Con Trump, ingressi di rifugiati in Usa verso i minimi del 1980

Tra ottobre e dicembre a circa 5.000 è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni

Le regole più severe imposte da Donald Trump dallo scorso ottobre rischiano di portare ai minimi del 1980 il numero di rifugiati ammessi negli Stati Uniti. Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2018, iniziato il primo ottobre 2017, a circa 5.000 rifugiati è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni. A meno che ci sia un'accelerazione nei mesi a venire, il numero di rifugiati che potrà arrivare in Usa sarà inferiore al tetto da 45.000 imposto dal 45esimo presidente americano nell'autunno scorso. Quel tetto è il più basso da quando il programma di rifugiati fu avviato 38 anni fa.

Ancora è presto per prevedere il numero di persone che verrà ammesso entro il 30 settembre prossimo. Negli anni, il tasso di ingressi concessi ai rifugiati è variato. Nei primi tre mesi dell'anno fiscale 2015 è stato dato l'ok al 24% del totale annuo; nel 2016 al 16%; nel 2017 a quasi la metà. 

Quanto visto tra ottobre e dicembre è il frutto di controlli più severi ma anche di una quasi totale sospensione degli ingressi di rifugiati in arrivo da 11 nazioni tra cui soprattutto Iran, Iraq, Somalia e Siria. Le altre sono Egitto, Libia, Mali, Corea del Nord, Sud Sudan, Sudan e Yemen. Per gran parte del trimestre, hanno ricevuto semaforo verde le persone in arrivo da quelle nazioni solo se potevano provare che il loro arrivo in Usa fosse nell'"Interesse nazionale". Negli anni passati, almeno il 40% del programma di rifugiati comprendeva cittadini di quei Paesi. Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2018, erano il 5% dei 5.323 rifugiati ammessi in Usa.

La maggior parte dei rifugiati ammessi nel periodo è arrivata dal Bhutan. Stando a un'analisi dei dati del dipartimento di Stato elaborati dal Wall Street Journail, il 29% del programma di rifugiati è associato fino ad ora alla piccola nazione asiatica che ha meno di un milione di abitanti.

I cambiamenti voluti dall'amministrazione Trump stanno cambiando la composizione religiosa delle persone ammesse. Negli anni passati, il 40% dei rifugiati ammessi si identificava come musulmano. Nel primo trimestre fiscale del 2018 soltanto il 14% di musulmani ha messo piede in Usa. La porzione di cristiani è aumentata così come quella di buddisti e indù (in misura minore).

Secondo i critici, questi dati dimostrano come il governo Trump stia prendendo di mira rifugiati di fede musulmana, che poi è la critica mossa anche contro il cosiddetto "travel ban", ossia il divieto di ingresso in Usa di cittadini di nazioni di fede prevalentemente musulmana. Il provvedimento è ancora oggetto di battaglie legali. La Casa Bianca ha respinto queste accuse sostenendo che le sue politiche migratorie non sono legate alla religione e che il loro obiettivo è tutelare la sicurezza nazionale.

Altri Servizi

Wall Street chiusa per il Martin Luther King Day

Non sono in calendario dati e trimestrali, riflettori puntati sul salone dell'Auto di Detroit
AP

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022. Il gruppo di Detroit accelera notevolmente i suoi piani. Offrirà "una gamma molto ampia" di veicoli elettrici in Europa e in Usa, incluse macchine sportive

Ford Motor ha deciso di premere l'acceleratore sui veicoli elettrici, per cui investirà 11 miliardi di dollari al 2022 contro i 4,5 miliardi che si era impegnato a spendere entro il 2020. Fornendo tali cifre, Ford è diventato uno dei pochi gruppi ad avere dato la portata del proprio investimento in questo campo. Travolta dallo scandalo dieselgate nel settembre 2015, la tedesca Volkswagen si è impegnata a spendere 40 miliardi di dollari tra auto elettriche, veicoli autonomi e servizi di mobilità nuovi entro il 2022.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Siria, gli Usa aiutano i curdi a costruire una forza per controllare i confini. Furia della Turchia

Nuovo esercito con 30.000 soldati per controllare le frontiere con Turchia e Iraq. Ankara convoca il chargé d'affaires statunitense
iStock

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con le milizie siriane alleate per dare vita a una forza di 30.000 soldati che controllino i confini. Si tratta di una mossa che ha ulteriormente alimentato la rabbia turca per il sostegno statunitense alle forze curde nel Paese vicino.

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Si allunga la lista di banche centrali preoccupate per l'effetto-bitcoin. L'ultima in ordine di tempo a lanciare l'allarme su possibili rischi posti alla stabilità del sistema finanziario è stata la Bank Indonesia, che ha parlato delle possibili forti perdite per chi investe e per l'intero mercato.

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".

La nipote di Martin Luther King difende Donald Trump. Alveda King, figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace, ex deputata democratica statale in Georgia e ora dichiaratamente repubblicana e collaboratrice di Fox News, ha preso le parti del presidente degli Stati Uniti, sottolineando le opportunità economiche che sta dando agli afroamericani.

Spotify vuole rivoluzionare le Ipo a Wall Street: per banche commissioni più basse

I tre adviser di Spotify, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Allen & Co, si divideranno probabilmente commissioni per 30 milioni di dollari, cifra che potrebbe cambiare in base alle dimensioni della società al momento del debutto e al successo della quotazio
iStock

Spotify ha rivoluzionato il mondo della musica con il proprio servizio di streaming. Ora la società svedese si prepara a fare lo stesso anche con Wall Street: le banche che stanno lavorando alla quotazione del gruppo, che seguirà una procedura inconsueta, riceveranno commissioni molto più basse rispetto a quelle consuete.

Per Astaldi contratto da 108 milioni di dollari per costruire una tratta autostradale in Usa

È prevista la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429–State Road 46 (Wekiva Parkway, Sezione 7A), compresi 12 ponti e tutte le opere connesse.

Contratto negli Stati Uniti per Astaldi. La società, uno dei principali contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, si è aggiudicata un appalto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta dell'autostrada Wekiva Parkway, in Florida.

Trump all'attacco: non sono razzista, su immigrazione democratici mi ostacolano

Il presidente ha spiegato di voler concludere un accordo sull'immigrazione, ma di essere ostacolato dagli avversari democratici: "Noi siamo pronti, desiderosi e capaci di ottenere un accordo sui Daca", ha detto.
AP

"Non sono razzista. Sono la persona meno razzista che abbiate intervistato, questo lo posso dire per certo". Donald Trump, parlando dalla Florida, prova ancora a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, come aveva già fatto venerdì, e a placare il vespaio scatenato da alcune sue presunte frasi molto poco "politically correct" su Paesi come Haiti riportate la settimana scorsa dal Washington Post.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Ancora guai per il presidente americano Donald Trump, che dopo la bufera scatenata dalle parole volgari usate parlando di Paesi poveri (ha definito Haiti un "paese di merda", salvo poi bollare come false le indiscrezioni di stampa), è di nuovo nell'occhio del ciclone per questioni a sfondo sessuale.