Corea del Nord: Tillerson apre a trattative. Trump: nulla è cambiato

Gli Usa premono sulla Cina affinché interrompa i rifornimenti di petrolio a Pyongyang
AP

Ancora una volta Rex Tillerson e Donald Trump sembrano muoversi su binari paralleli. Il segretario americano di Stato ha aperto la porta a trattative dirette con la Corea del Nord "senza precondizioni" ma la Casa Bianca ha subito chiarito che la sua linea non è affatto cambiata.

"Siamo pronti per un primo incontro senza precondizioni", ha detto ieri Tillerson parlando da Washington al think-tank Atlantic Council. "Incontriamoci. Possiamo parlare del tempo, se si vuole...ma possiamo almeno sederci [allo stesso tavolo] e vedere la faccia l'uno dell'altro". Il messaggio era rivolto al leader del regime nordcoreano Kim Jong Un, che nonostante il pressing internazionale esercitato attraverso sanzioni non sembra avere alcuna intenzione di fermare i suoi programmi missilistico e nucleare.

La Casa Bianca non ha aspettato molto per aggiustare il tiro. La portavoce Sarah Sanders ha diffuso una nota spiegando che "la visione del presidente sulla Corea del Nord non è cambiata". L'idea è che la nazione più isolata al mondo "sta agendo in modo non sicuro non solo nei confronti di Giappone, Cina e Corea del Sud ma anche del mondo intero. Le azioni della Corea del Nord non sono buone per nessuno e di certo non lo sono per la Corea del Nord".

Washington sta tornando a mettere sotto pressione Pechino - l'unico partner commerciale di Pyongyang - affinché smetta di fornire petrolio alla Corea del Nord. Una mossa simile infliggerebbe pene economiche notevoli a un regime già messo in difficoltà dalle sanzioni Onu. Su questo Trump e Tillerson sembrano pensarla allo stesso modo: "Il presidente vorrebbe vedere la Cina tagliare i rifornimenti petroliferi". L'idea? "L'ultima volta che i nordcoreani si sono seduti al tavolo dei negoziati c'è stata quando la Cina ha interrotto i rifornimenti. Tre giorni dopo i nordcoreani era al tavolo" delle trattative.

HR McMaster, il consigliere di Trump per la sicurezza nazionale, ha ribadito il concetto: gli Usa vogliono una Cina che "riconosca che è arrivato il momento di fare di più oltre le risoluzioni esistenti del consiglio di sicurezza Onu".

La relazione tra Usa e Cina è tuttavia delicata. A Pechino non è piaciuta la decisione di Washington, presa il 20 novembre scorso, di rentrodurre la Corea del Nord nell'eleco dei Paesi sponsor del terrorismo. Pyongyang era stata tolta da quell'elenco nel 2008, quando l'amministrazione George W. Bush puntava a salvare i negoziati sul nucleare. La nazione asiatica ha visto una tale mossa come un ostacolo agli sforzi diplomatici. C'è tuttavia uno sviluppo interessante: dopo essersi sempre rifiutata di definire piani di emergenza insieme agli Usa, la Cina ha tenuto discussioni su come salvaguardare l'arsenale nucleare nordcoreano nel caso di un collasso del regime. Pechino teme la presenza di soldati americani vicino ai suoi confini; per questo gli Usa hanno assicurato che i suoi soldati ritornerebbero a Sud del 38esimo parallelo - quello che divide le Coree del Nord e del Sud - nel caso siano costretti a mettere piede sul territorio controllato da Pyongyang.


Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.