David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

La serie, ancora senza nome, sarà composta da sei episodi da un'ora ciascuno che - a detta del gruppo - uniranno i due interessi per cui Letterman è noto: interviste approfondite con personalità varie e momenti tutti suoi "sul campo", dove potrà esprimere "la sua curiosità e il suo umorismo".

"Mi sento emozionato e fortunato all'idea di lavorare a questo progetto per Netflix", ha spiegato il conduttore in una nota nella quale ha sfoggiato la sua ironia: "Ho imparato che se vai in pensione per passare più tempo con la tua famiglia, è bene verificare, prima, che la famiglia sia d'accordo".

Ted Sarandos, responsabile dei contenuti di Netflix, ha spiegato che "il solo incontrare David Letterman è stata un'emozione; immaginate come sia eccitante per me annunciare che lavoreremo insieme". Secondo lui, Letterman "è una vera icona della televisione e non vedo l'ora di vederlo lanciarsi all'avventura fuori dallo studio, e impegnato a intervistare le persone che ritiene più interessanti". E in riferimento alla lunga barba che il conduttore si è lasciato crescere da quando (era il 20 maggio 2015) è andato in onda con l'ultima puntata del suo "The Late Show", Sarandos ha detto: " Vedremo se deciderà di tenerla".

In 33 anni di carriera, Letterman ha condotto 6.028 puntate dei suoi talk show in tarda serata, prima su Nbc (con "Late Night") e poi su Cbs (con "The Late Show"). Per il suo lavoro di autore, produttore e conduttore ha collezionato nel tempo 52 nomination risultanti in 10 premi; ha vinto due volte il Peabody Award. Ha intervistato praticamente tutti i candidati alla presidenza degli Stati Uniti (compreso Trump, quando non era ancora il leader Usa).


Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana