Dazi Trump: al via attività di lobby per evitarli

Incontro sabato a Bruxelles tra Ue, Usa e Giappone. L'Australia tratta. Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia i più a rischio
AP

E adesso inziano le intense attività di lobby. In vista dell'introduzione, dal 23 marzo, di dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio in arrivo negli Stati Uniti da "tutti i Paesi fatta eccezione per il Messico e il Canada", i governi stranieri si preparano a fare nuovamente pressione. L'obiettivo è uno solo: essere esentati dalla misura controversa voluta da Donald Trump. In prima fila potrebbero esserci Brasile, Cina, Corea del Sud, Giappone, Germania e Turchia, i cui ordini potrebbero subire il colpo più duro visto che la prima economia al mondo importa da loro l'acciaio di cui necessita.

Mentre vuole sostenere i volumi produttivi delle aziende metallurgiche americane 'nascondendosi' dietro la foglia di fico della sicurezza nazionale, la Casa Bianca di Trump tira dritto con la sua linea improntata al protezionismo e che ha portato alle dimissioni del consigliere economico pro business Gary Cohn (definito ieri dal presidente "un globalista" ma "a suo modo" un "nazionalista, perché ama il suo Paese").

Tenendo fede alle promesse fatte in campagna elettorale, il presidente americano vuole mettere in pratica il suo motto "America First" usando le tariffe controverse come una leva per ottenere qualcosa in cambio di esenzioni che potrebbero essere concesse a quelli che sono considerati "davvero nostri amici". Nel caso dell'Unione europea, che sperava in una esenzione dei suoi 28 Paesi membri, Trump potrebbe essere disposto a rimuovere o ritoccare i dazi se, per esempio, otterrà una riduzione delle tariffe sulle auto Made in Usa che finiscono in Europa.

L'approccio dell'inquilino della Casa Bianca poteva essere peggiore e più restrittivo. La sua intenzione originaria, infatti, era quella di imporre quei dazi su tutti senza alcuna eccezione. Il pressing esercitato nei sette giorni trascorsi tra l'annuncio delle tariffe e la loro ufficializzazione ha, almeno in parte, funzionato. Nelle due proclamazioni firmate ieri da Trump viene spiegato che "qualsiasi Paese con cui abbiamo una relazione per la sicurezza è benvenuto a discutere con gli Usa modalità alternative per affrontare" il caso. In pratica una nazione dovrà dimostrare che la vendita di alluminio e acciaio in Usa "non pone" rischi alla sicurezza nazionale americana. Nel caso in cui "alternative soddisfacenti" vengano trovate, allora Trump potrà "rimuovere o modificare" i dazi.

Nonostante questa flessibilità, Trump ha ignorato le critiche arrivate non solo dagli alleati come la Ue - che ha ventilato ritorsioni su prodotti americani come le motociclette Harley-Davidson, i jeans Levi's e il burro di arachidi - ma anche da business leader e legislatori. Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, ieri è tornato alla carica dicendo di "temere le conseguenze indesiderate" delle tariffe. Lui - così come i 107 deputati che hanno firmato una lettera inviata al presidente - vuole che Trump si "focalizzi solo su quei Paesi e su quelle pratiche che violano le leggi commerciali".

Il Fondo monetario internazionale, attraverso il suo direttore generale, ha detto che "le guerre commerciali non si vincono". Il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha giudicato le mosse unilaterali "pericolose"; nella conferenza stampa post riunione dell'istituto centrale, Draghi ha dichiarato: "Se si impongono dazi sui propri alleati, ci si domanda chi siano i nemici".

Mentre nel partito dello stesso Trump, quello repubblicano, monta la frustrazione, il Canada e il Messico tirano sì un sospiro di sollievo ma hanno fatto capire di non volere alterare la loro strategia nell'ambito dei negoziati per riscrivere il North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio siglato nel 1994. Nelle proclamazioni, del Nafta non si fa cenno esplicito. I documenti spiegano i "casi speciali" dei due Paesi confinanti con gli Usa dicendo che "almeno per ora" per loro le tariffe non valgono. E' stato il presidente Usa a indicare durante la cerimonia alla Casa Bianca che i dazi scatteranno "se non raggiungiamo un accordo sul Nafta e mettiamo fine al Nafta perché loro non sono in grado di raggiungere un accordo equo". Per Chrystia Freeland, ministra canadese degli Esteri, l'esenzione rappresenta comunque "un passo avanti". Ricordando che il Messico ha imposto dazi sui prodotti in acciaio in arrivo da Paesi che producono più acciaio di quanto necessitino, il ministro messicano dell'economia Ildefonso Guajardo ha spiegato che "è possibile affrontare questo problema e rispettare gli impegni internazionali nell'ambito del framework dell'Organizzazione mondiale del commercio".

Quanto alla Ue, la commissaria per il commercio Cecilia Malmstrom su Twitter ha chiesto "più chiarezza sulla questione" anche perché la Ue, in quanto "stretta alleata degli Usa", dovrebbe essere esclusa dai dazi. Malmstrom sabato a Bruxelles incontrerà il rappresentante commerciale degli Usa, Robert Lighthizer e l'equivalente giapponese. Si discuterà dei nuovi dazi e di come l'alleanza a tre può contrastatare le politiche economiche della Cina. L'Australia - che Trump aveva indicato come un potenziale Paese da esentare - intanto punta a ottenere a sua volta concessioni. Ecco perché le attività di lobby sono appena iniziate.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.