Da riforma fiscale Trump risparmi per 47 mld $ a Apple, vantaggi per real estate

Molte società americane tengono all'estero il grosso dei profitti realizzati fuori dagli Stati Uniti per non pagare l'aliquota del 35% attualmente prevista nel Paese, tuttavia la riforma fiscale tasserebbe quel denaro, rimpatriato o meno, al 14,5%.

La riforma fiscale su cui sta lavorando il Congresso americano e che marcia verso l'approvazione, consegnando una scintillante vittoria a Donald Trump che l'ha fortemente sponsorizzata, potrà portare vantaggi al settore del real estate, tanto caro al presidente, e ad alcune grandi aziende. In particolare, secondo il Financial Times, Apple potrà risparmiare fino a 47 miliardi di dollari, cosa che la renderebbe il maggiore beneficiario della riforma.

Per quanto riguarda il settore immobiliare, come riporta il New York Times, la riforma prevede che redditi derivati da affitti e interessi sui mutui siano tassati con aliquote più basse di quelle attuali, con un trattamento simile a quello finora riservato ai guadagni in conto capitale di lungo termine e ad alcuni dividendi qualificati.

"Il real estate se la passerà benissimo. E' difficile immaginare che potesse chiedere di meglio", ha detto Daniel Shaviro, professore della New York University Law School. Tuttavia, come detto, saranno alcune grandi aziende ad avere i vantaggi maggiori. Anche se i dettagli della riforma non sono ancora del tutto definiti, visto che la versione approvata dalla Camera deve essere armonizzata con quella passata al Senato, ci sarebbe già convergenza per quanto riguarda il trattamento dei 1.300 miliardi di dollari che le società americane detengono all'estero.

Molte società americane, Apple compresa, tengono all'estero il grosso dei profitti realizzati fuori dagli Stati Uniti per non pagare l'aliquota del 35% attualmente prevista nel Paese, tuttavia la riforma fiscale tasserebbe quel denaro, rimpatriato o meno, a non più del 14,5%.

Stando ai calcoli di Moody's, Apple ha all'estero contante e investimenti per 252 miliardi di dollari circa, più o meno un quinto del totale e quasi il doppio rispetto ai 132 miliardi di Microsoft, la seconda azienda con maggiori capitali all'estero.

Con la legge attuale, se Apple rimpatriasse tutti i fondi dovrebbe pagare tasse per 78,6 miliardi. Invece, stando ai calcoli di Richard Harvey, professore della Villanova University, con la versione della legge approvata dal Senato, invece, dovrebbe pagare 31,4 miliardi, cifra che potrebbe scendere a 29,3 miliardi se Apple perdesse la battaglia legale con la Commissione europea su 13 miliardi di euro di tasse apparentemente non pagate in Irlanda. La differenza è dunque di almeno 47 miliardi di dollari.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP