Conclave, cardinali americani dominano la scena

Insolito ruolo da “protagonisti” per i porporati a stelle e strisce, anche grazie ad un eccentrico interventismo mediatico. Ma non è solo questione di comunicazione: la delegazione americana al conclave è una delle più grandi, e peserà come mai in passato

“The daily American Show", lo spettacolo quotidiano Americano: così Nicole Winfield della Associated Press definisce la conferenza stampa che, per la gioia delle centinaia di giornalisti di tutto il mondo già accampati in Vaticano, viene tenuta ogni giorno nell’auditorium del North American College (il seminario statunitense) dalla “delegazione” statunitense al Conclave che nelle prossime ore comincerà ad operare per l’lezione del successore di Benedetto Sedicesimo. Padre Federico Lombardi, il portavoce del Vaticano, tiene le sue conferenze stampa ma con uno stile molto più sobrio e “abbottonato”; e tutte le delegazioni cardinalizie tranne quella americana sono chiuse nel tradizionale prudente silenzio. Ma cardinali statunitensi, al contrario, parlano, si concedono ai media. E in questo modo stanno rapidamente acquistando un ruolo da protagonisti abbastanza inedito nella storia del Conclave.

Il tutto è orchestrato da Mary Ann Walsh, la portavoce della Conferenza Episcopale Statunitense; ma per lo più i cardinali americani su sono anche portati a Roma i rispettivi portavoce personali. A rispondere alle domande dei giornalisti in queste insolite conferenze stampa “all’americana”, che addirittura prendono il via senza nemmeno attendere la conclusione di quelle di Padre Lombardi, sono per ora i cardinali Daniel Di Nardo dell’arcidiocesi di Galveston-Houston e Sean O'Malley di quella di Boston. Ma finché non verranno sigillati dentro la Cappella Sistina un po’ tutti i cardinali americani si distinguono per presenzialismo mediatico: chi twitta, chi blogga, addirittura l’arcivescovo di New York Timothy Dolan, che si considera a capo della delegazione sia perché presiede la Conferenza Episcopale Statunitense (il suo predecessore l’arcivescovo di Chicago Francis George, altro prelato molto influente, è a sua volta presente), sia per la sua personalità decisamente carismatica, non ha cessato di condurre il suo show radiofonico settimanale, che ora va in onda su "The Catholic Channel," direttamente dal North American College, del quale egli era stato rettore negli anni Novanta del secolo scorso.

Non si tratta solo di di stile o di colore. I cardinali americani sono risaputamente, assieme a quelli tedeschi, i meno inclini a sottostare ai dettami della cosiddetta Curia, l’apparato burocratico vaticano facente capo al cardinale Tarcisio Bertone. Questo protagonismo “eccentrico” ha quindi una sua logica: è un gioco d’attacco, o d’anticipo se si preferisce, che conferisce loro un ruolo e una forza che certamente nei sacri palazzi qualcuno poco apprezza. Un primo piccolo strappo si sta probabilmente già consumando: mentre la Curia si muove per anticipare il voto, secondo molti allo scopo di favorire un italiano o comunque un suo candidato, i cardinali americani stanno puntando i piedi dicendosi “non ancora pronti”, e qualcuno legge uno stratagemma tattico nel fatto che quattro di loro se la sono presa comoda e sono giunti a Roma solo ieri sera.

Ora che anche i quattro ritardatari hanno raggounto la Città Eterna, la delegazione cardinalizia a stelle e strisce consta di ben undici membri: la più consistente che abbia mai preso parte ad un Conclave, e la seconda più numerosa dopo la delegazione italiana, (che però è molto più grande: ben ventotto cardinali). Questo anche per scelta di Benedetto Sedicesimo, che l’anno scorso ne ha “porporato” tre nuovi cardinali americani (attualmente sono quindi in tutto diciannove, ma otto di loro sono ultraottantenni e non sono quindi più elettori).

Dolan stesso è stato inserito sin da principio da molti giornalisti nelle rose dei “papabili”; gli analisti più avveduti stimano molto improbabile che lui o un altro americano divenga Papa, ma molti considerano più che verosimile un ruolo suo e del cardinale George come king-maker – anzi, pope-maker. E non certo per favorire l’elezione di un papabile “interno” alla Curia.

Altri Servizi

Trump alla Casa Bianca, primo mese tra caos e immobilismo

Polemiche e scandali, ordini esecutivi ma, in realtà, pochi fatti. Il senatore McCain: "Nessuno sa chi fa cosa"

Ordini esecutivi, polemiche, litigi, scandali, tribunali; infine, le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale. Donald Trump non ha ancora festeggiato il primo mese da presidente degli Stati Uniti, eppure le cronache sono già piene di episodi che mettono in dubbio le sue capacità, e quelle dell'intera amministrazione, di essere all'altezza del compito.

Trump presidente, ma si scommette già su dimissioni e impeachment

I bookmaker non sembrano credere molto alla possibilità che The Donald resti alla Casa Bianca per quattro anni
AP

La presidenza di Donald Trump è iniziata da poco più di tre settimane, eppure la sua permanenza alla Casa Bianca per quattro anni non è data per scontata dalle società di scommesse, che puntano (è proprio il caso di dire) sull'impeachment.

Wall Street chiude in rialzo

Giornata senza dati. Venerdì, chiusura record per i tre maggiori indici
AP

Il prossimo iPhone? Per Tim Cook è la realtà aumentata

A dieci anni dal primo telefonino di Apple, il gruppo pensa a nuove strategie per continuare a crescere

Quando nel 2007 Apple mise sul mercato il primo iPhone, non creò nulla di nuovo. Riusc" invece a fare bene e a semplificare quello che già esisteva da qualche tempo: lo smartphone.

Twitter: aumentano le perdite, ma anche numero utenti e fatturato

Nel quarto trimestre rosso passato da 90 a 167 milioni di dollari. Dorsey: il 2016 un anno di trasformazione, i risultati arriveranno

Nel quarto trimestre Twitter ha ampliato le perdite, ma ha visto salire fatturato (+1%) e numero di utenti attivi (+4% a 319 milioni rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). Anche se i risultati sono stati migliori delle previsioni, il titolo del social network cede il 9% circa a Wall Street.

Tom Price confermato a guida dipartimento Salute. Ora andrà all'attacco dell'Obamacare

Il repubblicano, un chirurgo ortopedico che rappresenta alla Camera una zona settentrionale di Atlanta, in Georgia, è uno dei maggiori critici, in Congresso, dell'Obamacare
AP

La squadra di Governo del presidente Donald Trump ha, ufficialmente, un pezzo in più. Il Senato, con 52 voti favorevoli e 47 contrari, ha confermato la nomina di Tom Price a segretario alla Salute e ai servizi umani. 

Flynn si dimette. Trump a caccia di nuovo consigliere sicurezza nazionale. Spunta nome Petraeus

E' finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti
AP

Alla fine Michael Flynn ha mollato il colpo e si è dimesso da consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump. Si è fatto da parte dopo quattro giorni di fuoco, in cui è finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, mentre Barack Obama era ancora in carica.

Harward, Kellogg, Petraeus: chi prenderà il posto di Flynn?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, deve scegliere il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale, dopo le dimissioni del generale a tre stelle
Defense Intelligence Agency

Dopo le dimissioni di Michael Flynn, Donald Trump è alla ricerca di un nuovo consigliere per la sicurezza nazionale. Secondo Fox News, la tv certamente più vicina al presidente degli Stati Uniti, la rosa dei candidati è ridotta a tre nomi: l'ammiraglio in pensione Robert Harward, il generale a tre stelle Joseph Kellogg e l'ex direttore della Cia, nonché generale a quattro stelle, David Petraeus.

Andrea Califano, un ‘solo andata’ dedicato alla ricerca sul cancro

In attesa di conoscere il futuro del decreto immigrazione di Trump, al vaglio della Corte d'Appello, America24 esplora il mondo della ricerca sul cancro grazie al racconto del Chairman del dipartimento di biologia dei sistemi della Columbia University

Lo Stato di Washington e del Minnesota contro Donald Trump. La discussione sul decreto anti immigrazione del nuovo presidente è approdata alla Corte d’Appello di San Francisco, che nella serata di ieri ha ascoltato le parti in causa per decidere se convalidare o meno la decisione del giudice federale di Seattle, James Robart, che venerd" scorso aveva ordinato il blocco all’ordine esecutivo firmato da Trump il 27 gennaio. Sarà ora un panel di tre giudici - William C. Canby Jr,, Michelle T. Friesland e Richard R. Clifton - a decidere il futuro di quest’ordine esecutivo.

Per l'intelligence dossier Trump-Russia (in parte) credibile

Secondo quanto scrive Cnn gli investigatori avrebbero provato che alcune telefonate tra funzionari russi citate nel dossier sarebbero avvenute nei giorni e alle ore citate nel documento

Il dossier russo su Donald Trump potrebbe contenere elementi credibili. A dirlo sono gli investigatori americani che si stanno occupando delle indagini sulle 35 pagine raccolte da un ex spia britannica e circolato su Internet poco prima che Trump si insediasse alla Casa Bianca. Secondo quanto scrive Cnn gli investigatori avrebbero provato che alcune telefonate tra funzionari russi citate nel dossier sarebbero avvenute nei giorni e alle ore citate nel documento.