Corea del Nord: le opzioni non militari a disposizione degli Usa

AP

Alla luce dell'ultimo duello a parole tra Corea del Nord e Stati Uniti, Washington potrebbe apparentemente avere a disposizione solo due opzioni per gestire le provocazioni di una Pyongyang convinta che i recenti commenti del presidente Donald Trump corrispondano a una dichiarazione di guerra: un conflitto militare o la semplice accettazione delle pretese nucleari della nazione più isolata al mondo.

Come spiegato in un'analisi del Wall Street Journal, ci sono in realtà altre opzioni sul tavolo della prima economia al mondo. Si comincia da uno strangolamento economico della Corea del Nord, un percorso già intrapreso dall'amministrazione Trump specialmente con la minaccia di imporre sanzioni a chiunque faciliti i programmi missilistico e nucleare del regime di Kim Jon Un (banche cinesi incluse).

La Marina militare americana potrebbe poi pattugliare in modo più intenso le acque che bagnano la Corea del Nord al fine di impedire l'arrivo nei suoi porti delle navi che potrebbero trasportare beni pensati per aiutare il regime. Una mossa simile scoraggerebbe scambi commerciali e di materiale militare con Pyongyang, il cui export è stato punito pesantemente da una serie di sanzioni Onu.

Tra le misure a disposizione ci sono anche tattiche che non sono pensate per uccidere. E' il caso per esempio di attacchi elettromagnetici o intrusioni informatiche che, se portati a compimento con successo, potrebbero mettere a repentaglio la capacità della Corea del Nord di continuare i suoi programmi nucleare e missilistico. Ci sono poi strumenti per contrastare la propaganda nazionale: facendo arrivare in Corea del Nord cellulari, dvd e flash drive si potrebbero convincere leader politici e civili a staccarsi dal regime magari in cambio della protezione di Washington; il punto è che difficilmente il regime può essere intaccato.

Gli Usa potrebbero poi decidere di abbattere i missili balistici che Pyongyang potrebbe tornare a lanciare. Il Pentagono dispone di radar potenti in Giappone e di un sistema di difesa missilistico sulle navi vicine alla Corea del Nord. Una tale mossa però deve avere successo altrimenti il rischio è l'intensificarsi ulteriore delle tensioni.

La soluzione migliore ma forse maggiormente sottovalutata dagli Stati Uniti è quella diplomatica, il cui obiettivo ultimo è il congelamento dei programmi nucleari della Corea del Nord.

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

I dazi di Trump fanno male alla nuova moda della Silicon Valley

Gli scooter elettrici potrebbero aumentare di prezzo. E in questo momento oltre che una moda sembrano un ottima risposta al traffico della Bay Area

I dazi di Donald Trump sui prodotti cinesi potrebbero provocare i primi effetti collaterali. Faranno infatti aumentare i prezzi di uno dei prodotti più di moda in questo momento nella Silicon Valley: gli scooter elettrici. Sono tutti prodotti in Cina e negli ultimi mesi sono diventati la principale risposta al traffico della Bay Area. Allo stesso tempo sono degli interessanti mezzi di micro trasporto alternativo in una città, San Francisco, dove ci sono più macchine in circolazione rispetto ai parcheggi.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock
AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".