Comey conferma: indagine dell'Fbi in corso sui legami Trump-Russia

I russi non hanno alterato i voti, ma avrebbero cercato di influenzare le scelte degli elettori. Il direttore del Bureau: "Trump non è stato intercettato" da Obama

C'è un'indagine in corso sui possibili legami tra il governo russo e lo staff della campagna elettorale di Donald Trump, in merito ai tentativi di Mosca di interferire nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi. A confermarlo è stato il direttore dell'Fbi, James Comey, durante l'audizione pubblica alla commissione d'Intelligence della Camera statunitense dedicata al tentativo del Cremlino di influenzare le elezioni. Inoltre, Comey ha escluso che il presidente Donald Trump sia stato sottoposto a intercettazioni nella Trump Tower.

Comey ha dichiarato che "non è nostra pratica confermare l'esistenza di indagini in corso", ma "nelle circostanze inusuali in cui è nel pubblico interesse" parlare, dopo l'approvazione del dipartimento di Giustizia, ha voluto confermare che "l'Fbi sta indagando sui tentativi del governo russo di interferire nelle elezioni 2016, sulla natura di ogni legame tra le persone associate alla campagna di Trump e il governo russo e su qualsiasi coordinamento tra la campagna (di Trump) e i tentativi russi".

Poi, il direttore dell'Fbi ha escluso che il presidente sia stato sottoposto a intercettazioni nella Trump Tower di New York, durante la campagna elettorale; Trump, infatti, ha accusato il predecessore Barack Obama di aver ordinato delle intercettazioni contro di lui. "Non sono in possesso di informazioni a sostegno di quei tweet (quelli con cui il presidente Donald Trump ha accusato Barack Obama, ndr)" ha detto Comey.

Durante l'audizione alla commissione d'Intelligence della Camera statunitense, Comey e Mike Rogers, che guida la National Security Agency, hanno dichiarato che non ci sono prove che i voti alle ultime elezioni presidenziali statunitensi siano stati modificati dagli hacker; l'interferenza russa si sarebbe manifestata solo con una campagna per influenzare il voto. Alla domanda del repubblicano Devin Nunes, presidente della commissione, Comey e Rogers hanno risposto che non ci sono prove di interferenze russe nel conteggio dei voti in Michigan, Pennsylvania, Wisconsin, Florida, North Carolina e Ohio, ovvero gli 'swing States' decisivi per l'esito delle elezioni.

Anche Nunes ha escluso che la Trump Tower, quartier generale della campagna elettorale dell'attuale presidente, sia stata sottoposta a intercettazioni; Nunes ha poi aggiunto, nel suo discorso di apertura dell'audizione, che potrebbero essere avvenuti altri tipi di sorveglianza ai danni di Trump. "Lasciatemi essere chiaro: sappiamo che non ci sono state intercettazioni nella Trump Tower. Nonostante questo, è possibile che altre attività di sorveglianza siano state usate contro il presidente Trump e i suoi uomini".

Dopo Nunes, ha parlato il capogruppo democratico, Adam Schiff. "Non sappiamo se i russi abbiano ricevuto l'aiuto di cittadini statunitensi, incluse le persone dello staff di Trump. Se la campagna di Trump ha aiutato o favorito i russi, non sarebbe solo un grave crimine, ma sarebbe uno dei tradimenti più scioccanti della fiducia nazionale nella storia del Paese". "Non sapremo mai se l'azione dei russi sia stata determinante in un'elezione cos" combattuta. Non è importante. I russi sono riusciti a intromettersi nella nostra democrazia e le nostre agenzie d'intelligence hanno concluso che lo faranno ancora".

Poco dopo, l'amministrazione Trump ha affermato che "niente" è cambiato e che non esiste "alcuna prova" contro il presidente. "Non è cambiato nulla" ha detto un responsabile della Casa Bianca. "Gli alti responsabili dell'intelligence sotto Barack Obama hanno ufficialmente confermato che non esistono prove di collusione e che non ci sono prove di uno scandalo Trump-Russia".

Altri Servizi

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP