Confindustria "attendista" sulla manovra. Lo spread? Non si basa sui fatti

Parla Vincenzo Boccia da New York: per il governo sarebbe opportuno fare meno dichiarazioni. Sulla crescita si gioca la sua credibilità. Il reddito di cittadinanza? Non sia un sussidio. La riforma delle pensioni? Non crea automaticamente più occupazione.

La manovra? Va spiegata e in caso di criticità, come magari stime di crescita troppo ottimiste, aggiustata. Il reddito di cittadinanza? Non sia un sussidio, altrimenti sarebbe contro la dignità delle persone. La riforma delle pensioni? Non crea automaticamente più occupazione. Lo spread? Non si basa sui fatti ma una moderazione delle dichiarazioni da parte del governo giallo-verde aiuterebbe. Sono queste le posizioni di Confindustria, secondo cui in Italia è in corso una rivoluzione industriale che "alcuni dichiarano, altri fanno" dentro le fabbriche. E in Europa serve avviare un dibattito su come riformarla, non sul fatto che debba o meno esistere. Ed è inutile sfruttare le elezioni europee di maggio per evitare di affontare i nodi critici del nostro Paese, come il debito pubblico alto. Perché alla fine la sostenibilità dei conti pubblici serve. E' Vincenzo Boccia a parlare a braccio. Lo ha fatto davanti a un pubblico riunito alla Casa Zerilli Marimò della New York University, dove il capo di Confindustria è stato protagonista di un evento dedicato a promuovere una "nuova narrativa italiana". Una narrativa che mette in risalto le cose positive dell'Italia e non solo quelle negative, che "evidentemente fanno più notizia".

Sulla manovra, Confindustria "rimane attendista" e dice al governo che "deve fare una cosa semplice": "Spiegare come impatta sulla crescita. Se la spiega e la fa capire, la questione è risolta. Se ci sono delle criticità è bene che intervenga".

Per Boccia "è evidente che sulla crescita il governo si gioca la sua credibilità e la sostenibilità di questa manovra". Secondo lui, "occorre vedere nel merito quanto viene dedicato alla crescita, non solo in termini di risorse, e quanto una manovra di impatto sull'economia reale ha i suoi effetti". Per il momento, "i dati ci dicono che c'è poco sulla crescita (solo 4 miliardi) e più su quelli che sono gli aspetti del contratto di governo. Occorre entrare un po' più nel merito per fare una riflessione più complessiva".

Spiegando che "la crescita rende sostenibili i conti, non solo in termini di deficit/Pil", Boccia ha voluto ricordare che "un governo si misura dai risultati e non dagli obiettivi". Secondo lui il deficit non va aumentato per la sola spesa ordinaria. Perché l'Italia, ha spiegato rispondendo alle domande del pubblico, "ha bisogno di più sostenibilità dei conti e di investimenti, l'austerity è un'altra cosa. E gli investimenti siano fatti nella logica della sostenibilità".

A chi gli ha chiesto se Confindustria appoggia la Lega, Boccia ha risposto negativamente e ha aggiunto: "A Roma il governo è uno solo: giallo-verde. Un provvedimento è del governo, non puoi dire che siamo critici dei gialli o dei verdi". Facendo riferimento a un suo recentemente intervento a Vincenza, da cui il dubbio era sorto, lui ha chiarito: "Quella fu una provocazione. Non potete fare i verdi in Veneto e i giallo-verdi a Roma".

Non sono mancate domande sull'allargamento del differenziale tra i rendimenti dei titoli di stato italiani e quelli tedeschi. "L'Italia è un Paese che ha potenzialità incredibili; è la seconda manifattura d'Europa. Non stiamo troppo a guardare le dichiarazioni (dei membri della coalizione di governo M5S-Lega, ndr) perché ad oggi lo spread sta andando solo per percezione, non sta aumentando su fatti o elementi di merito". Il numero uno di Confindustria ha aggiunto: "Alla fine ci auguriamo tutti che il buon senso prevalga anche nelle attenzioni del governo, al di là delle dichiarazioni". Perché non è vero che agli italiani lo spread non interessa, come insinua Matteo Salvini. "Le rate dei mutui salgono". E citando Mario Draghi, Boccia ha detto: "Certe volte sarebbe opportuno fare meno dichiarazioni" per evitare di dare una percezione di criticità all'estero, Stati Uniti inclusi, "che non dovremmo e non potremmo avere". E' bene, dunque, "calmierare" le esternazioni perché "occorre un'Europa delle soluzioni, non delle colpe degli altri". Pur dicendo che Confindustria ha "tantissimi punti di divergenza" con il governo, Boccia ha ricordato le recenti parole del ministro degli Affari europei, Paolo Savona, secondo cui la manovra va cambiata "se lo spread ci sfugge". Questo suggerisce che "c'è un senso di responsabilità". E parlando di Europa, il numero uno di Confindustria ha affermato che il dibattito non deve essere "Europa s", Europa no ma quale Europa immaginiamo. Altrimenti è un suicidio".

Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Wall Street, attenzione rivolta ai negoziati Usa-Cina

Ieri, il Wall Street Journal ha parlato di nuovi ostacoli verso il raggiungimento di un'intesa
AP

‘Tutto molto bene’. Trump rassicura sul suo stato di salute dopo la visita all’ospedale

Presidente si era recato ieri all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center, per esami medici "di routine".
Ap

‘Tutto molto bene’. Cosi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto rassicurare gli americani sulle sue condizioni di salute dopo una visita a sorpresa all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center.

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).