Dazi Trump: al via attività di lobby per evitarli

Incontro sabato a Bruxelles tra Ue, Usa e Giappone. L'Australia tratta. Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia i più a rischio
AP

E adesso inziano le intense attività di lobby. In vista dell'introduzione, dal 23 marzo, di dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio in arrivo negli Stati Uniti da "tutti i Paesi fatta eccezione per il Messico e il Canada", i governi stranieri si preparano a fare nuovamente pressione. L'obiettivo è uno solo: essere esentati dalla misura controversa voluta da Donald Trump. In prima fila potrebbero esserci Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia, i cui ordini potrebbero subire il colpo più duro visto che la prima economia al mondo importa da loro l'acciaio di cui necessita.

Mentre vuole sostenere i volumi produttivi delle aziende metallurgiche americane 'nascondendosi' dietro la foglia di fico della sicurezza nazionale, la Casa Bianca di Trump tira dritto con la sua linea improntata al protezionismo e che ha portato alle dimissioni del consigliere economico pro business Gary Cohn (definito ieri dal presidente "un globalista" ma "a suo modo" un "nazionalista, perché ama il suo Paese").

Tenendo fede alle promesse fatte in campagna elettorale, il presidente americano vuole mettere in pratica il suo motto "America First" usando le tariffe controverse come una leva per ottenere qualcosa in cambio di esenzioni che potrebbero essere concesse a quelli che sono considerati "davvero nostri amici". Nel caso dell'Unione europea, che sperava in una esenzione dei suoi 28 Paesi membri, Trump potrebbe essere disposto a rimuovere o ritoccare i dazi se, per esempio, otterrà una riduzione delle tariffe sulle auto Made in Usa che finiscono in Europa.

L'approccio dell'inquilino della Casa Bianca poteva essere peggiore e più restrittivo. La sua intenzione originaria, infatti, era quella di imporre quei dazi su tutti senza alcuna eccezione. Il pressing esercitato nei sette giorni trascorsi tra l'annuncio delle tariffe e la loro ufficializzazione ha, almeno in parte, funzionato. Nelle due proclamazioni firmate ieri da Trump viene spiegato che "qualsiasi Paese con cui abbiamo una relazione per la sicurezza è benvenuto a discutere con gli Usa modalità alternative per affrontare" il caso. In pratica una nazione dovrà dimostrare che la vendita di alluminio e acciaio in Usa "non pone" rischi alla sicurezza nazionale americana. Nel caso in cui "alternative soddisfacenti" vengano trovate, allora Trump potrà "rimuovere o modificare" i dazi.

Nonostante questa flessibilità, Trump ha ignorato le critiche arrivate non solo dagli alleati come la Ue - che ha ventilato ritorsioni su prodotti americani come le motociclette Harley-Davidson, i jeans Levi's e il burro di arachidi - ma anche da business leader e legislatori. Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, ieri è tornato alla carica dicendo di "temere le conseguenze indesiderate" delle tariffe. Lui - così come i 107 deputati che hanno firmato una lettera inviata al presidente - vuole che Trump si "focalizzi solo su quei Paesi e su quelle pratiche che violano le leggi commerciali".

Il Fondo monetario internazionale, attraverso il suo direttore generale, ha detto che "le guerre commerciali non si vincono". Il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha giudicato le mosse unilaterali "pericolose"; nella conferenza stampa post riunione dell'istituto centrale, Draghi ha dichiarato: "Se si impongono dazi sui propri alleati, ci si domanda chi siano i nemici".

Mentre nel partito dello stesso Trump, quello repubblicano, monta la frustrazione, il Canada e il Messico tirano sì un sospiro di sollievo ma hanno fatto capire di non volere alterare la loro strategia nell'ambito dei negoziati per riscrivere il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio siglato nel 1994. Nelle proclamazioni, del Nafta non si fa cenno esplicito. I documenti spiegano i "casi speciali" dei due Paesi confinanti con gli Usa dicendo che "almeno per ora" per loro le tariffe non valgono. E' stato il presidente Usa a indicare durante la cerimonia alla Casa Bianca che i dazi scatteranno "se non raggiungiamo un accordo sul Nafta e mettiamo fine al Nafta perché loro non sono in grado di raggiungere un accordo equo". Per Chrystia Freeland, ministra canadese degli Esteri, l'esenzione rappresenta comunque "un passo avanti". Ricordando che il Messico ha imposto dazi sui prodotti in acciaio in arrivo da Paesi che producono più acciaio di quanto necessitino, il ministro messicano dell'economia Ildefonso Guajardo ha spiegato che "è possibile affrontare questo problema e rispettare gli impegni internazionali nell'ambito del framework dell'Organizzazione mondiale del commercio".

Quanto alla Ue, la commissaria per il commercio Cecilia Malmstrom su Twitter ha chiesto "più chiarezza sulla questione" anche perché la Ue, in quanto "stretta alleata degli Usa", dovrebbe essere esclusa dai dazi. Malmstrom sabato a Bruxelles incontrerà il rappresentante commerciale degli Usa, Robert Lighthizer e l'equivalente giapponese. Si discuterà dei nuovi dazi e di come l'alleanza a tre può contrastatare le politiche economiche della Cina. L'Australia - che Trump aveva indicato come un potenziale Paese da esentare - intanto punta a ottenere a sua volta concessioni. Ecco perché le attività di lobby sono appena iniziate.

Altri Servizi

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

California, sale a 25 il bilancio dei morti oltre 250mila persone evacuate

Quasi 7000 le abitazioni distrutte mentre i roghi continuano a minacciare l'area di Malibù

È salito a 25 il bilancio dei morti in California a causa degli incendi che da giorni stanno mettendo in ginocchio il "Golden State". Il tutto mentre le fiamme continuano a minacciare l’area intorno alla capitale dello stato, Sacramento. Come riporta Bbc, ai nove morti degli scori giorni si sono aggiunte altre 14 persone i cui corpi sono stati trovati a Paradise, cittadina nel nord dello Stato, mentre altre due persone sono state trovate senza vita nell’area di Malibù.

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.

Dopo Parigi Trump tornerà in Usa, improbabile che sia a conferenza su Libia

Il premier Conte, a fine luglio, aveva incassato dal presidente Usa il ricnoscimento della leadership dell'Italia nella stabilizzazione della nazione africana
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sabato e domenica prossimi sarà a Parigi per partecipare alle celebrazioni del centesimo anniversario dell'armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale. Già domenica il leader Usa rientrerà negli Stati Uniti, proprio alla vigilia della conferenza internazionale sulla Libia di Palermo, a cui dunque non dovrebbe partecipare.