Crollano gli scambi commerciali Usa-Cina, si spera nei negoziati di ottobre

Ad agosto, -22% di beni Usa in Cina rispetto a un anno prima, -16% per il 'Made in China' negli Stati Uniti

Gli scambi commerciali tra Stati Uniti e Cina continuano a calare, in attesa della riapertura dei negoziati di alto livello, prevista a ottobre, dopo l'ennesimo rialzo dei dazi scattato il primo settembre.

Secondo i dati riportati dall'Ap, le importazioni di prodotti statunitensi in Cina sono calate a 10,3 miliardi di dollari ad agosto, in ribasso del 22% dallo stesso mese dello scorso anno. Le esportazioni cinesi negli Stati Uniti sono diminuite a 44,4 miliardi di dollari, in ribasso del 16% rispetto all'agosto 2018. Il surplus commerciale cinese con gli Stati Uniti si è ridotto a 31,3 miliardi di dollari, in calo di 27 miliardi rispetto a un anno prima. Entrambe le parti in causa hanno alzato i dazi su beni del valore di centinaia di miliardi di dollari, toccando numerosi settori, dall'agricolo all'automobilistico. I negoziati tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping, nel corso dell'estate, sono terminati senza accordo.

Il primo settembre, Washington ha imposto dazi del 15% su beni cinesi del valore di 112 miliardi di dollari; Pechino ha risposto rimettendo il 25% di imposte sulle auto statunitensi, aggiungendo dazi del 5-10% su altri 75 miliardi di dollari in beni statunitensi. Il primo ottobre, Trump alzerà i dazi esistenti dal 25 al 30 per cento su prodotti cinesi del valore di 250 miliardi di dollari; il 15 dicembre, entreranno in vigore dazi del 15% su beni del valore di 160 miliardi di dollari. La Cina risponderà con nuovi dazi su 75 miliardi di dollari in beni statunitensi.

Nei giorni scorsi, la telefonata tra i negoziatori dei due Paesi è andata "molto bene" ed è stato deciso di riaprire i negoziati ad alto livello con un incontro a Washington, all'inizio di ottobre. Il presidente Donald Trump, comunque, non perde occasione per attaccare e minacciare Pechino: "La Cina sta avendo il peggior anno in decenni" grazie ai dazi statunitensi, ha scritto dopo l'annuncio dei nuovi colloqui, aggiungendo che i negoziati sono comunque "un bene per tutti". Su Twitter, poi, Trump ha più volte avvertito Pechino di non pensare di aspettare un nuovo presidente per "continuare a fregare gli Stati Uniti", perché "dato che vincerò io, otterranno condizioni più dure" da un accordo.

"Stiamo andando molto bene nei nostri negoziati con la Cina. Sono sicuro che amerebbero avere a che fare con una nuova amministrazione, in modo da poter continuare la pratica di fregare gli Stati Uniti (600 miliardi all'anno), ma 16 mesi sono lunghi" per un mercato in cui, secondo Trump, si perdono lavori e aziende. "E poi pensate a cosa accadrà alla Cina quando vincerò. L'accordo sarà molto più duro!" ha scritto. Un modo, per Trump, di invitare Pechino a negoziare un accordo ora.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap