L'America ritorna a vincere la maratona di New York

Ha vinto l'americana Shalen Flanagan per le donne e il keniota Geoffrey Kamworor nella competizione maschile. Oltre 3.000 italiani hanno corso la competizione. La città blindata per il timore attentati

In una New York blindatissima, reduce dal secondo attentato terroristico dopo quello dell'11 settembre 2001, sotto un cielo grigio, ma per la maggior parte della giornata senza pioggia, si è corsa la maratona, una delle più importanti e conosciute al mondo: è stata l'americana Shalen Flanagan, la prima donna a tagliare il traguardo della maratona di New York, in 2 ore 26 minuti 53 secondi, un record. Per gli uomini invece ha vinto Geoffrey Kamworor del Kenya, in 2 ore 10 minuti 53 secondi.

Ma la maratona di New York è soprattutto una festa per la città, con oltre 50.000 partecipanti, che ne fanno la più grande maratona del mondo. Altissimo anche il numero di italiani che hanno gareggiato, oltre 3.000, la rappresentanza più importate dopo quella americana.

La maratona del 2017 è stata anche la corsa con un livello di sicurezza altissimo, dopo l'attentato del pomeriggio di Halloween, in cui sono state uccise 8 persone. Centinaia di camion pieni di sabbia sono stati usati per proteggere i pedoni, migliaia di agenti, molti in borghese sono stati predisposti dal dipartimento della metropoli americana.

Dal giorno dell'attentato - il 31 ottobre scorso -, il dipartimento della polizia della città ha escluso che ci sia una minaccia credibile alla maratona. Nonostante ciò, è stato raddoppiato il numero di soldati in luoghi a rischio, migliaia di agenti in più sono stati reclutati, tiratori scelti sono piazzati sui tetti degli edifici in punti strategici e - come successo durante l'Assemblea Generale dell'Onu - blocchi di cemento e camion pieni di sabbia sono stati posizionati in incroci considerati a rischio. Anche da parte degli organizzatori le misure di sicurezza sono aumentate: per la prima volta, al ritiro del pettorale, venivano controllate le borse e gli zaini.

Tanti italiani. Sui 50mila concorrenti il contingente italiano è il secondo maggiore dopo quello americano: 3.002 nostri connazionali hanno fatto il percorso di 42 chilometri che attraversa come da tradizione i cinque distretti della metropoli per la quarantesima edizione: da tradizione a Staten Island e dopo Brooklyn, Queens e Bronx si arriva al traguardo a Central Park, a Manhattan.

Tra gli italiani, ne è presente uno che punta a mettere a segno un record particolare. "Presto, se tutto andrà bene, sarò l'unico uomo al mondo ad aver corso due maratone con un cancro". Ad averlo detto è stato Leonardo Cenci, perugino che si prepara ad affrontare la sua seconda maratona di New York con un tumore ai polmoni al quarto stadio. Per lui correre è libertà, anche quando si corre con il cancro. 

Nel 2012 Cenci si stava preparando proprio per la maratona di New York, quando iniziò a sentirsi stanco senza motivo. Un giorno, salendo le scale, si rese conto di fare molta fatica. Da lì, il campanello d'allarme. "Andai a farmi visitare, e scoprii di avere questo cancro molto aggressivo. Mi diedero quattro mesi di vita", ha raccontato nel corso dell'evento "Italy Runs the 2017 NYC Marathon" al Consolato Generale d'Italia a New York. Adesso Cenci, a dispetto di tutto, si appresta a correre per la seconda volta a New York (la prima fu l'anno scorso). "Questa maratona era il mio sogno, e la cosa assurda è che l'anno in cui mi fu diagnosticato il cancro fu l'unico in cui non si corse: per via dell'uragano Sandy, la maratona fu annullata. Io, dal mio letto d'ospedale, pensai che fosse un messaggio di Dio, per dirmi: pensa a curarti, New York ti aspetta".

E Cenci si è ripreso continuando a fare quello che aveva sempre fatto: correre. La sua esperienza gli ha insegnato che la cosa fondamentale, "o quella che, se non altro, ha funzionato per me", è l'atteggiamento che si ha durante la malattia. "Io ho fede, e quindi forse il discorso è diverso: avevo anche le preghiere a cui aggrapparmi", spiega. "Ma ho visto morire ragazzi più giovani di me e con tumori molto meno aggressivi. E penso che il modo in cui uno si pone nei confronti della malattia possa fare la differenza: se pensi che lei abbia già vinto, è finita. Io ho studiato il mio cancro, ho voluto sapere, informarmi. E non ho mai smesso di fare quello che amavo", continua Cenci. "A un certo punto non riuscivo più a camminare, e il mio obiettivo è stato: devo tornare a correre".

Da lì, sono successe molte cose. Non solo le due maratone - quella del 2016 e quella che sta per arrivare -, ma anche e soprattutto la fondazione di "Avanti Tutta Onlus", di cui Cenci è presidente e grazie a cui è stata aperta una palestra nell'ospedale di Perugia, per permettere ai malati di fare sport. 

Courtesy NYRR
Altri Servizi

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump: "Il report della Giustizia è un disastro totale per Comey e l'Fbi"

Il presidente all'attacco su Twitter dopo il rapporto dell'ispettore generale sulla gestione delle indagini sul 'caso e-mail' di Clinton

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha cominciato la mattinata con due pesanti tweet contro l'Fbi, in merito al rapporto del dipartimento di Giustizia sulle indagini riguardanti il 'caso e-mail' di Hillary Clinton e sul comportamento dell'ex direttore dell'agenzia, James Comey. "Il rapporto dell'ispettore generale [del dipartimento di Giustizia, ndr] è un totale disastro per Comey, i suoi servi e, purtroppo, per l'Fbi. Comey ora sarà ricordato come il peggior leader, di gran lunga, nella storia dell'Fbi. Ho fatto un grand servizio alla gente licenziandolo. Buon istinto. Christopher Wray [l'attuale direttore, ndr] vi renderà di nuovo orgogliosi!".

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock