Creati meno posti del previsto in Usa, disoccupazione sale, ma anche partecipazione

Ora i riflettori sono puntati sulla Federal Reserve, che considera tollerabile un valore di lungo termine non superiore al 5,5%. La prossima riunione del Fomc è a novembre.
Shutterstock

In settembre le aziende americane hanno creato meno posti di lavoro del previsto, ma il mercato resta in linea con i recenti miglioramenti del mercato occupazionale. Negli Stati Uniti sono stati creati 156.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 170.000 unità. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è salito al 5%, mentre gli analisti attendevano un dato invariato al 4,9%. I numeri di luglio e agosto sono stati rivisti rispettivamente al ribasso e al rialzo, ma il totale non è cambiato di molto.

In particolare, stando ai dati revisti, in luglio sono stati creati 252.000 posti, contro i 275.000 della stima precedente, mentre in agosto i nuovi salariati sono stati 167.000, più dei 151.000 della prima stima. In generale, l'aumento di settembre è stato il meno sostenuto da maggio e inferiore alla media del 2015, quando i nuovi salariati erano stati 228.000 al mese, e del 2014, quando erano stati in media 260.000 al mese (2014 e 2015 sono stati gli anni migliori dal 1999).

Secondo gli analisti occorrono circa 145.000 nuovi posti al mese per rafforzare in modo adeguato il mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione, appunto salito al 5%, si è abbassato del 2,2% da agosto 2013, quando si attestava al 7,2%, ed è all'interno della media tra il 4 e il 5% di prima della recessione. La Federal Reserve considera come tollerabile un valore di lungo termine non superiore al 5,5%.

La partecipazione alla forza lavoro, che si attesta attorno ai minini in 40 anni, è salita dal 62,8% al 62,9%, non molto sopra il minimo da ottobre 1977 (pari a 62,4%) e ben al di sotto del 66% di prima della recessione.

In rialzo i salari, che sono saliti di 6 centesimi, lo 0,2%, a 25,79 dollari all'ora. Su base annuale sono saliti del 2,6%, sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è scesa di 0,1 ore a 34,4 ore, livello a cui si è attestata per vari mesi, ad eccezione di agosto.

A fare da traino al dato di settembre sono stati in particolare il settore dei servizi professionali e aziendali (+67.000), della sanità (+33.000), retail (+22.000) e alimentare (+30.000). Nel settore federale sono andati invece persi 11.000 posti di lavoro e 13.000 in quello minerario.

A settembre erano circa 7,9 milioni le persone che cercavano attivamente un lavoro, ma non riuscivano a trovarlo, contro i circa 7,8 milioni del mese precedente. Includendo anche i 5,8 milioni di americani che si accontentano di un lavoro part-time (meno dei 6,1 milioni del mese precedente) e i 553.000 scoraggiati il tasso disoccupazione si è attestato al 9,7%, invariato dal mese precedente e in calo dal 10% di un anno fa. I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) erano circa 2 milioni, come il mese precedente, e rappresentano il 24,9% del totale.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP