Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Le interferenze elettorali. Ai due precedenti incontri, e in innumerevoli dichiarazioni pubbliche, Trump e Putin hanno sminuito la questione, cercando di parlarne il meno possibile: il presidente statunitense ha detto di credere al collega russo, che nega qualsiasi coinvolgimento, ma in questo modo ha danneggiato la propria credibilità, rendendo difficile ogni passo nella direzione voluta nei rapporti con Mosca. Per questo, il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha promesso al Congresso che il presidente prenderà una posizione netta sulla questione. Da parte sua, Putin ha suggerito che le persone coinvolte nelle ingerenze potrebbero aver agito indipendentemente dallo Stato russo. Un vero accordo è difficile e politicamente rischioso per Trump, ma entrambi potrebbero scegliere di rivedere la propria posizione sull'argomento. A rendere la situazione di più difficile gestione è la notizia, venerdì pomeriggio, dell'incriminazione di 12 agenti dell'intelligence militare russa nell'ambito delle indagini del procuratore speciale Robert Mueller sulle ingerenze russe nelle elezioni statunitensi; subito dopo, i democratici hanno chiesto a Trump di cancellare il vertice con Putin.

Ucraina. Per tre anni, le discussioni su questo tema hanno riguardato il cosiddetto accordo di Minsk II, che richiede il ritiro delle forze militari straniere, ovvero russe, dall'Ucraina orientale, il controllo di Kiev sul confine ucraino e una maggiore autonomia delle aree separatiste e filorusse. Lo scorso anno, la proposta russa di introdurre la presenza dei peacekeepers delle Nazioni Unite ha attirato l'attenzione, ma i negoziatori occidentali l'hanno finora definita poco seria. Anche solo un accordo provvisorio sulla presenza dell'Onu sarebbe il più grande risultato degli ultimi anni e potrebbe aprire un dibattito sulla possibilità di alleggerire le sanzioni imposte a Mosca.

Siria. La scelta di Stati Uniti e Russia di muoversi in Siria evitando lo scontro è stato, a suo modo, un successo. Ora, gli Stati Uniti vogliono che l'argomento entri nel dialogo presidenziale, per una precisa ragione: l'Iran. Washington è preoccupata dal pericolo di un nuovo conflitto in Siria tra Israele e Iran, o forze sostenute dalla Repubblica islamica. La Casa Bianca vuole che Mosca aumenti la sua produzione petrolifera – una mossa che la Russia e l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) hanno già approvato – per cercare di limitare i guadagni iraniani dalle esportazioni di greggio. Limitare Teheran potrebbe essere la priorità per Trump e i suoi consiglieri al vertice di Helsinki.

Corsa agli armamenti. Entrambi i presidenti hanno recentemente dichiarato che la corsa agli armamenti tra i due Paesi richiede la loro attenzione. Un passo relativamente facile sarebbe quello di estendere il trattato New START, in scadenza nel 2021, per altri cinque anni. Il New Strategic Arms Reduction Treaty, effettivo dal 5 febbraio 2011, limitava i due Paesi ad avere entro sette anni (febbraio 2018) non più di 1.550 testate nucleari schierate e a rispettare dei limiti su altre forme di armi e mezzi; entrambi i Paesi avrebbero rispettato i limiti. Una serie di ostacoli, però, potrebbe bloccare i progressi in questo campo: Trump non sopporta i trattati negoziati sotto Barack Obama; il consigliere per la Sicurezza nazionale, John Bolton, non ama gli accordi sugli armamenti; un nuovo accordo sul New START solleverebbe nuove domande del Congresso statunitense sulle presunte violazioni russe di un altro accordo sugli armamenti, il trattato INF; la Russia, infine, potrebbe mettere sul tavolo la difesa missilistica dispiegata dagli Stati Uniti nell'Europa orientale.

Senza progressi in uno o più settori, l'atmosfera amichevole a Helsinki sarà limitata alla photo op. Un vero accordo sarà difficile, anche perché alcuni di questi temi riguardano gli interessi di molti altri Paesi.


Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.