Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Stock Npl si sta riducendo con "velocità adeguata"
"Lo stock si sta riducendo a una velocità adeguata. Non adiagiamoci sugli allori, ma si sta riducendo", ha spiegato Cottarelli a margine della presentazione dei rapporti macroeconomici del Fondo, nei quali viene ribadita l'importanza di ridurre i Npl nell'Eurozona, arrivati a 988 miliardi di dollari e visti scendere a 900 miliardi entro fine 2017.

"La prossima settimana avremo qui la Nouy che verrà a incontrare i direttori esecutivi europei e vorrei chiedere alcune domande su queste cose", ha aggiunto l’economista che a fine ottobre si trasferirà a Milano per dirigere il suo nuovo Osservatorio sui conti pubblici italiani. "Sono convinto che abbiamo iniziato una strada di riduzione graduale dei Npl con diversi metodi e strumenti. Alcune banche hanno deciso di venderli, altre banche di gestirli internamente. Ci sono risultati concreti. Adesso che iniziano ad arrivare risultati spero che non sorgano pressioni dall'esterno per accelerare e fare le cose ancora più rapidamente, perché non ce n’è motivo”, ha proseguito l’ex commissario della spending review sotto i passati governi di Enrico Letta e Matteo Renzi.

Schieramento con l'Italia (contro la Bce)
Cottarelli si è schierato dunque dalla parte delle autorità italiane che hanno sollevato critiche dopo la pubblicazione da parte della Bce delle consultazioni per nuove linee guida più stringenti sul trattamento dei Npl. Il fatto che queste linee guida siano state pubblicate dall'Eurotower, per Peter Dattels, vicedirettore del dipartimento Monerario e dei mercati dei capitali dell'istituto di Washington, "è un passo avanti positivo". Nella conferenza stampa a commento del Global Financial Stability Report, Dattels ha aggiunto che le nuove linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati nell'Eurozona "dovrebbero essere applicate in modo proporzionato nelle istituzioni creditizie e seguite da una supervisione rigida". Secondo l'esperto, "oltre a potenziare la supervisione, queste misure dovrebbero essere complementate da una continua modernizzazione e armonizzazione del framework sulle insolvenze a livello nazionale e aziendale". Serve poi "la generazione di un mercato secondario attivo per la vendita di asset sotto stress".

Mancano prove empiriche su nesso tra Npl e offerta credito
Cottarelli chiede prove empiriche che dimostrino l'urgenza promossa dal Fondo affinché l'Italia riduca i suoi Npl, che da soli rappresentano il 30% degli stock dell’Eurozona. Il rischio - è la tesi dell'Fmi - è che l’offerta di credito venga frenata. "L’evidenza empirica non è chiarissima. Qualcuno deve farmi ancora vedere evidenze empiriche che facciano vedere che lo stock di Npl, quelli netti, influisce sull’offerta di credito”. Secondo Cottarelli “cercare di risolvere questi problemi forzando quelli che si presentano come - tra virgolette - soluzioni di mercato, secondo me non ha molto senso”. Per lui “il rischio invece è di causare una reazione del mercato negativa e complicarsi inutilmente la vita. Facciamo piuttosto funzionare le regole fiscali in Europa”.

Ripresa economia italiana "fatto positivo"
Per colui che da fine ottobre sarà sostituito al Fondo da Alessandro Leipold, già veterano del Fmi e di recente capo economista del Lisbon Council a Bruxelles, la ripresa della crescita italiana è un fattore positivo. Cottarelli si è detto fiducioso sulla capacità del governo di raggiungere gli obiettivi previsionali di bilancio nonostante timori per possibili shock esterni nel medio termine. "Personalmente credo che nel breve periodo questi obiettivi di previsione fissati dalle autorità italiane siano del tutto realizzabili. Le preoccupazioni che ho per l’economia italiana sono preoccupazioni di medio termine perché riguardano la fragilità dell’economia italiana rispetto a possibili shock che vengono dall’esterno”. Secondo lui le stime macroeconomiche contenute nel World Economic Outlook del Fondo sono restrittive - per quanto siano state riviste nettamente al rialzo - perché non tengono conto della recente nota di aggiornamento del Def del governo. Mentre ad esempio l'Fmi prevede una crescita italiana all’1,5% nel 2017 e solo dell’1,1% nel 2018, il governo ora stima una crescita dell’1,5% anche per il prossimo anno. “E’ un dato positivo che, nonostante una fiscal stance più restrittiva di quella delle autorità italiane, il Fondo preveda una crescita quest’anno abbastanza rilevante”, ha detto l’economista. Nonostante l’Italia cresca meno della media dei Paesi europei, “è positivo il fatto che abbiamo ripreso la crescita”.

Altri Servizi

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.