Comey conferma: indagine dell'Fbi in corso sui legami Trump-Russia

I russi non hanno alterato i voti, ma avrebbero cercato di influenzare le scelte degli elettori. Il direttore del Bureau: "Trump non è stato intercettato" da Obama

C'è un'indagine in corso sui possibili legami tra il governo russo e lo staff della campagna elettorale di Donald Trump, in merito ai tentativi di Mosca di interferire nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi. A confermarlo è stato il direttore dell'Fbi, James Comey, durante l'audizione pubblica alla commissione d'Intelligence della Camera statunitense dedicata al tentativo del Cremlino di influenzare le elezioni. Inoltre, Comey ha escluso che il presidente Donald Trump sia stato sottoposto a intercettazioni nella Trump Tower.

Comey ha dichiarato che "non è nostra pratica confermare l'esistenza di indagini in corso", ma "nelle circostanze inusuali in cui è nel pubblico interesse" parlare, dopo l'approvazione del dipartimento di Giustizia, ha voluto confermare che "l'Fbi sta indagando sui tentativi del governo russo di interferire nelle elezioni 2016, sulla natura di ogni legame tra le persone associate alla campagna di Trump e il governo russo e su qualsiasi coordinamento tra la campagna (di Trump) e i tentativi russi".

Poi, il direttore dell'Fbi ha escluso che il presidente sia stato sottoposto a intercettazioni nella Trump Tower di New York, durante la campagna elettorale; Trump, infatti, ha accusato il predecessore Barack Obama di aver ordinato delle intercettazioni contro di lui. "Non sono in possesso di informazioni a sostegno di quei tweet (quelli con cui il presidente Donald Trump ha accusato Barack Obama, ndr)" ha detto Comey.

Durante l'audizione alla commissione d'Intelligence della Camera statunitense, Comey e Mike Rogers, che guida la National Security Agency, hanno dichiarato che non ci sono prove che i voti alle ultime elezioni presidenziali statunitensi siano stati modificati dagli hacker; l'interferenza russa si sarebbe manifestata solo con una campagna per influenzare il voto. Alla domanda del repubblicano Devin Nunes, presidente della commissione, Comey e Rogers hanno risposto che non ci sono prove di interferenze russe nel conteggio dei voti in Michigan, Pennsylvania, Wisconsin, Florida, North Carolina e Ohio, ovvero gli 'swing States' decisivi per l'esito delle elezioni.

Anche Nunes ha escluso che la Trump Tower, quartier generale della campagna elettorale dell'attuale presidente, sia stata sottoposta a intercettazioni; Nunes ha poi aggiunto, nel suo discorso di apertura dell'audizione, che potrebbero essere avvenuti altri tipi di sorveglianza ai danni di Trump. "Lasciatemi essere chiaro: sappiamo che non ci sono state intercettazioni nella Trump Tower. Nonostante questo, è possibile che altre attività di sorveglianza siano state usate contro il presidente Trump e i suoi uomini".

Dopo Nunes, ha parlato il capogruppo democratico, Adam Schiff. "Non sappiamo se i russi abbiano ricevuto l'aiuto di cittadini statunitensi, incluse le persone dello staff di Trump. Se la campagna di Trump ha aiutato o favorito i russi, non sarebbe solo un grave crimine, ma sarebbe uno dei tradimenti più scioccanti della fiducia nazionale nella storia del Paese". "Non sapremo mai se l'azione dei russi sia stata determinante in un'elezione cos" combattuta. Non è importante. I russi sono riusciti a intromettersi nella nostra democrazia e le nostre agenzie d'intelligence hanno concluso che lo faranno ancora".

Poco dopo, l'amministrazione Trump ha affermato che "niente" è cambiato e che non esiste "alcuna prova" contro il presidente. "Non è cambiato nulla" ha detto un responsabile della Casa Bianca. "Gli alti responsabili dell'intelligence sotto Barack Obama hanno ufficialmente confermato che non esistono prove di collusione e che non ci sono prove di uno scandalo Trump-Russia".

Altri Servizi

Wall Street si aspetta un'altra stretta Fed nel 2017

A New York, intanto, prosegue il dibattito all'Assemblea generale dell'Onu
AP

Google punta sull'hardware: accordo da 1,1 miliardi di dollari con HTC

La controllata di Alphabet compra parte del produttore taiwanese di smartphone con cui lavora dal 2008. Affila le armi contro Apple
Google

Google spinge sempre di più sull'hardware. La controllata di Alphabet a cui fanno capo lo speaker per la casa Google Home, il visore per la realtà virtuale Daydream e lo smartphone Pixel, ha detto che per 1,1 miliardi di dollari in contanti comprerà parte di HTC. Si tratta del produttore taiwanese di smartphone da tempo in difficoltà che era stato arruolato dal gruppo tecnologico americano per produrre lo smartphone di alta gamma lanciato lo scorso anno e pensato per competere meglio contro Apple. Per Google, si tratta della seconda acquisizione di un produttore di telefonini: nel 2011 comprò Motorola Mobility per 12,5 miliardi di dollari, di cui tre anni dopo cedette le attività di telefonia alla cinese Lenovo per 3 miliardi.

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà

Impegno sociale e bellezza. Nella settimana che vede i leader mondiali riuniti nel Palazzo di vetro per l'Assemblea Generale, al Pierre Hotel di Manhattan si è svolto il settimo First Ladies Luncheon di Fashion4Development, l'organizzazione fondata da Evie Angelou in seno all'Onu per promuovere e sostenere progetti legati alla moda nei Paesi in via di sviluppo.

Gentiloni: costruire una società aperta, no a barriere e muri

Il presidente del consiglio all'assemblea generale Onu parla di cooperazione e dell'esperienza dell'Europa. E poi di Libia, Siria, terrorismo, clima e del fatto che solo uniti si possono affrontare le sfide. Ma su Trump non va all'attacco diretto
Presidenza del Consiglio dei Ministri /Tiberio Barchielli

Il messaggio che Paolo Gentiloni vuole mandare alla comunità internazionale e agli alleati dell'Italia, Stati Uniti compresi, è molto chiaro. Stiamo affrontando un periodo molto difficile, ma la risposta alle sfide - dalle migrazioni al terrorismo fino ai cambiamenti climatici - è una: lavorare insieme e cercare di costruire ponti anziché muri o barriere. "Prevenzione non significa costruire barriere. Significa, piuttosto, realizzare lo sviluppo inclusivo e sostenibile". Nel corso del suo discorso all'assemblea generale dell'Onu, il presidente del consiglio ha ribadito, ancora una volta, "l'importanza del multilateralismo" e ha avvertito sui rischi dei populismi.

La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Come atteso dal mercato, la Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse in un intervallo tra 1 e 1,25%, dove erano stati portati lo scorso giugno. E ha annunciato che a ottobre inizierà a ridurre il suo bilancio lievitato a 4.500 miliardi di dollari, dai 900 miliardi del 2008, sulla scia degli acquisti di Treasury e bond ipotecari varati in risposta alla crisi.

Gentiloni guarda al futuro. La ripresa c'è, ma attenzione ai populismi

Il presidente del Consiglio a New York per l'apertura dell'assemblea generale dell'Onu. All'Europa chiede politiche comuni per i migranti e alla chiusura di Trump risponde con il multilateralismo. Oggi il suo intervento

In un periodo di divisioni e populismi, Paolo Gentiloni racconta di un'Italia che nonostante le difficoltà continua a crescere e proprio in questo momento non deve perdere la forza delle riforme. Il presidente del consiglio si trova a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale delle Nazioni Unite: l'assemblea di Trump, della riforma dell'Onu, della Corea del Nord e dei cambiamenti climatici. "Viviamo in un periodo di difficile transizione. L'instabilità geopolitica è ancora presente, allo stesso tempo il dinamismo economico e, in Europa, un rinnovato sentimento di fiducia per il nostro cammino comune, sta alimentando le speranze di un periodo migliore", ha detto Gentiloni, iniziando il suo viaggio negli Stati Uniti dalla Casa Italiana Zerilli-Marimò della New York University, dove ieri sera ha dialogato con studenti, professori dell'università e con la comunità italiana della metropoli americana.

iStock

FedEx ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili inferiori alle stime degli analisti, colpa di "sfide operative significative" dovute al cyber-attacco subito dalla controllata olandese TNT Express a fine giugno e all'urgano Harvey che il 25 agosto scorso mise in ginocchio il Texas.

Clinton spiana la strada a Bloomberg e conia termine per il populismo di destra

E' "tribalismo separatista". Il 42esimo presidente americano promuove un'agenda inclusiva durante un evento che ha preso il posto della sua Clinton Global Initiative
Bloomberg

Bill Clinton ha coniato un nuovo termine per fare riferimento al populismo di destra: "tribalismo separatista". Per due volte il 42esimo presidente americano ha usato questa espressione nel suo discorso con cui è iniziato il Bloomberg Global Business Forum, un evento in cui sembra avere passato il testimone a Michael Bloomberg, il tre volte ex sindaco di New York che nel 2016 aveva accarezzato l'idea di una candidatura alle elezioni presidenziali preferendo poi non ostacolare la corsa (finita male) della candidata democratica Hillary Clinton e che magari sta preparando la sua discesa in campo nel 2020.

Harvard ritira la fellowship a Manning dopo le critiche della Cia

L'università si è scusata per non aver capito le implicazioni della sua decisione
Vogue

Dopo le critiche ricevute, Harvard ha deciso di revocare la 'fellowship' assegnata a Chelsea Manning, l'ex analista militare che trasmise a Wikileaks una serie di documenti riservati statunitensi.

Trump tende la mano all'Onu e fa pressing per meno burocrazia

Alfano: "grande passo avanti". Nel 2019 Italia settimo contributore al bilancio del Palazzo di vetro
AP

Per una volta Donald Trump è sembrato presidenziale, almeno più del solito. Al suo debutto alle Nazioni Unite, il presidente americano è apparso posato nel ribadire che l'Onu deve cambiare per meglio occuparsi delle persone che ne hanno bisogno e per abbandonare la burocrazia. Su questo c'è stata sintonia con il segretario generale del Palazzo di vetro, Antonio Guterres: "Più risultati, meno burocrazia", ha detto l'ex premier portoghese. "Più attenzione alle persone, meno burocrazia", aveva detto poco prima il leader americano, con alla sua sinistra l'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley.