Dalla riforma fiscale Usa, botta miliardaria (anche) per Morgan Stanley e Deutsche Bank

Gli utili degli ultimi tre mesi del 2017 saranno indeboliti di 1,25 miliardi di dollari per la banca americana e di 1,5 miliardi di euro per quella tedesca. Annunci simili da altri gruppi
iStock

Morgan Stanley si è unita a un gruppo di aziende che subiranno oneri una tantum per via della riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale. La banca di Wall Street ha fatto sapere che gli utili degli ultimi tre mesi del 2017 saranno indeboliti di 1,25 miliardi di dollari netti (o 1,4 miliardi lordi).

La botta è dovuta principalmente a cambiamenti nel modo in cui vengono misurati sgravi fiscali noti in Usa come "deferred tax assets". In pratica cambia il modo in cui vengono usate perdite passate per controbilanciare il versamento di tasse future su certi asset. Gli sgravi valgono meno quando l'aliquota aziendale cala (Trump l'ha tagliata in modo permanente al 21% dal 35% e di questo la Corporate America beneficerà nel lungo termine).

L'annuncio arrivato da Morgan Stanely segue quelli simili di gruppi rivali come le connazionali Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs e American Expresse; anche la svizzera Credit Suisse e la tedesca Deutsche Bank ne faranno le spese nell'ultimo trimestre del 2017. Nel caso della banca tedesca l'effetto negativo sarà di 1,5 miliardi di euro.

Bank of America ha detto che subirà oneri per 3 miliardi, Citi per 20 miliardi, Goldman per 5 miliardi e AmEx (che ora prevedere conti in rosso tra ottobre e dicembre) per 2,4 miliardi di dollari.

In alcuni di questi casi la botta è dovuta anche al passaggio a un regime territoriale di tassazione e in base al quale gli utili che sono stati accumulati all'estero sotto il vecchio sistema fiscale sono trattati come rimpatriati. Fino ad ora le aziende potevano posticipare il versamento delle imposte Usa fino al rimpatrio degli utili detenuti all'estero. Ora quegli utili vengono tassati al 15,5% se in contanti o prodotti liquidi o all'8% per asset non liquidi come impianti e attrezzature. A quel punto il denaro potrebbe essere riportato in Usa senza punizioni ulteriori.

L'attenzione si sposta sull'inizio della stagione delle trimestrali: si comincia il 12 gennaio con JP Morgan Chase e Wells Fargo.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.