Dai tavoli di Little Italy al cinema, il viaggio a New York dell'attore Danilo Ottaviani

Arrivato dal Piemonte, ha lavorato in teatro, cinema e televisione. "Gli Stati Uniti? Un altro mondo"

Un viaggio verso i propri sogni e le proprie ambizioni, da Villarbasse (in provincia di Torino) a New York con un progetto ben definito: recitare negli Stati Uniti. Questo è ciò che ha mosso Danilo Ottaviani, 27 anni, a trasferirsi nel 2014 a Manhattan. Tutto nasce da un’idea che l’ha distinto da altri giovani ambiziosi: il teatro di strada, fatto in italiano proprio nel crogiolo della comunità italiana nella metropoli Usa, cioè Little Italy. Con la performance "Cristoforo&Amerigo", recita nei ristoranti italiani proponendo ai clienti menù di poesie e canzoni sugli emigranti italiani degli anni Trenta. Studi al liceo classico e diploma all’Accademia del Teatro Stabile di Torino, Ottaviani ha lavorato un anno in Italia come attore e doppiatore per poi passare oltreoceano.

 

Come sei arrivato qui e quali difficoltà hai incontrato come artista straniero in Usa?

“Ho sempre avuto il ‘sogno americano’, volevo fare un’esperienza all’estero e mi sono detto ‘se non lo faccio adesso non lo faccio mai più’. È stata dura. Nel 2014, per mantenermi, lavoravo come cameriere servendo ai tavoli dei ristoranti di Little Italy. Da qui l’idea di recitare per i clienti che hanno subito apprezzato e le entrate sono aumentate. Poi, dopo l’estate mi sono trasferito in un appartamento nel quartiere di Jackson Heights, nel Queens, e cercato altri lavori. Mi presentavo agli studi di registrazione di Manhattan con le demo da doppiatore. Un giorno sono capitato all’Audioworks Producers Group con la mia chiavetta Usb senza sapere che, proprio in quel periodo, stavano cercando attori italiani per doppiare un cartone animato. Ho fatto la selezione e mi hanno preso subito. Così sono diventato la voce italiana di Hiro, il protagonista di Invizimals, produzione americana in onda sul canale K2 del digitale terrestre. Contemporaneamente, con Francesco Meola, ho rilanciato Cristoforo e Amerigo, con ottimi riscontri. Il nostro “menù” spaziava da Rodolfo Valentino a Totò… ma soprattutto sketch comici. Era un progetto nato veramente dal cuore, a cui ci siamo appassionati tanto. Il successo che ha avuto è stata una conseguenza, non ce lo aspettavamo e non abbiamo iniziato pensando a quello. È stato un piccolo miracolo nato dalla grande necessità di due artisti di voler fare il proprio mestiere. Poi Francesco è rientrato in Italia e io sono rimasto”.

 

Poi è arrivato il cinema…

“Ho lavorato per numerosi progetti, principalmente in cinema e Tv. Primo fra tutti il film “Love is a Broadway Hit” diretto da Peter Lee, in cui avevo il ruolo secondario di un passeggero che a un certo punto doveva fermare un treno della metropolitana per permettere ai due protagonisti di salutarsi prima che lui partisse per tornare a casa. È stato divertentissimo filmare quella scena il cui set era una vera e propria stazione della metro in cui un treno vero che continuava a fare avanti e indietro a ogni ciak, ci abbiamo messo sei ore per filmare una scena di pochi minuti, ma ne è davvero valsa la pena. Il film dovrebbe uscire nelle sale questa primavera“.

 

E poi anche la TV e il teatro.

“Per quanto riguarda la Tv, sono stato protagonista del decimo episodio della mini serie Shadow of Doubt in cui ho interpretato un assassino sudamericano. La storia è la ricostruzione di un delitto realmente commesso in cui il mio personaggio, Timoteo Rios, accoltellava un povera ragazza per rubarle la macchina… Per ricreare il triste episodio in maniera reale la produzione ci ha fatto vedere tutti i video delle telecamere di sorveglianza, di modo che ci aiutassero a farci un’idea precisa dell’accaduto. È stata un’esperienza piuttosto intensa, ma molto gratificante. E il regista Christian Faber è un vero professionista, ho imparato davvero molto lavorando con lui. La serie la si può trovare sul canale Investigation Discovery. Un’altra mini serie Tv in cui ho lavorato, questa volta però come ruolo secondario, si chiama Ralph Friedman (titolo provvisorio) e anche in questa ho dovuto interpretare il ruolo di un sicario il cui compito è quello di assassinare il protagonista… Non posso rivelare altro perché stanno ancora filmando il resto della serie che dovrebbe uscire verso la fine dell’anno, sempre su Investigation Discovery. Per il mese di luglio, sono stato impegnato in "The Bungler" di Molière, allo Shakespeare Theatre nel New Jersey”.

 

Quale preparazione deve avere un artista per avere possibilità di successo?

“La competizione in una città come questa è pazzesca e il livello degli artisti che si presentano alle audizioni è talmente alto che è impensabile non investire parte del proprio tempo nello studio. D’altronde cantanti, ballerini e musicisti praticano tutti i giorni e lo stesso vale per gli attori. Per questo motivo prendo lezioni di dizione da Leigh Dillon che è anche la dialect coach di Julianne Moore, Daniel Radcliffe, Denzel Washington, Naomi Watts, Clive Owen e molti altri. Grazie a lei sto riuscendo ad avvicinare la mia dizione inglese a una pronuncia americana credibile, cosa che mi ha permesso di essere preso per ruoli non solo da italiano. Continuo anche a studiare recitazione facendo seminari a Broadway”.

 

Quali sono a livello professionale le differenze con l’Italia?

"La grande differenza qui rimane il modo in cui vengono valorizzati i giovani e la meritocrazia e le possibilità di impiego, anche per un attore, non mancano. Per una produzione di Broadway la minima sindacale è di duemila dollari alla settimana, in Italia il compenso è di 50 euro lordi a recita. Se hai voglia di fare, qua trovi una miniera di occasioni. I giovani sono sostenuti, cosa che in Italia non accade. Ammetto che qui l’italianità è molto apprezzata dai newyorchesi, la fascinazione per il nostro cinema è ancora grande, ma riguarda soprattutto il passato e divi come Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Vittorio Gassman. Riconosco anche che le nostre scuole di teatro rimangono ancora tra le migliori al mondo, perché immerse nel nostro stile e nella nostra cultura”.

 

Broadway è ancora il fulcro del fermento culturale cittadino che ha respiro mondiale o la Tv sta adombrando, il teatro come avviene in Italia?

“Un’altra enorme differenza è il fatto che se vai a Broadway il 95% del teatro di prosa è composto da testi contemporanei. In Italia siamo ancora ancorati al teatro di repertorio molto dovuto al fatto che scarseggia un ‘pubblico giovane’, anche se non è quella l’unica ragione… Pochi giorni fa a Broadway ho visto ”A Doll’s House Part 2”, che è praticamente il seguito di Casa di Bambola di Ibsen, uno spettacolo bellissimo con attori strepitosi, che sta avendo un successo clamoroso. Non è forse questo un bel compromesso? La riscrittura di testi classici o come nel caso di Doll’s House, scrivere il seguito di un testo di repertorio. Ma perché questo avvenga c’è bisogno di gente che scriva, e anche questa è una cosa che in Italia forse viene poco valorizzata: la scrittura. Per esempio qua negli Usa gli stessi scrittori che riescono ad approdare a Broadway vanno poi a scrivere per Netflix, oppure Hulu o Amazon… E’ un altro mondo”.

 

I tuoi grandi riferimenti cinematografici americani?

“Per quanto riguarda gli attori direi Leonardo Di Caprio, Meryl Streep. Registi per ora Damien Chazelle, Christopher Nolan, Inarritu. Ma ce ne sono talmente tanti che è difficile poter scegliere…ammiro in loro la coerenza e la costanza di rimanere comunque fedeli a se stessi, continuando a studiare e a formarsi. Questo è fondamentale per un professionista”.





Altri Servizi

Trump trasforma lo sport in uno scontro politico

Il presidente fa pressing sulla Nfl: licenzi gli atleti che non cantano l'inno. La lega di football: commenti che dividono e che mancano di rispetto. Le star del basket LeBron James e Kobe Bryant in difesa di Stephen Curry

Già protagonista di un ridicolo duello a parole con il leader nordcoreano, Donald Trump sta alimentando non solo tensioni a livello geopolitiche ma anche nel mondo dello sport. Nel giro di 12 ore ha attaccato atleti professionisti afroamericani suoi critici. Il risultato? La lega professionistica del football americano, i suoi giocatori e due campioni mondiali di basket sono stati costretti a fare sentire la loro voce.

Google tratta con editori per migliorare gli abbonamenti

News Corp, New York Times e Financial Times discutono strumenti di intelligenza artificiale
iStock

Google è in trattativa con tre gruppi editoriali con l'intento di aiutarli a migliorare i ricavi da loro generati dalle attività giornalistiche. New York Times, Financial Times e News Corp starebbero lavorando a strumenti che, sfruttando i dati degli utenti Google e l'intelligenza artificiale (AI), permettano loro di affinare la vendita di abbonamenti rendendoli "su misura". A rivelarlo sono i giornalisti del Financial Times, che in quanto gruppo non ha voluto commentare l'indiscrezione.

Scade il 'travel ban', Trump imporrà nuove restrizioni a 8-9 Paesi

L'annuncio è previsto domenica; le anticipazioni sono del Wsj. L'amministrazione punta a divieti più ampi, ma mirati, in modo che siano più efficaci e meno attaccabili
AP

L'amministrazione Trump ha deciso di sostituire il controverso 'travel ban', già rivisto dopo la bocciatura in tribunale e poi di nuovo, e più volte, attaccato dal punto di vista legale, con nuove restrizioni, più mirate, che riguarderanno però un numero di Paesi maggiore, rispetto ai sei colpiti dal divieto di viaggio che scade alla fine di questa settimana. A riportarlo è il Wall Street Journal.

Sanità, Trump ai Rep: dissidenti ricordati come salva-Obamacare

Il presidente lancia un monito ai senatori, in vista del nuovo tentativo di cancellare e sostituire la riforma sanitaria del predecessore. Secondo il Brookings, ci sarebbero 21 milioni di persone in più senza assicurazione

"Rand Paul, o chiunque altro voti contro la proposta di legge sulla sanità, sarà per sempre conosciuto (nelle future campagne politiche) come 'il repubblicano che ha salvato l'Obamacare'". Con questo tweet, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lanciato un monito ai repubblicani che siedono in Congresso, visti i potenziali 'no' al nuovo tentativo di far approvare una legge che cancelli e sostituisca l'Obamacare, la riforma sanitaria del predecessore.

Russiagate: Facebook consegnerà al Congresso Usa le pubblicità sospette

Il Ceo Zuckerberg: renderemo più trasparenti le inserzioni politiche e più difficili da realizzare le interferenze nelle elezioni. Il social network monitora quelle in Germania: per ora nulla di strano
Facebook

Facebook consegnerà al Congresso Usa le inserzioni pubblicitarie finite sulla sua piattaforma e che "probabilmente" sono legate alla Russia. Della loro esistenza fu data notizia il sei settembre scorso, quando, il social network annunciò di avere scoperto circa 470 account non autentici gestiti "probabilmente" da Mosca e associati a inserzioni da 100.000 dollari che avevano l'intento di creare scompiglio durante la campagna elettorale. Allo stesso tempo il gruppo ha detto di non avere riscontrato alcuna interferenza nelle elezioni tedesche di domenica 24 settembre.

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà
Franca Sozzani

Impegno sociale e bellezza. Nella settimana che vede i leader mondiali riuniti alle Nazioni Unite per l'Assemblea Generale, al Pierre Hotel di Manhattan si è svolto il settimo First Ladies Luncheon di Fashion4Development, l'organizzazione fondata da Evie Angelou in seno all'Onu per promuovere e sostenere progetti legati alla moda nei Paesi in via di sviluppo.

Corea del Nord: un attacco contro gli Usa sta diventando "inevitabile". L'esercito di Trump mostra la sua forza

Il ministro degli Esteri di Pyongyang ha parlato all'Onu: secondo lui, è il presidente americano, non Kim, ad essere protagonista di una "missione suicida". Bombardieri statunitensi in mostra vicino alla nazione più isolata al mondo

Mentre all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il ministro nordcoreano degli Esteri tornava a dare del "mentalmente instabile" al "cattivo" Donald Trump e a dire che con lui un attacco missilistico su suolo americano sta diventando sempre più "inevitabile", il Pentagono è tornato a mostrare la sua forza a Pyongyang. E' successo nel giorno in cui la nazione più isolata al mondo ha vissuto un sisma, apparentemente di origine naturale, che ha riacceso i timori di un altro test nucleare: il giorno precedente la Corea del Nord aveva ventilato l'ipotesi di fare detonare una bomba all'idrogeno nel Pacifico.

Silurato da Apple, fornitore di chip si vende ai cinesi bloccati da Trump

Il gruppo britannico Imagination Technlogies ha siglato un accordo da 550 milioni di sterline con Canyon Bridge, fondo di private equity appoggiato da Pechino che tentò di acquisire l'americana Lattice Semiconductor

Una settimana dopo essersi sentito dire dagli Stati Uniti che non poteva acquisire un produttore americano di semiconduttori per motivi di sicurezza nazionale, un fondo di private equity appoggiato da Pechino ha siglato un accordo per comprare un'azienda britannica specializzata in processori grafici: si tratta di Imagination Technologies; a giugno si mise in vendita perché Apple, il suo cliente più grande nonché uno dei suoi principali soci, comunicò l'intenzione di usare sempre di meno la sua tecnologia in prodotti come l'iPhone. 

Fca corteggiata da Hyundai? Per gli analisti, un acquirente cinese ha più senso

Il titolo continua a correre con le nuove indiscrezioni in arrivo dalla Corea del Sud. Per DBRS, il Ceo Marchionne ha ancora tempo per siglare un accordo ma un'intesa preliminare ci deve essere nella prima metà del 2018

La corsa di Fiat Chrysler Automobiles in Borsa non si arresta. Intensificatasi da agosto, quando sono emerse le prime voci di interesse per il gruppo da parte di aziende cinesi, l'avanzata del titolo è alimenata da indiscrezioni secondo cui Hyundai starebbe pensando a un takeover.

I produttori Usa di pannelli solari sperano nel pugno duro di Trump

Vogliono limiti alle importazioni dei rivali. La ITC permette la loro protezione da parte del governo prevista in una legge poco usata. Una decisione sull'imposizione di tariffe spetta al presidente americano

I produttore americani di pannelli solari possono cantare vittoria nel loro tentativo di ottenere protezione a scapito di rivali stranieri i cui prodotti arrivano in Usa.