Dazi Trump: al via attività di lobby per evitarli

Incontro sabato a Bruxelles tra Ue, Usa e Giappone. L'Australia tratta. Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia i più a rischio
AP

E adesso inziano le intense attività di lobby. In vista dell'introduzione, dal 23 marzo, di dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio in arrivo negli Stati Uniti da "tutti i Paesi fatta eccezione per il Messico e il Canada", i governi stranieri si preparano a fare nuovamente pressione. L'obiettivo è uno solo: essere esentati dalla misura controversa voluta da Donald Trump. In prima fila potrebbero esserci Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia, i cui ordini potrebbero subire il colpo più duro visto che la prima economia al mondo importa da loro l'acciaio di cui necessita.

Mentre vuole sostenere i volumi produttivi delle aziende metallurgiche americane 'nascondendosi' dietro la foglia di fico della sicurezza nazionale, la Casa Bianca di Trump tira dritto con la sua linea improntata al protezionismo e che ha portato alle dimissioni del consigliere economico pro business Gary Cohn (definito ieri dal presidente "un globalista" ma "a suo modo" un "nazionalista, perché ama il suo Paese").

Tenendo fede alle promesse fatte in campagna elettorale, il presidente americano vuole mettere in pratica il suo motto "America First" usando le tariffe controverse come una leva per ottenere qualcosa in cambio di esenzioni che potrebbero essere concesse a quelli che sono considerati "davvero nostri amici". Nel caso dell'Unione europea, che sperava in una esenzione dei suoi 28 Paesi membri, Trump potrebbe essere disposto a rimuovere o ritoccare i dazi se, per esempio, otterrà una riduzione delle tariffe sulle auto Made in Usa che finiscono in Europa.

L'approccio dell'inquilino della Casa Bianca poteva essere peggiore e più restrittivo. La sua intenzione originaria, infatti, era quella di imporre quei dazi su tutti senza alcuna eccezione. Il pressing esercitato nei sette giorni trascorsi tra l'annuncio delle tariffe e la loro ufficializzazione ha, almeno in parte, funzionato. Nelle due proclamazioni firmate ieri da Trump viene spiegato che "qualsiasi Paese con cui abbiamo una relazione per la sicurezza è benvenuto a discutere con gli Usa modalità alternative per affrontare" il caso. In pratica una nazione dovrà dimostrare che la vendita di alluminio e acciaio in Usa "non pone" rischi alla sicurezza nazionale americana. Nel caso in cui "alternative soddisfacenti" vengano trovate, allora Trump potrà "rimuovere o modificare" i dazi.

Nonostante questa flessibilità, Trump ha ignorato le critiche arrivate non solo dagli alleati come la Ue - che ha ventilato ritorsioni su prodotti americani come le motociclette Harley-Davidson, i jeans Levi's e il burro di arachidi - ma anche da business leader e legislatori. Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, ieri è tornato alla carica dicendo di "temere le conseguenze indesiderate" delle tariffe. Lui - così come i 107 deputati che hanno firmato una lettera inviata al presidente - vuole che Trump si "focalizzi solo su quei Paesi e su quelle pratiche che violano le leggi commerciali".

Il Fondo monetario internazionale, attraverso il suo direttore generale, ha detto che "le guerre commerciali non si vincono". Il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha giudicato le mosse unilaterali "pericolose"; nella conferenza stampa post riunione dell'istituto centrale, Draghi ha dichiarato: "Se si impongono dazi sui propri alleati, ci si domanda chi siano i nemici".

Mentre nel partito dello stesso Trump, quello repubblicano, monta la frustrazione, il Canada e il Messico tirano sì un sospiro di sollievo ma hanno fatto capire di non volere alterare la loro strategia nell'ambito dei negoziati per riscrivere il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio siglato nel 1994. Nelle proclamazioni, del Nafta non si fa cenno esplicito. I documenti spiegano i "casi speciali" dei due Paesi confinanti con gli Usa dicendo che "almeno per ora" per loro le tariffe non valgono. E' stato il presidente Usa a indicare durante la cerimonia alla Casa Bianca che i dazi scatteranno "se non raggiungiamo un accordo sul Nafta e mettiamo fine al Nafta perché loro non sono in grado di raggiungere un accordo equo". Per Chrystia Freeland, ministra canadese degli Esteri, l'esenzione rappresenta comunque "un passo avanti". Ricordando che il Messico ha imposto dazi sui prodotti in acciaio in arrivo da Paesi che producono più acciaio di quanto necessitino, il ministro messicano dell'economia Ildefonso Guajardo ha spiegato che "è possibile affrontare questo problema e rispettare gli impegni internazionali nell'ambito del framework dell'Organizzazione mondiale del commercio".

Quanto alla Ue, la commissaria per il commercio Cecilia Malmstrom su Twitter ha chiesto "più chiarezza sulla questione" anche perché la Ue, in quanto "stretta alleata degli Usa", dovrebbe essere esclusa dai dazi. Malmstrom sabato a Bruxelles incontrerà il rappresentante commerciale degli Usa, Robert Lighthizer e l'equivalente giapponese. Si discuterà dei nuovi dazi e di come l'alleanza a tre può contrastatare le politiche economiche della Cina. L'Australia - che Trump aveva indicato come un potenziale Paese da esentare - intanto punta a ottenere a sua volta concessioni. Ecco perché le attività di lobby sono appena iniziate.

Altri Servizi
AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock