L'America ritorna a vincere la maratona di New York

Ha vinto l'americana Shalen Flanagan per le donne e il keniota Geoffrey Kamworor nella competizione maschile. Oltre 3.000 italiani hanno corso la competizione. La città blindata per il timore attentati

In una New York blindatissima, reduce dal secondo attentato terroristico dopo quello dell'11 settembre 2001, sotto un cielo grigio, ma per la maggior parte della giornata senza pioggia, si è corsa la maratona, una delle più importanti e conosciute al mondo: è stata l'americana Shalen Flanagan, la prima donna a tagliare il traguardo della maratona di New York, in 2 ore 26 minuti 53 secondi, un record. Per gli uomini invece ha vinto Geoffrey Kamworor del Kenya, in 2 ore 10 minuti 53 secondi.

Ma la maratona di New York è soprattutto una festa per la città, con oltre 50.000 partecipanti, che ne fanno la più grande maratona del mondo. Altissimo anche il numero di italiani che hanno gareggiato, oltre 3.000, la rappresentanza più importate dopo quella americana.

La maratona del 2017 è stata anche la corsa con un livello di sicurezza altissimo, dopo l'attentato del pomeriggio di Halloween, in cui sono state uccise 8 persone. Centinaia di camion pieni di sabbia sono stati usati per proteggere i pedoni, migliaia di agenti, molti in borghese sono stati predisposti dal dipartimento della metropoli americana.

Dal giorno dell'attentato - il 31 ottobre scorso -, il dipartimento della polizia della città ha escluso che ci sia una minaccia credibile alla maratona. Nonostante ciò, è stato raddoppiato il numero di soldati in luoghi a rischio, migliaia di agenti in più sono stati reclutati, tiratori scelti sono piazzati sui tetti degli edifici in punti strategici e - come successo durante l'Assemblea Generale dell'Onu - blocchi di cemento e camion pieni di sabbia sono stati posizionati in incroci considerati a rischio. Anche da parte degli organizzatori le misure di sicurezza sono aumentate: per la prima volta, al ritiro del pettorale, venivano controllate le borse e gli zaini.

Tanti italiani. Sui 50mila concorrenti il contingente italiano è il secondo maggiore dopo quello americano: 3.002 nostri connazionali hanno fatto il percorso di 42 chilometri che attraversa come da tradizione i cinque distretti della metropoli per la quarantesima edizione: da tradizione a Staten Island e dopo Brooklyn, Queens e Bronx si arriva al traguardo a Central Park, a Manhattan.

Tra gli italiani, ne è presente uno che punta a mettere a segno un record particolare. "Presto, se tutto andrà bene, sarò l'unico uomo al mondo ad aver corso due maratone con un cancro". Ad averlo detto è stato Leonardo Cenci, perugino che si prepara ad affrontare la sua seconda maratona di New York con un tumore ai polmoni al quarto stadio. Per lui correre è libertà, anche quando si corre con il cancro. 

Nel 2012 Cenci si stava preparando proprio per la maratona di New York, quando iniziò a sentirsi stanco senza motivo. Un giorno, salendo le scale, si rese conto di fare molta fatica. Da lì, il campanello d'allarme. "Andai a farmi visitare, e scoprii di avere questo cancro molto aggressivo. Mi diedero quattro mesi di vita", ha raccontato nel corso dell'evento "Italy Runs the 2017 NYC Marathon" al Consolato Generale d'Italia a New York. Adesso Cenci, a dispetto di tutto, si appresta a correre per la seconda volta a New York (la prima fu l'anno scorso). "Questa maratona era il mio sogno, e la cosa assurda è che l'anno in cui mi fu diagnosticato il cancro fu l'unico in cui non si corse: per via dell'uragano Sandy, la maratona fu annullata. Io, dal mio letto d'ospedale, pensai che fosse un messaggio di Dio, per dirmi: pensa a curarti, New York ti aspetta".

E Cenci si è ripreso continuando a fare quello che aveva sempre fatto: correre. La sua esperienza gli ha insegnato che la cosa fondamentale, "o quella che, se non altro, ha funzionato per me", è l'atteggiamento che si ha durante la malattia. "Io ho fede, e quindi forse il discorso è diverso: avevo anche le preghiere a cui aggrapparmi", spiega. "Ma ho visto morire ragazzi più giovani di me e con tumori molto meno aggressivi. E penso che il modo in cui uno si pone nei confronti della malattia possa fare la differenza: se pensi che lei abbia già vinto, è finita. Io ho studiato il mio cancro, ho voluto sapere, informarmi. E non ho mai smesso di fare quello che amavo", continua Cenci. "A un certo punto non riuscivo più a camminare, e il mio obiettivo è stato: devo tornare a correre".

Da lì, sono successe molte cose. Non solo le due maratone - quella del 2016 e quella che sta per arrivare -, ma anche e soprattutto la fondazione di "Avanti Tutta Onlus", di cui Cenci è presidente e grazie a cui è stata aperta una palestra nell'ospedale di Perugia, per permettere ai malati di fare sport. 

Courtesy NYRR
Altri Servizi

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Rinnovo della 702, c'è la firma di Trump: difesa la sorveglianza di massa, sconfitta la privacy

Rinnovata per sei anni la sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (Fisa), che permette di spiare le conversazioni di cittadini statunitensi con stranieri di 'interesse' senza mandato

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons