Comey contro Trump: "Ha mentito e diffamato me e l'Fbi"

L'ex direttore del Federal Bureau ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato. "Nessun dubbio" che la Russia abbia interferito nelle elezioni statunitensi, ma "sono fiducioso" che "nessun voto sia stato alterato"
AP

Trump "ha mentito" agli americani e ha "diffamato me e l'Fbi". "Non ci sono dubbi" che la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno, ma "ho fiducia" che "nessun voto sia stato alterato". Questi i passaggi più significativi della testimonianza dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey, davanti alla commissione Intelligence del Senato, durata quasi tre ore, attesa e seguita dai media e dalla popolazione come si trattasse del Super Bowl, la finale del campionato di football americano, l'evento più popolare negli Stati Uniti.

Nella prima apparizione dal suo licenziamento, avvenuto un mese fa, Comey ha attaccato l'attuale amministrazione sin dalle sue prime parole: "L'amministrazione ha scelto di diffamare me e, ancor più importante, l'Fbi", affermando che il Bureau era "nel caos". "Sono state dette bugie, mi dispiace per gli americani". L'Fbi "è e sarà sempre indipendente", ha detto Comey, che ha spiegato che "le motivazioni date per il mio licenziamento erano ambigue, non avevano senso, mi hanno confuso e preoccupato".  Comey ha poi detto di credere che le indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi siano state un fattore decisivo nella decisione di Trump di licenziarlo. "Qualcosa nel modo in cui stavo conducendo" le indagini ha "fatto sentire al presidente una pressione che voleva alleviare". "Sono stato licenziato - ha affermato ancora - per cambiare...il modo in cui erano condotte le indagini sulla Russia".

L'ex direttore dell'Fbi ha scritto nella sua testimonianza, resa pubblica ieri e non ripetuta davanti alla commissione, che aveva cominciato a prendere nota delle sue conversazioni con il presidente Trump, prendendo un'abitudine che non aveva mai avuto. E lo ha fatto, ha spiegato, perché "ero onestamente preoccupato che [Trump] potesse mentire sulla natura dei nostri incontri e ho pensato fosse importante documentarli".

Comey ha dichiarato che "non ci sono dubbi" che la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno, spiegando comunque di avere fiducia nel fatto che "nessun voto sia stato alterato" come conseguenza delle ingerenze di Mosca. Comey ha poi aggiunto che l'Fbi ha scoperto le intrusioni informatiche russe verso la fine dell'estate del 2015.

Comey ha detto che Trump "sembrava voler ottenere qualcosa" da lui, durante il loro incontro del 27 gennaio; l'ex direttore dell'Fbi ha detto di essere rimasto "sorpreso" e "innervosito" che Trump gli avesse chiesto se volesse rimanere al suo posto, perché aveva già detto chiaramente di volerlo fare. Comey ha detto di essere andato via da quella cena con la sensazione che Trump "volesse ottenere qualcosa in cambio della mia richiesta di restare in carica".

Comey non ha voluto ripetere la dichiarazione iniziale resa pubblica ieri, lunga sette pagine e composta da 3.100 parole, in cui ha confermato che Trump gli chiese "lealtà" e di "lasciar correre", quindi di chiudere, l'inchiesta su Michael Flynn, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale che aveva mentito sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak. Un'altra richiesta di Trump a Comey fu quella di affermare pubblicamente che il presidente "non era personalmente sotto inchiesta", ma Comey non lo fece per rispettare i protocolli.

Comey si è rifiutato di dichiarare se consideri la richiesta di Trump di chiudere le indagini su Flynn un tentativo di ostruire la Giustizia, ma l'ha definita "una cosa molto inquietante e preoccupante". Ha poi aggiunto di aver preso le parole di Trump "come una 'direzione'...l'ho presa come quello che voleva che io facessi". E a proposito delle indagini, Comey ha ribadito di aver detto a Trump "che non era sotto indagine dell'Fbi durante il nostro primo incontro". "Prima dell'incontro del 6 gennaio, discussi con i leader dell'Fbi se dovessi prepararmi a rassicurare il presidente eletto Trump che non stavamo indagando su di lui. Era vero. Non avevamo un caso aperto su di lui. Fummo d'accordo che dovessi avvertirlo. Durante il nostro incontro faccia a faccia alla Trump Tower, gli diedi questa rassicurazione".

Durante la testimonianza, Comey ha dichiarato di aver condiviso delle copie delle sue note sulle conversazioni con il presidente degli Stati Uniti con un amico - un professore della Columbia Law School, Daniel Richman - in modo che potesse consegnarle ai giornalisti. Comey ha detto di averlo fatto nella speranza che si arrivasse alla nomina di un procuratore speciale sulle presunte interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi, come poi successo (Robert Mueller). Comey ha detto di sperare che "ci siano davvero le registrazioni delle conversazioni" con il presidente e ha invitato a "pubblicarle tutte. Mi va bene", facendo riferimento a un tweet in cui Trump lasciava intendere che ci potessero essere delle registrazioni degli incontri.

L'ex direttore dell'Fbi ha poi rivelato che Trump non è stato l'unico componente dell'amministrazione statunitense a comportarsi in modo "preoccupante" nell'ultimo anno. Ha detto che Loretta Lynch, segretario alla Giustizia dell'amministrazione Obama, gli chiese di definire la questione dellsulle e-mail di Hillary Clinton un "caso", non "un'indagine". Le sue parole, ha detto Comey, "mi confusero e mi preoccuparono". Comey ha detto che questa è stata una delle ragioni per cui sentì la necessità di annunciare pubblicamente le novità emerse sul caso, che per i democratici avrebbero danneggiato Clinton alle elezioni. L'altro fattore determinante fu l'incontro in aeroporto tra l'ex presidente Bill Clinton e la stessa Lynch, che creò grosse polemiche negli Stati Uniti. Comey ha detto di aver annunciato le novità sul caso per proteggere la credibilità dell'Fbi e del dipartimento di Giustizia. L'audizione di Comey è proseguita nel pomeriggio americano, ma a porte chiuse.

La testimonianza di James Comey davanti alla commissione Intelligence del Senato è servita a "stabilire che [il presidente] Trump non era indagato per collusione o per aver cercato di ostruire le indagini dell'Fbi". A dirlo è stato Marc Kasowitz, l'avvocato personale di Trump, nella sua prima apparizione pubblica, intervenuto poco dopo la conclusione della testimonianza pubblica dell'ex direttore dell'Fbi. Trump "non ha mai richiesto o suggerito" a Comey di fermare le indagini su qualcuno, nemmeno su Flynn; Kasowitz ha poi detto che Trump non ha mai detto a Comey: "Ho bisogno di lealtà, mi aspetto lealtà", come dichiarato dall'ex direttore dell'Fbi. Inoltre, Comey ha "ammesso" di aver "unilateralmente e di nascosto divulgato alla stampa, senza autorizzazione, delle comunicazioni confidenziali con il presidente".

Per ora, Trump ha risposto solo indirettamente, parlando a un evento organizzato da un gruppo di evangelici. "Nulla che valga la pena fare è facile, ma sappiamo come combattere e non molleremo mai. Combatteremo e vinceremo". "Siamo sotto assedio...ma ne usciremo - ha detto - più grandi e forti che mai". Sarah Huckabee Sanders, vice portavoce della Casa Bianca, ha invece dichiarato, rispondendo a Comey, che Trump "non è un bugiardo".

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.