Cresce la fronda repubblicana contro Trump: il presidente Usa costretto a porre due veti?

Diversi membri del Gop contro l'emergenza nazionale e il sostegno alla guerra in Yemen

Donald Trump subirà un'imbarazzante sconfitta quando il Senato approverà la risoluzione per bloccare la dichiarazione d'emergenza che il presidente statunitense vuole sfruttare per costruire il muro al confine con il Messico, obbligandolo a usare per la prima volta il potere di veto, per di più sul tema di politica interna a cui ha dato massima priorità. Ma il Senato è pronto anche a fare battaglia al presidente su un altro tema, questa volta di politica estera, la guerra in Yemen, su cui potrebbe costringerlo a un secondo veto.

Almeno quattro repubblicani - Rand Paul (Kentucky), Lisa Murkowski (Alaska), Susan Collins (Maine) e Thom Tillis (North Carolina) - voteranno insieme ai 47 democratici per bloccare la dichiarazione di emergenza, con cui Trump avrebbe accesso a diversi miliardi di dollari per la costruzione del muro che il Congresso non gli ha concesso; alla Camera, a maggioranza democratica, i repubblicani che hanno votato con i rivali sono stati tredici. Molti senatori repubblicani sono ancora indecisi tra la volontà di appoggiare il presidente e quella di proteggere le prerogative del Congresso. "Non posso votare per dare al presidente il potere di spendere dei soldi che non sono stati stanziati dal Congresso. Possiamo volere più soldi per la sicurezza al confine, ma il Congresso non li ha autorizzati. Rinunciare al 'check and balance' (ovvero all'equilibrio tra i vari poteri all'interno di uno Stato) è una cosa pericolosa" ha spiegato uno dei quattro repubblicani già schieratisi contro Trump, ovvero Paul.

Durante lo shutdown del governo federale di dicembre e gennaio, durato 35 giorni, il più lungo nella storia degli Stati Uniti, Trump continuò a chiedere 5,7 miliardi di dollari per la costruzione di barriere fisiche; il Congresso, alla fine, si accordò per lo stanziamento di 1,375 miliardi per la sicurezza al confine, senza concedere la costruzione di muri. Trump, firmando la legge di spesa, avvert" che avrebbe comunque trovato il modo di costruire il muro, anche senza l'approvazione del Congresso.

Tra i repubblicani che non hanno ancora deciso come votare, ci sono Lamar Alexander (Tennessee), Marco Rubio (Florida), Mitt Romney (Utah) e Ted Cruz (Texas). "Credo che molti repubblicani siano come me" ha detto Alexander alla Cnn. "Vorrebbero sostenere quello che il presidente sta cercando di fare sulla sicurezza al confine, ma abbiamo giurato sulla Costituzione e dobbiamo rispettarla". La segretaria per la Sicuezza nazionale, Kirstjen Nielsen, è stata mandata dal presidente Trump a parlare con i senatori per cercare di ottenere il loro appoggio, ma "non è stata molto persuasiva" ha commentato il senatore Roy Blunt (Missouri).

Tra i repubblicani indecisi ci sono moderati e conservatori di destra, senatori all'ultimo mandato e in cerca di rielezione, membri poco conosciuti e leader, infine alcuni senatori preoccupati che Trump possa dirottare sulla costruzione del muro dei fondi destinati a progetti militari nei loro Stati. Molti repubblicani temono che le azioni di Trump costituiscano un pericoloso precedente per un futuro presidente democratico per dichiarare l'emergenza per aggirare il Congresso su temi come il cambiamento climatico o la lotta per un maggiore controllo sulle armi.

Il leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, sperava che Trump non annunciasse l'emergenza nazionale, ma da allora ha sempre sostenuto il presidente. All'inizio della settimana, McConnell ha predetto che il Senato voterà per bloccare la dichiarazione, che Trump userà il veto e il Congresso non sarà poi capace di superarlo, visto che servirebbe il voto dei due terzi dei membri di ciascuna Aula.

Il presidente sarà probabilmente costretto, nei prossimi giorni, a un secondo veto: c'è una risoluzione bipartisan per ritirare il sostegno alla coalizione, guidata dall'Arabia Saudita, che combatte in Yemen contro gli Houthi, appoggiati dall'Iran. Si tratta di una delle mosse che i parlamentari statunitensi stanno adottando per cercare di punire Riad per l'omicidio di Jamal Khashoggi, il giornalista ucciso nel consolato saudita di Istanbul per mano di un gruppo che avrebbe agito su mandato del principe ereditario Mohammed bin Salman. Nonostante l'omicidio del reporter saudita dissidente, che viveva negli Stati Uniti, Trump ha difeso l'alleanza con Riad. Anche in questo caso, il Congresso non avrebbe poi i voti per superare il veto presidenziale.

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.