Strage a scuola: 27 morti, 20 bambini

Ryan Lanza, 24enne, il colpevole della strage, tra le vittime anche la madre, insegnante nell'istituto elementare

Il bilancio della sparatoria avvenuta questa mattina in una scuola elementare di Newtown, Connecticut, è di 27 morti, di cui 20 bambini, come confermato in conferenza stampa dalle forze dell'ordine.

Il ventiquattrenne Ryan Lanza ha sparato alle 9:30 di questa mattina (15:30 ore italiane) all’interno dell’istituto Sandy Hook, successivamente è rimasto ucciso nella scuola, ma non è ancora chiaro se sia stata la polizia a fare partire il colpo. Sempre secondo Abc, il ventiquattrenne ucciso portava con sé due armi da fuoco. Tra le vittime figura anche la madre dell'omicida, insegnante della scuola elementare. 

Anche il padre e il fratello di Ryan Lanza, l'uomo che questa mattina ha ucciso quasi trenta persone nella scuola elementare di Newtown, in Connecticut, sarebbero morti. Secondo quanto riportato da Cnn il corpo del fratello di Lanza sarebbe stato trovato in un sobborgo di Hoboken, in New Jersey, mentre il cadavere del genitore sarebbe stato rinvenuto a casa.

“Abbiamo avuto troppe stragi di questo tipo negli ultimi anni”, ha detto il presidente americano Barack Obama evidentemente commosso, commentando la sparatoria avvenuta questa mattina in una scuola elementare in Connecticut.

A oggi le due sparatorie con il più alto numero di vittime erano state quelle del 2007 a Blacksburg (Virginia) e quella del 1991 di Killeen (Texas). Nel campus universitario del Virginia Tech Institute, le vittime furono 33, incluso Seung-Hui Ch, il 23enne d'origine sudcoreana che aveva ferito altre 17 persone. Nella caffetteria texana, il 35enne George Hennard, uccise 23 persone ferendone altre 20, prima di suicidarsi.

Con la conferma dei 27 morti, la strage di Newtown ha conquistato il triste record di seconda sparatoria più grave nella storia degli Stati Uniti.