Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Un editoriale comparso su "China Daily" - quotidiano in lingua inglese controllato da Pechino - si sostiene che il protezionismo degli Usa "è sintomo di illusioni paranoiche". La tesi della nazione asiatica è che l'America di Donald Trump non ha capito che gli scambi con la Cina sostengono milioni di posti di lavoro statunitensi. Citando uno studio, l'editoriale fa notare che tra gennaio e maggio di quest'anno gli investimenti cinesi in Usa sono crollati di circa il 92% a meno di 2 miliardi di dollari (minimi di sette anni). Secono la Cina, è l'effetto della "crociata di Trump e dei suoi falchi commerciali".

Ora il timore è che le minacce a colpi di dazi inizino a farsi sentire sui conti delle aziende. Ieri Daimler è diventato il primo grande gruppo auto a lanciare un profit warning citando i dazi cinesi sulle importazioni Usa. Oggi la taiwanese Foxxcon, che assembla gli iPhone di Apple in Cina, ha parlato della guerra commerciale come del "rischio maggiore con cui l'azienda deve fare i conti".

Non è un caso che dentro la Casa Bianca ci sia qualcuno che stia lavorando per fare ripartire le trattative con la Cina, interrotte dalla decisione di Trump di tirare dritto con dazi su prodotti tech cinesi per 50 miliardi a cui la Cina ha risposto con misure di simile portata. Di conseguenza il presidente Usa ha minacciato tariffe doganali addizionali per 200 miliardi, cosa che martedì 19 giugno ha mandato in tilt i mercati, a cui la Cina di Xi Jinping non mancherà di rispondere. La prova di come gli sforzi dell'ala più moderata della Casa Bianca si stiano materializzando potrebbe stare nell'invito in Usa del vicepresidente cinese Wang Qishan. C'è tempo fino al 6 luglio prossimo.

Altri Servizi

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac

di Didier Saint-Georges*

A Wall Street piace la marijuana: performance 'stupefacente' di Tilray

Il titolo del produttore canadese arrivato a guadagnare fino al 94%. Dall'Ipo di luglio +1.100% circa. Il gruppo punta sul beverage e sul pharma

Tilray, produttore canadese di cannabis, ha appena archiviato una seduta sull'ottovolante a Wall Street, confermando una performance 'stupefacente' da quando il gruppo si è quotato sul Nasdaq il 19 luglio scorso. Da allora, quando debuttò il borsa a 17 dollari, l'azione che oggi ha raggiunto un record intraday a 300 dollari ha guadagnato oltre il 1.100%.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Facebook verificherà l'autenticità di video e foto

Attenzione non solo ad articoli e link. Ricorrerà a segnalazioni di utenti e tecnologia per individuare "nuovi formati visuali di disinformazione"

Continuano gli sforzi di Facebook volti a individuare i contenuti falsi che circolano sulla sua piattaforma. Con l'aiuto di persone e strumenti tecnologici, il social network verificherà l'autenticità di immagini e video testati.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Stretta di Trump sui rifugiati: solo 30.000 in Usa nel 2019

È il limite più basso dalla creazione del programma per i rifugiati nel 1980
AP

L'amministrazione statunitense ha deciso, per il prossimo anno fiscale, di abbassare a 30.000 il numero di rifugiati ammessi nel Paese. Lo ha annunciato ieri il segretario di Stato, Mike Pompeo. Si tratta del tetto più basso imposto al programma per i rifugiati dalla sua creazione nel 1980 e di una riduzione di un terzo dal limite di 45.000 rifugiati imposto dal presidente Donald Trump per l'anno attuale. Ad agosto, il New York Times aveva anticipato la scelta dell'amministrazione, scrivendo che in discussione c'era addirittura l'ipotesi di abbassare il limite a 25.000 rifugiati.

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda