Da riforma fiscale Trump risparmi per 47 mld $ a Apple, vantaggi per real estate

Molte società americane tengono all'estero il grosso dei profitti realizzati fuori dagli Stati Uniti per non pagare l'aliquota del 35% attualmente prevista nel Paese, tuttavia la riforma fiscale tasserebbe quel denaro, rimpatriato o meno, al 14,5%.

La riforma fiscale su cui sta lavorando il Congresso americano e che marcia verso l'approvazione, consegnando una scintillante vittoria a Donald Trump che l'ha fortemente sponsorizzata, potrà portare vantaggi al settore del real estate, tanto caro al presidente, e ad alcune grandi aziende. In particolare, secondo il Financial Times, Apple potrà risparmiare fino a 47 miliardi di dollari, cosa che la renderebbe il maggiore beneficiario della riforma.

Per quanto riguarda il settore immobiliare, come riporta il New York Times, la riforma prevede che redditi derivati da affitti e interessi sui mutui siano tassati con aliquote più basse di quelle attuali, con un trattamento simile a quello finora riservato ai guadagni in conto capitale di lungo termine e ad alcuni dividendi qualificati.

"Il real estate se la passerà benissimo. E' difficile immaginare che potesse chiedere di meglio", ha detto Daniel Shaviro, professore della New York University Law School. Tuttavia, come detto, saranno alcune grandi aziende ad avere i vantaggi maggiori. Anche se i dettagli della riforma non sono ancora del tutto definiti, visto che la versione approvata dalla Camera deve essere armonizzata con quella passata al Senato, ci sarebbe già convergenza per quanto riguarda il trattamento dei 1.300 miliardi di dollari che le società americane detengono all'estero.

Molte società americane, Apple compresa, tengono all'estero il grosso dei profitti realizzati fuori dagli Stati Uniti per non pagare l'aliquota del 35% attualmente prevista nel Paese, tuttavia la riforma fiscale tasserebbe quel denaro, rimpatriato o meno, a non più del 14,5%.

Stando ai calcoli di Moody's, Apple ha all'estero contante e investimenti per 252 miliardi di dollari circa, più o meno un quinto del totale e quasi il doppio rispetto ai 132 miliardi di Microsoft, la seconda azienda con maggiori capitali all'estero.

Con la legge attuale, se Apple rimpatriasse tutti i fondi dovrebbe pagare tasse per 78,6 miliardi. Invece, stando ai calcoli di Richard Harvey, professore della Villanova University, con la versione della legge approvata dal Senato, invece, dovrebbe pagare 31,4 miliardi, cifra che potrebbe scendere a 29,3 miliardi se Apple perdesse la battaglia legale con la Commissione europea su 13 miliardi di euro di tasse apparentemente non pagate in Irlanda. La differenza è dunque di almeno 47 miliardi di dollari.

Altri Servizi

Trump Jr. chiese a un'avvocata russa le prove contro la fondazione Clinton

La legale, Natalia Veselnitskaya, lo ha detto alla commissione Giustizia del Senato. Negli Stati Uniti, sono in corso le indagini sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Donald Trump

L'avvocata russa presente all'incontro alla Trump Tower, il 9 giugno 2016, con i massimi responsabili della campagna elettorale del candidato repubblicano ha dichiarato che il figlio dell'attuale presidente statunitense, Donald Trump Jr., le chiese se avesse le prove di donazioni illegali alla Clinton Foundation. L'avvocata, riporta Nbc News, ha risposto alle domande che la commissione Giustizia del Senato le ha presentato per iscritto.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

Gerusalemme capitale d'Israele? Per Trump è una "realtà"

Il presidente pronto al riconoscimento e al trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv (che richiederà anni)

Donald Trump lo aveva detto: con lui alla Casa Bianca "le cose saranno diverse".  Il miliardario di New York fresco di vittoria elettorale aveva pronunciato queste parole quando, il 23 dicembre 2016, gli Stati Uniti ancora guidati da Barack Obama avevano optato per una storica astensione favorendo l'approvazione di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiedeva uno stop immediato agli insediamenti israeliani nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Quasi un anno dopo, quelle parole non suonano più come una minaccia ma come un atto concreto e dalle conseguenze gravi.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Ge: 12mila esuberi nella divisione Power

Obiettivo: tagliare i costi di un miliardo di dollari nel 2018

La divisione di General Electric dedicata alle attività energetiche intende tagliare 12.000 posti di lavoro, di cui 1.100 nel Regno Unito, con l'intento di ridurre i costi di un miliardo di dollari nel 2018. La decisione della conglomerata americana, che secondo gli analisti era da tempo necessaria, colpirà professionisti e addetti alla produzione. Il numero di esuberi corrisponde al 20% circa della forza lavoro della divisione che produce turbine per impianti energetici a carbone e a gas.

Lo spettro di molestie sessuali arriva anche a Wall Street

Morgan Stanley licenzia un advisor, ex deputato a Washington, per "condotta inopportuna" nei confronti di una donna. Si tratta di Harold Ford Jr
iStock

Dopo Hollywood, Capitol Hill e la Silicon Valley, anche a Wall Street si solleva lo spettro di molestie sessuali. Morgan Stanley ha subito licenziato un advisor di alto livello dopo che una donna si è lamentata di una sua condotta inappropriata e giudicata dalla banca come "non in linea ai nostri valori e in violazione delle nostre politiche.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Trump Jr. agli investigatori: "Non parlo della conversazione con mio padre"

In commissione Intelligence della Camera, ha invocato il diritto alla riservatezza garantito nel rapporto tra cliente e avvocato, visto che parteciparono, oltre a padre e figlio, anche i rispettivi legali
AP

Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente statunitense Donald Trump, si è rifiutato di discutere con gli investigatori del Congresso di una conversazione con il padre, a proposito delle rivelazioni sul suo incontro con un'avvocata russa durante la scorsa campagna elettorale. Lo hanno riferito alcune fonti al Wall Street Journal.