del movimento 'alt-right'.