Conclusi i negoziati Usa-Cina, ottimismo per un accordo

Washington preme affinché Pechino mantenga le promesse. Pechino: avute "discussioni ampie, approfondite e dettagliate". Resta lavoro da fare su nodi più difficili da sciogliere

I tre giorni di negoziati commerciali tra Usa e Cina si sono conclusi a Pechino all'insegna dell'ottimismo. E i mercati finanziari sembrano credere che un accordo tra le due principali potenzie mondiali sia possibile.

Le trattative, le prime fatte di persona da quando il primo dicembre scorso i presidenti delle due nazioni siglarono una tregua commerciale di 90 giorni, sono iniziate lunedì 7 gennaio e dovevano concludersi il giorno successivo salvo poi essere estese di altre 24 ore. Come spiegato alla stampa, Lu Kang, il portavoce del ministero cinese degli Esteri, "l'estensione delle consultazioni dimostra che le due parti sono davvero serie nel condurre le trattative". E' lui ad avere annunciato il termine delle discussioni e a preannunciato un comunicato, diffuso ore dopo quello americano. 

I primi commenti sono giunti dall'Office of the United States Trade Representative. Nella nota diffusa sul sito dell'agenzia guidata dal falco Robert Lighthizer - che nella capitale cinese ha inviato una delegazione guidata dal suo vice Jeffrey Gerrish - si legge che le due parti hanno discusso "dei modi con cui raggiungere relazioni commerciali giuste, reciproche ed equilibrate" tra le due nazioni.

Si è discusso anche dell'"impegno" della nazione asiatica "a comprare una quantità notevole di prodotti agricoli, energetici e manifatturieri e altri articoli e servizi dagli Stati Uniti". Già il primo dicembre scorso la nazione asiatica si impegnò ad acquistare prodotti Made in Usa. E infatti nelle settimane successive Pechino ha ripreso a comprare la soia americana (ancora colpita da dazi voluti in risposta a quelli adottati l'estate scorsa da Washington). 

Oltre a chiedere alla Cina di mantenere fede alle parole, gli Usa vogliono che nel potenziale accordo commerciale su cui sta negoziando siano previsti dettagli sulla sua adozione e sui metodi a cui ricorrere per misurarne il rispetto e per punirne la mancata attuazione. Stando al comunicato Usa, le delegazioni dei due Paesi hanno parlato anche del "bisogno che un qualsiasi accordo sia interamente attuato e soggeto a verifiche continue e a un adempimento forzato efficace". Washington chiede "i necessari cambiamenti strutturali in Cina in merito a trasferimenti forzati di tecnologia, protezione della proprietà intellettuale, assenza di barriere commerciali, intrusioni e furti informatici di segreti commerciali, servizi e agricoltura". La delegazione americana ha comunicato a quella cinese l'intenzione di Trump di risolvere il problema dato da "questioni strutturali" e dal "persistente" deficit commerciale che gli Usa hanno nei confronti della Cina. L'obiettivo, conclude la nota, è "migliorare la relazione commerciale tra i due Paesi".

Dopo i commenti giunti dagli Stati Uniti, anche la Cina ha detto la sua. In un comunicato diffuso nella notte italiana tra l'8 e il 9 gennaio, il dipartimento cinese del Commercio ha spiegato che "discussioni ampie, approfondite e dettagliate hanno promosso una comprensione reciproca volta a gettare le fondamenta per affrontare le preoccupazioni di ambo le parti".

Secondo il China Daily, voce del governo di Pechino, la nazione asiatica è intenzionata a mettere fine alla disputa con gli Usa ma non farà "concessioni irragionevoli" e un qualsiasi accordo deve prevedere compromessi da ambo le parti. Stando a Bloomberg, Trump vorrebbe siglare un'intesa al più presto al fine di risollevare i mercati (l'S&P 500 ha ceduto l'8% circa da quando lui ha incontrato Xi Jinping a Buenos Aires alla fine del G20).

Per un accordo c'è tempo fino al primo marzo prossimo, quando scadrà la tregua siglata dai due leader in Argentina. Senza un'intesa, Washington alzerà al 25% dal 10% i dazi adottati lo scorso settembre su importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Le tariffe doganali Usa si aggiunsero a quelle del 25% adottate la scorsa estate su importazioni cinesi per altri 50 miliardi di dollari. Nel primo caso Pechino rispose con dazi del 10% su 60 miliardi di dollari di beni Made in Usa e nel secondo con misure equivalenti. E' certo che la Cina reagirebbe con ulteriori ritorsioni alla ulteriore stretta americana.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.