Dalla Motor Valley alla Silicon Valley, il viaggio di Lamborghini a caccia di talenti e innovazione

Il Ceo Stefano Domenicali a un evento alla Stanford University; presentato studente che farà tirocino nel gruppo. Esclude supercar self-driving o elettriche e lo sbarco nella F1. Preannuncia altro anno record. Attesa per super Suv Urus

Stanford - Una Lamborghini che si guida da sola? "Assolutamente no". Una in versione elettrica? "Non la vediamo nel breve termine". La tecnologia? Importante, purché sia usata per migliorare la performance mantenendo le supercar Lamborghini "fun to drive", sempre. Stefano Domenicali, amministratore delegato e presidente del gruppo di Sant'Agata Bolognese, non ha dubbi: "Nel segmento delle supercar non mi aspetto grandi cambiamenti". E anche se assimilerà tecnologie sempre più avanzate ma comuni nel settore automotive, Lamborghini intende continuare a differenziarsi per essere percepito come un gruppo che vende non solo auto di altissima gamma ma anche "un'esperienza unica".

Del futuro del comparto di riferimento Domenicali ha parlato ieri durante un evento di cui è stato protagonista alla Stanford University. Di fronte a un pubblico di almeno 300 persone riunite in un garage-laboratorio a pochi passi dal campus del celebre ateneo, il Ceo si è confrontato con Chris Gerdes, professore di ingegneria meccanica dell'università, secondo cui una "Lamborghini non si fa semplicemente strada nel traffico ma definisce il traffico". E' quello che si è visto a Palo Alto e dintorni, dove ieri sfrecciavano alcuni esemplari dell'azienda tra cui una Huracán Spyder.

In un mondo che cambia rapidamente, Domenicali ha voluto sottolineare come "il futuro di Lamborghini sia connesso alla nostra eredità". Un messaggio simile a quello lanciato dallo stesso palco durante un intervento introduttivo da Armando Varricchio, ambasciatore italiano a Washington: Modena, la provincia dove ha sede Lamborghini, "è famosa per le auto veloci e lo slow food. Entrambi parlano di passione e tradizione"; dicendosi orgoglioso di vedere la bandiera italiana a Stanford associata a "due marchi, Lamborghini e Domenicali", l'ambasciatore ha spiegato che mentre si guarda avanti a bordo di una vettura, "lo specchietto retrovisore serve [nel caso di Lamborghini] per non dimenticare il passato" e quello del gruppo di Sant'Agata Bolognese definisce tutt'oggi la rotta da seguire: offrire un prodotto diverso che garantisce un'esperienza in termini di performance e design "unica", appunto. Proprio per questo una Lamborghini potrà anche adottare alcuni tecnologie self-driving ma senza "snaturare" le sue supercar, altrimenti "non avremmo ragione di esistere", ha detto Domenicali parlando alla stampa. Proprio per questo il Ceo esclude una supercar senza qualcuno al volante.

E se l'azienda si prepara a lanciare a fine anno il super-Suv Urus entrando in un comparto su cui praticamente tutte le case automobilistiche sono presenti visti anche i margini di profitto maggiori, Domenicali garantisce che il Dna di Lamborghini non cambierà. Con Urus, tra l'altro, la produzione raddoppierà al 2019 rispetto alle 3.500 vetture prodotte attualmente all'anno (20 anni fa erano 200), ennesimo segno di come l'azienda stia diventando sempre più grande. Escludendo la Formula Uno - "la vita è una questione di priorità" - il gruppo guarda al futuro "con ottimismo", forte di "fatti che dimostrano come sia in buona salute" (vedi il successo della nuova Huracan Performante) e pronto nel 2017 a "migliorare in modo importante i risultati rispetto a quelli dello scorso anno". Mentre guarda in avanti senza dimenticare il passato, Lamborghini va a caccia di competenze di cui avrà bisogno.

Per questo Lamborghini prevede l’avvio di percorsi formativi per gli studenti di Stanford sia negli Stati Uniti sia presso la sede di Sant’Agata Bolognese. La parte iniziale del programma di tirocini è rivolta a studenti specializzati in ingegneria, ricerca e sviluppo in ambito automotive, marketing e comunicazione. In quest'ambito Domenicali ieri ha presentato Lucio Mondavi, lo studente che da settembre a marzo prossimi sarà a Sant'Agata Bolognese per lavorare alla ricerca e lo sviluppo delle sospensioni, qualcosa di cui si era già occupato nel garage-laboratorio dell'ateneo dedicato al settore auto. "Idealmente, mi piacerebbe rimanere" nel gruppo dopo quel semestre, ha spiegato il giovane di origini italiane. Di potenziali talenti come lui Lamborghini ha bisogno "per fare andare l'azienda più veloce nel futuro", ha precisato Lamborghini al pubblico.

Lamborghini prosegue cos" un percorso fatto di innovazione tecnologica in Usa, dove lo scorso anno aveva siglato un accordo con il prestigioso Mit di Boston e dove a Seattle (nello Stato di Washington) lo scorso giugno aveva lanciato un nuovo laboratorio di analisi per la lavorazione del carbonio. Il viaggio dalla Motor Valley alla Silicon Valley di Domenicali ha previsto anche una tappa presso la sede di Apple a Cupertino, dove ha incontrato il direttore finanziario (italiano) Luca Maestri: quello che ha detto di avere portato a casa è "la spinta verso un modo diverso di pensare come portare avanti progetti innovativi" e un senso di cambiamento nell'approccio mentale". Perché "se da un lato siamo in un momento di grande crescita in termini di numeri, prodotto e prestazione del brand, dall'altro mai come oggi c'è bisogno di cambiare marcia". E Domenicali lo vuole fare puntando sui giovani: non solo quelli che studiano e che potrebbero dare contributi alle supercar del futuro ma anche quelli che, a detta del Ceo, sono "iper-innamorati" del marchio sin da piccoli e quelli "istruiti, intraprendenti, che partecipano a start-up e che vogliono farsi riconoscere". Guidando una Lamborghini.

Stefano Domenicali, Ceo di Lamborghini con Lucio Mondavi, studente della Stanford University
Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulle tensioni commerciali

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

La Corea del Nord smantella sito di test nucleari, Trump apre a denuclearizzazione graduale

Pyongyang ha annunciato l'esito delle operazioni, il presidente Usa ha parlato di "grande cosa per il mondo" se l'incontro con Kim si terrà

La Corea del Nord ha annunciato di aver smantellato "completamente" il proprio sito di test nucleari, a Punggye-ri, nel Nord-Est del Paese, con una serie di esplosioni pianificate che lo hanno reso inutilizzabile. "L'Istituto per le armi nucleari della Corea del Nord ha tenuto una cerimonia per smantellare completamente il sito di test nucleari nel Nord il 24 maggio... per garantire la trasparenza della discontinuità dei test nucleari", si legge in una dichiarazione in inglese pubblicata dall'agenzia di stampa statale KCNA.

Trump cancella l'incontro con Kim: "Persa un'opportunità per la pace"

Il presidente Usa disponibile, ma anche minaccioso nei confronti della Corea del Nord: "Forze Usa pronte più che mai"

Troppa ostilità da parte di Pyongyang negli ultimi giorni, nessuna base per arrivare a un risultato positivo. Per questo, il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. "Sono stato costretto", ha scritto Trump su Twitter, allegando la lettera con cui ha avvertito tutti della sua decisione. "Il mondo intero, e la Corea del Nord in particolare, ha perso una grande opportunità per una pace duratura, per la prosperità e il benessere. Questa opportunità mancata è un momento veramente triste nella Storia" ha scritto Trump nella lettera a Kim.

Nordcorea, Trump cancella l'incontro con Kim il 12 giugno

Il presidente Usa ha inviato una lettera al leader nordcoreano: "Il mondo ha perso una grande opportunità". Decisione presa per "l'enorme rabbia e l'aperta ostilità" mostrata recentemente da Pyongyang

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. Il presidente ha inviato una lettera a Kim per spiegargli i motivi della decisione. "Non vedevo l'ora di essere lì con lei. Purtroppo, in base all'enorme rabbia e all'ostilità aperta mostrata nelle sue più recenti dichiarazioni, sento che sia inappropriato, in questo momento, avere questo incontro programmato da tempo. Per questo" ha aggiunto Trump nella lettera, "l'incontro di Singapore, per il bene di entrambe le parti, ma a scapito del mondo, non si terrà".

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale, che per il segretario al Commercio è sicurezza militare
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Elliott conferma quota "significativa" nella tedesca ThyssenKrupp

Continua l'attivismo in Europa dell'hedge fund di Paul Singer, che con l'azienda industriale vuole un "dialogo costruttivo"

L'investitore attivista Elliott Advisors continua a puntare sull'Europa. Il braccio britannico dell'hedge fund americano Elliott Management ha confermato che fondi da esso gestiti sono "soci significativi" nel gruppo industriale tedesco ThyssenKrupp e che "ad oggi" i titoli ordinari in possesso sono tali da "non superare" il limite oltre il quale, stando alla normativa tedesca, è obbligatorio svelare la partecipazione.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.