Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.

"Siamo fortunati ad avere solo 410 pazienti in terapia intensiva, sebbene sia devastante per loro che si trovano in quelle condizioni, per i loro familiari e per i loro cari", ha spiegato ancora Newsom in una conferenza stampa a Sunnyvale nella quale ha sottolineato che "in confronto ad altre zone del Paese, questo numero sembra relativamente modesto".

Secondo quanto riporta l'LA Times, la California ha registrato finora 115 decessi e oltre 5500 casi di Covid-19: la più colpita è la contea di Los Angeles dove i decessi sono stati 32 e i casi accertati oltre 1.818, subito dopo c’è invece la Contea di Santa Clara, la seconda più colpita dello stato, che ha riportato 25 morti e 591 contagi.

Il giornale di Los Angeles ha poi scoperto che la California ha 7.200 letti di terapia intensiva suddivisi in oltre 365 ospedali che possono contare su un totale di oltre 70.000 posti letto. L'analisi del Times evidenzia che la California può garantire un letto di terapia intensiva ogni 5.500 persone. La metà di questi (circa 3.700) si trova nelle cinque contee attorno a Los Angeles mentre nelle nove contee della Bay Area ci sono invece 1400 posti letto in terapia intensiva per una popolazione di 7,6 milioni di persone.

Sono dati importanti, come spiega il quotidiano di Los Angeles che ricorda come solo le terapie intensive siano in grado di trattare i pazienti affetti da Covid-19 quando le loro condizioni diventano particolarmente gravi: quando cioè non sono più in grado di respirare autonomamente e hanno bisogno dei ventilatori o peggio ancora di essere intubati. Proprio per questo motivo, e per evitare che la situazione si trasformi in un’emergenza come in molti altri paesi, i funzionari statali stanno lavorando per aggiungere più letti ospedalieri e di terapia intensiva così da gestire la possibile ondata di pazienti affetti da coronavirus. Questo perché senza un’azione repentina lo stato potrebbe essere a corto di decine di migliaia di letti d'ospedale nel momento in cui i contagi dovessero raggiungere il picco.

Il governatore Newsom ha inoltre detto che il governo federale ha inviato 170 ventilatori nella contea di Los Angeles arrivati però "non funzionanti" e ora una società della Silicon Valley sta riparando quell’attrezzatura. Newson ha dichiarato di aver appreso del problema dei ventilatori solo quando ha incontrato il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti venerdì sottolineando di aver già trovato una soluzione al problema. I ventilatori, che provengono dalle scorte nazionali come parte della fornitura di prodotti farmaceutici salvavita e di forniture mediche gestite dal Dipartimento della salute e dei servizi umani, verranno messi a posto e riconsegnati luned" dalla Bloom Energy di Sunnyvale.

In risposta alla pandemia di Covid-19, Newsom ha affermato che la società sta rimettendo a nuovo più di 500 vecchi ventilatori di proprietà dello stato. "Questo è lo spirito della California, questo è lo spirito di questo momento", ha detto Newsom sottolineando che lo stato ha già procurato e identificato 4.252 ventilatori a fronte dei 10.000 previsti come risposta alla pandemia.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap