Dalla Motor Valley alla Silicon Valley, il viaggio di Lamborghini a caccia di talenti e innovazione

Il Ceo Stefano Domenicali a un evento alla Stanford University; presentato studente che farà tirocino nel gruppo. Esclude supercar self-driving o elettriche e lo sbarco nella F1. Preannuncia altro anno record. Attesa per super Suv Urus

Stanford - Una Lamborghini che si guida da sola? "Assolutamente no". Una in versione elettrica? "Non la vediamo nel breve termine". La tecnologia? Importante, purché sia usata per migliorare la performance mantenendo le supercar Lamborghini "fun to drive", sempre. Stefano Domenicali, amministratore delegato e presidente del gruppo di Sant'Agata Bolognese, non ha dubbi: "Nel segmento delle supercar non mi aspetto grandi cambiamenti". E anche se assimilerà tecnologie sempre più avanzate ma comuni nel settore automotive, Lamborghini intende continuare a differenziarsi per essere percepito come un gruppo che vende non solo auto di altissima gamma ma anche "un'esperienza unica".

Del futuro del comparto di riferimento Domenicali ha parlato ieri durante un evento di cui è stato protagonista alla Stanford University. Di fronte a un pubblico di almeno 300 persone riunite in un garage-laboratorio a pochi passi dal campus del celebre ateneo, il Ceo si è confrontato con Chris Gerdes, professore di ingegneria meccanica dell'università, secondo cui una "Lamborghini non si fa semplicemente strada nel traffico ma definisce il traffico". E' quello che si è visto a Palo Alto e dintorni, dove ieri sfrecciavano alcuni esemplari dell'azienda tra cui una Huracán Spyder.

In un mondo che cambia rapidamente, Domenicali ha voluto sottolineare come "il futuro di Lamborghini sia connesso alla nostra eredità". Un messaggio simile a quello lanciato dallo stesso palco durante un intervento introduttivo da Armando Varricchio, ambasciatore italiano a Washington: Modena, la provincia dove ha sede Lamborghini, "è famosa per le auto veloci e lo slow food. Entrambi parlano di passione e tradizione"; dicendosi orgoglioso di vedere la bandiera italiana a Stanford associata a "due marchi, Lamborghini e Domenicali", l'ambasciatore ha spiegato che mentre si guarda avanti a bordo di una vettura, "lo specchietto retrovisore serve [nel caso di Lamborghini] per non dimenticare il passato" e quello del gruppo di Sant'Agata Bolognese definisce tutt'oggi la rotta da seguire: offrire un prodotto diverso che garantisce un'esperienza in termini di performance e design "unica", appunto. Proprio per questo una Lamborghini potrà anche adottare alcuni tecnologie self-driving ma senza "snaturare" le sue supercar, altrimenti "non avremmo ragione di esistere", ha detto Domenicali parlando alla stampa. Proprio per questo il Ceo esclude una supercar senza qualcuno al volante.

E se l'azienda si prepara a lanciare a fine anno il super-Suv Urus entrando in un comparto su cui praticamente tutte le case automobilistiche sono presenti visti anche i margini di profitto maggiori, Domenicali garantisce che il Dna di Lamborghini non cambierà. Con Urus, tra l'altro, la produzione raddoppierà al 2019 rispetto alle 3.500 vetture prodotte attualmente all'anno (20 anni fa erano 200), ennesimo segno di come l'azienda stia diventando sempre più grande. Escludendo la Formula Uno - "la vita è una questione di priorità" - il gruppo guarda al futuro "con ottimismo", forte di "fatti che dimostrano come sia in buona salute" (vedi il successo della nuova Huracan Performante) e pronto nel 2017 a "migliorare in modo importante i risultati rispetto a quelli dello scorso anno". Mentre guarda in avanti senza dimenticare il passato, Lamborghini va a caccia di competenze di cui avrà bisogno.

Per questo Lamborghini prevede l’avvio di percorsi formativi per gli studenti di Stanford sia negli Stati Uniti sia presso la sede di Sant’Agata Bolognese. La parte iniziale del programma di tirocini è rivolta a studenti specializzati in ingegneria, ricerca e sviluppo in ambito automotive, marketing e comunicazione. In quest'ambito Domenicali ieri ha presentato Lucio Mondavi, lo studente che da settembre a marzo prossimi sarà a Sant'Agata Bolognese per lavorare alla ricerca e lo sviluppo delle sospensioni, qualcosa di cui si era già occupato nel garage-laboratorio dell'ateneo dedicato al settore auto. "Idealmente, mi piacerebbe rimanere" nel gruppo dopo quel semestre, ha spiegato il giovane di origini italiane. Di potenziali talenti come lui Lamborghini ha bisogno "per fare andare l'azienda più veloce nel futuro", ha precisato Lamborghini al pubblico.

Lamborghini prosegue cos" un percorso fatto di innovazione tecnologica in Usa, dove lo scorso anno aveva siglato un accordo con il prestigioso Mit di Boston e dove a Seattle (nello Stato di Washington) lo scorso giugno aveva lanciato un nuovo laboratorio di analisi per la lavorazione del carbonio. Il viaggio dalla Motor Valley alla Silicon Valley di Domenicali ha previsto anche una tappa presso la sede di Apple a Cupertino, dove ha incontrato il direttore finanziario (italiano) Luca Maestri: quello che ha detto di avere portato a casa è "la spinta verso un modo diverso di pensare come portare avanti progetti innovativi" e un senso di cambiamento nell'approccio mentale". Perché "se da un lato siamo in un momento di grande crescita in termini di numeri, prodotto e prestazione del brand, dall'altro mai come oggi c'è bisogno di cambiare marcia". E Domenicali lo vuole fare puntando sui giovani: non solo quelli che studiano e che potrebbero dare contributi alle supercar del futuro ma anche quelli che, a detta del Ceo, sono "iper-innamorati" del marchio sin da piccoli e quelli "istruiti, intraprendenti, che partecipano a start-up e che vogliono farsi riconoscere". Guidando una Lamborghini.

Stefano Domenicali, Ceo di Lamborghini con Lucio Mondavi, studente della Stanford University
Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.