Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Stock Npl si sta riducendo con "velocità adeguata"
"Lo stock si sta riducendo a una velocità adeguata. Non adiagiamoci sugli allori, ma si sta riducendo", ha spiegato Cottarelli a margine della presentazione dei rapporti macroeconomici del Fondo, nei quali viene ribadita l'importanza di ridurre i Npl nell'Eurozona, arrivati a 988 miliardi di dollari e visti scendere a 900 miliardi entro fine 2017.

"La prossima settimana avremo qui la Nouy che verrà a incontrare i direttori esecutivi europei e vorrei chiedere alcune domande su queste cose", ha aggiunto l’economista che a fine ottobre si trasferirà a Milano per dirigere il suo nuovo Osservatorio sui conti pubblici italiani. "Sono convinto che abbiamo iniziato una strada di riduzione graduale dei Npl con diversi metodi e strumenti. Alcune banche hanno deciso di venderli, altre banche di gestirli internamente. Ci sono risultati concreti. Adesso che iniziano ad arrivare risultati spero che non sorgano pressioni dall'esterno per accelerare e fare le cose ancora più rapidamente, perché non ce n’è motivo”, ha proseguito l’ex commissario della spending review sotto i passati governi di Enrico Letta e Matteo Renzi.

Schieramento con l'Italia (contro la Bce)
Cottarelli si è schierato dunque dalla parte delle autorità italiane che hanno sollevato critiche dopo la pubblicazione da parte della Bce delle consultazioni per nuove linee guida più stringenti sul trattamento dei Npl. Il fatto che queste linee guida siano state pubblicate dall'Eurotower, per Peter Dattels, vicedirettore del dipartimento Monerario e dei mercati dei capitali dell'istituto di Washington, "è un passo avanti positivo". Nella conferenza stampa a commento del Global Financial Stability Report, Dattels ha aggiunto che le nuove linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati nell'Eurozona "dovrebbero essere applicate in modo proporzionato nelle istituzioni creditizie e seguite da una supervisione rigida". Secondo l'esperto, "oltre a potenziare la supervisione, queste misure dovrebbero essere complementate da una continua modernizzazione e armonizzazione del framework sulle insolvenze a livello nazionale e aziendale". Serve poi "la generazione di un mercato secondario attivo per la vendita di asset sotto stress".

Mancano prove empiriche su nesso tra Npl e offerta credito
Cottarelli chiede prove empiriche che dimostrino l'urgenza promossa dal Fondo affinché l'Italia riduca i suoi Npl, che da soli rappresentano il 30% degli stock dell’Eurozona. Il rischio - è la tesi dell'Fmi - è che l’offerta di credito venga frenata. "L’evidenza empirica non è chiarissima. Qualcuno deve farmi ancora vedere evidenze empiriche che facciano vedere che lo stock di Npl, quelli netti, influisce sull’offerta di credito”. Secondo Cottarelli “cercare di risolvere questi problemi forzando quelli che si presentano come - tra virgolette - soluzioni di mercato, secondo me non ha molto senso”. Per lui “il rischio invece è di causare una reazione del mercato negativa e complicarsi inutilmente la vita. Facciamo piuttosto funzionare le regole fiscali in Europa”.

Ripresa economia italiana "fatto positivo"
Per colui che da fine ottobre sarà sostituito al Fondo da Alessandro Leipold, già veterano del Fmi e di recente capo economista del Lisbon Council a Bruxelles, la ripresa della crescita italiana è un fattore positivo. Cottarelli si è detto fiducioso sulla capacità del governo di raggiungere gli obiettivi previsionali di bilancio nonostante timori per possibili shock esterni nel medio termine. "Personalmente credo che nel breve periodo questi obiettivi di previsione fissati dalle autorità italiane siano del tutto realizzabili. Le preoccupazioni che ho per l’economia italiana sono preoccupazioni di medio termine perché riguardano la fragilità dell’economia italiana rispetto a possibili shock che vengono dall’esterno”. Secondo lui le stime macroeconomiche contenute nel World Economic Outlook del Fondo sono restrittive - per quanto siano state riviste nettamente al rialzo - perché non tengono conto della recente nota di aggiornamento del Def del governo. Mentre ad esempio l'Fmi prevede una crescita italiana all’1,5% nel 2017 e solo dell’1,1% nel 2018, il governo ora stima una crescita dell’1,5% anche per il prossimo anno. “E’ un dato positivo che, nonostante una fiscal stance più restrittiva di quella delle autorità italiane, il Fondo preveda una crescita quest’anno abbastanza rilevante”, ha detto l’economista. Nonostante l’Italia cresca meno della media dei Paesi europei, “è positivo il fatto che abbiamo ripreso la crescita”.

Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana