De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Durante l’intervista Colbert ha chiesto a De Niro del suo recente ruolo nel film di Martin Scorsese "The Irishman" che uscirà in autunno e nel quale interpreta il sicario Frank Sheeran, detto l'irlandese, che lavora come killer per la famiglia Bufalino. "Alla gente piace il genere fuorilegge, peccato che ora abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca", ha dichiarato l’attore che ha poi aggiunto: "Anche i gangster hanno una morale e hanno un'etica. Hanno un codice e sai che quando dai a qualcuno la tua parola è la tua parola, perché tutto ciò che hai è la tua parola. Questo tipo non sa nemmeno cosa significhi".

Colbert ha poi chiesto all’attore americano perché non desse al presidente una chance ma la risposta è stata tutt’altro che accomodante: "È quello che mi sono detto quando è stato eletto, 'diamogli una possibilità', ma quest’uomo ha dimostrato di essere un perdente totale". Colbert ha chiesto a De Niro perché continui a interpretare Mueller al Saturday Night Live e lui ha ripetuto quel che aveva già detto altre volte, ovvero che lo considera un "dovere civico".

Non è la prima volta che De Niro critica così duramente il tycoon. Qualche mese fa lo ha definito un "fascista suprematista bianco", un anno fa lo aveva invece bandito dai suoi ristoranti. Il presidente non ha ancora replicato ma già in passato non sono mancate le frecciate al veleno anche da parte sua nei confronti di De Niro definito in più occasioni "un individuo con un quoziente intellettivo molto basso".

 

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap