David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

La serie, ancora senza nome, sarà composta da sei episodi da un'ora ciascuno che - a detta del gruppo - uniranno i due interessi per cui Letterman è noto: interviste approfondite con personalità varie e momenti tutti suoi "sul campo", dove potrà esprimere "la sua curiosità e il suo umorismo".

"Mi sento emozionato e fortunato all'idea di lavorare a questo progetto per Netflix", ha spiegato il conduttore in una nota nella quale ha sfoggiato la sua ironia: "Ho imparato che se vai in pensione per passare più tempo con la tua famiglia, è bene verificare, prima, che la famiglia sia d'accordo".

Ted Sarandos, responsabile dei contenuti di Netflix, ha spiegato che "il solo incontrare David Letterman è stata un'emozione; immaginate come sia eccitante per me annunciare che lavoreremo insieme". Secondo lui, Letterman "è una vera icona della televisione e non vedo l'ora di vederlo lanciarsi all'avventura fuori dallo studio, e impegnato a intervistare le persone che ritiene più interessanti". E in riferimento alla lunga barba che il conduttore si è lasciato crescere da quando (era il 20 maggio 2015) è andato in onda con l'ultima puntata del suo "The Late Show", Sarandos ha detto: " Vedremo se deciderà di tenerla".

In 33 anni di carriera, Letterman ha condotto 6.028 puntate dei suoi talk show in tarda serata, prima su Nbc (con "Late Night") e poi su Cbs (con "The Late Show"). Per il suo lavoro di autore, produttore e conduttore ha collezionato nel tempo 52 nomination risultanti in 10 premi; ha vinto due volte il Peabody Award. Ha intervistato praticamente tutti i candidati alla presidenza degli Stati Uniti (compreso Trump, quando non era ancora il leader Usa).


Altri Servizi

Il Village Voice sarà solo online

Lo storico settimanale newyorchese distribuito gratuitamente dal 1996 abbandona la versione cartacea

Post 'firmato'. La moglie del segretario al Tesoro travolta dalle polemiche

Ha pubblicato su Instagram una foto con i nomi dei marchi dei capi che indossava mentre scendeva da un aereo dello Stato. Il governo ha chiarito: i contribuenti non pagano per i viaggi di lei al seguito del marito

Il Los Angeles Times ha un nuovo Ceo

Gli investitori apprezzano la decisione della controllante Tronc, che possiede anche il Chicago Tribune e che punta su un esperto di media digitali
AP

George e Amal Clooney donano 1 milione di dollari per lotta all'odio

La risposta della celebre coppia alle violenze di Charlottesville. Mossa simile a quella di James Murdoch e JPM

Passi avanti sulla riforma fiscale

La squadra di governo di Trump e i leader al Congresso hanno trovato un accordo su come finanziare i tagli alle aliquote. La partita è però ancora aperta
Ap

Ford vuole conquistare la Cina con auto totalmente elettriche

Il gruppo Usa tratta per la creazione di una joint venture con la cinese Anhui Zotye Automobile

Il Plaza Hotel a New York è in vendita (anche Trump ne fu proprietario)

Il proprietario indiano ha arruolato un agente per cercare acquirenti di un immobile che ha ospitato Marilyn Monroe e i Beatles
bigstockphoto

Wall Street, Dow e S&P verso un secondo giorno di rialzi

Ieri chiusura mista, per il Nasdaq terza chiusura in rosso consecutiva
AP

Trump, gli Usa restano in Afghanistan ma non dà dettagli sul numero dei militari che invierà

Il presidente presenta la nuova strategia: prevede di lavorare per obiettivi, insieme agli alleati e chiedendo un maggior contributo al Pakistan e all'india. "Non siamo più esportatori di democrazia ma killer di terroristi"
AP

Google lancia Oreo, ultima versione del sistema operativo Android

Come da tradizione, il nome si ispira a un dolce. La vera sfida del gruppo è aumentare il numero di utenti che la utilizza visto che ancora dominano quelle vecchie
Google