Corea del Nord, continua il botta e risposta a distanza tra Trump e Kim Jong Un

"Funzionerà soltanto una cosa" twitta il presidente americano, il nostro arsenale "è un potente deterrente" risponde il leader coreano

La crisi internazionale tra Stati Uniti e Corea del Nord continua ad arricchirsi grazie ai contrasti dialettici tra il presidente americano, Donald Trump, e il leader nordcoreano, Kim Jong Un

Da un lato c’è il tycoon che è tornato ad esprimere il suo scetticismo sulla possibilità di trovare un accordo con Pyongyang attraverso i negoziati e per farlo ha scelto il suo strumento preferito: Twitter. Con un tweet criptico ha infatti dichiarato che "funzionerà soltanto una cosa" con la Corea del Nord.

L’unica lettura possibile di queste parole è quella di un attacco preventivo per proteggere gli americani, come già dichiarato nelle scorse settimane. Anche perché il resto del messaggio è stato molto chiaro: "i presidenti e le loro amministrazioni hanno parlato con la Corea del Nord per 25 anni, e stringere accordi o spendere una consistente somma di denaro non ha funzionato", ha scritto Trump. "Gli accordi sono stati violati prima che l'inchiostro - con cui erano stati firmati, ndr - si fosse asciugato, facendo fare la figura degli sciocchi ai negoziatori Usa", ha concluso il tycoon.

Non si è fatta attendere molto la risposta del dittatore nordcoreano che a distanza si poche ore, in una seduta del Comitato Centrale del Partito del Lavoratori, ha definito il suo arsenale un "potente deterrente" che garantisce la sovranità del Paese di fronte alle "protratte minacce nucleari degli imperialisti statunitensi".

Questo ennesimo scambio arriva dopo un’altra dichiarazione non molto chiara da parte di Donald Trump che giovedì scorso, posando per una foto con i vertici militari da lui radunati alla Casa Bianca, aveva detto ai giornalisti: "Ragazzi, sapete che cosa significa? Forse è la quiete prima della tempesta".

Secondo molti quella del presidente americano sarebbe una strategia mediatica volta a destabilizzare il suo rivale nordcoreano facendogli credere di essere anche più instabile di lui. D’altro canto, la ricostruzione del Washington Post di qualche giorno fa ha messo in evidenza come i nordcoreani non riescono a "comprendere" Trump e il suo rapporto con ministri e consiglieri visto che è capace di contraddirli costantemente (il caso Tillerson ne è un’esempio).

Per decifrare i messaggi del presidente americano Pyongyang ha messo insieme una squadra di esperti che studia ogni suo singolo tweet mettendolo in correlazione con le posizioni della Casa Bianca e degli esponenti dell’amministrazione. Un lavoro certosino che non sembra avere fine vista la frequenza con cui il tycoon lancia messaggi su Twitter.

 

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft