Dalla Motor Valley alla Silicon Valley, il viaggio di Lamborghini a caccia di talenti e innovazione

Il Ceo Stefano Domenicali a un evento alla Stanford University; presentato studente che farà tirocino nel gruppo. Esclude supercar self-driving o elettriche e lo sbarco nella F1. Preannuncia altro anno record. Attesa per super Suv Urus

Stanford - Una Lamborghini che si guida da sola? "Assolutamente no". Una in versione elettrica? "Non la vediamo nel breve termine". La tecnologia? Importante, purché sia usata per migliorare la performance mantenendo le supercar Lamborghini "fun to drive", sempre. Stefano Domenicali, amministratore delegato e presidente del gruppo di Sant'Agata Bolognese, non ha dubbi: "Nel segmento delle supercar non mi aspetto grandi cambiamenti". E anche se assimilerà tecnologie sempre più avanzate ma comuni nel settore automotive, Lamborghini intende continuare a differenziarsi per essere percepito come un gruppo che vende non solo auto di altissima gamma ma anche "un'esperienza unica".

Del futuro del comparto di riferimento Domenicali ha parlato ieri durante un evento di cui è stato protagonista alla Stanford University. Di fronte a un pubblico di almeno 300 persone riunite in un garage-laboratorio a pochi passi dal campus del celebre ateneo, il Ceo si è confrontato con Chris Gerdes, professore di ingegneria meccanica dell'università, secondo cui una "Lamborghini non si fa semplicemente strada nel traffico ma definisce il traffico". E' quello che si è visto a Palo Alto e dintorni, dove ieri sfrecciavano alcuni esemplari dell'azienda tra cui una Huracán Spyder.

In un mondo che cambia rapidamente, Domenicali ha voluto sottolineare come "il futuro di Lamborghini sia connesso alla nostra eredità". Un messaggio simile a quello lanciato dallo stesso palco durante un intervento introduttivo da Armando Varricchio, ambasciatore italiano a Washington: Modena, la provincia dove ha sede Lamborghini, "è famosa per le auto veloci e lo slow food. Entrambi parlano di passione e tradizione"; dicendosi orgoglioso di vedere la bandiera italiana a Stanford associata a "due marchi, Lamborghini e Domenicali", l'ambasciatore ha spiegato che mentre si guarda avanti a bordo di una vettura, "lo specchietto retrovisore serve [nel caso di Lamborghini] per non dimenticare il passato" e quello del gruppo di Sant'Agata Bolognese definisce tutt'oggi la rotta da seguire: offrire un prodotto diverso che garantisce un'esperienza in termini di performance e design "unica", appunto. Proprio per questo una Lamborghini potrà anche adottare alcuni tecnologie self-driving ma senza "snaturare" le sue supercar, altrimenti "non avremmo ragione di esistere", ha detto Domenicali parlando alla stampa. Proprio per questo il Ceo esclude una supercar senza qualcuno al volante.

E se l'azienda si prepara a lanciare a fine anno il super-Suv Urus entrando in un comparto su cui praticamente tutte le case automobilistiche sono presenti visti anche i margini di profitto maggiori, Domenicali garantisce che il Dna di Lamborghini non cambierà. Con Urus, tra l'altro, la produzione raddoppierà al 2019 rispetto alle 3.500 vetture prodotte attualmente all'anno (20 anni fa erano 200), ennesimo segno di come l'azienda stia diventando sempre più grande. Escludendo la Formula Uno - "la vita è una questione di priorità" - il gruppo guarda al futuro "con ottimismo", forte di "fatti che dimostrano come sia in buona salute" (vedi il successo della nuova Huracan Performante) e pronto nel 2017 a "migliorare in modo importante i risultati rispetto a quelli dello scorso anno". Mentre guarda in avanti senza dimenticare il passato, Lamborghini va a caccia di competenze di cui avrà bisogno.

Per questo Lamborghini prevede l’avvio di percorsi formativi per gli studenti di Stanford sia negli Stati Uniti sia presso la sede di Sant’Agata Bolognese. La parte iniziale del programma di tirocini è rivolta a studenti specializzati in ingegneria, ricerca e sviluppo in ambito automotive, marketing e comunicazione. In quest'ambito Domenicali ieri ha presentato Lucio Mondavi, lo studente che da settembre a marzo prossimi sarà a Sant'Agata Bolognese per lavorare alla ricerca e lo sviluppo delle sospensioni, qualcosa di cui si era già occupato nel garage-laboratorio dell'ateneo dedicato al settore auto. "Idealmente, mi piacerebbe rimanere" nel gruppo dopo quel semestre, ha spiegato il giovane di origini italiane. Di potenziali talenti come lui Lamborghini ha bisogno "per fare andare l'azienda più veloce nel futuro", ha precisato Lamborghini al pubblico.

Lamborghini prosegue cos" un percorso fatto di innovazione tecnologica in Usa, dove lo scorso anno aveva siglato un accordo con il prestigioso Mit di Boston e dove a Seattle (nello Stato di Washington) lo scorso giugno aveva lanciato un nuovo laboratorio di analisi per la lavorazione del carbonio. Il viaggio dalla Motor Valley alla Silicon Valley di Domenicali ha previsto anche una tappa presso la sede di Apple a Cupertino, dove ha incontrato il direttore finanziario (italiano) Luca Maestri: quello che ha detto di avere portato a casa è "la spinta verso un modo diverso di pensare come portare avanti progetti innovativi" e un senso di cambiamento nell'approccio mentale". Perché "se da un lato siamo in un momento di grande crescita in termini di numeri, prodotto e prestazione del brand, dall'altro mai come oggi c'è bisogno di cambiare marcia". E Domenicali lo vuole fare puntando sui giovani: non solo quelli che studiano e che potrebbero dare contributi alle supercar del futuro ma anche quelli che, a detta del Ceo, sono "iper-innamorati" del marchio sin da piccoli e quelli "istruiti, intraprendenti, che partecipano a start-up e che vogliono farsi riconoscere". Guidando una Lamborghini.

Stefano Domenicali, Ceo di Lamborghini con Lucio Mondavi, studente della Stanford University
Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

E' ufficiale. Ford Motor ha scelto il suo nuovo amministratore delegato e presidente al posto di Mark Fields (56 anni), messo sotto pressione dagli investitori dopo tre anni alla guida del gruppo durante i quali ha visto il titolo perdere il 40% in borsa. Si tratta di Jim Hackett (62 anni), che risponderà al presidente esecutivo Bill Ford e con cui si concentrerà su tre priorità: "rafforzare la strategia operativa, modernizzare il business attuale e trasformare l'azienda per affrontare le sfide di domani". Lo ha spiegato Ford in una nota.

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Il viaggio di Donald Trump in Israele ha già fatto Storia, visto che il presidente degli Stati Uniti è arrivato a Tel Aviv con il primo volo diretto dall'Arabia Saudita allo Stato ebraico. Un portavoce dell'Autorità dell'aviazione civile israeliana ha precisato alla France Presse di non essere a conoscenza di nessun altro volo che abbia fatto tale rotta in passato. Israele non ha rapporti diplomatici con Riad, se non relazioni informali a livello di intelligence, soprattutto per quanto riguarda l'Iran e i gruppi che Teheran sostiene nella regione. Non ci sono voli commerciali che collegano Israele all'Arabia Saudita e i voli israeliani non possono neanche volare nello spazio aereo saudita. L'aereo con a bordo la stampa al seguito di Trump ha fatto scalo a Cipro, prima di raggiungere Tel Aviv.

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lasciato un biglietto tra le fessure del Muro del Pianto, come vuole la tradizione, a termine di una visita che resterà nella Storia, visto che è la prima volta che un presidente statunitense in carica visita il Muro Occidentale.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

AP

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Accordo Trump-Riad: Arabia Saudita comprerà armi Usa per 110 miliardi

L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il re dell'Arabia Saudita Salman hanno firmato un accordo in base al quale Riad comprerà armi e sistemi di difesa dagli Usa per 110 miliardi di dollari. L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.