Coronavirus, Trump: "Divieto di viaggio esteso a Regno Unito e Irlanda. Ho fatto il test, sarà gratis per tutti"

Conferenza stampa del presidente Usa: "Stiamo usando i pieni poteri del governo federale per sconfiggere il virus". La Camera ha approvato un piano di aiuti per le famiglie. Duri attacchi alla Fed

"Stiamo usando i pieni poteri del governo federale per sconfiggere il virus". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante una conferenza stampa alla Casa Bianca. "Vogliamo mettere fino a tutto questo, il prima possibile" ha detto, il giorno dopo aver dichiarato lo stato d'emergenza, che servirà a sbloccare fino a 50 miliardi di dollari per contrastare il Covid-19.

"Voglio esprimere il mio apprezzamento per il duro lavoro fatto dalla gente dietro di me e dalle persone nei vari uffici" ha detto Trump, con alle spalle i suoi collaboratori. "La scorsa settimana abbiamo assicurato un finanziamento iniziale di 8,3 miliardi di dollari dal Congresso per il coronavirus e questo è stato fatto molto velocemente e in modo efficace e voglio ringraziare tutti i membri del Congresso".

Il Congresso, intanto, sta procedendo anche con un piano di aiuti alle famiglie. Venerdì notte, la Camera ha approvato una proposta di legge con un sostegno bipartisan, ricevendo anche il via libera del presidente Donald Trump. Tra le misure contenute nella proposta di legge, ci sono il congedo per malattia pagato per due settimane e fino a tre mesi di congedo pagato per motivi familiari o di salute; inoltre, il test sul coronavirus sarà garantito gratuitamente a tutti quelli che ne avranno bisogno, comprese le persone prive di un'assicurazione sanitaria. "Abbiamo concordato anche un pacchetto legislativo che prevede un test gratuito per tutti gli americani, nessuno dovrà pagare; pagheremo anche il congedo alle persone colpite, aiuteremo tutti" ha annunciato Trump.

Trump ha poi attaccato duramente la Federal Reserve, come successo ripetutamente negli ultimi giorni. "Non sono contento della Fed" ha detto, ribadendo che la Banca centrale dovrebbe abbassare i tassi d'interesse al livello degli altri Paesi, facendo presente che ci sono Stati, come il Giappone, con tassi negativi. La Fed, scoppiata l'emergenza coronavirus, ha tagliato i tassi di 50 punti base all'1-1,25% e, secondo molti esperti, potrebbe ulteriormente tagliarli la prossima settimana, al termine del consueto meeting. Trump ha poi detto di avere il diritto di rimuovere il capo della Fed, Jerome Powell - potere che, secondo molti costituzionalisti, non avrebbe, ndr - ma di non aver ancora pensato di farlo. "Ho il diritto di rimuoverlo. No, non sto per farlo. Ho il diritto di mettere qualcun altro al suo posto, ma non ho preso alcuna decisione su questo".

Trump, che nei giorni scorsi ha avuto contatti con persone poi risultate positive, ha annunciato di aver fatto il test venerdì sera, dopo la conferenza stampa tenuta al Rose Garden della Casa Bianca. Per i risultati, serviranno uno o due giorni. Il presidente ha detto che gli è stata misurata la temperatura prima dell'inizio della conferenza stampa e che era nella norma. Secondo i dati della John Hopkins University, negli Stati Uniti sono stati registrati almeno 2.174 casi di persone positive al coronavirus e 47 morti; il virus è ora diffuso in 49 Stati del Paese.

L'amministrazione Trump estenderà già nelle prossime ore il divieto di viaggio tra Stati Uniti e l'Europa anche a Regno Unito e Irlanda, finora escluse perché non facenti parte dell'area Schengen, visto che "hanno registrato un po' di casi" ha chiarito Trump. Il vicepresidente Mike Pence ha poi dichiarato che "tutti i viaggi per Regno Unito e Irlanda saranno sospesi a mezzanotte di lunedì". Il presidente ha poi detto che è al vaglio anche la possibilità di limitare gli spostamenti all'interno del Paese.

Durante la conferenza stampa, il dottor Anthony Fauci, a capo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, ha detto: "Non abbiamo ancora raggiunto il nostro picco [...] Vedremo più casi, più sofferenza, più morti, soprattutto tra i vulnerabili [...] Abbiamo ancora l'opportunità di influire sul corso di quella curva". 





Altri Servizi

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Il mese scorso, le aziende statunitensi hanno cominciato a licenziare, a cauda dell'emergenza coronavirus, i cui effetti saranno più visibili nei prossimi mesi; la disoccupazione è salita dai minimi degli ultimi 50 anni a un livello superiore a quello atteso dagli esperti. Negli Stati Uniti, a marzo sono stati persi 701.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una riduzione di 10.000 posti di lavoro. La disoccupazione è salita dal 3,5% al 4,4%, contro attese per un 3,7 per cento.

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

"Pensiamo che l'Italia sia l'area più comparabile agli Stati Uniti, in questo momento". A dirlo è stato il vicepresidente statunitense, Mike Pence, intervistato dalla Cnn sull'emergenza coronavirus. "Il nostro messaggio di ieri e per i prossimi 30 giorni è che il futuro è nelle nostre mani" ha dichiarato.

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti