Commissione Intelligence del Senato Usa: "Mosca ha cercato di favorire Trump"

Per l'equivalente commissione della Camera, invece, non ci sarebbero prove. Il repubblicano Burr: "Non abbiamo motivi per mettere in dubbio le conclusioni dell'intelligence"
Ap

La Russia ha cercato di favorire l'elezione di Donald Trump. Ne è convinta anche la commissione Intelligence del Senato statunitense, guidata dai repubblicani, che sta indagando sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Per la commissione Intelligence della Camera, invece, la Russia ha interferito nelle presidenziali, ma non ci sono prove che Mosca, con le sue azioni, abbia cercato di favorire Trump a svantaggio della sua rivale, la candidata democratica Hillary Clinton.

Oggi, il repubblicano Richard Burr, presidente della commissione, e il democratico Mark Warner, suo vice, hanno tenuto un'audizione a porte chiuse con l'ex direttore della National Intelligence, James Clapper, l'ex direttore della Cia, John Brennan, e l'ex direttore della National Security Agency, Mike Rogers, per completare la loro valutazione delle conclusioni dell'intelligence, secondo cui la Russia ha cercato di favorire Trump, di danneggiare Clinton e di indebolire la democrazia statunitense.

In una nota diffusa dai due senatori, Burr afferma che "non vediamo ragioni per mettere in discussione le conclusioni" dell'intelligence. "Non c'è dubbio - ha aggiunto - che la Russia abbia intrapreso uno sforzo senza precedenti per interferire nelle nostre elezioni del 2016". Per Warner, "lo sforzo dei russi è stato esteso, sofisticato e ordinato dal presidente Vladimir Putin, con lo scopo di aiutare Donald Trump e danneggiare Hillary Clinton. Per proteggere la nostra democrazia da future minacce, dobbiamo capire cosa è successo nel 2016. E mentre le nostre indagini vanno avanti, una cosa è abbondantemente chiara: dobbiamo fare un lavoro migliore in futuro se vogliamo proteggere le nostre elezioni dalle interferenze straniere".

Altri Servizi

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock