L'America ritorna a vincere la maratona di New York

Ha vinto l'americana Shalen Flanagan per le donne e il keniota Geoffrey Kamworor nella competizione maschile. Oltre 3.000 italiani hanno corso la competizione. La città blindata per il timore attentati

In una New York blindatissima, reduce dal secondo attentato terroristico dopo quello dell'11 settembre 2001, sotto un cielo grigio, ma per la maggior parte della giornata senza pioggia, si è corsa la maratona, una delle più importanti e conosciute al mondo: è stata l'americana Shalen Flanagan, la prima donna a tagliare il traguardo della maratona di New York, in 2 ore 26 minuti 53 secondi, un record. Per gli uomini invece ha vinto Geoffrey Kamworor del Kenya, in 2 ore 10 minuti 53 secondi.

Ma la maratona di New York è soprattutto una festa per la città, con oltre 50.000 partecipanti, che ne fanno la più grande maratona del mondo. Altissimo anche il numero di italiani che hanno gareggiato, oltre 3.000, la rappresentanza più importate dopo quella americana.

La maratona del 2017 è stata anche la corsa con un livello di sicurezza altissimo, dopo l'attentato del pomeriggio di Halloween, in cui sono state uccise 8 persone. Centinaia di camion pieni di sabbia sono stati usati per proteggere i pedoni, migliaia di agenti, molti in borghese sono stati predisposti dal dipartimento della metropoli americana.

Dal giorno dell'attentato - il 31 ottobre scorso -, il dipartimento della polizia della città ha escluso che ci sia una minaccia credibile alla maratona. Nonostante ciò, è stato raddoppiato il numero di soldati in luoghi a rischio, migliaia di agenti in più sono stati reclutati, tiratori scelti sono piazzati sui tetti degli edifici in punti strategici e - come successo durante l'Assemblea Generale dell'Onu - blocchi di cemento e camion pieni di sabbia sono stati posizionati in incroci considerati a rischio. Anche da parte degli organizzatori le misure di sicurezza sono aumentate: per la prima volta, al ritiro del pettorale, venivano controllate le borse e gli zaini.

Tanti italiani. Sui 50mila concorrenti il contingente italiano è il secondo maggiore dopo quello americano: 3.002 nostri connazionali hanno fatto il percorso di 42 chilometri che attraversa come da tradizione i cinque distretti della metropoli per la quarantesima edizione: da tradizione a Staten Island e dopo Brooklyn, Queens e Bronx si arriva al traguardo a Central Park, a Manhattan.

Tra gli italiani, ne è presente uno che punta a mettere a segno un record particolare. "Presto, se tutto andrà bene, sarò l'unico uomo al mondo ad aver corso due maratone con un cancro". Ad averlo detto è stato Leonardo Cenci, perugino che si prepara ad affrontare la sua seconda maratona di New York con un tumore ai polmoni al quarto stadio. Per lui correre è libertà, anche quando si corre con il cancro. 

Nel 2012 Cenci si stava preparando proprio per la maratona di New York, quando iniziò a sentirsi stanco senza motivo. Un giorno, salendo le scale, si rese conto di fare molta fatica. Da lì, il campanello d'allarme. "Andai a farmi visitare, e scoprii di avere questo cancro molto aggressivo. Mi diedero quattro mesi di vita", ha raccontato nel corso dell'evento "Italy Runs the 2017 NYC Marathon" al Consolato Generale d'Italia a New York. Adesso Cenci, a dispetto di tutto, si appresta a correre per la seconda volta a New York (la prima fu l'anno scorso). "Questa maratona era il mio sogno, e la cosa assurda è che l'anno in cui mi fu diagnosticato il cancro fu l'unico in cui non si corse: per via dell'uragano Sandy, la maratona fu annullata. Io, dal mio letto d'ospedale, pensai che fosse un messaggio di Dio, per dirmi: pensa a curarti, New York ti aspetta".

E Cenci si è ripreso continuando a fare quello che aveva sempre fatto: correre. La sua esperienza gli ha insegnato che la cosa fondamentale, "o quella che, se non altro, ha funzionato per me", è l'atteggiamento che si ha durante la malattia. "Io ho fede, e quindi forse il discorso è diverso: avevo anche le preghiere a cui aggrapparmi", spiega. "Ma ho visto morire ragazzi più giovani di me e con tumori molto meno aggressivi. E penso che il modo in cui uno si pone nei confronti della malattia possa fare la differenza: se pensi che lei abbia già vinto, è finita. Io ho studiato il mio cancro, ho voluto sapere, informarmi. E non ho mai smesso di fare quello che amavo", continua Cenci. "A un certo punto non riuscivo più a camminare, e il mio obiettivo è stato: devo tornare a correre".

Da lì, sono successe molte cose. Non solo le due maratone - quella del 2016 e quella che sta per arrivare -, ma anche e soprattutto la fondazione di "Avanti Tutta Onlus", di cui Cenci è presidente e grazie a cui è stata aperta una palestra nell'ospedale di Perugia, per permettere ai malati di fare sport. 

Courtesy NYRR
Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.