David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

La serie, ancora senza nome, sarà composta da sei episodi da un'ora ciascuno che - a detta del gruppo - uniranno i due interessi per cui Letterman è noto: interviste approfondite con personalità varie e momenti tutti suoi "sul campo", dove potrà esprimere "la sua curiosità e il suo umorismo".

"Mi sento emozionato e fortunato all'idea di lavorare a questo progetto per Netflix", ha spiegato il conduttore in una nota nella quale ha sfoggiato la sua ironia: "Ho imparato che se vai in pensione per passare più tempo con la tua famiglia, è bene verificare, prima, che la famiglia sia d'accordo".

Ted Sarandos, responsabile dei contenuti di Netflix, ha spiegato che "il solo incontrare David Letterman è stata un'emozione; immaginate come sia eccitante per me annunciare che lavoreremo insieme". Secondo lui, Letterman "è una vera icona della televisione e non vedo l'ora di vederlo lanciarsi all'avventura fuori dallo studio, e impegnato a intervistare le persone che ritiene più interessanti". E in riferimento alla lunga barba che il conduttore si è lasciato crescere da quando (era il 20 maggio 2015) è andato in onda con l'ultima puntata del suo "The Late Show", Sarandos ha detto: " Vedremo se deciderà di tenerla".

In 33 anni di carriera, Letterman ha condotto 6.028 puntate dei suoi talk show in tarda serata, prima su Nbc (con "Late Night") e poi su Cbs (con "The Late Show"). Per il suo lavoro di autore, produttore e conduttore ha collezionato nel tempo 52 nomination risultanti in 10 premi; ha vinto due volte il Peabody Award. Ha intervistato praticamente tutti i candidati alla presidenza degli Stati Uniti (compreso Trump, quando non era ancora il leader Usa).


Altri Servizi
iStock

FedEx ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili inferiori alle stime degli analisti, colpa di "sfide operative significative" dovute al cyber-attacco subito dalla controllata olandese TNT Express a fine giugno e all'urgano Harvey che il 25 agosto scorso mise in ginocchio il Texas.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Gentiloni: anche l'Italia, non solo gli Usa, tutela i propri interessi nazionali

Il presidente del consiglio sottolinea l'approccio multilaterale del nostro Paese. Con l'America, "rapporto di collaborazione strettissima". Fincantieri-Stx? Ottimista
Palazzo Chigi /T. Barchielli

Migranti, Alfano: investire sui Paesi di origine, rapporto più stretto Europa-Africa

Così il ministro degli Esteri da New York, consapevole che per molti politici è una strategia politicamente scomoda nel breve termine
Farnesina

Trump all'Onu: "Prima gli Usa. Pronti a distruggere la Corea del Nord"

Primo intervento al Palazzo di Vetro del 45esimo presidente degli Stati Uniti, che ha attaccato duramente anche l'Iran, uno Stato "canaglia"

Trump minaccia di "distruggere" la Corea del Nord

Nel suo primo discorso all'Assemblea Generale dell'Onu, il presidente Usa attacca anche Iran, Cuba e Venezuela. Promosso il concetto di sovranità

Wall Street, occhi puntati sul Fomc

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee della Federal Reserve, che si concluderà domani
AP

Alfano dall'Onu: il generale Haftar abbia un ruolo nel futuro della Libia

Confermata la visita a Roma del generale. Il ministro degli Esteri: serve riconoscimento delle istituzioni. Italia non chiuderà occhi su quanto succede nei centri di migranti nella nazione nordafricana. Pressing per ritorno di UNHCR e Oim
Farnesina

Trump tende la mano all'Onu e fa pressing per meno burocrazia

Alfano: "grande passo avanti". Nel 2019 Italia settimo contributore al bilancio del Palazzo di vetro
AP