Cristiana Pegoraro: l'arte di suonare per promuovere (e raccontare) la musica classica

La pianista e compositrice italiana è tornata a Carnegie Hall. Di origini ternane, vuole svecchiare un genere musicale che secondo lei sopravviverà. Il suo messaggio: aprire il cuore all'arte

 

Un ritorno alla Weill Recital Hall della prestigiosa Carnegie Hall a New York City. Per celebrare ancora una volta l'Italia, per ricevere l'ennesimo premio, per segnare l'inizio di un nuovo tour e per lanciare un duplice messaggio: "La musica classica sopravviverà" ma serve sdrammatizzarla da parte di chi la suona e serve "aprire il cuore all'arte" per chi ne è fruitore. La pianista italiana Cristiana Pegoraro si è ripresentata nella sala da concerto con il suo distintivo stile: l'esecuzione di brani di compositori italiani e di quelli stranieri che al nostro Paese si sono ispirati. Il tutto condito dai racconti che, per chi segue Pegoraro, sa che sono parte della sua performance; con essi la pianista ha voluto "condurre gli spettatori attraverso un viaggio" in due secoli di musica, dal '700 al '900, alla scoperta della nostra nazione.

Il tema del concerto - "Omaggio all'Italia" - è dovuto alle origini della pianista e compositrice: "Mi piace sempre portare la mia cultura all'estero", ha raccontato ad America 24. Ma l'appuntamento ormai annuale (è il terzo di fila che si verifica nella celebre sala), quest'anno è stato in occasione del mese di presidenza italiana al Consiglio di Sicurezza dell’Onu; per questo la rappresentanza permanente d'Italia presso le Nazioni Unite ha sostenuto e promosso l'evento. "Era naturale e doveroso proporre un omaggio all'Italia", ha detto Pegoraro, che nel corso della serata di ieri ha ricevuto il “Premio Oltre la Breccia”, istituito dall'Associazione Nazionale Bersaglieri nell’ambito della manifestazione Luci della storia su Porta Pia a Roma e dedicato 'ai meritevoli di azioni responsabili, significative e repentine nel nome dell’agire per il bene comune'. A consegnare il premio è stato Paolo Peroso, che così ha riconosciuto "l’impegno della pianista umbra che va oltre i limiti e i confini geografici" e il suo essere "portavoce della cultura, dell'arte e delle tradizioni italiane in giro per il mondo".

Pegoraro, originaria di Terni, ha presentato al pubblico statunitense (tra cui non mancavano gli italiani) anche il suo ultimo lavoro discografico, “Gioacchino Rossini Overtures – Piano Trascriptions”, appena uscito per l'etichetta Da Vinci Classics. E da New York, la città che lei ama tanto, parte ufficialmente il suo nuovo tour “Omaggio all’Italia” che prevedrà più di 10 tappe in tutto il mondo, anche in Italia. Pegoraro considera il suo ultimo disco come un "altro modo per portare con me il grande repertorio operistico italiano". Pegoraro è infatti la prima pianista ad aver inciso sue trascrizioni al pianoforte delle più famose ouverture di Rossini. L'artista ha ricordato l'origine di questo suo modo innovativo di proporre concerti, suonati e raccontati.

"Tantissimi anni fa, almeno 20, ero stata invitata a suonare concerti di musica classica su navi da crociera", ha spiegato. "Visto che la situazione era più vacanziera, ho provato a raccontare la musica e non solo a suonarla. Da lì ho visto che funzionava benissimo anche nelle sale da concerto". Per lei "all'inizio non è stato facile. Per parlare e suonare, il cervello deve fare un processo mentale che semplice non è. Il fatto di farlo ripetutamente fa sì che ormai mi venga spontaneo e naturale".

La pianista - che il New York Times definì "un’artista del più alto calibro" quando nel 1996 debuttò all'Alice Tully Hall del Lincoln Center – considera indispensabile l'incontro con il pubblico dopo le sue performance, ritenendolo ancora come parte integrante del concerto, che dunque "non finisce quando scendo dal palcoscenico ma continua in questo bellissimo rapporto umano". Per Pegoraro "le impressioni a caldo del concerto mi riempiono di gioia". E' in questo contesto che molti "mi dicono di apprezzare i miei racconti", grazie ai quali "si riesce ad entrare in maggiore sintonia con la musica e a mettere a nudo le proprie emozioni”. "Quando il pubblico reagisce agli stimoli emotivi che noi creiamo è sempre una bellissima cosa. In definitiva il fine principale dell'arte di suonare è creare emozioni. Quando riesci a trasmetterle e qualcuno riesce a recepirle puoi dire di aver fatto il tuo dovere di artista".

In questo lavoro Pegoraro si è fatta carico di una missione: aiutare la musica classica a stare al passo con i tempi che cambiano rapidamente e dunque a sopravvivere allargando la sua fruizione a più persone possibili. Questo, mantenendo fede alla lunga e rigorosa tradizione, preservando una qualità altissima ma "svecchiando" la musica classica per renderla "accessibile a tutti". Lei lo fa attraverso i suoi racconti, appunto. "Ormai non è più il momento di tenere l'arte separata da quello che è il reale bisogno del pubblico, esperti e non", ha detto Pegoraro.

"Bisogna portare l'arte, anche la più eccelsa, a livelli di comprensione e di accessibilità per far sì che tutti possano godere delle emozioni da essa create". Questo discorso, ha aggiunto, vale specialmente oggi visto che "non esiste più una grande cultura artistica musicale" come poteva esserci 50 o 100 anni fa e visto che "purtroppo nelle scuole non si insegna molto musica o molta arte". Allora sì al ricorso a "mezzi sicuramente più moderni" per catturare l'attenzione dei giovani. Sì anche al portare la musica fuori dal suo contesto di teatri e auditori classici. Perché "se è difficile portare i giovani nella sala da concerto, devi essere tu a uscire e a portarla a loro". Anche così facendo, crede Pegoraro, "la musica classica sopravviverà, ne sono convinta". D'altra parte "è un patrimonio talmente bello che ci sarà sempre qualcuno che andrà ad ascoltarla. Però dobbiamo essere intelligenti noi a cambiare un po' il modo in cui si propone la musica classica".

Pegoraro ha tenuto a precisare che la musica classica va comunque imparata bene, con rigore e serietà. "Cambia solo il veicolo, il modo in cui si propone a una massa qualcosa che è comunque di alta qualità". Lei si rifiuta di pensare "che mi devo abbassare a suonare musica di scarsa qualità perché la gente non capisce Beethoven. Io devo fare il discorso inverso. Devo portare la gente a comprendere il compositore tedesco”. Per la pianista è cruciale capire questo concetto: "Spesso la gente pensa ‘quell’artista è bravissimo perché ha successo' ma in alcuni casi la popolarità non è segno di qualità e quello che la gente definisce 'bravissimo', altro non e’ che un prodotto commerciale ben confezionato. Deve essere cura di ogni artista lavorare prima di tutto sulla qualità del prodotto che offre e successivamente, ma non di meno importanza, saperlo promuovere nella maniera giusta”.

Pegoraro propone di "abbattere il muro", di "porgere la musica a tutti" perché altrimenti il rischio è di restare isolati, di "perdere pubblico" e di "non riuscire a esprimersi". Per questo con il concerto di ieri sera, lei ha voluto puntare su un repertorio accattivante proposto in maniera innovativa, onorando - tra gli altri - compositori italiani come Domenico Scarlatti, Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini, il francese Georges Bizet ma anche l'argentino (con genitori italiani) Astor Piazzolla con cui Pegoraro "balla il tango alla tastiera". In questo suo sforzo, si cela anche un messaggio semplice per chi la conosce e chi no: "Aprire il cuore all'arte, perché l'arte fa parte dell'essere umano; dobbiamo lasciare spazio alla nostra sensibilità per apprezzarla, cosa che alla fine ci rende uomini migliori".

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.