Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

In questo articolo mi propongo di offrire un quadro generale del metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi.

La tassazione

Relativamente al metodo di tassazione, è importante sapere che gli Stati Uniti stabiliscono il regime di tassazione del reddito su due principi fondamentali: la residenza del contribuente ed il reddito prodotto.

Per quanto riguarda la residenza del contribuente, le persone fisiche che sono residenti fiscalmente negli Stati Uniti sono soggette a tassazione sul loro reddito qualunque ne sia la fonte e in qualunque parte del mondo.

Le persone fisiche non residenti sono invece tassate soltanto sul reddito di fonte statunitense come, per esempio, la remunerazione per servizi prestati negli Stati Uniti, interessi su conti bancari aperti in Usa, affitti e altri.

La nozione di reddito prodotto si riferisce al fatto che i contribuenti stranieri (sia persone fisiche che giuridiche) pagano le imposte statunitensi sul reddito prodotto negli Stati Uniti sia che esso derivi da cosiddette fonti “passive” sia che esso risulti da un’attività imprenditoriale o di lavoro negli Stati Uniti.

In questo scenario, vanno menzionati i Trattati internazionali bilaterali, il cui scopo è evitare il rischio della doppia imposizione che deriva dalla concorrenza di più giurisdizioni (ad esempio reddito prodotto in un Paese da una persona residente in un altro). A oggi l’Italia e gli Stati Uniti hanno in essere la Convenzione Italia-Stati Uniti per evitare le doppie imposizioni fiscali, ratificata e resa eseguibile con la legge numero 20 del 3 Maggio 2009.

La tipologia di società Usa: la Corporation

In merito alle forme societarie statunitensi, vorrei mettervi al corrente delle principali opzioni a disposizione di una società straniera per fare business negli Stati Uniti: tra queste ci sono il Representative Office, la Branch e la Subsidiary. In particolare, una Subsidiary può essere costituita mediante varie forme, tra cui la Sole Proprietorship, la Limited Liability Company, la Partnership e la Corporation. E' la Corporation che vorrei trattare più approfonditamente in questo articolo, essendo la forma societaria più diffusa per via di certe caratteristiche legali e fiscali utili per una società italiana che vuole espandersi negli Stati Uniti.

A livello fiscale, vi sono due tipologie di Corporation: la C-Corporation e la S-Corporation, ciascuna avente regole differenti relativamente al metodo di tassazione, numero consentito di azionisti e requisiti di residenza negli Usa.

La S-Corporation non può essere detenuta da un soggetto straniero, pertanto una società italiana di solito opta solo per la forma della C-Corporation.

Le Corporation sono entità separate dalla casa madre italiana e, perciò, responsabili dei propri debiti. Generalmente, gli azionisti, gli amministratori e i dirigenti non sono responsabili dei debiti della Corporation stessa. Il rischio finanziario di un azionista è limitato al proprio capitale, ad eccezione del cosiddetto “Piercing of the Corporate Veil”, dovuto a mancanze nell’osservare alcuni requisiti societari tra cui la sotto-capitalizzazione, la violazione dello statuto e quella di requisiti contrattuali.

Il consiglio di amministrazione è eletto dagli azionisti e ha autorità in merito alla gestione e controllo della Corporation. Se non per negligenza professionale, un amministratore non è responsabile per gli obblighi della Corporation a patto che agisca in buona fede nell’interesse della Corporation e dei suoi azionisti.

I dirigenti sono agenti della Corporation e vengono indicati dal consiglio di amministrazione. Il ruolo dei dirigenti consiste nel portare avanti la gestione quotidiana degli affari.

Lo statuto prevede un minimo di tre dirigenti: il “Presidente”, il “Segretario” e il “Direttore finanziario”. Questi tre incarichi, tuttavia, possono essere rivestiti da un’unica persona.

Gli azionisti eleggono gli amministratori con cadenza annuale e non partecipano alle attività di gestione quotidiana. Il loro ruolo si limita all’elezione dei membri del consiglio di amministrazione e all’esercizio del diritto di voto relativamente a decisioni di particolare importanza. Il consiglio di amministrazione controlla e supervisiona la Corporation, determina la politica aziendale e autorizza azioni di straordinaria amministrazione.

La costituzione di una Corporation è rapida e semplice: essa avviene depositando gli atti costitutivi con il segretario di Stato, contenenti lo scopo di detta costituzione e le informazioni necessarie sulla Corporation. Dopo aver depositato l’atto costitutivo, è necessario ratificare la prima riunione del consiglio di amministrazione volta alla costituzione della C-Corporation, durante la quale il Board accetta di adottare lo Statuto, emettere azioni, designare i dirigenti e intraprendere altri atti costitutivi.

Le imposte sul reddito delle società

Veniamo ora a qualche utile nota di carattere tecnico circa le imposte sul reddito delle società. Tale imposta viene applicata sull’utile netto delle C-Corporation, che esso venga distribuito o meno. Di tutte le tipologie di forme societarie, la C-Corporation è quella soggetta alla tassazione più elevata, dal momento che i guadagni sono tassati due volte. In primis, l’imposta sul reddito delle società viene applicata sull’utile (Corporate Income Tax), e successivamente, dopo che gli utili vengono distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi, ciascun azionista è tenuto a pagare le tasse separatamente sulle proprie quote di dividendi (Individual Income Tax).

Il reddito di impresa include ricavi da un’ampia serie di attività: vendita di prodotti, interessi di proprietà su imprese, canoni d’affitto, reddito da diritti d’autore, reddito da servizi, interessi e dividendi.

Il reddito tassabile di un business si calcola sottraendo le deduzioni ammissibili dall’utile lordo. L’utile lordo corrisponde ai ricavi lordi al netto dei costi dei beni venduti. I costi sostenuti per la produzione o acquisizione di beni non venduti durante l’anno, potrebbero non essere sottratti e dovrebbero quindi essere inclusi nelle giacenze di magazzino.

Le spese ordinarie e necessarie per il normale svolgimento delle operazioni possono essere dedotte dall’utile lordo, inclusi i salari dei dirigenti, il costo del personale e i compensi che non è necessario conteggiare nel costo dei beni.

I dividendi pagati da una Corporation su azioni ordinarie e privilegiate non sono deducibili.

Il reddito di impresa è generalmente tassato sia a livello federale che statale. Per quanto riguarda la tassazione federale, l’aliquota applicabile è compresa tra una soglia minima del 15% e una massima del 39%. Ovviamente ci sono delle eccezioni alla regola. Infatti, ci sono degli Stati dove la tassazione dei redditi d’impresa non è presente oppure la base imponibile è data da altri parametri di calcolo. Le Corporation riportano il proprio reddito tassabile e le proprie responsabilità fiscali sul modulo denominato "Form 1120, U.S. Corporation Income Tax Return". Tale modulo deve essere depositato presso l’Irs (l'equivalente americano dell'Agenzia delle entrate italiana) entro il 15 di aprile.

Le Corporation hanno a disposizione, su richiesta, un’estensione automatica di sei mesi per l’invio della dichiarazione, purché il pagamento delle imposte avvenga entro la data prevista.

Una Corporation è tenuta a pagare gli anticipi di imposta se la sua responsabilità fiscale è uguale o maggiore di 500 dollari. Essi devono essere pagati in quattro rate trimestrali e ciascuna rata deve corrispondere ad almeno il 25% dell’importo annuale dovuto.

Dopo esserci concentrati sull’approfondimento di metodo di tassazione e delle forme societarie statunitensi, nel prossimo articolo tratteremo di contabilità e reportistica di una società in start-up e vi offriremo degli spunti riguardo a come presentare un bilancio e i livelli di certificazione richiesti negli Stati Uniti. Se avete domande, scrivete a afantozzi@pragermetis.com o a redazione@ilsole24ore.us

Unsplash
Unsplash
Altri Servizi

Dopo essere stato licenziato dallo studio cinematografico da lui cofondato e dopo essere stato lasciato dalla moglie, Harvey Weinstein è stato silurato anche dal club degli Oscar. Il produttore più vicino come forse nessun altro all'organo che di fatto governa Hollywood ne è stato "espulso con effetto immediato". Si tratta dell'ultimo risvolto dello scandalo che ha travolto un uomo accusato di molestie e abusi sessuali  perpetrati per decenni, anche su alcune delle star del cinema americano e non, e su cu stanno indagando la polizia di New York e Londra.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Draghi: il problema dei Npl è in Italia, va risolto. Visco: verso misure non destabilizzanti per le banche

Il governatore della Bce commenta le reazioni sull'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati. Il governatore di Bankitalia: è manifestazione della forte volontà a mettere in sicurezza le banche. Padoan chiede chiarezza

Da Washington, Mario Draghi cerca di riportare la calma sull'asse Roma-Francoforte-Bruxelles. Dieci giorni dopo la pubblicazione dell'addendum della Banca centrale europea alle linee guida per la gestione dei crediti deteriorati - da molti visto come un modo per penalizzare l'Italia e le sue banche - il governatore dell'Eurotower ha spiegato che quanto fatto dal consiglio direttivo è stato "pubblicare un documento e chiedere reazioni". Per quelle c'è tempo fino alla mezzanotte (Central European Time) dell'8 dicembre. Poi, come detto da Ignazioni Visco - che oltre a essere governatore di Banca d'Italia è anche membro del consiglio direttivo della Bce - "vedremo cosa emergerà dalle consultazioni. In quel momento faremo le considerazioni necessarie".

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Padoan: "grandi risultati" per rafforzare la crescita. Fmi: abbassare il debito

Per il ministro, la legge di bilancio "compatta ed efficace" continua l'aggiustamento dei conti pubblici. Npl? E' nell'interesse del nostro Paese ridurli in modo "ordinato e rapido".

Washington - Ancora una volta, Pier Carlo Padoan si è presentato ai lavori semiannuali del Fondo monetario internazionale per difendere i "grandi risultati" fatti in Italia per rafforzare la crescita, anche attraverso un lavoro sulle riforme che va avanti a prescindere dal fatto che si vada verso nuove elezioni. Il ministro italiano delle Finanze ha riconosciuto tuttavia che ci sia ancora "molto da fare", a cominciare dalla riduzione dei non performing loan e del debito pubblico. Lo vuole il suo governo. Lo chiedono il Fondo monetario internazionale e la Banca centrale europea. Lo desidera anche il Ceo di Intesa Sanpaolo. Padoan lo sa bene. Non a caso è risultato in totale sintonia con il collega tedesco Wolfgang Schaeuble, che al suo ultimo G20 ha detto: "nella situazione attuale in cui c'è una buona situazione economica, essere compiaciuti potrebbe essere la tentazione più grande". Una tentazione che per Padoan "va respinta con forza" anche se Mario Draghi ha parlato di una ripresa "decisa e ampia" nell'Eurozona e ha promesso la continuazione di una politica accomodante.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.