Dal ponte di Verrazzano a Central Park: è la maratona di New York

La corsa, inaugurata nel 1970 tra l'indifferenza generale, è ora la 42 chilometri e 195 metri più famosa del mondo. Il percorso si snoda attraverso i cinque borough della città
(Courtesy of NYRR) Courtesy NYRR

Sono i 42 chilometri e 195 metri più famosi del mondo. Dal Ponte di Verrazzano a Central Park, attraverso tutta la città: è la maratona di New York, giunta alla quarantaquattresima edizione. 

Come l’anno scorso, particolare attenzione sarà rivolta alla sicurezza, dopo gli attentati di Boston del 2013, ma la polizia ha rassicurato: "Non ci sono minacce credibili".

Dall'indifferenza al successo

La corsa fu inaugurata nel 1970 tra l'indifferenza generale, con 127 concorrenti che percorsero un circuito intorno a Central Park; vinse Gary Muhrcke, con il tempo non eccezionale di 2:31:38, e solo in 55 arrivarono al traguardo. Oggi, è la maratona con più partecipanti al mondo e coinvolge tutti i borough della città (dal 1976): per le strade, sono attesi oltre due milioni di spettatori, che inciteranno i concorrenti e si godranno gli spettacoli organizzati lungo il percorso, come in una grande festa collettiva. Quest'anno, 55.000 persone si presenteranno al via (ma sono molte di più le richieste di partecipare); lo scorso anno, arrivò al traguardo un numero record di partecipanti, 50.266, con il tempo medio di 4:18:54.

La maratona più tecnologica

La maratona con il più alto numero di partecipanti e anche, nell'intenzione degli organizzatori, la "più tecnologica al mondo". I maxischermi non solo mostreranno la corsa durante il suo svolgimento, ma anche le statistiche relative ai runner. I tempi dei maratoneti sono presi a ogni miglio e ogni cinque chilometri, per un totale di circa 1,6 milioni di dati, ha specificato Peter Ciaccia, il chief production officer della New York Road Runners, che organizza l'evento, parlando con un giornalista del New York Times. "Non siamo ancora al livello di registrare i dati passo dopo passo con il Gps, ma non siamo molto lontani". Da anni, la maratona di New York, come altre, offre la possibilità ad amici, familiari e fan di seguire i passaggi cronometrici di uno o più concorrenti sul telefonino, scaricando un'app.

Il percorso

La corsa comincia a Staten Island, sul ponte di Verrazzano, che conduce i corridori a Brooklyn, dove correranno principalmente lungo la Fourth Avenue e Bedford Street, per la prima parte di gara. Poi, dopo 13,1 miglia (21 chilometri), si percorre il Pulaski Bridge che porta nel Queens; altre due miglia e mezzo e si sale su un altro ponte, il Queensboro Bridge sull'East River. Poi, lo spettacolare ingresso a Manhattan sulla First Avenue, dove i runner trovano il primo 'muro' di spettatori. Poco prima del trentesimo chilometro, si entra nel Bronx attraverso il Willis Avenue Bridge; quindi il ritorno a Manhattan attraverso il Madison Avenue Bridge. La maratona prosegue verso sud attraverso Harlem e la Fifth Avenue. Infine, quando la stanchezza ormai ha appannato la corsa della maggior parte dei concorrenti, si arriva a Central Park, poi il passaggio a Columbus Circle e l'ultimo ingresso nel parco, e l'arrivo all'altezza della Tavern on the Green.

I favoriti

Decine di migliaia di partecipanti, ma solo pochi pretendenti alla vittoria: tra gli uomini, Wilson Kipsang, il keniota ex detentore del record mondiale, e il connazionale Geoffrey Mutai, che ha vinto le ultime due edizioni (nel 2011 e nel 2013); poi l'ugandese Stephen Kiprotich, oro alle Olimpiadi del 2012, e l'etiope Gebre Gebremariam, vincitore nel 2010. Mancherà invece per infortunio Stanley Biwott, vincitore della maratona di Parigi nel 2012 e secondo quest'anno a Londra, come anche, tra le donne, la campionessa in carica, la keniota Priscah Jeptoo; a contendersi la vittoria, probabimente, saranno le etiopi Firehiwot Dado (prima nel 2011) ed Edna Kiplaugh (vincitrice nel 2010), e la keniota Mary Keitany, due volte vincitrice della maratona di Londra.

Il circuito dei Big Six

La maratona di New York fa parte del World Marathon Majors, il circuito che comprende le sei principali al mondo (Tokyo, Boston, Londra, Berlino, Chicago e New York), più Mondiali e Olimpiadi, che consegna ai vincitori delle due classifiche, maschile e femminile, 500.000 dollari a testa. Il premio è assegnato annualmente, ma la classifica prende in considerazione i risultati del biennio, considerando che un atleta di vertice gareggia in due o tre di queste maratone ogni anno.

Il doping e la premiazione rinviata

Al termine della maratona di New York, era prevista la premiazione per il biennio 2013-2014; purtroppo, la notizia della positività della vincitrice della maratona di Chicago e Boston negli ultimi due anni, Rita Jeptoo, a un test antidoping, ha costretto gli organizzatori a rinviarla. Jeptoo, keniota, 33 anni, è risultata positiva a un test a sorpresa sulle urine in Kenya, ma è necessario attendere i risultati delle controanalisi, secondo le regole dell'antidoping.

L'atleta era attesa a New York per ricevere il premio, visto che nessuna avversaria in classifica sarà in grado di raggiungerla con l'ultima maratona del biennio. Tra gli uomini, in testa c'è il keniota Dennis Kimetto, che un mese fa, a Berlino, ha stabilito il nuovo record mondiale in 2:02:57. A New York sarà spettatore e l'unico a poterlo battere è il connazionale Wilson Kipsang, che per vincere il premio sarà costretto a conquistare la sua prima vittoria nella Grande Mela.

Le passate edizioni

Lo scorso anno hanno vinto i kenioti Geoffrey Mutai e Priscah Jeptoo. L'anno prima, la maratona era stata per la prima volta cancellata, dopo il passaggio dell'uragano Sandy. Nel 2011 a vincere era stato ancora Mutai, con il record della maratona di New York, in 2:05:06; tra le donne, successo dell'etiope Firehiwot Dado.

Gli italiani

Correrà Valeria Straneo, vicecampionessa d'Europa e del mondo in carica. Danilo Goffi, che nel 2013 è arrivato ventunesimo e ha vinto la categoria M40, e il marchigiano Denis Curzi, il cui miglior tempo in una maratona è di 2 ore, 12 minuti e 28 secondi, ottenuto a Roma, il 24 marzo 2002.

Nella storia della maratona di New York ci sono sei vincitori italiani: tra gli uomini Orlando Pizzolato, primo nel 1984 e nel 1985, Gianni Poli nel 1986 e Giacomo Leone dieci anni dopo, mentre nel 2011 Alex Zanardi ha vinto la prova in handbike; tra le donne, Franca Fiacconi nel 1998 e Francesca Porcellato nella corsa in carrozzina nel 2001. Fiacconi è salita sul podio anche nel 1996 e nel 2000 da seconda, nel 1997 da terza. Ricordiamo anche i podi di Laura Fogli: seconda nel 1985 e nel 1989, terza nel 1988 e nel 1990.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, esperti di antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Gli Stati Uniti stanno studiando delle soluzioni per limitare le ingerenze di Russia e Cuba nell'attuale crisi in Venezuela. "È un obiettivo principale del dipartimento di Stato, quello di tenere russi e cubani fuori dal Venezuela" ha detto un funzionario del dipartimento al Miami Herald.

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Da oggi al 23 maggio l’Italia dell’High Tech è protagonista con 19 aziende a uno degli eventi di innovazione e tecnologia più importanti al mondo e che per la prima volta nella sua storia fa tappa in Canada. Al Enercare Centre di Toronto il nostro Paese si mette in mostra alla edizione 2019 di Collision, spin off del Web Summit di Lisbona e versione nordamericana della principale conferenza mondiale dedicata ad innovazione e tecnologia, web, ICT ed elettronica, che si svolge, a cadenza annuale, in varie città nordamericane. Las Vegas e New Orleans hanno ospitato le ultime cinque edizioni. A Collision 2019 sono attesi oltre 25.000 partecipanti da 120 paesi. Sono circa 6 mila le aziende presenti fra cui Ibm, Intel, Amazon, General Electric, Facebook, Verizon, Salesforce, Coca Cola e Allianz. L'iniziativa tricolore si colloca nell'ambito del Progetto Speciale Alta Tecnologia, Piano Straordinario Made in Italy 2017.

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence