Congresso Usa diviso, ma non è un pareggio: ha vinto Trump

Le elezioni di metà mandato hanno rispettato le previsioni: il Gop perde la Camera, ma rafforza la maggioranza in Senato. Il presidente resta forte e potrà impostare la campagna per le presidenziali 2020 nel modo a lui più congeniale: attaccando il nemico

I democratici hanno riconquistato la Camera dopo otto anni, i repubblicani hanno rafforzato la maggioranza in Senato. Le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti hanno quindi sancito che il 116esimo sarà un Congresso diviso, dopo i due precedenti a maggioranza repubblicana. Un risultato che, a differenza di quanto si possa pensare, non va archiviato come un pareggio e nemmeno come una vittoria dei democratici, che hanno comunque ottenuto dei segnali positivi da cui ripartire, primi tra tutti la partecipazione popolare e la crescita di una nuova generazione di possibili leader: è stato, infatti, un successo del presidente Donald Trump (qui, un aggiornamento sui risultati una settimana dopo, da cui emerge un risultato migliore per i democratici).

Per analizzare il voto, non si può prescindere da un dato: nella storia del Paese, solo due presidenti hanno guadagnato seggi alle elezioni di metà mandato in entrambe le Camere. Ci riuscirono Franklin Delano Roosevelt nel 1934, durante la Grande Depressione, e George W. Bush nel 2002, dopo gli attacchi dell'11 Settembre. Altro dato su cui riflettere in chiave 2020: nella storia recente, due presidenti democratici, Bill Clinton e Barack Obama, hanno facilmente ottenuto il secondo mandato, nonostante il voto di midterm li avesse puniti due anni prima.

Trump, come probabilmente nessun altro presidente, ha diviso l'opinione pubblica e creato un fermento politico d'opposizione che si è manifestato attraverso le marce delle donne, il movimento #MeToo contro le molestie, la nascita di nuove star del partito democratico e l'affermazione di candidati che sono espressione delle minoranze, e che ha provocato un'affluenza record alle elezioni di metà mandato. Tutto questo, però, non è bastato: l'onda blu che una parte del Paese si augurava per queste elezioni non c'è stata, al massimo "un'increspatura", come ha commentato sarcasticamente Sarah Huckabee Sanders, la portavoce della Casa Bianca. Nel suo primo commento su Twitter, Trump ha parlato di "notte di straordinari successi".

Indubbiamente, il Congresso diviso peserà sulla governabilità del Paese. A vantaggio di chi? Probabilmente dello stesso Trump, che potrà agire nel territorio a lui più favorevole: quello dell'attacco frontale contro il nemico, i democratici, a cui addossare tutte le responsabilità di eventuali fallimenti e dello stallo in Congresso. Oggi, comincia la campagna elettorale di Trump per il 2020.

Trump resta molto forte nelle aree rurali e ha retto all'avanzata democratica in Stati che saranno decisivi alle presidenziali del 2020, come Florida e Ohio, che hanno eletto entrambi un governatore repubblicano. Inoltre, nel partito repubblicano, avanzano le figure sempre più 'trumpiane', come Ron DeSantis, che governerà la Florida: i repubblicani critici di Trump, o comunque più distanti dal suo modo di fare politica, sono quelli che più hanno sofferto in questo ciclo elettorale.

Certo, la maggioranza democratica alla Camera darà il via a un periodo di indagini su Trump - grazie al controllo delle commissioni - in particolare sugli affari di famiglia, sulle sue dichiarazioni dei redditi, sulle eventuali collusioni con la Russia durante la scorsa campagna elettorale presidenziale. I democratici dovranno però essere in grado di offrire altro agli elettori, se vorranno riconquistare la Casa Bianca.

Altri Servizi

Bruce Springsteen e Taylor Swift arrivano su Netflix

I concerti di The Boss al teatro Walter Kerr di New York e il tour Usa "Reputation" disponibili sul sito di video in streaming
iStock

Il mercato immobiliare a New York scricchiola ma tiene (per ora)

Effetto Trump e l'arrivo di Amazon con il secondo quartier generale. Intervista ad Andrea Pedicini, 36enne di Pordenone e agente immobiliare in Usa dal 2010

La riforma fiscale di Trump: le opportunità entro il 2018

Strategie di pianificazione per massimizzare il risparmio con il Tax Cuts and Jobs Act
AP

La leadership rosa di Deloitte in Usa verso la fine

Cathy Engelbert è stata la prima donna alla guida di una delle Big Four della revisione contabile in America. Il cda del gruppo ha nominato il numero uno delle attività contabili come prossimo Ceo.

L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP
Starbucks