Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

In questo articolo mi propongo di offrire un quadro generale del metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi.

La tassazione

Relativamente al metodo di tassazione, è importante sapere che gli Stati Uniti stabiliscono il regime di tassazione del reddito su due principi fondamentali: la residenza del contribuente ed il reddito prodotto.

Per quanto riguarda la residenza del contribuente, le persone fisiche che sono residenti fiscalmente negli Stati Uniti sono soggette a tassazione sul loro reddito qualunque ne sia la fonte e in qualunque parte del mondo.

Le persone fisiche non residenti sono invece tassate soltanto sul reddito di fonte statunitense come, per esempio, la remunerazione per servizi prestati negli Stati Uniti, interessi su conti bancari aperti in Usa, affitti e altri.

La nozione di reddito prodotto si riferisce al fatto che i contribuenti stranieri (sia persone fisiche che giuridiche) pagano le imposte statunitensi sul reddito prodotto negli Stati Uniti sia che esso derivi da cosiddette fonti “passive” sia che esso risulti da un’attività imprenditoriale o di lavoro negli Stati Uniti.

In questo scenario, vanno menzionati i Trattati internazionali bilaterali, il cui scopo è evitare il rischio della doppia imposizione che deriva dalla concorrenza di più giurisdizioni (ad esempio reddito prodotto in un Paese da una persona residente in un altro). A oggi l’Italia e gli Stati Uniti hanno in essere la Convenzione Italia-Stati Uniti per evitare le doppie imposizioni fiscali, ratificata e resa eseguibile con la legge numero 20 del 3 Maggio 2009.

La tipologia di società Usa: la Corporation

In merito alle forme societarie statunitensi, vorrei mettervi al corrente delle principali opzioni a disposizione di una società straniera per fare business negli Stati Uniti: tra queste ci sono il Representative Office, la Branch e la Subsidiary. In particolare, una Subsidiary può essere costituita mediante varie forme, tra cui la Sole Proprietorship, la Limited Liability Company, la Partnership e la Corporation. E' la Corporation che vorrei trattare più approfonditamente in questo articolo, essendo la forma societaria più diffusa per via di certe caratteristiche legali e fiscali utili per una società italiana che vuole espandersi negli Stati Uniti.

A livello fiscale, vi sono due tipologie di Corporation: la C-Corporation e la S-Corporation, ciascuna avente regole differenti relativamente al metodo di tassazione, numero consentito di azionisti e requisiti di residenza negli Usa.

La S-Corporation non può essere detenuta da un soggetto straniero, pertanto una società italiana di solito opta solo per la forma della C-Corporation.

Le Corporation sono entità separate dalla casa madre italiana e, perciò, responsabili dei propri debiti. Generalmente, gli azionisti, gli amministratori e i dirigenti non sono responsabili dei debiti della Corporation stessa. Il rischio finanziario di un azionista è limitato al proprio capitale, ad eccezione del cosiddetto “Piercing of the Corporate Veil”, dovuto a mancanze nell’osservare alcuni requisiti societari tra cui la sotto-capitalizzazione, la violazione dello statuto e quella di requisiti contrattuali.

Il consiglio di amministrazione è eletto dagli azionisti e ha autorità in merito alla gestione e controllo della Corporation. Se non per negligenza professionale, un amministratore non è responsabile per gli obblighi della Corporation a patto che agisca in buona fede nell’interesse della Corporation e dei suoi azionisti.

I dirigenti sono agenti della Corporation e vengono indicati dal consiglio di amministrazione. Il ruolo dei dirigenti consiste nel portare avanti la gestione quotidiana degli affari.

Lo statuto prevede un minimo di tre dirigenti: il “Presidente”, il “Segretario” e il “Direttore finanziario”. Questi tre incarichi, tuttavia, possono essere rivestiti da un’unica persona.

Gli azionisti eleggono gli amministratori con cadenza annuale e non partecipano alle attività di gestione quotidiana. Il loro ruolo si limita all’elezione dei membri del consiglio di amministrazione e all’esercizio del diritto di voto relativamente a decisioni di particolare importanza. Il consiglio di amministrazione controlla e supervisiona la Corporation, determina la politica aziendale e autorizza azioni di straordinaria amministrazione.

La costituzione di una Corporation è rapida e semplice: essa avviene depositando gli atti costitutivi con il segretario di Stato, contenenti lo scopo di detta costituzione e le informazioni necessarie sulla Corporation. Dopo aver depositato l’atto costitutivo, è necessario ratificare la prima riunione del consiglio di amministrazione volta alla costituzione della C-Corporation, durante la quale il Board accetta di adottare lo Statuto, emettere azioni, designare i dirigenti e intraprendere altri atti costitutivi.

Le imposte sul reddito delle società

Veniamo ora a qualche utile nota di carattere tecnico circa le imposte sul reddito delle società. Tale imposta viene applicata sull’utile netto delle C-Corporation, che esso venga distribuito o meno. Di tutte le tipologie di forme societarie, la C-Corporation è quella soggetta alla tassazione più elevata, dal momento che i guadagni sono tassati due volte. In primis, l’imposta sul reddito delle società viene applicata sull’utile (Corporate Income Tax), e successivamente, dopo che gli utili vengono distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi, ciascun azionista è tenuto a pagare le tasse separatamente sulle proprie quote di dividendi (Individual Income Tax).

Il reddito di impresa include ricavi da un’ampia serie di attività: vendita di prodotti, interessi di proprietà su imprese, canoni d’affitto, reddito da diritti d’autore, reddito da servizi, interessi e dividendi.

Il reddito tassabile di un business si calcola sottraendo le deduzioni ammissibili dall’utile lordo. L’utile lordo corrisponde ai ricavi lordi al netto dei costi dei beni venduti. I costi sostenuti per la produzione o acquisizione di beni non venduti durante l’anno, potrebbero non essere sottratti e dovrebbero quindi essere inclusi nelle giacenze di magazzino.

Le spese ordinarie e necessarie per il normale svolgimento delle operazioni possono essere dedotte dall’utile lordo, inclusi i salari dei dirigenti, il costo del personale e i compensi che non è necessario conteggiare nel costo dei beni.

I dividendi pagati da una Corporation su azioni ordinarie e privilegiate non sono deducibili.

Il reddito di impresa è generalmente tassato sia a livello federale che statale. Per quanto riguarda la tassazione federale, l’aliquota applicabile è compresa tra una soglia minima del 15% e una massima del 39%. Ovviamente ci sono delle eccezioni alla regola. Infatti, ci sono degli Stati dove la tassazione dei redditi d’impresa non è presente oppure la base imponibile è data da altri parametri di calcolo. Le Corporation riportano il proprio reddito tassabile e le proprie responsabilità fiscali sul modulo denominato "Form 1120, U.S. Corporation Income Tax Return". Tale modulo deve essere depositato presso l’Irs (l'equivalente americano dell'Agenzia delle entrate italiana) entro il 15 di aprile.

Le Corporation hanno a disposizione, su richiesta, un’estensione automatica di sei mesi per l’invio della dichiarazione, purché il pagamento delle imposte avvenga entro la data prevista.

Una Corporation è tenuta a pagare gli anticipi di imposta se la sua responsabilità fiscale è uguale o maggiore di 500 dollari. Essi devono essere pagati in quattro rate trimestrali e ciascuna rata deve corrispondere ad almeno il 25% dell’importo annuale dovuto.

Dopo esserci concentrati sull’approfondimento di metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi, nel prossimo articolo tratteremo di contabilità e reportistica di una società in start-up e vi offriremo degli spunti riguardo a come presentare un bilancio e i livelli di certificazione richiesti negli Stati Uniti. Se avete domande, scrivete a afantozzi@pragermetis.com o a redazione@ilsole24ore.us

Unsplash
Unsplash
Altri Servizi

Wall Street digerisce i verbali del Fomc

Prevista una stretta a dicembre. Investitori alla finestra alla vigilia del Giorno del ringraziamento
AP

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi verranno alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Gli Usa verso la fine della neutralità della rete: "Troppe regole frenano la crescita di internet"

Il capo della Fcc ha presentato il proprio piano, che sarà votato (e approvato) il 14 dicembre. I repubblicani metteranno fine alle regole volute da Obama, che equiparavano internet ai servizi di pubblica utilità

Ajit Pai, a capo della Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha presentato il piano repubblicano per cancellare le regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un rete a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.