Conte: con Juncker confronto costruttivo, Italia ed Europa sulla stessa barca

Il premier alla fine del G20: non siamo in difficoltà a difendere la manovra. Boccia chiede buon senso e pragmatismo. Tria: sgombrato il campo da percezioni sbagliate

Buenos Aires - Dopo i colloqui con i rappresentanti Ue a margine del G20 argentino, Giuseppe Conte torna a casa forte di un clima "sereno" e di un "confronto costruttivo". A Roma, il premier italiano porta un velato ottimismo espresso dalle sue controparti: forse la procedura di infrazione per eccesso di debito si può ancora evitare. E magari una soluzione ci potrà essere entro l'Ecofin del 17 dicembre. Serve trovare il giusto equilibrio tra le riforme bandiera del 'governo del cambiamento' (intoccabili) e quello che chiede Bruxelles, desiderosa di vedere l'Italia ancora al centro dell'Eurozona. Perché alla fine non conviene a nessuno una crisi, tanto più che "Italia ed Europa sono sulla stessa barca".

Prima di lasciare il padiglione 5 del Centro Costa Salguero - dove molti simpatizzanti lo hanno fermato dandogli una copia di un volume sul G20 in cui lui è raffigurato - Conte non ha espresso alcun rimpianto. Quella del G20 è stata una "bella e proficua esperienza". E non c'è nulla, ci dice, che avrebbe voluto fare ma che non è riusciuto a compiere in questa due giorni di sessioni di lavoro e incontri serrati.

Con il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, visto all'inizio della giornata, le trattative continueranno. A giudicare dagli scambi di abbracci e battute tra i due, il clima è certamente sereno. Anche Pierre Moscovici - un amante della flessibilità ma non disposto a permettere la violazione delle regole fiscali Ue - ha mostrato speranza in una soluzione. 

Pure il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, è ottimista. Non cede alla tentazione di fornire numeri, quelli di cui Conte non aveva parlato in mattinata con Juncker. Ma assicura che "l'economia italiana non giustifica gli spread che stiamo avando in questo periodo". Anche lui torna a casa soddisfatto di avere "sgombrato il campo dalla percezione che aleggia nel mondo e influenza l'atteggiamento degli investitori". Perché come i funzionari Ue, anche lui dice che "non è mai stata in campo la volontà di arrivare a uno scontro in Europa o di mettere in discussione la permanenza a restare in Europa".

Insomma, lunedì i mercati finanziari potrebbero dare il beneficio del dubbio al governo gialloverde, che in quella giornata potrebbe fare il punto sulla situazione in una riunione ancora non convocata da Conte. Di certo, il premier è convinto che il governo non abbia alcuna difficoltà a difendere la Manovra. E al presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che ha chiesto una revisione del provvedimento e "buon senso e pragmatismo", lui ha detto: la sua è "una premura che il governo ha condiviso tre/quattro mesi fa quando ci siamo messi attorno a un tavolo e ci siamo resi conto che andavamo verso un processo di stagnazione. E' per questo che abbiamo deciso di dare questa impostazione alla Manovra, perché siamo responsabili. Questa è la ricetta economica che serve al Paese". Ora Conte deve dimostrare - con le azioni credibili chieste da Moscovici - che i conti tornano e che l'economia italiana può davvero tornare a crescere. Alla fine, chi non lo vorrebbe? Mentre i tecnici continuano a lavorare sui dettagli, M5S e Lega torneranno a discutere. Certe volte un passo indietro, è un passo avanti. D'altra parte solo qualche settimana fa, il deficit/Pil scritto in manovra al 2,4% sembrava intoccabile. Ora un taglio non è più un tabù.

Altri Servizi

Wall Street, l'attenzione resta su Huawei e i rapporti Usa-Cina

Il segretario al Commercio Wilbur Ross ha annunciato una sospensione dei provvedimenti restrittivi su Huawei di 90 giorni, in modo da dare la possibilità agli operatori di cercare soluzioni alternative
AP

Urban Outfitters lancia servizio per affittare capi di abbigliamento

Si chiama Nuuly. Per 88 dollari al mese, un cliente riceve sei articoli a sua scelta.

Urban Outfitters ha deciso di scommettere su un segmento a rapida crescita del settore fashion, quello dei capi di abbigliamento in affitto. La catena americana ha lanciato un servizio in base al quale, per 88 dollari al mese, i clienti potranno affittare sei capi a marchio Urban Outfitters, Free People e Anthropologie (sempre parte del gruppo) oltre ai brand esterni come Gal Meets Glam e Reebok. Nel servizio sono inclusi anche capi vintage.

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, esperti di antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Gli Stati Uniti stanno studiando delle soluzioni per limitare le ingerenze di Russia e Cuba nell'attuale crisi in Venezuela. "È un obiettivo principale del dipartimento di Stato, quello di tenere russi e cubani fuori dal Venezuela" ha detto un funzionario del dipartimento al Miami Herald.