Corea del Nord: sanzioni Onu sono "un atto di guerra"

Si riaccende la guerra a parole.Trump propenso ad ampliare il sistema di difesa missilistico Usa. Un generale americano: "Spero di sbagliarmi ma una guerra sta per arrivare"

"Un atto di guerra". Così la Corea del Nord ha definito l'ultimo round di sanzioni Onu approvate all'unanimità, che riducono del 90% le importazioni da parte di Pypngyang di petrolio e prodotti come cherosene e diesel e che impongono il ritorno in patria entro il 2019 di tutti i cittadini nordcoreani.

E' iniziata con queste parole la giornata di domenica 24 dicembre nella nazione più isolata al mondo, convinta che le sanzioni - appoggiate anche da Russia e Cina - siano una "grave infrazione" della sua sovranità. Il regime di Kim Jong Un continua a sostenere che i suoi programmi missilistico e nucleare servono come strumento di autodifesa e non violano le leggi internazionali. Il Palazzo di vetro non la pensa così vista la decisione di venerdì 22 dicembre, presa in risposta all'ultimo lancio voluto il 29 novembre dalla Corea del Nord di un missile balistico intercontinentale, il suo più avanzato.

A pronunciare il messaggio bellicoso è stato il ministro nordcoreano degli Esteri attraverso l'agenzia di stampa nazionale Korean Central News Agency. Secondo lui, i programmi nucleare e missilistico sono pensati per "mettere fine" alla "politica ostile" di Washington, che non è da meno nell'utilizzare una retorica infuocata.

Per Pyongyang, l'ultimo round di sanzioni è appunto "un atto di guerra che viola la pace e la stabilità della penisola coreana e della regione". Ovviamente, alla Corea del Nord non restava che "respingere categoricamente la risoluzione" Onu e tornare a minacciare gli Stati Uniti di un Donald Trumo che ad agosto aveva promesso "fuoco e furia". L'America non dovrebbe dimenticarsi "nemmeno per un secondo" che la Corea del Nord  ora capace di "rappresentare una seria minaccia nucleare" per il suo territorio e per le nazioni che hanno appoggiato la risoluzione Onu. "Faremo sempre in modo che paghino un alto prezzo per quello che hanno fatto".

Resta da capire se e quando Kim Jong Un accetterà di sedersi a un tavolo dei negoziati come vorrebbe il segretario di Stato, Rex Tillerson, la cui apertura è stata poi corretta da Trump. Pur avendo votato a favore dell'ultimo round di sanzioni, la Cina - che della Corea del Nord è il principare partner commerciale - insiste nel volere una soluzione pacifica alla questione nucleare a Pyongyang. A Pechino e a Mosca si insiste sulla diplomazia sperando di tenere le tensioni sotto controllo.

 Parlando dalla Florida ad alcuni membri dell'esercito, alla vigilia di Natale, Trump non ha fatto alcun riferimento alla Corea del Nord. Intanto, il Los Angeles Times scrive che l'amministrazione Usa intende ampliare il suo sistema di difesa missilistico. Tra i piani immediati ci sarebbero due installazioni radar da un miliardo di dollari l'una e l'aggiunta di 20 ai 44 intercettori già disponibili a Fort Greely, in Alaska, e alla base aerea Vandenberg, in California. Il costo complessivo stimato è di 10,2 miliardi di dollari in cinque anni, che andrebbero ad aggiungersi ai 40 miliardi già spesi. Mentre alcuni esperti sostengono che l'espansione del piano di difesa difficilmente proteggerà gli Usa da un attacco missilistico, riecheggiano le parole pronunciate giovedì 21 dicembre dal generale Robert Neller: parlando a 300 Marine in Norvegia ha detto "Spero di sbagliarmi ma una guerra sta per arrivare". Il suo portavoce ha poi spiegato che i commenti non si riferivano a nulla di specifico ma che erano pensati per incitare i soldati.

Altri Servizi

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Nyt: Russiagate, mandato di comparizione di Mueller per Bannon

Il procuratore speciale indaga sullo staff di Trump. La sua potrebbe essere una mossa per spingere l'ex stratega della Casa Bianca a trattare
AP

Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Steve Bannon, l'ex stratega capo del presidente degli Stati Uniti.

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Sarà stato anche un "concetto quasi osceno", come aveva detto al salone dell'auto di Ginevra nel 2016, ma quasi due anni dopo una Ferrari elettrica non è più da escludere. Anzi. "Potrebbe essere nel piano" industriale prossimo. Parola di Sergio Marchionne. L'amministratore delegato e presidente del Cavallino Rampante sa bene che l'esperienza di guidare una Ferrari sta nel suono aggressivo prodotto dal motore ma "se si deve costruire una super car elettrica, Ferrari sarà la prima a farla. E' dovuto".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP

Gli Usa vogliono due nuove armi nucleari per contrastare Russia e Cina

A breve, sarà pubblicata una revisione della strategia nucleare statunitense
Shutterstock

Gli Stati Uniti hanno intenzione di sviluppare due nuovi armi nucleari per rispondere alle crescenti capacità militari di Cina e Russia. È quanto emerge dalla revisione della strategia nucleare del dipartimento della Difesa.

Fca: in Italia Marchionne chiede tempo, ci impegniamo come in Usa

La stretegia passa per Jeep e marchi premium Maserati e Alfa Romeo. Il Ceo su Renzi? Quello "che appoggiavo io non l'ho più visto da un po'"

Detroit - "Non lo so". Da Detroit, Sergio Marchionne non ha promesso che in Italia si arrivi ad avere una piena occupazione come previsto dal piano industriale al 2018. Ma mentre i sindacati come Fiom hanno interpretato quelle parole come conferma del fatto che gli stabilimenti italiani non sono al centro dell'attenzione di Fiat Chrysler Automobiles, il Ceo del gruppo ha lanciato un altro messaggio ai lavoratori italiani: "L'impegno, come lo abbiamo preso qui [in Usa], lo prendiamo anche in Italia".

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Una salute di ferro, almeno apparentemente e nonostante la poca attività fisica e un'alimentazione non sempre corretta. Le condizioni di Donald Trump sono "eccellenti", come ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022. Il gruppo di Detroit accelera notevolmente i suoi piani. Offrirà "una gamma molto ampia" di veicoli elettrici in Europa e in Usa, incluse macchine sportive

Ford Motor ha deciso di premere l'acceleratore sui veicoli elettrici, per cui investirà 11 miliardi di dollari al 2022 contro i 4,5 miliardi che si era impegnato a spendere entro il 2020. Fornendo tali cifre, Ford è diventato uno dei pochi gruppi ad avere dato la portata del proprio investimento in questo campo. Travolta dallo scandalo dieselgate nel settembre 2015, la tedesca Volkswagen si è impegnata a spendere 40 miliardi di dollari tra auto elettriche, veicoli autonomi e servizi di mobilità nuovi entro il 2022.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Ancora guai per il presidente americano Donald Trump, che dopo la bufera scatenata dalle parole volgari usate parlando di Paesi poveri (ha definito Haiti un "paese di merda", salvo poi bollare come false le indiscrezioni di stampa), è di nuovo nell'occhio del ciclone per questioni a sfondo sessuale.