Dal ponte di Verrazzano a Central Park: è la maratona di New York

La corsa, inaugurata nel 1970 tra l'indifferenza generale, è ora la 42 chilometri e 195 metri più famosa del mondo. Il percorso si snoda attraverso i cinque borough della città
(Courtesy of NYRR) Courtesy NYRR

Sono i 42 chilometri e 195 metri più famosi del mondo. Dal Ponte di Verrazzano a Central Park, attraverso tutta la città: è la maratona di New York, giunta alla quarantaquattresima edizione. 

Come l’anno scorso, particolare attenzione sarà rivolta alla sicurezza, dopo gli attentati di Boston del 2013, ma la polizia ha rassicurato: "Non ci sono minacce credibili".

Dall'indifferenza al successo

La corsa fu inaugurata nel 1970 tra l'indifferenza generale, con 127 concorrenti che percorsero un circuito intorno a Central Park; vinse Gary Muhrcke, con il tempo non eccezionale di 2:31:38, e solo in 55 arrivarono al traguardo. Oggi, è la maratona con più partecipanti al mondo e coinvolge tutti i borough della città (dal 1976): per le strade, sono attesi oltre due milioni di spettatori, che inciteranno i concorrenti e si godranno gli spettacoli organizzati lungo il percorso, come in una grande festa collettiva. Quest'anno, 55.000 persone si presenteranno al via (ma sono molte di più le richieste di partecipare); lo scorso anno, arrivò al traguardo un numero record di partecipanti, 50.266, con il tempo medio di 4:18:54.

La maratona più tecnologica

La maratona con il più alto numero di partecipanti e anche, nell'intenzione degli organizzatori, la "più tecnologica al mondo". I maxischermi non solo mostreranno la corsa durante il suo svolgimento, ma anche le statistiche relative ai runner. I tempi dei maratoneti sono presi a ogni miglio e ogni cinque chilometri, per un totale di circa 1,6 milioni di dati, ha specificato Peter Ciaccia, il chief production officer della New York Road Runners, che organizza l'evento, parlando con un giornalista del New York Times. "Non siamo ancora al livello di registrare i dati passo dopo passo con il Gps, ma non siamo molto lontani". Da anni, la maratona di New York, come altre, offre la possibilità ad amici, familiari e fan di seguire i passaggi cronometrici di uno o più concorrenti sul telefonino, scaricando un'app.

Il percorso

La corsa comincia a Staten Island, sul ponte di Verrazzano, che conduce i corridori a Brooklyn, dove correranno principalmente lungo la Fourth Avenue e Bedford Street, per la prima parte di gara. Poi, dopo 13,1 miglia (21 chilometri), si percorre il Pulaski Bridge che porta nel Queens; altre due miglia e mezzo e si sale su un altro ponte, il Queensboro Bridge sull'East River. Poi, lo spettacolare ingresso a Manhattan sulla First Avenue, dove i runner trovano il primo 'muro' di spettatori. Poco prima del trentesimo chilometro, si entra nel Bronx attraverso il Willis Avenue Bridge; quindi il ritorno a Manhattan attraverso il Madison Avenue Bridge. La maratona prosegue verso sud attraverso Harlem e la Fifth Avenue. Infine, quando la stanchezza ormai ha appannato la corsa della maggior parte dei concorrenti, si arriva a Central Park, poi il passaggio a Columbus Circle e l'ultimo ingresso nel parco, e l'arrivo all'altezza della Tavern on the Green.

I favoriti

Decine di migliaia di partecipanti, ma solo pochi pretendenti alla vittoria: tra gli uomini, Wilson Kipsang, il keniota ex detentore del record mondiale, e il connazionale Geoffrey Mutai, che ha vinto le ultime due edizioni (nel 2011 e nel 2013); poi l'ugandese Stephen Kiprotich, oro alle Olimpiadi del 2012, e l'etiope Gebre Gebremariam, vincitore nel 2010. Mancherà invece per infortunio Stanley Biwott, vincitore della maratona di Parigi nel 2012 e secondo quest'anno a Londra, come anche, tra le donne, la campionessa in carica, la keniota Priscah Jeptoo; a contendersi la vittoria, probabimente, saranno le etiopi Firehiwot Dado (prima nel 2011) ed Edna Kiplaugh (vincitrice nel 2010), e la keniota Mary Keitany, due volte vincitrice della maratona di Londra.

Il circuito dei Big Six

La maratona di New York fa parte del World Marathon Majors, il circuito che comprende le sei principali al mondo (Tokyo, Boston, Londra, Berlino, Chicago e New York), più Mondiali e Olimpiadi, che consegna ai vincitori delle due classifiche, maschile e femminile, 500.000 dollari a testa. Il premio è assegnato annualmente, ma la classifica prende in considerazione i risultati del biennio, considerando che un atleta di vertice gareggia in due o tre di queste maratone ogni anno.

Il doping e la premiazione rinviata

Al termine della maratona di New York, era prevista la premiazione per il biennio 2013-2014; purtroppo, la notizia della positività della vincitrice della maratona di Chicago e Boston negli ultimi due anni, Rita Jeptoo, a un test antidoping, ha costretto gli organizzatori a rinviarla. Jeptoo, keniota, 33 anni, è risultata positiva a un test a sorpresa sulle urine in Kenya, ma è necessario attendere i risultati delle controanalisi, secondo le regole dell'antidoping.

L'atleta era attesa a New York per ricevere il premio, visto che nessuna avversaria in classifica sarà in grado di raggiungerla con l'ultima maratona del biennio. Tra gli uomini, in testa c'è il keniota Dennis Kimetto, che un mese fa, a Berlino, ha stabilito il nuovo record mondiale in 2:02:57. A New York sarà spettatore e l'unico a poterlo battere è il connazionale Wilson Kipsang, che per vincere il premio sarà costretto a conquistare la sua prima vittoria nella Grande Mela.

Le passate edizioni

Lo scorso anno hanno vinto i kenioti Geoffrey Mutai e Priscah Jeptoo. L'anno prima, la maratona era stata per la prima volta cancellata, dopo il passaggio dell'uragano Sandy. Nel 2011 a vincere era stato ancora Mutai, con il record della maratona di New York, in 2:05:06; tra le donne, successo dell'etiope Firehiwot Dado.

Gli italiani

Correrà Valeria Straneo, vicecampionessa d'Europa e del mondo in carica. Danilo Goffi, che nel 2013 è arrivato ventunesimo e ha vinto la categoria M40, e il marchigiano Denis Curzi, il cui miglior tempo in una maratona è di 2 ore, 12 minuti e 28 secondi, ottenuto a Roma, il 24 marzo 2002.

Nella storia della maratona di New York ci sono sei vincitori italiani: tra gli uomini Orlando Pizzolato, primo nel 1984 e nel 1985, Gianni Poli nel 1986 e Giacomo Leone dieci anni dopo, mentre nel 2011 Alex Zanardi ha vinto la prova in handbike; tra le donne, Franca Fiacconi nel 1998 e Francesca Porcellato nella corsa in carrozzina nel 2001. Fiacconi è salita sul podio anche nel 1996 e nel 2000 da seconda, nel 1997 da terza. Ricordiamo anche i podi di Laura Fogli: seconda nel 1985 e nel 1989, terza nel 1988 e nel 1990.

Altri Servizi

Huawei: Trump disposto a intervenire sul caso, la Cfo ottiene rilascio su cauzione

Il presidente Usa pronto a essere coinvolto pur di raggiungere un accordo commerciale con la Cina. Con Xi, non ne ha ancora parlato

Il presidente americano, Donald Trump, è disposto a intervenire nel caso Huawei se farlo rendesse più facile il raggiungimento di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e tutelasse la sicurezza della sua America.

Continua la volatilità a Wall Street

Oggi, in programma il dato sui prezzi alla produzione
AP

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Qualcomm ottiene divieto di vendita di iPhone in Cina

Apple: "mossa disperata", faremo ricorso.

Continua il braccio di ferro tra Qualcomm e Apple. E il produttore americano di microprocessori canta vittoria, sostenendo di avere ottenuto da un tribunale cinese una ingiunzione preliminare con la quale viene impedito al colosso tech di importare e vendere in Cina alcuni modelli vecchi di iPhone.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.