Conclusi i negoziati Usa-Cina, ottimismo per un accordo

Washington preme affinché Pechino mantenga le promesse. Pechino: avute "discussioni ampie, approfondite e dettagliate". Resta lavoro da fare su nodi più difficili da sciogliere

I tre giorni di negoziati commerciali tra Usa e Cina si sono conclusi a Pechino all'insegna dell'ottimismo. E i mercati finanziari sembrano credere che un accordo tra le due principali potenzie mondiali sia possibile.

Le trattative, le prime fatte di persona da quando il primo dicembre scorso i presidenti delle due nazioni siglarono una tregua commerciale di 90 giorni, sono iniziate lunedì 7 gennaio e dovevano concludersi il giorno successivo salvo poi essere estese di altre 24 ore. Come spiegato alla stampa, Lu Kang, il portavoce del ministero cinese degli Esteri, "l'estensione delle consultazioni dimostra che le due parti sono davvero serie nel condurre le trattative". E' lui ad avere annunciato il termine delle discussioni e a preannunciato un comunicato, diffuso ore dopo quello americano. 

I primi commenti sono giunti dall'Office of the United States Trade Representative. Nella nota diffusa sul sito dell'agenzia guidata dal falco Robert Lighthizer - che nella capitale cinese ha inviato una delegazione guidata dal suo vice Jeffrey Gerrish - si legge che le due parti hanno discusso "dei modi con cui raggiungere relazioni commerciali giuste, reciproche ed equilibrate" tra le due nazioni.

Si è discusso anche dell'"impegno" della nazione asiatica "a comprare una quantità notevole di prodotti agricoli, energetici e manifatturieri e altri articoli e servizi dagli Stati Uniti". Già il primo dicembre scorso la nazione asiatica si impegnò ad acquistare prodotti Made in Usa. E infatti nelle settimane successive Pechino ha ripreso a comprare la soia americana (ancora colpita da dazi voluti in risposta a quelli adottati l'estate scorsa da Washington). 

Oltre a chiedere alla Cina di mantenere fede alle parole, gli Usa vogliono che nel potenziale accordo commerciale su cui sta negoziando siano previsti dettagli sulla sua adozione e sui metodi a cui ricorrere per misurarne il rispetto e per punirne la mancata attuazione. Stando al comunicato Usa, le delegazioni dei due Paesi hanno parlato anche del "bisogno che un qualsiasi accordo sia interamente attuato e soggeto a verifiche continue e a un adempimento forzato efficace". Washington chiede "i necessari cambiamenti strutturali in Cina in merito a trasferimenti forzati di tecnologia, protezione della proprietà intellettuale, assenza di barriere commerciali, intrusioni e furti informatici di segreti commerciali, servizi e agricoltura". La delegazione americana ha comunicato a quella cinese l'intenzione di Trump di risolvere il problema dato da "questioni strutturali" e dal "persistente" deficit commerciale che gli Usa hanno nei confronti della Cina. L'obiettivo, conclude la nota, è "migliorare la relazione commerciale tra i due Paesi".

Dopo i commenti giunti dagli Stati Uniti, anche la Cina ha detto la sua. In un comunicato diffuso nella notte italiana tra l'8 e il 9 gennaio, il dipartimento cinese del Commercio ha spiegato che "discussioni ampie, approfondite e dettagliate hanno promosso una comprensione reciproca volta a gettare le fondamenta per affrontare le preoccupazioni di ambo le parti".

Secondo il China Daily, voce del governo di Pechino, la nazione asiatica è intenzionata a mettere fine alla disputa con gli Usa ma non farà "concessioni irragionevoli" e un qualsiasi accordo deve prevedere compromessi da ambo le parti. Stando a Bloomberg, Trump vorrebbe siglare un'intesa al più presto al fine di risollevare i mercati (l'S&P 500 ha ceduto l'8% circa da quando lui ha incontrato Xi Jinping a Buenos Aires alla fine del G20).

Per un accordo c'è tempo fino al primo marzo prossimo, quando scadrà la tregua siglata dai due leader in Argentina. Senza un'intesa, Washington alzerà al 25% dal 10% i dazi adottati lo scorso settembre su importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Le tariffe doganali Usa si aggiunsero a quelle del 25% adottate la scorsa estate su importazioni cinesi per altri 50 miliardi di dollari. Nel primo caso Pechino rispose con dazi del 10% su 60 miliardi di dollari di beni Made in Usa e nel secondo con misure equivalenti. E' certo che la Cina reagirebbe con ulteriori ritorsioni alla ulteriore stretta americana.

Altri Servizi

Wall Street, occhi sulla decisione della Fed

Oggi, il Fomc dovrebbe lasciare i tassi invariati, ma è sempre più possibile un taglio a luglio
AP

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

Omicidio Khashoggi, indagine Onu: Arabia Saudita colpevole, indagare sul principe MbS

"Un'esecuzione deliberata e premeditata". Da capire il ruolo di Mohammed bin Salman nell'uccisione del giornalista dissidente
Ap

"Il signor Khashoggi è stato vittima di un'esecuzione deliberata e premeditata, di un omicidio extragiudiziale per cui lo Stato dell'Arabia Saudita è responsabile sotto le leggi internazionali sui diritti umani". È quanto emerge dal rapporto di Agnes Callamard, incaricata dalle Nazioni Unite di indagare sull'omicidio del giornalista, avvenuto nel consolato saudita di Istanbul, in Turchia, lo scorso ottobre.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP