Dai tavoli di Little Italy al cinema, il viaggio a New York dell'attore Danilo Ottaviani

Arrivato dal Piemonte, ha lavorato in teatro, cinema e televisione. "Gli Stati Uniti? Un altro mondo"

Un viaggio verso i propri sogni e le proprie ambizioni, da Villarbasse (in provincia di Torino) a New York con un progetto ben definito: recitare negli Stati Uniti. Questo è ciò che ha mosso Danilo Ottaviani, 27 anni, a trasferirsi nel 2014 a Manhattan. Tutto nasce da un’idea che l’ha distinto da altri giovani ambiziosi: il teatro di strada, fatto in italiano proprio nel crogiolo della comunità italiana nella metropoli Usa, cioè Little Italy. Con la performance "Cristoforo&Amerigo", recita nei ristoranti italiani proponendo ai clienti menù di poesie e canzoni sugli emigranti italiani degli anni Trenta. Studi al liceo classico e diploma all’Accademia del Teatro Stabile di Torino, Ottaviani ha lavorato un anno in Italia come attore e doppiatore per poi passare oltreoceano.

 

Come sei arrivato qui e quali difficoltà hai incontrato come artista straniero in Usa?

“Ho sempre avuto il ‘sogno americano’, volevo fare un’esperienza all’estero e mi sono detto ‘se non lo faccio adesso non lo faccio mai più’. È stata dura. Nel 2014, per mantenermi, lavoravo come cameriere servendo ai tavoli dei ristoranti di Little Italy. Da qui l’idea di recitare per i clienti che hanno subito apprezzato e le entrate sono aumentate. Poi, dopo l’estate mi sono trasferito in un appartamento nel quartiere di Jackson Heights, nel Queens, e cercato altri lavori. Mi presentavo agli studi di registrazione di Manhattan con le demo da doppiatore. Un giorno sono capitato all’Audioworks Producers Group con la mia chiavetta Usb senza sapere che, proprio in quel periodo, stavano cercando attori italiani per doppiare un cartone animato. Ho fatto la selezione e mi hanno preso subito. Così sono diventato la voce italiana di Hiro, il protagonista di Invizimals, produzione americana in onda sul canale K2 del digitale terrestre. Contemporaneamente, con Francesco Meola, ho rilanciato Cristoforo e Amerigo, con ottimi riscontri. Il nostro “menù” spaziava da Rodolfo Valentino a Totò… ma soprattutto sketch comici. Era un progetto nato veramente dal cuore, a cui ci siamo appassionati tanto. Il successo che ha avuto è stata una conseguenza, non ce lo aspettavamo e non abbiamo iniziato pensando a quello. È stato un piccolo miracolo nato dalla grande necessità di due artisti di voler fare il proprio mestiere. Poi Francesco è rientrato in Italia e io sono rimasto”.

 

Poi è arrivato il cinema…

“Ho lavorato per numerosi progetti, principalmente in cinema e Tv. Primo fra tutti il film “Love is a Broadway Hit” diretto da Peter Lee, in cui avevo il ruolo secondario di un passeggero che a un certo punto doveva fermare un treno della metropolitana per permettere ai due protagonisti di salutarsi prima che lui partisse per tornare a casa. È stato divertentissimo filmare quella scena il cui set era una vera e propria stazione della metro in cui un treno vero che continuava a fare avanti e indietro a ogni ciak, ci abbiamo messo sei ore per filmare una scena di pochi minuti, ma ne è davvero valsa la pena. Il film dovrebbe uscire nelle sale questa primavera“.

 

E poi anche la TV e il teatro.

“Per quanto riguarda la Tv, sono stato protagonista del decimo episodio della mini serie Shadow of Doubt in cui ho interpretato un assassino sudamericano. La storia è la ricostruzione di un delitto realmente commesso in cui il mio personaggio, Timoteo Rios, accoltellava un povera ragazza per rubarle la macchina… Per ricreare il triste episodio in maniera reale la produzione ci ha fatto vedere tutti i video delle telecamere di sorveglianza, di modo che ci aiutassero a farci un’idea precisa dell’accaduto. È stata un’esperienza piuttosto intensa, ma molto gratificante. E il regista Christian Faber è un vero professionista, ho imparato davvero molto lavorando con lui. La serie la si può trovare sul canale Investigation Discovery. Un’altra mini serie Tv in cui ho lavorato, questa volta però come ruolo secondario, si chiama Ralph Friedman (titolo provvisorio) e anche in questa ho dovuto interpretare il ruolo di un sicario il cui compito è quello di assassinare il protagonista… Non posso rivelare altro perché stanno ancora filmando il resto della serie che dovrebbe uscire verso la fine dell’anno, sempre su Investigation Discovery. Per il mese di luglio, sono stato impegnato in "The Bungler" di Molière, allo Shakespeare Theatre nel New Jersey”.

 

Quale preparazione deve avere un artista per avere possibilità di successo?

“La competizione in una città come questa è pazzesca e il livello degli artisti che si presentano alle audizioni è talmente alto che è impensabile non investire parte del proprio tempo nello studio. D’altronde cantanti, ballerini e musicisti praticano tutti i giorni e lo stesso vale per gli attori. Per questo motivo prendo lezioni di dizione da Leigh Dillon che è anche la dialect coach di Julianne Moore, Daniel Radcliffe, Denzel Washington, Naomi Watts, Clive Owen e molti altri. Grazie a lei sto riuscendo ad avvicinare la mia dizione inglese a una pronuncia americana credibile, cosa che mi ha permesso di essere preso per ruoli non solo da italiano. Continuo anche a studiare recitazione facendo seminari a Broadway”.

 

Quali sono a livello professionale le differenze con l’Italia?

"La grande differenza qui rimane il modo in cui vengono valorizzati i giovani e la meritocrazia e le possibilità di impiego, anche per un attore, non mancano. Per una produzione di Broadway la minima sindacale è di duemila dollari alla settimana, in Italia il compenso è di 50 euro lordi a recita. Se hai voglia di fare, qua trovi una miniera di occasioni. I giovani sono sostenuti, cosa che in Italia non accade. Ammetto che qui l’italianità è molto apprezzata dai newyorchesi, la fascinazione per il nostro cinema è ancora grande, ma riguarda soprattutto il passato e divi come Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Vittorio Gassman. Riconosco anche che le nostre scuole di teatro rimangono ancora tra le migliori al mondo, perché immerse nel nostro stile e nella nostra cultura”.

 

Broadway è ancora il fulcro del fermento culturale cittadino che ha respiro mondiale o la Tv sta adombrando, il teatro come avviene in Italia?

“Un’altra enorme differenza è il fatto che se vai a Broadway il 95% del teatro di prosa è composto da testi contemporanei. In Italia siamo ancora ancorati al teatro di repertorio molto dovuto al fatto che scarseggia un ‘pubblico giovane’, anche se non è quella l’unica ragione… Pochi giorni fa a Broadway ho visto ”A Doll’s House Part 2”, che è praticamente il seguito di Casa di Bambola di Ibsen, uno spettacolo bellissimo con attori strepitosi, che sta avendo un successo clamoroso. Non è forse questo un bel compromesso? La riscrittura di testi classici o come nel caso di Doll’s House, scrivere il seguito di un testo di repertorio. Ma perché questo avvenga c’è bisogno di gente che scriva, e anche questa è una cosa che in Italia forse viene poco valorizzata: la scrittura. Per esempio qua negli Usa gli stessi scrittori che riescono ad approdare a Broadway vanno poi a scrivere per Netflix, oppure Hulu o Amazon… E’ un altro mondo”.

 

I tuoi grandi riferimenti cinematografici americani?

“Per quanto riguarda gli attori direi Leonardo Di Caprio, Meryl Streep. Registi per ora Damien Chazelle, Christopher Nolan, Inarritu. Ma ce ne sono talmente tanti che è difficile poter scegliere…ammiro in loro la coerenza e la costanza di rimanere comunque fedeli a se stessi, continuando a studiare e a formarsi. Questo è fondamentale per un professionista”.





Altri Servizi

Dopo essere stato licenziato dallo studio cinematografico da lui cofondato e dopo essere stato lasciato dalla moglie, Harvey Weinstein è stato silurato anche dal club degli Oscar. Il produttore più vicino come forse nessun altro all'organo che di fatto governa Hollywood ne è stato "espulso con effetto immediato". Si tratta dell'ultimo risvolto dello scandalo che ha travolto un uomo accusato di molestie e abusi sessuali  perpetrati per decenni, anche su alcune delle star del cinema americano e non, e su cu stanno indagando la polizia di New York e Londra.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Draghi: il problema dei Npl è in Italia, va risolto. Visco: verso misure non destabilizzanti per le banche

Il governatore della Bce commenta le reazioni sull'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati. Il governatore di Bankitalia: è manifestazione della forte volontà a mettere in sicurezza le banche. Padoan chiede chiarezza

Da Washington, Mario Draghi cerca di riportare la calma sull'asse Roma-Francoforte-Bruxelles. Dieci giorni dopo la pubblicazione dell'addendum della Banca centrale europea alle linee guida per la gestione dei crediti deteriorati - da molti visto come un modo per penalizzare l'Italia e le sue banche - il governatore dell'Eurotower ha spiegato che quanto fatto dal consiglio direttivo è stato "pubblicare un documento e chiedere reazioni". Per quelle c'è tempo fino alla mezzanotte (Central European Time) dell'8 dicembre. Poi, come detto da Ignazioni Visco - che oltre a essere governatore di Banca d'Italia è anche membro del consiglio direttivo della Bce - "vedremo cosa emergerà dalle consultazioni. In quel momento faremo le considerazioni necessarie".

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Padoan: "grandi risultati" per rafforzare la crescita. Fmi: abbassare il debito

Per il ministro, la legge di bilancio "compatta ed efficace" continua l'aggiustamento dei conti pubblici. Npl? E' nell'interesse del nostro Paese ridurli in modo "ordinato e rapido".

Washington - Ancora una volta, Pier Carlo Padoan si è presentato ai lavori semiannuali del Fondo monetario internazionale per difendere i "grandi risultati" fatti in Italia per rafforzare la crescita, anche attraverso un lavoro sulle riforme che va avanti a prescindere dal fatto che si vada verso nuove elezioni. Il ministro italiano delle Finanze ha riconosciuto tuttavia che ci sia ancora "molto da fare", a cominciare dalla riduzione dei non performing loan e del debito pubblico. Lo vuole il suo governo. Lo chiedono il Fondo monetario internazionale e la Banca centrale europea. Lo desidera anche il Ceo di Intesa Sanpaolo. Padoan lo sa bene. Non a caso è risultato in totale sintonia con il collega tedesco Wolfgang Schaeuble, che al suo ultimo G20 ha detto: "nella situazione attuale in cui c'è una buona situazione economica, essere compiaciuti potrebbe essere la tentazione più grande". Una tentazione che per Padoan "va respinta con forza" anche se Mario Draghi ha parlato di una ripresa "decisa e ampia" nell'Eurozona e ha promesso la continuazione di una politica accomodante.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.